‘Parigi ha la Tour Eiffel, Roma ha il Colosseo e Napoli ha le vele di Scampìa’: comincia così la visione e il progetto stesso di Ammore e malavita, l’inedito musical dei Manetti Bros in Concorso a Venezia 74. È una Napoli colorata quella che emerge da un musical divertente, capace di coinvolgere il pubblico in sala, che applaude senza aspettare i titoli di coda, in quella che il produttore ha definito ‘la risposta italiana a La La Land’. Colorata, sì, ma non necessariamente sopra le righe, precisano i registi, perché la realtà non è solo quella cupa raccontata dal ‘Gomorrismo’, alludendo all’immagine della Napoli violenta che da qualche anno si è imposta anche all’estero e di cui il film propone un’ironica parodia. Cliché che non vengono ignorati, anzi: gli americani felici di essere stati scippati a Scampia perché protagonisti di un’esperienza turistica più intensa è una scena che solo un vero napoletano poteva ribaltare in un lirismo geniale.

“La bellezza di una città con un panorama unico al mondo è stata oscurata da un ritratto a tinte fosche, dove davvero le Vele sembrano surclassare il Golfo e le vere attrattive artistiche, ma Napoli non è solo questo” spiegano i Manetti,“e noi abbiamo voluto provare a raccontarla nelle sue contraddizioni”. Le scene d’azione alla gangster-movie sembrano attingere allo stesso repertorio fantasioso di Quentin Tarantino (le tigri di Mompracem, Bruce Lee, gli inseguimenti su due ruote), senza edulcorare la realtà delle sparatorie, né ammansire l’impatto della malavita, ma la storia d’amore che fa da motore al film è un contrafforte altrettanto potente. Alla dimensione di violenza si contrappongono delle coreografie che offrono spesso chiari richiami cinematografici, da Flashdance con Serena Rossi alias Jennifer Beals, al ritorno dei malavitosi ammazzati viventi con una performance à la Thriller di Michael Jackson, dove le parti cantate sono comunque motore di azione della sceneggiatura e non rifugi in una realtà separata rispetto alla storia.

Il cast è tutto napoletano, ad eccezione di Claudia Gerini che nel ruolo di matrona camorrista si esibisce però in un napoletano perfetto perché, confessa, “in realtà il mio nonno materno era napoletano”. Accanto a lei Carlo Buccirosso, suo marito, nei panni del Re del Pesce, un boss cinico che cerca una fuga stile Johnny Stecchino per sottrarsi alle minacce del clan nemico e Giampaolo Morelli, il sicario che dovrà scegliere tra l’Ammore per la Rossi e la Malavita del titolo. Morelli, attore-icona dei fratelli Manetti da cui viene diretto per la serie TV L’Ispettore Coliandro, era già stato per loro protagonista di Song’e Napule del 2013. La pellicola è un omaggio alla città e ai molti volti della sua tradizione musicale: quella classica, legata alla cultura della sceneggiata, con il cameo del cantante neomelodico Pino Mauro, e la nuova scena rock rappresentata da Raiz degli Almamegretta, qui al suo quinto film come attore.

Commenti

Ultime recensioni Cinema / Visioni
53917
Yorgos Lanthimos

Il sacrificio del cervo sacro

6.5

Indubbiamente l’unica salvezza di un film che pare non dare scampo a nessuno dei suoi personaggi è...
31170285_383905158779450_5862019829438873600_n
Yann Gonzalez

Knife + Heart

5

Di materiale per divertirsi nel nuovo film di Yann Gonzalez ce ne sarebbe parecchio: un assassino mascherato...
30420767-160224807978263-4557987999146023396-o_187a
Matteo Garrone

Dogman

8

In una storia che trasuderebbe vendetta, violenza, disagio mentale, atrocità fisiche degne del migliore (o peggiore) torture...
locandina (2)
Ron Howard

Solo: A Star Wars Story

7

L’universo di Star Wars è talmente pieno di immaginari – tra trilogie ufficiali, spin-off, serie animate, romanzi...
locandina
Ramin Bahrani

Fahrenheit 451

5

Saranno in molti a rimanere delusi dopo la visione di Fahrenheit 451, remake del film diretto da...
locandina (1)
Lars von Trier

The House That Jack Built

6

Primo titolo alternativo facile facile per The House that Jack Built, il nuovo film di Lars von...
Lazzaro_Felice_Poster_Film_FestivalCannes2018
Alice Rohrwacher

Lazzaro Felice

7

Il tempo si è fermato in Lazzaro felice, per Lazzaro e per la sua comunità. E il...
coverlg
Paul Dano

Wildlife

7

Montana, anni ’60. Una giovane famiglia americana come tante si è da poco trasferita in una nuova...
locandina
Asghar Farhadi

Everybody Knows

5.5

Una vecchia regola dell’analisi del film dice che dalla prima sequenza, a volte dai titoli di testa,...
loro-2-silvio-servillo
Paolo Sorrentino

Loro 2

8

“Essere buoni conviene”. Una filosofia di vita, di economia e soprattutto di politica: la bontà come merce...
121430920-a984694f-d13d-4700-a5a4-199d673d0ae0
Paolo Sorrentino

Loro 1

SV

Tutto documentato. Tutto arbitrario. Tutto vero e tutto falso. Ma anche tutto troppo. Paolo Sorrentino ci tiene...
Tonya-poster
Craig Gillespie

Tonya

8

Questa è la storia di Tonya Harding, pattinatrice americana, e del suo tonfo professionale avvenuto nel 1994...
locandina
Steven Spielberg

Ready Player One

7.5

Sembra voler rispondere a una precisa domanda Ready Player One, il nuovo film di Steven Spielberg che...
locandina
Alex Garland

Annientamento

8.5

Il lavoro che Alex Garland fa sulla fascinazione in Annientamento è fortissimo, tanto da diventare un futuro...