Stu Larsen

Copenaghen, 20 settembre 2017

A giorni in Italia per due date, ci siamo spinti in Danimarca per la sua data di Copenaghen
jckbdfmdhjdepnjk

Australiano vagabondo, perennemente in giro alla ricerca di un palco sul quale esibirsi, Stu Larsen ha trovato nel movimento la salvezza dal grigiore del quotidiano e la chiave della propria creatività. Anni fa ha mollato tutto e si è messo in cammino, sostenuto da una fiamma musicale che non accenna a spegnersi e che ancora non gli permette di fermarsi in un solo luogo. Per capirlo basta scorrere le sue liriche, dove capita di viaggiare nel giro di un paio di versi dall’Africa al Sud America, da Cuba alla California. Anche la vecchia Europa occupa un posto particolare nel cuore di Larsen, che, come si intuisce dal nome, ha origini danesi e proprio dalla Danimarca inizia un lunghissimo tour continentale per promuovere il nuovo album Resolute (Nettwerk, 2017) che lo porterà anche in Italia per due date: 21 ottobre a Bologna (Locomotiv), 22 ottobre a Milano (Serraglio).

Sul palco del Vega al cantautore del Queensland bastano un paio di pezzi per conquistare il pubblico. La sua è una musica fatta di elementi poveri, assemblati con una passione e una coerenza esemplari: una chitarra acustica, un’armonica e una voce calda e coinvolgente si amalgamano in brani che hanno nel canzoniere di Damien Rice il riferimento più diretto. Chicago Song, Thirteen Sad Farewells, I Will Be Happy And Hopefully You Will Be Too, Aeroplanes sono ballate cariche di storie raccolte in ogni angolo di strada, interpretate con la semplicità e la forza di chi crede fermamente nella propria musica. Le canzoni di Resolute vengono spogliate degli arrangiamenti che, per quanto discreti, le hanno inutilmente appesantite nelle versioni in studio. Solo sul paco con la sua chitarra, Larsen mostra lo scheletro di brani a cui non servono edulcoranti e trafigge il cuore dei presenti, soprattutto nel crescendo finale, quando arrivano una cover di Jolene di Ray LaMontagne che non ha nulla da invidiare all’originale, l’emozionante King Street, dal piglio più ombroso e intimista, o la più lunga e complessa By The River, che diventa presto un mantra dal sapore west coast, per non parlare del commovente duetto con il giovane songwriter Jed Appleton (che ha aperto la serata con un set più che convincente) sulle note di The Mile, sussurrato ritratto di una vita lontana dall’ordinario, percorsa sui binari di una duplice passione, per la musica e per il viaggio.

Commenti

Altri contenuti
FJM_GodsFavoriteCustomerCover

Father John Misty

Con il quarto album a nome Father John Misty torna Josh Tillmann, l’autore di canzoni californiano già...
R-11909640-1524565190-8346_1525264924

Iceage

Diciamo pure che avevo bisogno di un disco del genere, in sintonia con il cattivo umore che...
Beach-House-7-LP

Beach House

La recensione del disco

La magia nei dischi dei Beach House non è mai venuta meno. È questo il miracolo attuato...
0602567364351_0_0_0_75

Sons Of Kemet

La recensione del disco

Gli egizi chiamavano il loro paese Kemet, cioè “terra nera”, traendo spunto dal limo scurissimo rilasciato dalle...
doc160.ryleywalker.deafman.fc_.1600-1519762445-640x640

Ryley Walker

La recensione del disco

Confesso di non riuscire a definire con precisione la musica di Ryley Walker. Lo trovo, l’americano, sprecato...
Bruno Belissimo_intervista

Bruno Belissimo

Il party del musicista italo-canadese entra nel vivo con il secondo album “Ghetto Falsetto”, all’insegna della disco...
The Breeders_intervista

The Breeders

Icona indie rock, assente di lusso nel nuovo corso discografico dei Pixies, Kim Deal ritorna alla sua...
Greil Marcus racconta Lester Bangs

Lester Bangs

Greil Marcus ricorda l'amico e collega

35 anni fa moriva Lester Bangs. Ce lo racconta il critico rock Greil Marcus, suo amico e...
Hanselmann-Simon-foto

Simon Hanselmann

Nonostante tutto

Special K, la sua ultima raccolta a fumetti edita per Coconino, è finita dritta al primo posto...
1781

The Rain

Stagione 1, su Netflix, 8 episodi

L’apocalisse è uguale per tutti. The Rain, prima serie danese prodotta da Netflix, si comporta come tanti...
2aea98c2-9e8f-4462-8f2c-c4fbcd961704

Sicilia Queer Filmfest 2018

31 maggio - 6 giugno 2018

SICILIA QUEER 2018 Palermo, Cantieri Culturali alla Zisa / Cinema Rouge et Noir 31 maggio – 6...
1fulmini

Il libro dei fulmini

La recensione del libro

Il libro dei Fulmini ha il suono dello sciabordio del tempo, il lento rincasare del presente nel...
31170285_383905158779450_5862019829438873600_n

Knife + Heart

Cannes 2018

Di materiale per divertirsi nel nuovo film di Yann Gonzalez ce ne sarebbe parecchio: un assassino mascherato...
30420767-160224807978263-4557987999146023396-o_187a

Dogman

Cannes 2018

In una storia che trasuderebbe vendetta, violenza, disagio mentale, atrocità fisiche degne del migliore (o peggiore) torture...
mucchio_RicetteSignoraTokue_1

Le ricette della signora Tokue

La recensione del libro

La bottega di Sentarô vende dorayaki, i dolci tipici giapponesi farciti con confettura di fagioli rossi detta...