La vendetta è un bisogno cieco, subdolo, che si insinua nella mente umana come un virus e dal quale è difficile, se non impossibile, guarire. Concepirla e idearla significa mantenere un legame di dipendenza con l’oggetto della propria frustrazione, significa perpetuare la sofferenza che è causa e fine della vendetta stessa. Questo circolo vizioso, che ha la forma di una spirale che inibisce una lucida visione della realtà, è al centro di Animali Notturni, ultimo elegante lavoro del regista Tom Ford. Il suo sofisticato thriller psicologico, che coinvolge e fa riflettere sulla natura e il potere della scrittura stessa (sia essa letteraria o cinematografica), si realizza in una dimensione a metà tra il reale e il verosimile, ovvero in quel limbo di dubbie possibilità in cui la mente umana perde la bussola.

La realtà – ma lo è davvero?- è la sfavillante Los Angeles, la città della ricchezza materiale ma non morale in cui vive la gallerista Susan. Un mondo grottesco e parodistico, il suo, in cui l’arte diventa il discrimine tra genialità e spazzatura. Susan vive la vita che si è scelta: al bivio tra sostanza e forma, ha scelto senza indecisione la seconda strada, lastricata di menzogna e infelicità. Alle sue spalle, dallo specchietto retrovisore, si intravede ancora l’altra via, quella in cui Susan ha “scaricato” il suo primo (e unico) amore e marito Tony, aspirante scrittore abbandonato con l’accusa di essere troppo debole per sostenere le loro ambizioni. Quando ormai Susan ha definitivamente accettato la propria afflizione, ovvero un matrimonio senza sentimenti che resiste solo grazie alla reciproca omertà, e l’immagine di Tony è lontana e impossibile da mettere a fuoco, ecco che lui riappare, sotto forma di un manoscritto. Un romanzo cupo e disperato nel quale Susan si riconosce, innescando un immaginario processo di identificazione che la logorerà profondamente.

Mentre Susan legge, pagina dopo pagina, il dramma fittizio e al tempo stesso psicologico e reale, si manifesta davanti ai nostri occhi. I diversi piani di realtà (o verosimiglianza) che Ford costruisce si alimentano l’uno dell’altro, in un’opposizione che è tanto tematica quanto visiva. Da una parte Los Angeles e Susan, entrambi “ambienti” freddi e fragili, pronti a frantumarsi alla prima caduta, come accade allo schermo di uno smartphone quando raggiunge, con un tonfo, il pavimento. Dall’altra un brutale, arido Texas e Tony, immaginato mentre affronta un duplice e insostenibile dolore, simile a quello che in passato proprio Susan gli ha provocato. A sostenere Tony, nel suo intento di vendetta, la razionale istintività della legge “dell’occhio per occhio”, un argomento comprensibile, anche se non condivisibile, che prende forma nei panni del poliziotto Ray, un uomo giusto ma sconfitto nel corpo e che, per questo, non ha niente da perdere.

In questa dimensione, al limite tra reale e immaginario, la debolezza diventa forza per generare nuova debolezza. La spirale della vendetta comincia il suo movimento incantatorio proiettando il passato sul presente e il presente sul passato, accende e spegne cromatismi narrativi che guidano nella comprensione di un meccanismo introspettivo mai davvero circoscritto, e perciò dolorosamente inafferrabile. La rivalsa è servita, in tutta la sua spietatezza, ma una scrittura metaletteraria e metacinematografica come quella di Animali Notturni ci ricorda che una volta innescato, il movimento della vendetta rischia di diventare disperatamente perpetuo.

Commenti

Ultime recensioni Cinema / Visioni
locandina
Paul Verhoeven

Elle

8

Schermo nero e il suono della rottura di un vetro, poi gli occhi di un gatto che...
locandina
Moritz Siebert, Estephan Wagner, Abou Bakar Sidibé

Les Sauteurs

8

Se c’è un argomento che ci parla  dello spirito del tempo è il muro, il confine, la...
locandina
Jean-Loup Felicioli, Alain Gagnol

Phantom Boy

7

Un ragazzino leucemico viene ricoverato in ospedale per ricevere adeguate cure, conosce uno sbirro finito sulla sedia...
locandina
Pablo Larraìn

Jackie

8

Il volto in primo piano è quello che tutti conosciamo. Quello di un’icona del ventesimo secolo, una...
la-la-land-poster-festival
Damien Chazelle

La La Land

8

A un certo punto di Io e Annie Woody Allen, alla proposta di trasferirsi a Los Angeles,...
locandina
Benedetta Argentieri, Bruno Chiaravalloti, Claudio Jampaglia

Our War

8.5

Presentato Fuori Concorso alla 73° Mostra del Cinema di Venezia, Our War nasce dall’incontro tra i giornalisti...
locandina
Sergei Loznitsa

Austerlitz

8

Una macchina da presa fissa riprende il passaggio dei tanti turisti in visita nel campo di concentramento...
o-DOPO-AMORE-1-570
Joachim Lafosse

Dopo l'amore

8.5

La sequenza chiave di Dopo l’amore – nelle sale dopo i successi riscossi a Cannes e a...
locandina-2
Léa Fehner

Les Ogres

8

Se in una colonna sonora ricchissima a un certo punto appare “24 mila baci” di Adriano Celentano,...
arrival-nuova-locandina-in-italiano
Denis Villeneuve

Arrival

8.5

L’impressione è che Denis Villeneuve faccia film per diletto. I generi narrativi che gli servono allo scopo...
locandina
Martin Scorsese

Silence

9

Per più di 20 anni, Silence è stato il “prossimo film di Martin Scorsese”. Ora il progetto,...
locandina
Robert Zemeckis

Allied - Un'ombra nascosta

6

Tutto è più bello a Casablanca, anche la guerra. Max e Marianne si incontrano per la prima...
locandina
Morten Tyldum

Passengers

5

Si capisce che la sfiga è assoluta in Passengers sin dal principio. Immaginate gigantesca e lussuosa (astro)nave...
locandina
Gareth Edwards

Rogue One: A Star Wars Story

7

Parte contromano Rogue One: A Star Wars Story per i fedelissimi della fanfara di John Williams. Niente...
locandina
Gastón Duprat, Mariano Cohn

Il cittadino illustre

7.5

L’arte deve scuotere gli animi, nel bene o nel male. La letteratura e il cinema, in questo...