Slowdive

Berlino, 3 ottobre 2017

Il report dell'ultimo concerto a Berlino.
slowdive

Arrivando davanti all’Huxley Neu Welt, la sensazione è quella di trovarsi in prossimità di una zona di centri commerciali; il Bauhaus (corrispettivo del Brico Center italiano) sullo sfondo, un grosso parcheggio davanti, un supermercato e un Biomarkt al fianco. L’Huxley è un locale storico in una zona di Berlino in totale espansione, Neukölln.
Gli Slowdive tornano in tour con un nuovo disco dopo ventidue anni, facendo tappa, oltre che in Germania, anche in Danimarca, dove confermano tutto esaurito, Polonia, Olanda, Belgio. Chiudono giocando in casa con quattro date inglesi, ultimo concerto al mitico Roundhouse di Londra. Anche a Berlino c’è sold-out e, mentre la gente scivola nella bocca dell’Huxley, sorpassando i tornelli di controllo, si respira un’aria elettrica.
Gli Slowdive non sono i giovanotti di una volta. Sono vitange, è vero, sono retrò, volendo, ma non sono vecchi, nonostante l’età anagrafica dei componenti della band non sia nel fiore degli anni. A dimostrarlo, in qualche modo, è anche l’età media del pubblico accorso che, comunque, non fatica a far sentire il suo calore, pur sempre con la compostezza tipica della gente di Germania nell’approcciarsi ai concerti.
Spazio quindi allo shoegaze e anche al dream pop che ha contraddistinto parte della quasi immediata svolta artistica degli Slowdive. C’è anche del compromesso discografico e questo occorre sottolinearlo, ma forse va bene così. Te lo dicono già alla terza canzone in scaletta, una Crazy For You sparata a tutta forza, accentata (e accelerata) sul lato noise, piuttosto che su quello melanconico. E le teste nel buio sotto il palco dondolano rivolte verso le punte delle scarpe, gli occhi si chiudono, le labbra recitano quel mantra stupendo che è “crazy for lonvin’ you”.
E così scorre tutto in una vertigine, un tornado di delay, riverberi e feedback che prendono il nome di Star Roving, Souvlaki Space Station, l’antica Avalyn, la zuccherata When The Sun Hitz. Loro stanno bene sul palco e la scaletta parla abbastanza chiaro: l’intenzione è quella di tornare lì dove si sono fermati e fondere, ancora un volta, sonorità più impalpabili con bolidi rockeggianti. È un’ora e mezza di ritorno ad un passato che probabilmente non tornerà più. Il sognante pop bagnato di shoegaze si chiude quando i presenti vengono cinti da Alison. E se la prendono tutta, quella carezza, e ci si fanno schermo, perché la vita è questa cosa qui: basta un attimo inatteso per avere ciò che si aspettava da molto. Da ventidue anni, esattamente.

Commenti

Altri contenuti
locandina

La battaglia dei sessi

La recensione del film

È interessante il modo sottile, quasi “subdolo”, con cui La battaglia dei sessi racconta un personaggio per...
locandina

L’intrusa

La recensione del film

“Succede che per salvare qualcuno devi escludere altri.” E’ partito da qui Leonardo Di Costanzo, da un...
locandina

Blade Runner 2049

La recensione del film

“Hai mai visto un miracolo?” chiede Dave Bautista a Ryan Gosling all’inizio di Blade Runner 2049. La...
the_tower_motorpsycho-1024x1024

Motorpsycho

Fatecelo dire. Con una media da quasi un’uscita all’anno, quella di un altro album dei Motorpsycho in...
PROG ROCK ITALIANO - La serie in vinile di De Agostini Publishing

Prog Rock Italiano

La stagione d’oro del nostro progressive in vinile

Arriva Prog Rock Italiano, la nuova collana di De Agostini Publishing: sessanta album in vinile per rivivere...
DREAM SYNDICATE - Ad ottobre in Italia

The Dream Syndicate

La deformazione dello spazio-tempo

La stagione d'oro del Paisley Underground, quattro dischi, lo scioglimento e poi l'indefessa carriera tra album da...
La doppia vita di NICO

La doppia vita di Nico

Cinquant'anni da Chelsea Girl

Nell’ottobre 1967 usciva Chelsea Girl, primo album da solista della chanteuse dei Velvet Underground: femme fatale che...
SequoyahTiger5_byVampaClub

Sequoyah Tiger

Sulla rampa di lancio

Geometria e sinestesia, synthpop e psichedelia, movimento e ripetizione, comunicazione ed esplorazione. Tutto questo, e molto di...
jerusalem-in-my-heart

Jerusalem In My Heart

Cannibalismo culturale

Il progetto sull'asse Libano/Canada di Radwan Ghazi Moumneh e condiviso con il filmmaker Charles-André Coderre torna in...
geye

Dentro l’inverno

La recensione del libro

Peter Geye forse non avrà mai letto i Sei personaggi in cerca d’autore di Luigi Pirandello. Eppure...
twinpeaks2

Twin Peaks

Episodi 3x17-18

Lynch e Frost dicono che è il passato che determina il futuro, così il doppio episodio finale...
Ascolta in streaming ATLAS /INSTRUMENTAL di PIeralberto Valli

Pieralberto Valli

Atlas / Instrumental

La versione strumentale del debutto discografico di Pieralberto Valli, "Atlas", da ascoltare in streaming.
210618363-89a705a2-7685-4ef2-84a3-57e9e4909cba

Venezia 74

Tutti i vincitori dell'edizione 2017

Si spengono i riflettori sulla 74ma edizione della Mostra Internazionale del Cinema di Venezia con il Leone...
Outrage-0-Coda-620x329

Outrage Coda

Venezia Day 11

Con Outrage Coda Takeshi Kitano conclude la trilogia iniziata nel 2010 con Outrage e proseguita nel 2012 con Outrage Beyond, campione d’incassi,...
HANNAH-Charlotte-Rampling-2017-1

Hannah

Venezia Day 10

Lunga vita a chi cerca nuove strade e toni originali per raccontare le storie al cinema, purchè...
lou_luttiau_shain_boumedine_ophelie_bau

Mektoub, My Love: Canto uno

Venezia Day 9

Ci sono infiniti modi di essere curiosi della vita e di volerla esplorare cinematograficamente. Osservare i personaggi...