Stu Larsen

Copenaghen, 20 settembre 2017

A giorni in Italia per due date, ci siamo spinti in Danimarca per la sua data di Copenaghen
jckbdfmdhjdepnjk

Australiano vagabondo, perennemente in giro alla ricerca di un palco sul quale esibirsi, Stu Larsen ha trovato nel movimento la salvezza dal grigiore del quotidiano e la chiave della propria creatività. Anni fa ha mollato tutto e si è messo in cammino, sostenuto da una fiamma musicale che non accenna a spegnersi e che ancora non gli permette di fermarsi in un solo luogo. Per capirlo basta scorrere le sue liriche, dove capita di viaggiare nel giro di un paio di versi dall’Africa al Sud America, da Cuba alla California. Anche la vecchia Europa occupa un posto particolare nel cuore di Larsen, che, come si intuisce dal nome, ha origini danesi e proprio dalla Danimarca inizia un lunghissimo tour continentale per promuovere il nuovo album Resolute (Nettwerk, 2017) che lo porterà anche in Italia per due date: 21 ottobre a Bologna (Locomotiv), 22 ottobre a Milano (Serraglio).

Sul palco del Vega al cantautore del Queensland bastano un paio di pezzi per conquistare il pubblico. La sua è una musica fatta di elementi poveri, assemblati con una passione e una coerenza esemplari: una chitarra acustica, un’armonica e una voce calda e coinvolgente si amalgamano in brani che hanno nel canzoniere di Damien Rice il riferimento più diretto. Chicago Song, Thirteen Sad Farewells, I Will Be Happy And Hopefully You Will Be Too, Aeroplanes sono ballate cariche di storie raccolte in ogni angolo di strada, interpretate con la semplicità e la forza di chi crede fermamente nella propria musica. Le canzoni di Resolute vengono spogliate degli arrangiamenti che, per quanto discreti, le hanno inutilmente appesantite nelle versioni in studio. Solo sul paco con la sua chitarra, Larsen mostra lo scheletro di brani a cui non servono edulcoranti e trafigge il cuore dei presenti, soprattutto nel crescendo finale, quando arrivano una cover di Jolene di Ray LaMontagne che non ha nulla da invidiare all’originale, l’emozionante King Street, dal piglio più ombroso e intimista, o la più lunga e complessa By The River, che diventa presto un mantra dal sapore west coast, per non parlare del commovente duetto con il giovane songwriter Jed Appleton (che ha aperto la serata con un set più che convincente) sulle note di The Mile, sussurrato ritratto di una vita lontana dall’ordinario, percorsa sui binari di una duplice passione, per la musica e per il viaggio.

Commenti

Altri contenuti
locandina

La battaglia dei sessi

La recensione del film

È interessante il modo sottile, quasi “subdolo”, con cui La battaglia dei sessi racconta un personaggio per...
locandina

L’intrusa

La recensione del film

“Succede che per salvare qualcuno devi escludere altri.” E’ partito da qui Leonardo Di Costanzo, da un...
locandina

Blade Runner 2049

La recensione del film

“Hai mai visto un miracolo?” chiede Dave Bautista a Ryan Gosling all’inizio di Blade Runner 2049. La...
the_tower_motorpsycho-1024x1024

Motorpsycho

Fatecelo dire. Con una media da quasi un’uscita all’anno, quella di un altro album dei Motorpsycho in...
PROG ROCK ITALIANO - La serie in vinile di De Agostini Publishing

Prog Rock Italiano

La stagione d’oro del nostro progressive in vinile

Arriva Prog Rock Italiano, la nuova collana di De Agostini Publishing: sessanta album in vinile per rivivere...
DREAM SYNDICATE - Ad ottobre in Italia

The Dream Syndicate

La deformazione dello spazio-tempo

La stagione d'oro del Paisley Underground, quattro dischi, lo scioglimento e poi l'indefessa carriera tra album da...
La doppia vita di NICO

La doppia vita di Nico

Cinquant'anni da Chelsea Girl

Nell’ottobre 1967 usciva Chelsea Girl, primo album da solista della chanteuse dei Velvet Underground: femme fatale che...
SequoyahTiger5_byVampaClub

Sequoyah Tiger

Sulla rampa di lancio

Geometria e sinestesia, synthpop e psichedelia, movimento e ripetizione, comunicazione ed esplorazione. Tutto questo, e molto di...
jerusalem-in-my-heart

Jerusalem In My Heart

Cannibalismo culturale

Il progetto sull'asse Libano/Canada di Radwan Ghazi Moumneh e condiviso con il filmmaker Charles-André Coderre torna in...
geye

Dentro l’inverno

La recensione del libro

Peter Geye forse non avrà mai letto i Sei personaggi in cerca d’autore di Luigi Pirandello. Eppure...
twinpeaks2

Twin Peaks

Episodi 3x17-18

Lynch e Frost dicono che è il passato che determina il futuro, così il doppio episodio finale...
Ascolta in streaming ATLAS /INSTRUMENTAL di PIeralberto Valli

Pieralberto Valli

Atlas / Instrumental

La versione strumentale del debutto discografico di Pieralberto Valli, "Atlas", da ascoltare in streaming.
210618363-89a705a2-7685-4ef2-84a3-57e9e4909cba

Venezia 74

Tutti i vincitori dell'edizione 2017

Si spengono i riflettori sulla 74ma edizione della Mostra Internazionale del Cinema di Venezia con il Leone...
Outrage-0-Coda-620x329

Outrage Coda

Venezia Day 11

Con Outrage Coda Takeshi Kitano conclude la trilogia iniziata nel 2010 con Outrage e proseguita nel 2012 con Outrage Beyond, campione d’incassi,...
HANNAH-Charlotte-Rampling-2017-1

Hannah

Venezia Day 10

Lunga vita a chi cerca nuove strade e toni originali per raccontare le storie al cinema, purchè...
lou_luttiau_shain_boumedine_ophelie_bau

Mektoub, My Love: Canto uno

Venezia Day 9

Ci sono infiniti modi di essere curiosi della vita e di volerla esplorare cinematograficamente. Osservare i personaggi...