La vendetta è un bisogno cieco, subdolo, che si insinua nella mente umana come un virus e dal quale è difficile, se non impossibile, guarire. Concepirla e idearla significa mantenere un legame di dipendenza con l’oggetto della propria frustrazione, significa perpetuare la sofferenza che è causa e fine della vendetta stessa. Questo circolo vizioso, che ha la forma di una spirale che inibisce una lucida visione della realtà, è al centro di Animali Notturni, ultimo elegante lavoro del regista Tom Ford. Il suo sofisticato thriller psicologico, che coinvolge e fa riflettere sulla natura e il potere della scrittura stessa (sia essa letteraria o cinematografica), si realizza in una dimensione a metà tra il reale e il verosimile, ovvero in quel limbo di dubbie possibilità in cui la mente umana perde la bussola.

La realtà – ma lo è davvero?- è la sfavillante Los Angeles, la città della ricchezza materiale ma non morale in cui vive la gallerista Susan. Un mondo grottesco e parodistico, il suo, in cui l’arte diventa il discrimine tra genialità e spazzatura. Susan vive la vita che si è scelta: al bivio tra sostanza e forma, ha scelto senza indecisione la seconda strada, lastricata di menzogna e infelicità. Alle sue spalle, dallo specchietto retrovisore, si intravede ancora l’altra via, quella in cui Susan ha “scaricato” il suo primo (e unico) amore e marito Tony, aspirante scrittore abbandonato con l’accusa di essere troppo debole per sostenere le loro ambizioni. Quando ormai Susan ha definitivamente accettato la propria afflizione, ovvero un matrimonio senza sentimenti che resiste solo grazie alla reciproca omertà, e l’immagine di Tony è lontana e impossibile da mettere a fuoco, ecco che lui riappare, sotto forma di un manoscritto. Un romanzo cupo e disperato nel quale Susan si riconosce, innescando un immaginario processo di identificazione che la logorerà profondamente.

Mentre Susan legge, pagina dopo pagina, il dramma fittizio e al tempo stesso psicologico e reale, si manifesta davanti ai nostri occhi. I diversi piani di realtà (o verosimiglianza) che Ford costruisce si alimentano l’uno dell’altro, in un’opposizione che è tanto tematica quanto visiva. Da una parte Los Angeles e Susan, entrambi “ambienti” freddi e fragili, pronti a frantumarsi alla prima caduta, come accade allo schermo di uno smartphone quando raggiunge, con un tonfo, il pavimento. Dall’altra un brutale, arido Texas e Tony, immaginato mentre affronta un duplice e insostenibile dolore, simile a quello che in passato proprio Susan gli ha provocato. A sostenere Tony, nel suo intento di vendetta, la razionale istintività della legge “dell’occhio per occhio”, un argomento comprensibile, anche se non condivisibile, che prende forma nei panni del poliziotto Ray, un uomo giusto ma sconfitto nel corpo e che, per questo, non ha niente da perdere.

In questa dimensione, al limite tra reale e immaginario, la debolezza diventa forza per generare nuova debolezza. La spirale della vendetta comincia il suo movimento incantatorio proiettando il passato sul presente e il presente sul passato, accende e spegne cromatismi narrativi che guidano nella comprensione di un meccanismo introspettivo mai davvero circoscritto, e perciò dolorosamente inafferrabile. La rivalsa è servita, in tutta la sua spietatezza, ma una scrittura metaletteraria e metacinematografica come quella di Animali Notturni ci ricorda che una volta innescato, il movimento della vendetta rischia di diventare disperatamente perpetuo.

Commenti

Ultime recensioni Cinema / Visioni
locandina
David Michôd

War Machine

6

Un paio di gambe storte sorregge un corpo rigidamente costretto in una postura dall’aria innaturale: è la...
mucchio_blame_poster
Dal 20 maggio su Netflix

Blame

6.5

Almodovar, pietà. Il cinema made in Netflix è una figata. Soprattutto se recapitato per tutti, nello stesso...
8o8
Lynne Ramsay

You Were Never Really Here

7

Il cinema di Lynne Ramsay è un cinema psico-patologico, in cui il delirio dei personaggi si rispecchia...
yju545
François Ozon

L'amant double

4

Non si può dire che L’amant double, il nuovo film di François Ozon, non sia chiaro fin...
kkkk
Ben Safdie, Joshua Safdie

Good Time

7.5

La vitalità del cinema nasce spesso dalle sue contraddizioni: Good Time dei fratelli Ben e Joshua Safdie...
grrere
Eugene Jarecki

Promised land

7.5

“Mister I ain’t a boy, no I’m a man\and I believe in a promised land”. E’ il...
vfewry
Sean Baker

The Florida project

8

Dall’iPhone al 35 millimetri, per Sean Baker il sogno americano e le sue declinazioni passano anche dal...
locandina
Fabio Grassadonia, Antonio Piazza

Sicilian Ghost Story

6

In un bosco che somiglia a quello delle fiabe, due giovani adolescenti si scambiano un bacio affettuoso....
tyutyu
Robert Campillo

120 battements par minute

8

Un cuore accelerato o un ritmo travolgente che possono essere sinonimi o contrari. Per Robin Campillo i...
locandina
Todd Haynes

Wonderstruck

8

Questo è un racconto che richiede pazienza e lentezza. Lo scrive Julianne Moore al piccolo protagonista di...
locandina
Terrence Malick

Song to Song

8

«Non c’è nessuna forma d’arte come il cinema per colpire la coscienza, scuotere le emozioni e raggiungere...
622506603
Rossella Schillaci

Libere

8

La Resistenza raccontata da Rossella Schillaci in Libere, documentario in uscita il 20 aprile nelle sale italiane,...
locandina
Paul Verhoeven

Elle

8

Schermo nero e il suono della rottura di un vetro, poi gli occhi di un gatto che...