Shilpa Ray

Salumeria della Musica, Milano - 20/10/2015

Tra le noiose novità che negli ultimi anni affollano il rock, accade (sporadicamente, ma grazie al Cielo accade) che ogni tanto spicchi qualcosa di interessante. Shilpa Ray è quel "qualcosa".
Shilpa-Ray-6_670

Il suo nome inizia a circolare quando Nick Cave, per lei, ci mette letteralmente la faccia e ne fa la sua pupilla. Prima se la porta in tour a fare da opening act, poi la descrive come “One of the most phenomenal things I’ve seen in a long time“, una delle cose più fenomenali che abbia visto da tanto tempo a questa parte. E ha ragione. Il suo Last Year’s Savage è un disco interessante, fresco, ma anche oscuro, profondo e sbarazzino allo stesso tempo. Ora in tour per promuoverlo, Shilpa sbarca alla Salumeria della Musica di Milano dove trova un pubblico adulto e attento. Il signore seduto davanti a me arriva da Torino e il biglietto gli è stato acquistato dalla moglie. Sono chicche che ben si incasellano in una serata di qualità.

Con scarpe bicolore e maglione con i cuoricini, la musicista newyorkese solca la scena con sicurezza e tanta concentrazione.
Sul palco insieme a lei ci sono un batterista e un ragazzo altissimo e magrissimo che si alterna tra chitarra, basso e pedal steel, mentre Shilpa (esclusi un paio di brani per i quali si sposta alle tastiere) suona l’harmonium, una specie di fisarmonica orizzontale. Io sono stanca per lei, già a metà di Burning Bride, il pezzo d’apertura. Essere musicisti è molto faticoso. In compenso mi sale la certezza che questa ragazza minuta, con tutto quell’allenamento quotidiano, non ha nessuna difficoltà ad aprire qualsiasi tipo di barattolo. Nemmeno quello del sale grosso.

Shilpa ha una voce potente e perfetta, piena e controllata. Starla ad ascoltare è un vero piacere. Anche quando, subito dopo, urla in Moksha.
Shilpa aspetta metà set prima di aprire gli occhi e lo fa su Pop Song For Euthanasia, proprio mentre canta “Would you hold my hand when I tell you that it’s all over?” e il livello emozionale diventa molto alto.

Seduti ai tavolini, riusciamo a goderci le ritmate Johnny Thunders Fantasy Space Camp e Colonel Mustard In The Billiards Room With Sheets Of Acid anche senza ballare. Basta tenere il tempo battendo il piede perché i tre sul palco sono talmente concentrati che hai quasi paura a muoverti. E poi giù per brani più suadenti come Sanitary iPad, O My Northern Soul, Mother Is A Misanthrope. Chiusura della prima parte affidata a Hymn.

Il trio torna sul palco pochi secondi più tardi e Shilpa finalmente ci rivolge la parola: “Non so perché andiamo dietro le quinte dato che rientriamo subito, ma si fa così“. Ultimi due brani in scaletta: Nocturnal Emissions e Lessons From Lorena. Poi l’applauso. Lunghissimo, insistente. Anche se la musica di sottofondo è già partita. Noi applaudiamo. Vedi, Shilpa? In realtà dovrebbe servire a questo: il bis dovrebbe essere richiesto, non programmato. Poi sbuca da una porticina, ma non va sul palco, va al banchetto del merchandising. E, anche se non ci regala un’altra ora di concerto, rimane una serata bellissima.

Commenti

Altri contenuti
GimmeDanger_Trailer

Iggy Pop & The Stooges

Punk prima di te

A febbraio la storia degli Stooges è arrivata sul grande schermo anche in Italia e la “visione”...
622506603

Libere

La recensione del film

La Resistenza raccontata da Rossella Schillaci in Libere, documentario in uscita il 20 aprile nelle sale italiane,...
festival gusto della memoria 2017  dia133

Festival Cinema Vintage

Al via il bando 2017

FESTIVAL CINEMA VINTAGE “IL GUSTO DELLA MEMORIA” V edizione Roma – 28, 29 e 30 settembre 2017 Patrocinato dall’UNESCO AL VIA...
basquiat1

Basquiat: The Radiant Child

Jean-Michel Basquiat in mostra al Chiostro del Bramante

«Papa, I’m going to be famous»: c’è un certo grado di consapevolezza nelle parole di Jean-Michel Basquiat,...
tartaruga-rossa-Michael-Dudok-de-Wit

Michaël Dudok de Wit

Intervista al regista premio Oscar

L’olandese Michaël Dudok de Wit, già premio Oscar per il corto animato Father and Daughter (2000), è...
The Can Project in the Barbican Hall on Saturday 8 April 2017.
Photo by Mark Allan

The Can Project

Barbican Centre, Londra - 08/04/2017

Il Barbican Centre di Londra ospita una lunga serata per celebrare i 50 anni di attività dei...
locandina

Rolling Stones Olé, Olé, Olé!

La recensione del film

Un altro film concerto dei Rolling Stones? Basterebbe il solo annuncio dell’ennesima uscita in una filmografia che...
homepage_large.77a617e0

Arca

La recensione del disco

I precedenti dischi di Arca, Xen e Mutant, esponevano il talento di un produttore visionario, che all’influenza...
krull

La casa dei Krull

Simenon senza Maigret

La casa dei Krull è l’estrema periferia del paese, vicino il capolinea del tram e davanti a...
big-little-lies

Big Little Lies

I segreti degli altri

Già conclusa negli Stati Uniti, nel vivo in Italia. "Big Little Lies" è la serie del momento,...
PP-manifesto1

Giovanni Mazzarino

Intervista al noto compositore jazz

Mago Merlino è il primo a entrare in scena. Il set è quello di Piani Paralleli, il...
Senni

Lorenzo Senni

Oslo Hackney, Londra - 29/03/2017

Resoconto del set londinese tenuto dal musicista elettronico italiano ormai di casa Warp. Clean trance ed euforia...
sottodiciotto2017_immagine-guida

Sottodiciotto Film Festival

Tutti gli appuntamenti della 18° edizione

  SOTTODICIOTTO FILM FESTIVAL & CAMPUS 31 marzo – 7 aprile 2017 Torino, vari luoghi  Le proiezioni...
misty1440

Father John Misty

Rio Cinema, Londra - 24/03/2017

Sul Mucchio di aprile troverete la nostra intervista a Father John Misty. L’abbiamo visto a Londra, dove...
locandina

Elle

La recensione del film

Schermo nero e il suono della rottura di un vetro, poi gli occhi di un gatto che...