Tutto è più bello a Casablanca, anche la guerra.

Max e Marianne si incontrano per la prima volta nel Marocco Francese, nomi diversi ma lo stesso scopo: eliminare una Ambasciatore tedesco. È il 1942, lui è un agente segreto canadese e lei una combattente della resistenza francese. Combattono uno a fianco dell’altra e a missione conclusa decidono di fuggire insieme. Li ritroviamo un anno dopo a Parigi e quella che sembrava una spy-story in salsa bellica diventa improvvisamente un quadretto familiare in cui i volti sempre perfetti di Brad Pitt e Marion Cotillard si guardano in uno scambio di gesti e sguardi, parlando poco e lasciando molto ai propri corpi. Quando il tepore della loro casa londinese sembrava averci avvolto, Robert Zemeckis decide di cambiare nuovamente rotta, facendo marcia indietro e scombinando le carte in tavola a favore dello spettatore.

Allied è una montagna russa in cui la maestria di Zemeckis riesce a tenere in equilibrio un film continuamente in bilico tra i generi, passando dal thriller fino al dramma, sfociando nello spy movie dai risvolti familiari in cui la tensione della scelta morale trascina lo spettatore in un prodotto che riesce a convincere lo spettatore ma senza catturarlo.

La contrapposizione tra sentimenti e dovere presente nello script di Steven Knight (Piccoli affari sporchi, Locke) finisce ben presto per stancare, così come il rapporto tra due protagonisti che sembrano troppo spesso due modelli su una passerella, troppo impegnati a rinfacciare la loro perfezione al pubblico piuttosto che a cercare di portarlo all’interno del loro vorticoso rapporto. Se Marion Cotillard riesce a brillare nonostante appaia spesso “schiacciata” da un enorme guardaroba, Brad Pitt non riesce a rendere mai completamente il grigio del suo protagonista, l’ambigua moralità che lo spinge a mettere in dubbio i suoi valori, sembrando piuttosto una versione spionistica di Derek Zoolander. È innegabile che Zemeckis guardi con occhio nostalgico un cinema che ha come riferimento proprio Casablanca, ma tra la fotografia che richiama il film di Curtiz e la mania di imbalsamare i propri attori dovrebbe esserci una via di mezzo. Il regista di Ritorno al Futuro sembra ormai prigioniero di una vera e propria ossessione per il digitale, una mania che in passato l’ha portato verso lidi insidiosi come Polar Express, La Leggenda di Beowulf e A Christmas Carol, e che qui torna proprio come i fantasmi dell’opera di Dickens. Tra fantocci in CGI troppo vistosi e attori visibilmente ritoccati per sembrare sospesi nel tempo, Allied finisce per rimanere bloccato in un limbo tra un affascinante spy-movie ed un tedioso family drama in cui spicca la mano di Zemeckis ma prevale l’assenza di un vero fascino. Il risultato è una splendida cornice senza un bel quadro.

Commenti

Ultime recensioni Cinema / Visioni
locandina
Jonathan Dayton, Valerie Faris

La battaglia dei sessi

6

È interessante il modo sottile, quasi “subdolo”, con cui La battaglia dei sessi racconta un personaggio per...
locandina
Leonardo Di Costanzo

L'intrusa

8

“Succede che per salvare qualcuno devi escludere altri.” E’ partito da qui Leonardo Di Costanzo, da un...
locandina
Denis Villeneuve

Blade Runner 2049

8

“Hai mai visto un miracolo?” chiede Dave Bautista a Ryan Gosling all’inizio di Blade Runner 2049. La...
Outrage-0-Coda-620x329
Takeshi Kitano

Outrage Coda

6.5

Con Outrage Coda Takeshi Kitano conclude la trilogia iniziata nel 2010 con Outrage e proseguita nel 2012 con Outrage Beyond, campione d’incassi,...
HANNAH-Charlotte-Rampling-2017-1
Andrea Pallaoro

Hannah

5.5

Lunga vita a chi cerca nuove strade e toni originali per raccontare le storie al cinema, purchè...
lou_luttiau_shain_boumedine_ophelie_bau
Abdellatif Kechiche

Mektoub, My Love: Canto uno

7

Ci sono infiniti modi di essere curiosi della vita e di volerla esplorare cinematograficamente. Osservare i personaggi...
morelli-e-rossi-ammore-e-malavita
Manetti Bros

Ammore e malavita

7.5

‘Parigi ha la Tour Eiffel, Roma ha il Colosseo e Napoli ha le vele di Scampìa’: comincia...
sakamoto-coda
Stephen Schible

Ryuichi Sakamoto: Coda

6.5

In conferenza stampa Ryūichi Sakamoto continua a muovere le dita. A Venezia74 per presentare il docufilm girato...
coverlg
Frederick Wiseman

Ex libris

7.5

“Così può essere l’uomo: esternamente un lupo, ma nell’anima un unicorno”: siamo alla New York Public Library,...
coverlg
Paolo Virzì

The Leisure Seeker

7.5

Alla prima di The Leisure Seeker, in concorso a Venezia74, gli applausi per Paolo Virzì scattano già ai...
Lean-on-Pete-3-e1504274174891
Andrew Haigh

Lean on Pete

5

Di Lean on Pete di Andrew Haigh, film in Concorso a Venezia74, si potrebbero prevedere i punti...
DE7gkh6XcAA5Lso
Ritesh Batra

Our Souls at Night

8

Jane Fonda e Robert Redford, Leoni d’Oro alla carriera a Venezia74, sono i protagonisti di una delicata...
the-shape-of-water-trailer
Guillermo Del Toro

The Shape of Water

6

Chi lascia la sala prima della fine della proiezione e chi applaude ai titoli di coda. Il cinema...
59a6c77a88212
Alexander Payne

Downsizing

8

Avrebbe potuto rischiare di essere l’ennesimo film di fantascienza, Downsizing di Alexander Payne, se i suoi minuscoli...
okja-poster-1
Bong Joon-ho

Okja

7.5

La pietra dello scandalo. Il film che al recente festival di Cannes ha fatto scattare la fatwa...
locandina
David Michôd

War Machine

6

Un paio di gambe storte sorregge un corpo rigidamente costretto in una postura dall’aria innaturale: è la...