Layout 1
M. Night Shyamalan

After Earth

5

Durante una missione il generale Cypher (Will Smith) e il figlio Kitai (Jaden Smith) precipitano sul pianeta Terra, mille anni dopo che l’umanità lo ha abbandonato a causa delle devastazioni climatiche. Con il padre ferito a una gamba, Kitai si avventura in quell’habitat ostile per rintracciare il relitto dell’astronave e inviare il segnale di soccorso. Dovrà vedersela, oltre che con nuove specie animali, pure con la pericolosa creatura aliena che stavano trasportando.

Pellicola sci-fi ideata da Will Smith e rimessa in sesto dallo sceneggiatore Stephen Gaghan, quale imperdibile occasione per tornare a recitare assieme al figlio Jaden (dopo il film di Muccino La ricerca della felicità), After Earth è una boiata pazzesca. Un filino ecologista, un filino (dice qualcuno) scientology, alla regia s’è sistemato il fantasma di M. Night Shyamalan. Che apocalittico e rivoltoso contro il genere umano lo era stato in E venne il giorno (2008). Per la cronaca: opera molto più leale con gli spettatori di quanto non faccia questa costosissima trovata pubblicitaria per ridestare il brand “Smith&Smith”.

L’utilità da racconto di formazione che solo Will Smith ha intravisto in After Earth, standosene per tre quarti del tempo seduto a impartire ordini e lezioni di vita al figlio, viene perfino elargita e confusa con l’epica letteraria del Moby Dick di Melville. Quindi: o l’attore ha pescato a caso nella libreria di casa, oppure è responsabile di una colossale gaffe considerato che Jaden ha cinematograficamente un paio di ossessioni-monstre da mettere al tappeto in novanta minuti – il titolare del brand, suo padre, e l’abominevole creatura aliena, con la quale ha peraltro un conto in sospeso. Trarsi d’impaccio dalla boiata pazzesca adoperando ironia al momento opportuno (lo stile non è più cosa di noi umani), con Jaden-Kitai che vuole tornare dalla mamma dopo aver finalmente dimostrato di essere diventato uomo, ha ancora più l’aria di gergo familiare esibito. E suona fastidioso. After Earth sarà pure attrezzatissima operazione commerciale della famiglia Smith (tra i produttori figura anche la moglie Jada Pinkett Smith), per certi versi dimessa e suggestiva grazie ai suoi scenari da “oltre la fine del mondo”, ma non ha fregato il pubblico. Che negli States continua a preferirgli le sgommate di Fast and Furious 6.

after4

 

 

Ultime recensioni Cinema / Visioni
locandina
Fabio Grassadonia, Antonio Piazza

Sicilian Ghost Story

6

In un bosco che somiglia a quello delle fiabe, due giovani adolescenti si scambiano un bacio affettuoso....
tyutyu
Robert Campillo

120 battements par minute

8

Un cuore accelerato o un ritmo travolgente che possono essere sinonimi o contrari. Per Robin Campillo i...
locandina
Todd Haynes

Wonderstruck

8

Questo è un racconto che richiede pazienza e lentezza. Lo scrive Julianne Moore al piccolo protagonista di...
locandina
Terrence Malick

Song to Song

8

«Non c’è nessuna forma d’arte come il cinema per colpire la coscienza, scuotere le emozioni e raggiungere...
622506603
Rossella Schillaci

Libere

8

La Resistenza raccontata da Rossella Schillaci in Libere, documentario in uscita il 20 aprile nelle sale italiane,...
locandina
Paul Verhoeven

Elle

8

Schermo nero e il suono della rottura di un vetro, poi gli occhi di un gatto che...
locandina
Moritz Siebert, Estephan Wagner, Abou Bakar Sidibé

Les Sauteurs

8

Se c’è un argomento che ci parla  dello spirito del tempo è il muro, il confine, la...
locandina
Jean-Loup Felicioli, Alain Gagnol

Phantom Boy

7

Un ragazzino leucemico viene ricoverato in ospedale per ricevere adeguate cure, conosce uno sbirro finito sulla sedia...
locandina
Pablo Larraìn

Jackie

8

Il volto in primo piano è quello che tutti conosciamo. Quello di un’icona del ventesimo secolo, una...
la-la-land-poster-festival
Damien Chazelle

La La Land

8

A un certo punto di Io e Annie Woody Allen, alla proposta di trasferirsi a Los Angeles,...
locandina
Benedetta Argentieri, Bruno Chiaravalloti, Claudio Jampaglia

Our War

8.5

Presentato Fuori Concorso alla 73° Mostra del Cinema di Venezia, Our War nasce dall’incontro tra i giornalisti...
locandina
Sergei Loznitsa

Austerlitz

8

Una macchina da presa fissa riprende il passaggio dei tanti turisti in visita nel campo di concentramento...