Layout 1
M. Night Shyamalan

After Earth

5

Durante una missione il generale Cypher (Will Smith) e il figlio Kitai (Jaden Smith) precipitano sul pianeta Terra, mille anni dopo che l’umanità lo ha abbandonato a causa delle devastazioni climatiche. Con il padre ferito a una gamba, Kitai si avventura in quell’habitat ostile per rintracciare il relitto dell’astronave e inviare il segnale di soccorso. Dovrà vedersela, oltre che con nuove specie animali, pure con la pericolosa creatura aliena che stavano trasportando.

Pellicola sci-fi ideata da Will Smith e rimessa in sesto dallo sceneggiatore Stephen Gaghan, quale imperdibile occasione per tornare a recitare assieme al figlio Jaden (dopo il film di Muccino La ricerca della felicità), After Earth è una boiata pazzesca. Un filino ecologista, un filino (dice qualcuno) scientology, alla regia s’è sistemato il fantasma di M. Night Shyamalan. Che apocalittico e rivoltoso contro il genere umano lo era stato in E venne il giorno (2008). Per la cronaca: opera molto più leale con gli spettatori di quanto non faccia questa costosissima trovata pubblicitaria per ridestare il brand “Smith&Smith”.

L’utilità da racconto di formazione che solo Will Smith ha intravisto in After Earth, standosene per tre quarti del tempo seduto a impartire ordini e lezioni di vita al figlio, viene perfino elargita e confusa con l’epica letteraria del Moby Dick di Melville. Quindi: o l’attore ha pescato a caso nella libreria di casa, oppure è responsabile di una colossale gaffe considerato che Jaden ha cinematograficamente un paio di ossessioni-monstre da mettere al tappeto in novanta minuti – il titolare del brand, suo padre, e l’abominevole creatura aliena, con la quale ha peraltro un conto in sospeso. Trarsi d’impaccio dalla boiata pazzesca adoperando ironia al momento opportuno (lo stile non è più cosa di noi umani), con Jaden-Kitai che vuole tornare dalla mamma dopo aver finalmente dimostrato di essere diventato uomo, ha ancora più l’aria di gergo familiare esibito. E suona fastidioso. After Earth sarà pure attrezzatissima operazione commerciale della famiglia Smith (tra i produttori figura anche la moglie Jada Pinkett Smith), per certi versi dimessa e suggestiva grazie ai suoi scenari da “oltre la fine del mondo”, ma non ha fregato il pubblico. Che negli States continua a preferirgli le sgommate di Fast and Furious 6.

after4

 

 

Ultime recensioni Cinema / Visioni
loc
Lucas Moodysson

We are the best

8

Ci sono film che ti fanno uscire dalla sala con il viso bagnato dalle lacrime, altri ti...
L1zsrAx
Xavier Dolan

Mommy

9

Quando sulle note di Wonderwall degli Oasis, il protagonista che corre sullo skate allarga l’inquadratura passando dall’immagine...
25498-deux-jours-une-nuit-film-des-freres-500x0-2
Jean-Pierre e Luc Dardenne

Deux jours, une nuit

8

Sono i beniamini del festival di Cannes, con due palme d’oro in carriera e molti riconoscimenti. E...
the-homesman
Tommy Lee Jones

The Homesman

8

Le tre sepolture, esordio alla regia dell’attore Tommy Lee Jones datato 2005, non era un fuoco di...
le-meraviglie-poster-italiano-alice-rohrwacher-2_news
Alice Rohrwacher

Le meraviglie

8

Opera seconda, dopo un esordio che era stato molto amato dalla critica e dai festival, che viene...
solo-gli-amanti-sopravvivono-film
Jim Jarmusch

Solo gli amanti sopravvivono

7.5

Ogni storia di vampiri che si rispetti è anche una storia di decadenza, emarginazione, tossicodipendenza, talvolta di...
winter_sleep_poster-620x835-1
Nuri Bilge Ceylan

Winter Sleep

9

Tra i luoghi comuni della critica cinematografica, ma anche letteraria, forse culturale in toto, è che la...
2014_05_NationalGalleryFlyerLight-page-001
Frederick Wiseman

National Gallery

8

Che sia il più grande documentarista vivente pare pacifico. Che Frederick Wiseman però, a più di 80...
locandina
Gareth Edwards

Godzilla

7

Tutti conoscono una fine. Godzilla, invece, sembra destinato a non morire mai. Da quel 1954 in cui...
transcendence-locandina-low
Wally Pfister

Transcendence

5

Forse la fantascienza ha davvero smesso di dire tutto 20 o 30 anni fa, con l’apparizione del...
noah-locandina
Darren Aronofsky

Noah

5

Darren Aronofsky si dà al kolossal. È una pratica normale a Hollywood, e anche un po’ off,...
jimmy-p-_cover_u
Arnaud Desplechin

Jimmy P.

6.5

Un film statunitense non si nega a nessuno, specie se sei bravo, specie se la critica europea...
28847
Richard Linklater

Before Midnight

8.5

Quando Ethan Hawke e Julie Delpy vennero convocati sul set di Before Sunrise da Richard Linklater nell’ormai...
locandina
Sofia Coppola

The Bling Ring

3.5

Ho dovuto aspettare il quinto film di Sofia Coppola, The Bling Ring, per capire che il suo...
locandina
Edgar Reitz

Die Andere Heimat

9.5

Prima di Twin Peaks e dell’età dell’oro della tv americana, erano i tedeschi a mostrare le enormi...