L’apocalisse prossima ventura ha messo al tappeto l’umanità, quasi spazzata via dal virus T-113, in evidenza pandemica nelle prime scene, e attecchito in questo secondo capitolo del reboot de Il pianeta delle scimmie, ripartito nel 2011 con L’alba del pianeta delle scimmie. Un buon film, di cui Apes Revolution diretto da Matt Reeves è la continuazione ambientata dieci anni dopo. Sparito James Franco, resta Caesar, il primate evoluto diventato sovrano della foresta attorno a San Francisco. Ora anche padre e marito. Quando un gruppetto di umani, guidati dal giovane Malcolm (Jason Clarke), s’addentra nel bosco per far ripartire una centrale elettrica e incontra le scimmie, può manifestarsi soltanto l’ovvio caos. Chi era dato per estinto, torna alla carica per ripartire da zero (l’emozione di ascoltare un vecchio cd o di sfogliare un tablet potrebbe intenerire), ma appare allo sbando: una mandria di gente da spedire in gabbia o essa stessa bellicosa. La comunità di scimmie invece marcia fiera a cavallo come fosse una pelosissima legione romana. E caccia fuori suoni gutturali che risultano l’ABC di un nuovo ordine naturale. Insomma: non apes revolution, ma apes evolution. In attesa di assistere alla guerra vera contro gli umani, conclamata alla fine di due ore emozionanti, che vedremo però a partire dal capitolo tre. Pellicola che la Fox pare voglia affidare ancora al regista Matt Reeves.

Due gli schieramenti netti in Apes Revolution. Umani contro primati? Macché. Ci sono le scimmie guidate dal nobile Caesar, che degli uomini vorrebbe forse fidarsi mantenendo la pace, ma tiene (giustamente) famiglia; e ci sono le scimmie bellicose aizzate dal vendicativo Koba. Sabotatore ideologico con qualcosa di vagamente shakespeariano nel rovesciare il potere fregando a puntino il figlio di Caesar. Niente senato infingardo, niente tu quoque fili mi. Non ancora. Ci sono le scimmie come le conosciamo in questo capitolo secondo, a cui manca solo il monolite di Kubrick per l’estasi gnoseologica definitiva (le armi però le afferrano con la stessa grazia assassina delle cugine di 2001: Odissea nello spazio). Ci sono le scimmie come le conoscono gli umani del film, quindi avversarie nel dominio della Terra, ritratte con piglio deciso e valoroso, anche se non mancano occasionali slanci ironici: gli “stupidi” umani che ancora si dilettano a vedere una scimmia giocherellare faranno la fine… degli stupidi.

La meraviglia visiva che tiene in scacco lo schermo, in realtà ci sarà soltanto più chiara ammirando i backstage di Apes Revolution. Le scimmie sono umanissime. Hanno i volti, gli occhi magnetici e le posture di Andy Serkis (Caesar) e Toby Kebbell (Koba). Umani che diventano strumento digitalizzato di riproduzione dei pelosi primati con una efficienza tecnica superiore rispetto al capitolo precedente. L’universo distopico del film, tra guerra e pace, premia soprattutto la sontuosità del disfacimento urbano, la gloria della foresta servendosi di immagini affascinanti e ancestrali. E sontuoso è il ring per il prevedibile duello finale, dove la cacciata dal paradiso terrestre degli umani al cospetto dei loro successori avviene in quella torre semidistrutta che riporta a una lingua sola. Quella della guerra imminente.

 

Commenti

Ultime recensioni Cinema / Visioni
Outrage-0-Coda-620x329
Takeshi Kitano

Outrage Coda

6.5

Con Outrage Coda Takeshi Kitano conclude la trilogia iniziata nel 2010 con Outrage e proseguita nel 2012 con Outrage Beyond, campione d’incassi,...
HANNAH-Charlotte-Rampling-2017-1
Andrea Pallaoro

Hannah

5.5

Lunga vita a chi cerca nuove strade e toni originali per raccontare le storie al cinema, purchè...
lou_luttiau_shain_boumedine_ophelie_bau
Abdellatif Kechiche

Mektoub, My Love: Canto uno

7

Ci sono infiniti modi di essere curiosi della vita e di volerla esplorare cinematograficamente. Osservare i personaggi...
morelli-e-rossi-ammore-e-malavita
Manetti Bros

Ammore e malavita

7.5

‘Parigi ha la Tour Eiffel, Roma ha il Colosseo e Napoli ha le vele di Scampìa’: comincia...
sakamoto-coda
Stephen Schible

Ryuichi Sakamoto: Coda

6.5

In conferenza stampa Ryūichi Sakamoto continua a muovere le dita. A Venezia74 per presentare il docufilm girato...
coverlg
Frederick Wiseman

Ex libris

7.5

“Così può essere l’uomo: esternamente un lupo, ma nell’anima un unicorno”: siamo alla New York Public Library,...
coverlg
Paolo Virzì

The Leisure Seeker

7.5

Alla prima di The Leisure Seeker, in concorso a Venezia74, gli applausi per Paolo Virzì scattano già ai...
Lean-on-Pete-3-e1504274174891
Andrew Haigh

Lean on Pete

5

Di Lean on Pete di Andrew Haigh, film in Concorso a Venezia74, si potrebbero prevedere i punti...
DE7gkh6XcAA5Lso
Ritesh Batra

Our Souls at Night

8

Jane Fonda e Robert Redford, Leoni d’Oro alla carriera a Venezia74, sono i protagonisti di una delicata...
the-shape-of-water-trailer
Guillermo Del Toro

The Shape of Water

6

Chi lascia la sala prima della fine della proiezione e chi applaude ai titoli di coda. Il cinema...
59a6c77a88212
Alexander Payne

Downsizing

8

Avrebbe potuto rischiare di essere l’ennesimo film di fantascienza, Downsizing di Alexander Payne, se i suoi minuscoli...
okja-poster-1
Bong Joon-ho

Okja

7.5

La pietra dello scandalo. Il film che al recente festival di Cannes ha fatto scattare la fatwa...
locandina
David Michôd

War Machine

6

Un paio di gambe storte sorregge un corpo rigidamente costretto in una postura dall’aria innaturale: è la...
mucchio_blame_poster
Dal 20 maggio su Netflix

Blame

6.5

Almodovar, pietà. Il cinema made in Netflix è una figata. Soprattutto se recapitato per tutti, nello stesso...
8o8
Lynne Ramsay

You Were Never Really Here

7

Il cinema di Lynne Ramsay è un cinema psico-patologico, in cui il delirio dei personaggi si rispecchia...
yju545
François Ozon

L'amant double

4

Non si può dire che L’amant double, il nuovo film di François Ozon, non sia chiaro fin...