Stu Larsen

Copenaghen, 20 settembre 2017

A giorni in Italia per due date, ci siamo spinti in Danimarca per la sua data di Copenaghen
jckbdfmdhjdepnjk

Australiano vagabondo, perennemente in giro alla ricerca di un palco sul quale esibirsi, Stu Larsen ha trovato nel movimento la salvezza dal grigiore del quotidiano e la chiave della propria creatività. Anni fa ha mollato tutto e si è messo in cammino, sostenuto da una fiamma musicale che non accenna a spegnersi e che ancora non gli permette di fermarsi in un solo luogo. Per capirlo basta scorrere le sue liriche, dove capita di viaggiare nel giro di un paio di versi dall’Africa al Sud America, da Cuba alla California. Anche la vecchia Europa occupa un posto particolare nel cuore di Larsen, che, come si intuisce dal nome, ha origini danesi e proprio dalla Danimarca inizia un lunghissimo tour continentale per promuovere il nuovo album Resolute (Nettwerk, 2017) che lo porterà anche in Italia per due date: 21 ottobre a Bologna (Locomotiv), 22 ottobre a Milano (Serraglio).

Sul palco del Vega al cantautore del Queensland bastano un paio di pezzi per conquistare il pubblico. La sua è una musica fatta di elementi poveri, assemblati con una passione e una coerenza esemplari: una chitarra acustica, un’armonica e una voce calda e coinvolgente si amalgamano in brani che hanno nel canzoniere di Damien Rice il riferimento più diretto. Chicago Song, Thirteen Sad Farewells, I Will Be Happy And Hopefully You Will Be Too, Aeroplanes sono ballate cariche di storie raccolte in ogni angolo di strada, interpretate con la semplicità e la forza di chi crede fermamente nella propria musica. Le canzoni di Resolute vengono spogliate degli arrangiamenti che, per quanto discreti, le hanno inutilmente appesantite nelle versioni in studio. Solo sul paco con la sua chitarra, Larsen mostra lo scheletro di brani a cui non servono edulcoranti e trafigge il cuore dei presenti, soprattutto nel crescendo finale, quando arrivano una cover di Jolene di Ray LaMontagne che non ha nulla da invidiare all’originale, l’emozionante King Street, dal piglio più ombroso e intimista, o la più lunga e complessa By The River, che diventa presto un mantra dal sapore west coast, per non parlare del commovente duetto con il giovane songwriter Jed Appleton (che ha aperto la serata con un set più che convincente) sulle note di The Mile, sussurrato ritratto di una vita lontana dall’ordinario, percorsa sui binari di una duplice passione, per la musica e per il viaggio.

Commenti

Altri contenuti
LoveIsAllMovie-fb

Love is all: Piergiorgio Welby

Intervista agli autori del documentario

Non è vero che la sofferenza porta alla salvezza. Lo testimonia l’esistenza dinamica, ironica, curiosa, persino psichedelica...
locandina

La ruota delle meraviglie

La recensione del film

“Ho qualche guaio tra fantasia e realtà”: lo diceva Alvy/Allen in Io e Annie. Era il 1977...
barnes

Prima di me

La recensione del libro

“La prima volta che Graham Hendrick sorprese la moglie con un altro, non ne fece una malattia....
2127142_14011444

Pino Donaggio

Intervista al compositore, vincitore del Gran Premio Torino

Dopo l'intervista a Cliff Martinez, continuiamo a esplorare il mondo della musica da film intervistando il compositore...
CONTEST SACRED BONES
- Regala un abbonamento al Mucchio Selvaggio e ricevu due cd in omaggio

Contest Sacred Bones

Regala un abbonamento al Mucchio Selvaggio e ricevi due cd

L'etichetta, sinonimo di “oscurità”, sperimentazione e grafica impeccabile è nata dieci anni fa nel sotterraneo del negozio...
p9-fazio-martinez-a-20170112

Cliff Martinez

Dal rock ai synth: intervista al compositore statunitense

Nel 1989 ha iniziato la sua longeva collaborazione con Steven Soderbergh lavorando a Sesso, bugie e videotape,...
Grace-810x400

Sophie Fiennes

Incontro con la regista di "Grace Jones: Bloodlight and Bami"

La costruzione dell’icona, la narrazione spettacolare di un corpo e di una voce e il suo retroterra...
locandina

My Life Story

35° Torino Film Festival

Più che un film, My Life Story è una testimonianza di cosa sia un entertainer, di cosa...
piscine

Enrico Gabrielli

La recensione del libro

La stessa fantasia superiore palesata nell’arrangiamento e/o nell’esecuzione di “circa 200 dischi in 14 anni di attività”,...
CRISTIANO GODANO - Italrock anni 90

Cristiano Godano

A tutti mancano gli anni 90. Tutti li citano. Li omaggiano. In Italia la scena rock di...
four

Four Tet

La recensione del disco

Ah, quanto sarebbe bello se New Energy uscisse come semplice white label: niente nome dell’autore, e stop....
maus

John Maus

La recensione del disco

Quando Maus comunicò, al termine della dissertazione per il dottorato in filosofia politica, che la carriera di...
mariam

Mariam The Believer

La recensione del disco

“This could be the end of all the ends”, la prima spiazzante frase di Opening, traccia d’apertura...
colapesce

Colapesce

La recensione del disco

Ricordo bene il momento in cui uscì il primo disco: Un meraviglioso declino. Era fine gennaio, cinque...