L’apocalisse prossima ventura ha messo al tappeto l’umanità, quasi spazzata via dal virus T-113, in evidenza pandemica nelle prime scene, e attecchito in questo secondo capitolo del reboot de Il pianeta delle scimmie, ripartito nel 2011 con L’alba del pianeta delle scimmie. Un buon film, di cui Apes Revolution diretto da Matt Reeves è la continuazione ambientata dieci anni dopo. Sparito James Franco, resta Caesar, il primate evoluto diventato sovrano della foresta attorno a San Francisco. Ora anche padre e marito. Quando un gruppetto di umani, guidati dal giovane Malcolm (Jason Clarke), s’addentra nel bosco per far ripartire una centrale elettrica e incontra le scimmie, può manifestarsi soltanto l’ovvio caos. Chi era dato per estinto, torna alla carica per ripartire da zero (l’emozione di ascoltare un vecchio cd o di sfogliare un tablet potrebbe intenerire), ma appare allo sbando: una mandria di gente da spedire in gabbia o essa stessa bellicosa. La comunità di scimmie invece marcia fiera a cavallo come fosse una pelosissima legione romana. E caccia fuori suoni gutturali che risultano l’ABC di un nuovo ordine naturale. Insomma: non apes revolution, ma apes evolution. In attesa di assistere alla guerra vera contro gli umani, conclamata alla fine di due ore emozionanti, che vedremo però a partire dal capitolo tre. Pellicola che la Fox pare voglia affidare ancora al regista Matt Reeves.

Due gli schieramenti netti in Apes Revolution. Umani contro primati? Macché. Ci sono le scimmie guidate dal nobile Caesar, che degli uomini vorrebbe forse fidarsi mantenendo la pace, ma tiene (giustamente) famiglia; e ci sono le scimmie bellicose aizzate dal vendicativo Koba. Sabotatore ideologico con qualcosa di vagamente shakespeariano nel rovesciare il potere fregando a puntino il figlio di Caesar. Niente senato infingardo, niente tu quoque fili mi. Non ancora. Ci sono le scimmie come le conosciamo in questo capitolo secondo, a cui manca solo il monolite di Kubrick per l’estasi gnoseologica definitiva (le armi però le afferrano con la stessa grazia assassina delle cugine di 2001: Odissea nello spazio). Ci sono le scimmie come le conoscono gli umani del film, quindi avversarie nel dominio della Terra, ritratte con piglio deciso e valoroso, anche se non mancano occasionali slanci ironici: gli “stupidi” umani che ancora si dilettano a vedere una scimmia giocherellare faranno la fine… degli stupidi.

La meraviglia visiva che tiene in scacco lo schermo, in realtà ci sarà soltanto più chiara ammirando i backstage di Apes Revolution. Le scimmie sono umanissime. Hanno i volti, gli occhi magnetici e le posture di Andy Serkis (Caesar) e Toby Kebbell (Koba). Umani che diventano strumento digitalizzato di riproduzione dei pelosi primati con una efficienza tecnica superiore rispetto al capitolo precedente. L’universo distopico del film, tra guerra e pace, premia soprattutto la sontuosità del disfacimento urbano, la gloria della foresta servendosi di immagini affascinanti e ancestrali. E sontuoso è il ring per il prevedibile duello finale, dove la cacciata dal paradiso terrestre degli umani al cospetto dei loro successori avviene in quella torre semidistrutta che riporta a una lingua sola. Quella della guerra imminente.

 

Commenti

Ultime recensioni Cinema / Visioni
53917
Yorgos Lanthimos

Il sacrificio del cervo sacro

6.5

Indubbiamente l’unica salvezza di un film che pare non dare scampo a nessuno dei suoi personaggi è...
31170285_383905158779450_5862019829438873600_n
Yann Gonzalez

Knife + Heart

5

Di materiale per divertirsi nel nuovo film di Yann Gonzalez ce ne sarebbe parecchio: un assassino mascherato...
30420767-160224807978263-4557987999146023396-o_187a
Matteo Garrone

Dogman

8

In una storia che trasuderebbe vendetta, violenza, disagio mentale, atrocità fisiche degne del migliore (o peggiore) torture...
locandina (2)
Ron Howard

Solo: A Star Wars Story

7

L’universo di Star Wars è talmente pieno di immaginari – tra trilogie ufficiali, spin-off, serie animate, romanzi...
locandina
Ramin Bahrani

Fahrenheit 451

5

Saranno in molti a rimanere delusi dopo la visione di Fahrenheit 451, remake del film diretto da...
locandina (1)
Lars von Trier

The House That Jack Built

6

Primo titolo alternativo facile facile per The House that Jack Built, il nuovo film di Lars von...
Lazzaro_Felice_Poster_Film_FestivalCannes2018
Alice Rohrwacher

Lazzaro Felice

7

Il tempo si è fermato in Lazzaro felice, per Lazzaro e per la sua comunità. E il...
coverlg
Paul Dano

Wildlife

7

Montana, anni ’60. Una giovane famiglia americana come tante si è da poco trasferita in una nuova...
locandina
Asghar Farhadi

Everybody Knows

5.5

Una vecchia regola dell’analisi del film dice che dalla prima sequenza, a volte dai titoli di testa,...
loro-2-silvio-servillo
Paolo Sorrentino

Loro 2

8

“Essere buoni conviene”. Una filosofia di vita, di economia e soprattutto di politica: la bontà come merce...
121430920-a984694f-d13d-4700-a5a4-199d673d0ae0
Paolo Sorrentino

Loro 1

SV

Tutto documentato. Tutto arbitrario. Tutto vero e tutto falso. Ma anche tutto troppo. Paolo Sorrentino ci tiene...
Tonya-poster
Craig Gillespie

Tonya

8

Questa è la storia di Tonya Harding, pattinatrice americana, e del suo tonfo professionale avvenuto nel 1994...
locandina
Steven Spielberg

Ready Player One

7.5

Sembra voler rispondere a una precisa domanda Ready Player One, il nuovo film di Steven Spielberg che...
locandina
Alex Garland

Annientamento

8.5

Il lavoro che Alex Garland fa sulla fascinazione in Annientamento è fortissimo, tanto da diventare un futuro...