Un cuore accelerato o un ritmo travolgente che possono essere sinonimi o contrari. Per Robin Campillo i 120 battiti al minuto che danno il titolo al film sono quelli che scandiscono la storia di un movimento attivista e dei suoi membri, Act Up, un gruppo che si è battuto e si batte per i diritti dei gay e dei malati di AIDS.

Il film è ambientato negli anni ’90, al culmine dell’epidemia di HIV in Europa e racconta le vite e le azioni del movimento, le discussioni interne, le posizioni dei suoi membri ma anche le loro storie private, il loro rapporto con la malattia. Campillo e Philippe Mangeot, sceneggiatori, danno a una materia da documentario di denuncia la forma di un dramma intimo, di un racconto politico che è anche il racconto collettivo di un popolo, quello dei sieropositivi in un momento storico in cui era loro quasi negata la dignità.

Una struttura corale in cui il protagonista è collettivo e in cui anche quando i personaggi vengono raccontati separatamente se ne descrive il bisogno di stare con gli altri, di abbracciare relazioni, trovando i suoi momenti forti nelle riunioni, nei dibattiti, nella preparazione delle azioni e delle parate, momenti in cui emerge la potenza visiva sottile e discreta di Campillo (per esempio, la forza del primo corteo funebre o la Senna inondata di sangue), la sua precisione come narratore dietro e dentro le quinte. Ma da regista è capace di sposare i due registri opposti regalando attimi di complicità con i personaggi, descrivendoli nelle pieghe delle loro fragilità – anche grazie a un favoloso lavoro di casting – dando loro valore politico oltre che umano nel bellissimo finale, silenzioso doloroso e vitale, in cui una commossa veglia diventa invito all’azione fisica, sessuale e politica.

120 battements par minute è un film preciso e appassionante, contegnoso ma fiero, costruito sul montaggio perfetto (dello stesso Campillo), sulle sfumature visiva, sulla musica di Arnaud Rebotini. Qualcuno gli potrà rimproverare la durata eccessiva di 140 minuti. Ma di fondo quello di Campillo è un film storico e soprattutto epico, una battaglia dal basso che ha diritto (ma anche necessità) a dimensioni fuori dal comune.

Commenti

Ultime recensioni Cinema / Visioni
okja-poster-1
Bong Joon-ho

Okja

7.5

La pietra dello scandalo. Il film che al recente festival di Cannes ha fatto scattare la fatwa...
locandina
David Michôd

War Machine

6

Un paio di gambe storte sorregge un corpo rigidamente costretto in una postura dall’aria innaturale: è la...
mucchio_blame_poster
Dal 20 maggio su Netflix

Blame

6.5

Almodovar, pietà. Il cinema made in Netflix è una figata. Soprattutto se recapitato per tutti, nello stesso...
8o8
Lynne Ramsay

You Were Never Really Here

7

Il cinema di Lynne Ramsay è un cinema psico-patologico, in cui il delirio dei personaggi si rispecchia...
yju545
François Ozon

L'amant double

4

Non si può dire che L’amant double, il nuovo film di François Ozon, non sia chiaro fin...
kkkk
Ben Safdie, Joshua Safdie

Good Time

7.5

La vitalità del cinema nasce spesso dalle sue contraddizioni: Good Time dei fratelli Ben e Joshua Safdie...
grrere
Eugene Jarecki

Promised land

7.5

“Mister I ain’t a boy, no I’m a man\and I believe in a promised land”. E’ il...
vfewry
Sean Baker

The Florida project

8

Dall’iPhone al 35 millimetri, per Sean Baker il sogno americano e le sue declinazioni passano anche dal...
locandina
Fabio Grassadonia, Antonio Piazza

Sicilian Ghost Story

6

In un bosco che somiglia a quello delle fiabe, due giovani adolescenti si scambiano un bacio affettuoso....
tyutyu
Robert Campillo

120 battements par minute

8

Un cuore accelerato o un ritmo travolgente che possono essere sinonimi o contrari. Per Robin Campillo i...
locandina
Todd Haynes

Wonderstruck

8

Questo è un racconto che richiede pazienza e lentezza. Lo scrive Julianne Moore al piccolo protagonista di...
locandina
Terrence Malick

Song to Song

8

«Non c’è nessuna forma d’arte come il cinema per colpire la coscienza, scuotere le emozioni e raggiungere...
622506603
Rossella Schillaci

Libere

8

La Resistenza raccontata da Rossella Schillaci in Libere, documentario in uscita il 20 aprile nelle sale italiane,...