Slowdive

Berlino, 3 ottobre 2017

Il report dell'ultimo concerto a Berlino.
slowdive

Arrivando davanti all’Huxley Neu Welt, la sensazione è quella di trovarsi in prossimità di una zona di centri commerciali; il Bauhaus (corrispettivo del Brico Center italiano) sullo sfondo, un grosso parcheggio davanti, un supermercato e un Biomarkt al fianco. L’Huxley è un locale storico in una zona di Berlino in totale espansione, Neukölln.
Gli Slowdive tornano in tour con un nuovo disco dopo ventidue anni, facendo tappa, oltre che in Germania, anche in Danimarca, dove confermano tutto esaurito, Polonia, Olanda, Belgio. Chiudono giocando in casa con quattro date inglesi, ultimo concerto al mitico Roundhouse di Londra. Anche a Berlino c’è sold-out e, mentre la gente scivola nella bocca dell’Huxley, sorpassando i tornelli di controllo, si respira un’aria elettrica.
Gli Slowdive non sono i giovanotti di una volta. Sono vitange, è vero, sono retrò, volendo, ma non sono vecchi, nonostante l’età anagrafica dei componenti della band non sia nel fiore degli anni. A dimostrarlo, in qualche modo, è anche l’età media del pubblico accorso che, comunque, non fatica a far sentire il suo calore, pur sempre con la compostezza tipica della gente di Germania nell’approcciarsi ai concerti.
Spazio quindi allo shoegaze e anche al dream pop che ha contraddistinto parte della quasi immediata svolta artistica degli Slowdive. C’è anche del compromesso discografico e questo occorre sottolinearlo, ma forse va bene così. Te lo dicono già alla terza canzone in scaletta, una Crazy For You sparata a tutta forza, accentata (e accelerata) sul lato noise, piuttosto che su quello melanconico. E le teste nel buio sotto il palco dondolano rivolte verso le punte delle scarpe, gli occhi si chiudono, le labbra recitano quel mantra stupendo che è “crazy for lonvin’ you”.
E così scorre tutto in una vertigine, un tornado di delay, riverberi e feedback che prendono il nome di Star Roving, Souvlaki Space Station, l’antica Avalyn, la zuccherata When The Sun Hitz. Loro stanno bene sul palco e la scaletta parla abbastanza chiaro: l’intenzione è quella di tornare lì dove si sono fermati e fondere, ancora un volta, sonorità più impalpabili con bolidi rockeggianti. È un’ora e mezza di ritorno ad un passato che probabilmente non tornerà più. Il sognante pop bagnato di shoegaze si chiude quando i presenti vengono cinti da Alison. E se la prendono tutta, quella carezza, e ci si fanno schermo, perché la vita è questa cosa qui: basta un attimo inatteso per avere ciò che si aspettava da molto. Da ventidue anni, esattamente.

Commenti

Altri contenuti
LoveIsAllMovie-fb

Love is all: Piergiorgio Welby

Intervista agli autori del documentario

Non è vero che la sofferenza porta alla salvezza. Lo testimonia l’esistenza dinamica, ironica, curiosa, persino psichedelica...
locandina

La ruota delle meraviglie

La recensione del film

“Ho qualche guaio tra fantasia e realtà”: lo diceva Alvy/Allen in Io e Annie. Era il 1977...
barnes

Prima di me

La recensione del libro

“La prima volta che Graham Hendrick sorprese la moglie con un altro, non ne fece una malattia....
2127142_14011444

Pino Donaggio

Intervista al compositore, vincitore del Gran Premio Torino

Dopo l'intervista a Cliff Martinez, continuiamo a esplorare il mondo della musica da film intervistando il compositore...
CONTEST SACRED BONES
- Regala un abbonamento al Mucchio Selvaggio e ricevu due cd in omaggio

Contest Sacred Bones

Regala un abbonamento al Mucchio Selvaggio e ricevi due cd

L'etichetta, sinonimo di “oscurità”, sperimentazione e grafica impeccabile è nata dieci anni fa nel sotterraneo del negozio...
p9-fazio-martinez-a-20170112

Cliff Martinez

Dal rock ai synth: intervista al compositore statunitense

Nel 1989 ha iniziato la sua longeva collaborazione con Steven Soderbergh lavorando a Sesso, bugie e videotape,...
Grace-810x400

Sophie Fiennes

Incontro con la regista di "Grace Jones: Bloodlight and Bami"

La costruzione dell’icona, la narrazione spettacolare di un corpo e di una voce e il suo retroterra...
locandina

My Life Story

35° Torino Film Festival

Più che un film, My Life Story è una testimonianza di cosa sia un entertainer, di cosa...
piscine

Enrico Gabrielli

La recensione del libro

La stessa fantasia superiore palesata nell’arrangiamento e/o nell’esecuzione di “circa 200 dischi in 14 anni di attività”,...
CRISTIANO GODANO - Italrock anni 90

Cristiano Godano

A tutti mancano gli anni 90. Tutti li citano. Li omaggiano. In Italia la scena rock di...
four

Four Tet

La recensione del disco

Ah, quanto sarebbe bello se New Energy uscisse come semplice white label: niente nome dell’autore, e stop....
maus

John Maus

La recensione del disco

Quando Maus comunicò, al termine della dissertazione per il dottorato in filosofia politica, che la carriera di...
mariam

Mariam The Believer

La recensione del disco

“This could be the end of all the ends”, la prima spiazzante frase di Opening, traccia d’apertura...
colapesce

Colapesce

La recensione del disco

Ricordo bene il momento in cui uscì il primo disco: Un meraviglioso declino. Era fine gennaio, cinque...