Shilpa Ray

Salumeria della Musica, Milano - 20/10/2015

Tra le noiose novità che negli ultimi anni affollano il rock, accade (sporadicamente, ma grazie al Cielo accade) che ogni tanto spicchi qualcosa di interessante. Shilpa Ray è quel "qualcosa".
Shilpa-Ray-6_670

Il suo nome inizia a circolare quando Nick Cave, per lei, ci mette letteralmente la faccia e ne fa la sua pupilla. Prima se la porta in tour a fare da opening act, poi la descrive come “One of the most phenomenal things I’ve seen in a long time“, una delle cose più fenomenali che abbia visto da tanto tempo a questa parte. E ha ragione. Il suo Last Year’s Savage è un disco interessante, fresco, ma anche oscuro, profondo e sbarazzino allo stesso tempo. Ora in tour per promuoverlo, Shilpa sbarca alla Salumeria della Musica di Milano dove trova un pubblico adulto e attento. Il signore seduto davanti a me arriva da Torino e il biglietto gli è stato acquistato dalla moglie. Sono chicche che ben si incasellano in una serata di qualità.

Con scarpe bicolore e maglione con i cuoricini, la musicista newyorkese solca la scena con sicurezza e tanta concentrazione.
Sul palco insieme a lei ci sono un batterista e un ragazzo altissimo e magrissimo che si alterna tra chitarra, basso e pedal steel, mentre Shilpa (esclusi un paio di brani per i quali si sposta alle tastiere) suona l’harmonium, una specie di fisarmonica orizzontale. Io sono stanca per lei, già a metà di Burning Bride, il pezzo d’apertura. Essere musicisti è molto faticoso. In compenso mi sale la certezza che questa ragazza minuta, con tutto quell’allenamento quotidiano, non ha nessuna difficoltà ad aprire qualsiasi tipo di barattolo. Nemmeno quello del sale grosso.

Shilpa ha una voce potente e perfetta, piena e controllata. Starla ad ascoltare è un vero piacere. Anche quando, subito dopo, urla in Moksha.
Shilpa aspetta metà set prima di aprire gli occhi e lo fa su Pop Song For Euthanasia, proprio mentre canta “Would you hold my hand when I tell you that it’s all over?” e il livello emozionale diventa molto alto.

Seduti ai tavolini, riusciamo a goderci le ritmate Johnny Thunders Fantasy Space Camp e Colonel Mustard In The Billiards Room With Sheets Of Acid anche senza ballare. Basta tenere il tempo battendo il piede perché i tre sul palco sono talmente concentrati che hai quasi paura a muoverti. E poi giù per brani più suadenti come Sanitary iPad, O My Northern Soul, Mother Is A Misanthrope. Chiusura della prima parte affidata a Hymn.

Il trio torna sul palco pochi secondi più tardi e Shilpa finalmente ci rivolge la parola: “Non so perché andiamo dietro le quinte dato che rientriamo subito, ma si fa così“. Ultimi due brani in scaletta: Nocturnal Emissions e Lessons From Lorena. Poi l’applauso. Lunghissimo, insistente. Anche se la musica di sottofondo è già partita. Noi applaudiamo. Vedi, Shilpa? In realtà dovrebbe servire a questo: il bis dovrebbe essere richiesto, non programmato. Poi sbuca da una porticina, ma non va sul palco, va al banchetto del merchandising. E, anche se non ci regala un’altra ora di concerto, rimane una serata bellissima.

Commenti

Altri contenuti
BOB DYLAN
L'idiozia del vento (a proposito del Nobel)

Bob Dylan

L'idiozia del vento (a proposito del Nobel)

Approssimarsi a Bob Dylan è un’impresa destinata al fallimento. Dylan costringe al difficile esercizio della lontananza, dal...
WESTWORLD
Non cancellare il tuo ricordo

Westworld

Non cancellare il tuo ricordo

Sono le nostre percezioni a renderci umani. O forse no? "Westworld" e "Black Mirror" provano a rispondere.
jaar

Nicolas Jaar

Frutto di un’elaborazione sofferta, e perciò non facile all’ascolto, il secondo album “ufficiale” del 26enne produttore newyorkese,...
romare

Romare

La scorsa estate ho trascorso qualche giorno a Parigi in compagnia di un’amica, abbiamo visitato il Centro...
fiori

Alessandro Fiori

“Ma il sole rimane dietro”, recita lo spettrale semi-ritornello di Aaron, brano introdotto dalle dichiarazioni dell’attivista informatico...
soft hair

Soft Hair

La collaborazione tra Sam Dust e Connan Mockasin ha origini lontane, quando nel 2010 l’ex cantante dei...
locandina

Il cittadino illustre

La recensione del film

L’arte deve scuotere gli animi, nel bene o nel male. La letteratura e il cinema, in questo...
HDADD
Il nuovo album "Sense Of Wonder", l'etichetta Queenspectra, le collaborazioni: Marco Acquaviva si racconta

HDADD

La rinascita dello spirito

Per gli ascoltatori più attenti HDADD è una delle realtà più visionarie e al contempo concrete dell'elettronica italiana:...
new gen

AA. VV.

Caroline Simionescu-Marin, la ventunenne editrice della webzine inglese grmdaily.com, ha impiegato ben nove mesi per assemblare i cocci...
foto di Francesca Sara Cauli

Preoccupations

Locomotiv Club, Bologna, 27/11/2016

È il Locomotiv Club di Bologna a ospitare la terza e ultima data italiana dei Preoccupations, dopo...
free-fire-ben-wheatley-poster-2

Free Fire

34° Torino Film Festival

Da un certo punto in poi, in Free Fire – il nuovo film di Ben Wheatley che...
Lou-Castel-set-A-pugni-chiusi-2827

I pugni chiusi di Lou Castel

Intervista all’attore, protagonista del documentario di Pierpaolo De Sanctis - 34° Torino Film Festival

Attore icona di una generazione isterica e disperata per Bellocchio. Attivista maoista dentro e fuori dall’industria cinematografica....
551491794

Sono Guido e non Guido

Alla scoperta di Guido Catalano. E di Armando - 34° Torino Film Festival

Un poeta ai tempi di Facebook e YouTube. Una figura ibrida tra cabarettista e poeta. Un performer...
1280x720-J60

Nessuno ci può giudicare

I musicarelli secondo Steve Della Casa - 34° Torino Film Festival

Ha impiegato 10 anni per poter realizzare il film: Steve Della Casa, critico cinematografico e storico del...