Il lavoro che Alex Garland fa sulla fascinazione in Annientamento è fortissimo, tanto da diventare un futuro caso di studio sul rapporto tra grande e piccolo schermo, sulla sorte di un film nato per il cinema  – girato in formato Panavision – e distribuito in gran parte del mondo on demand su Netflix. Una fascinazione a più livelli che parte dal romanzo di Jeff Vandermeer – il primo della trilogia dell’Area X – e che diventa forse il vero e proprio tema del film, tanto nel racconto quanto nella messinscena.

La protagonista Natalie Portman interpreta una donna che assieme ad altre scienziate si imbarca in un pericoloso viaggio dentro la Zona X, un luogo segreto da cui nessuno ha fatto ritorno, perlomeno vivo. L’obiettivo è scoprire cosa si celi dentro quell’area, ma anche cos’è successo al marito della protagonista, tornato in fin di vita senza cause né possibili cure. Romanziere, sceneggiatore e da poco regista (tra i più interessanti della fantascienza contemporanea, vedere per credere Ex-Machina), Garland realizza Annientamento partendo dal bisogno della scoperta, dalla passione per l’ignoto e il bisogno di scoprirlo che informa la migliore fantascienza, si potrebbe dire lo spirito stesso del genere.

Dalla fascinazione per la scoperta e per l’indagine scientifica, Garland si sposta alla fascinazione metafisica, utilizzando le possibilità visionarie della scienza e del futuro per parlare dell’uomo e soprattutto di ciò che lo trascende, per creare un limbo estetico e filosofico in cui la natura e la psiche, l’organico e il mistico sembrano diventare una cosa sola, dove le piante vivono, comunicano (l’orso che parla con le grida delle sue vittime è tra le sequenze più inquietanti degli ultimi anni) e il concetto stesso di identità diventa sfuggente, impalpabile e indefinito. E tutto ciò il regista lo realizza con una profonda fascinazione cinematografica, come un grande atto di fede nell’immagine, nella sua capacità creativa e suggestiva, in cui ogni colore, luce, riflesso, tono della fotografia antinaturalistica di Rob Hardy è pensato per creare passo dopo passo uno strato di apparente follia dietro cui celare il senso del film.

Una fascinazione che esplode in un magnifico e incredibile finale muto, tra piante umane, fiamme e uno splendido passo a due musicato da Barrow e Salisbury. Garland riesce a mescolare la densità descrittiva e scientifica, la ricchezza dei personaggi femminili, il ritmo ipnotico e l’immagine sontuosa facendo di Annientamento un incredibile cocktail di Michael Crichton, James Cameron e persino Andreij Tarkovskij. È il miglior film di fantascienza che possiate vedere di questi tempi, sia su grande che su piccolo schermo.

Commenti

Ultime recensioni Cinema / Visioni
locandina
Stefano Sollima

Soldado

7

Per il resto del mondo Soldado (o meglio, nel loro caso Day of the Soldado) è il...
locandina
Christopher McQuarrie

Mission: Impossible - Fallout

7

Giungono fondamentali conferme dall’ultimo episodio di Mission: Impossible. Una, neanche tanto sorprendente, riguarda il sempre gagliardo Tom...
locandina
Ari Aster

Hereditary

8

Meno male che l’hanno intuito tutti che Hereditary – Le radici del male marcia a un altro...
locandina
Gary Ross

Ocean's 8

6

Pace all’anima di Danny Ocean. In tutti i sensi. Più che giusto quindi che a ereditare il...
locandina
Rodrigo Cortés

Dark Hall

4

Il nuovo film di Rodrigo Cortés (Buried) ha un sottotitolo. Non immediatamente visibile: a volte ritornano. Un...
53917
Yorgos Lanthimos

Il sacrificio del cervo sacro

6.5

Indubbiamente l’unica salvezza di un film che pare non dare scampo a nessuno dei suoi personaggi è...
31170285_383905158779450_5862019829438873600_n
Yann Gonzalez

Knife + Heart

5

Di materiale per divertirsi nel nuovo film di Yann Gonzalez ce ne sarebbe parecchio: un assassino mascherato...
30420767-160224807978263-4557987999146023396-o_187a
Matteo Garrone

Dogman

8

In una storia che trasuderebbe vendetta, violenza, disagio mentale, atrocità fisiche degne del migliore (o peggiore) torture...
locandina (2)
Ron Howard

Solo: A Star Wars Story

7

L’universo di Star Wars è talmente pieno di immaginari – tra trilogie ufficiali, spin-off, serie animate, romanzi...
locandina
Ramin Bahrani

Fahrenheit 451

5

Saranno in molti a rimanere delusi dopo la visione di Fahrenheit 451, remake del film diretto da...
locandina (1)
Lars von Trier

The House That Jack Built

6

Primo titolo alternativo facile facile per The House that Jack Built, il nuovo film di Lars von...
Lazzaro_Felice_Poster_Film_FestivalCannes2018
Alice Rohrwacher

Lazzaro Felice

7

Il tempo si è fermato in Lazzaro felice, per Lazzaro e per la sua comunità. E il...
coverlg
Paul Dano

Wildlife

7

Montana, anni ’60. Una giovane famiglia americana come tante si è da poco trasferita in una nuova...
locandina
Asghar Farhadi

Everybody Knows

5.5

Una vecchia regola dell’analisi del film dice che dalla prima sequenza, a volte dai titoli di testa,...
loro-2-silvio-servillo
Paolo Sorrentino

Loro 2

8

“Essere buoni conviene”. Una filosofia di vita, di economia e soprattutto di politica: la bontà come merce...