Un cuore accelerato o un ritmo travolgente che possono essere sinonimi o contrari. Per Robin Campillo i 120 battiti al minuto che danno il titolo al film sono quelli che scandiscono la storia di un movimento attivista e dei suoi membri, Act Up, un gruppo che si è battuto e si batte per i diritti dei gay e dei malati di AIDS.

Il film è ambientato negli anni ’90, al culmine dell’epidemia di HIV in Europa e racconta le vite e le azioni del movimento, le discussioni interne, le posizioni dei suoi membri ma anche le loro storie private, il loro rapporto con la malattia. Campillo e Philippe Mangeot, sceneggiatori, danno a una materia da documentario di denuncia la forma di un dramma intimo, di un racconto politico che è anche il racconto collettivo di un popolo, quello dei sieropositivi in un momento storico in cui era loro quasi negata la dignità.

Una struttura corale in cui il protagonista è collettivo e in cui anche quando i personaggi vengono raccontati separatamente se ne descrive il bisogno di stare con gli altri, di abbracciare relazioni, trovando i suoi momenti forti nelle riunioni, nei dibattiti, nella preparazione delle azioni e delle parate, momenti in cui emerge la potenza visiva sottile e discreta di Campillo (per esempio, la forza del primo corteo funebre o la Senna inondata di sangue), la sua precisione come narratore dietro e dentro le quinte. Ma da regista è capace di sposare i due registri opposti regalando attimi di complicità con i personaggi, descrivendoli nelle pieghe delle loro fragilità – anche grazie a un favoloso lavoro di casting – dando loro valore politico oltre che umano nel bellissimo finale, silenzioso doloroso e vitale, in cui una commossa veglia diventa invito all’azione fisica, sessuale e politica.

120 battements par minute è un film preciso e appassionante, contegnoso ma fiero, costruito sul montaggio perfetto (dello stesso Campillo), sulle sfumature visiva, sulla musica di Arnaud Rebotini. Qualcuno gli potrà rimproverare la durata eccessiva di 140 minuti. Ma di fondo quello di Campillo è un film storico e soprattutto epico, una battaglia dal basso che ha diritto (ma anche necessità) a dimensioni fuori dal comune.

Commenti

Ultime recensioni Cinema / Visioni
53917
Yorgos Lanthimos

Il sacrificio del cervo sacro

6.5

Indubbiamente l’unica salvezza di un film che pare non dare scampo a nessuno dei suoi personaggi è...
31170285_383905158779450_5862019829438873600_n
Yann Gonzalez

Knife + Heart

5

Di materiale per divertirsi nel nuovo film di Yann Gonzalez ce ne sarebbe parecchio: un assassino mascherato...
30420767-160224807978263-4557987999146023396-o_187a
Matteo Garrone

Dogman

8

In una storia che trasuderebbe vendetta, violenza, disagio mentale, atrocità fisiche degne del migliore (o peggiore) torture...
locandina (2)
Ron Howard

Solo: A Star Wars Story

7

L’universo di Star Wars è talmente pieno di immaginari – tra trilogie ufficiali, spin-off, serie animate, romanzi...
locandina
Ramin Bahrani

Fahrenheit 451

5

Saranno in molti a rimanere delusi dopo la visione di Fahrenheit 451, remake del film diretto da...
locandina (1)
Lars von Trier

The House That Jack Built

6

Primo titolo alternativo facile facile per The House that Jack Built, il nuovo film di Lars von...
Lazzaro_Felice_Poster_Film_FestivalCannes2018
Alice Rohrwacher

Lazzaro Felice

7

Il tempo si è fermato in Lazzaro felice, per Lazzaro e per la sua comunità. E il...
coverlg
Paul Dano

Wildlife

7

Montana, anni ’60. Una giovane famiglia americana come tante si è da poco trasferita in una nuova...
locandina
Asghar Farhadi

Everybody Knows

5.5

Una vecchia regola dell’analisi del film dice che dalla prima sequenza, a volte dai titoli di testa,...
loro-2-silvio-servillo
Paolo Sorrentino

Loro 2

8

“Essere buoni conviene”. Una filosofia di vita, di economia e soprattutto di politica: la bontà come merce...
121430920-a984694f-d13d-4700-a5a4-199d673d0ae0
Paolo Sorrentino

Loro 1

SV

Tutto documentato. Tutto arbitrario. Tutto vero e tutto falso. Ma anche tutto troppo. Paolo Sorrentino ci tiene...
Tonya-poster
Craig Gillespie

Tonya

8

Questa è la storia di Tonya Harding, pattinatrice americana, e del suo tonfo professionale avvenuto nel 1994...
locandina
Steven Spielberg

Ready Player One

7.5

Sembra voler rispondere a una precisa domanda Ready Player One, il nuovo film di Steven Spielberg che...
locandina
Alex Garland

Annientamento

8.5

Il lavoro che Alex Garland fa sulla fascinazione in Annientamento è fortissimo, tanto da diventare un futuro...