Un cuore accelerato o un ritmo travolgente che possono essere sinonimi o contrari. Per Robin Campillo i 120 battiti al minuto che danno il titolo al film sono quelli che scandiscono la storia di un movimento attivista e dei suoi membri, Act Up, un gruppo che si è battuto e si batte per i diritti dei gay e dei malati di AIDS.

Il film è ambientato negli anni ’90, al culmine dell’epidemia di HIV in Europa e racconta le vite e le azioni del movimento, le discussioni interne, le posizioni dei suoi membri ma anche le loro storie private, il loro rapporto con la malattia. Campillo e Philippe Mangeot, sceneggiatori, danno a una materia da documentario di denuncia la forma di un dramma intimo, di un racconto politico che è anche il racconto collettivo di un popolo, quello dei sieropositivi in un momento storico in cui era loro quasi negata la dignità.

Una struttura corale in cui il protagonista è collettivo e in cui anche quando i personaggi vengono raccontati separatamente se ne descrive il bisogno di stare con gli altri, di abbracciare relazioni, trovando i suoi momenti forti nelle riunioni, nei dibattiti, nella preparazione delle azioni e delle parate, momenti in cui emerge la potenza visiva sottile e discreta di Campillo (per esempio, la forza del primo corteo funebre o la Senna inondata di sangue), la sua precisione come narratore dietro e dentro le quinte. Ma da regista è capace di sposare i due registri opposti regalando attimi di complicità con i personaggi, descrivendoli nelle pieghe delle loro fragilità – anche grazie a un favoloso lavoro di casting – dando loro valore politico oltre che umano nel bellissimo finale, silenzioso doloroso e vitale, in cui una commossa veglia diventa invito all’azione fisica, sessuale e politica.

120 battements par minute è un film preciso e appassionante, contegnoso ma fiero, costruito sul montaggio perfetto (dello stesso Campillo), sulle sfumature visiva, sulla musica di Arnaud Rebotini. Qualcuno gli potrà rimproverare la durata eccessiva di 140 minuti. Ma di fondo quello di Campillo è un film storico e soprattutto epico, una battaglia dal basso che ha diritto (ma anche necessità) a dimensioni fuori dal comune.

Commenti

Ultime recensioni Cinema / Visioni
locandina
Woody Allen

La ruota delle meraviglie

4.5

“Ho qualche guaio tra fantasia e realtà”: lo diceva Alvy/Allen in Io e Annie. Era il 1977...
locandina
Julien Temple

My Life Story

7

Più che un film, My Life Story è una testimonianza di cosa sia un entertainer, di cosa...
254690
Kantemir Balagov

Closeness

7.5

Comunicare la desolazione è cosa molto differente dall’esprimere la depressione. In quella sfumatura tra mimesi piatta e...
locandina
Colin Trevorrow

Il libro di Henry

5

La recensione più breve del mondo: Il libro di Henry sucks. Lo si scrive con un po’...
locandina
Kathryn Bigelow

Detroit

9

Kathryn Bigelow sta al cinema d’azione come George Romero sta al cinema d’orrore: ha introdotto nel genere,...
locandina
Janus Metz Pedersen

Borg McEnroe

6

Si dice che il tennis sia uno sport poco adatto al cinema. Per cercare di smentire questa...
gospel_604_alk_s_binder2_016-h_2017
Jennifer Lebeau

Trouble No More

6.5

“Puoi chiamarmi Bobby, puoi chiamarmi Zimmy /Puoi chiamarmi in ogni modo ma non importa quello che tu...
v1.bTsxMjMyNzU0OTtqOzE3NTEyOzEyMDA7Mjg0OzQwNQ
Philippe Van Leeuw

Insyriated

5.5

La guerra in Siria, o in un luogo analogo, fa parte dell’oppressione quotidiana, non è una tensione...
54108
Paolo e Vittorio Taviani

Una questione privata

5

È il 1943. Sulle colline delle Langhe le brigate dei partigiani combattono i fascisti. Gli scontri sono...
screen-shot-2017-09-05-at-1-22-03-pm
Scott Cooper

Hostiles

7.5

È più moderno che classico Hostiles (e di sicuro non classicista), più crepuscolare che mitologico. Il film...
locandina
Andy Muschietti

It

7.5

E alla fine arrivò It. L’abbiamo sognato, temuto a lungo. Ci ha indottrinato a meraviglia grazie ai...
locandina
Jonathan Dayton, Valerie Faris

La battaglia dei sessi

6

È interessante il modo sottile, quasi “subdolo”, con cui La battaglia dei sessi racconta un personaggio per...
locandina
Leonardo Di Costanzo

L'intrusa

8

“Succede che per salvare qualcuno devi escludere altri.” E’ partito da qui Leonardo Di Costanzo, da un...
locandina
Denis Villeneuve

Blade Runner 2049

8

“Hai mai visto un miracolo?” chiede Dave Bautista a Ryan Gosling all’inizio di Blade Runner 2049. La...
Outrage-0-Coda-620x329
Takeshi Kitano

Outrage Coda

6.5

Con Outrage Coda Takeshi Kitano conclude la trilogia iniziata nel 2010 con Outrage e proseguita nel 2012 con Outrage Beyond, campione d’incassi,...