arrival-nuova-locandina-in-italiano
Denis Villeneuve

Arrival

Fantascienza
8.5

L’impressione è che Denis Villeneuve faccia film per diletto. I generi narrativi che gli servono allo scopo sono subordinati a tale passione. Non è cinema fast-food il suo. Pensate all’effetto stimolante sullo spettatore, con tutti i cinecomics in circolazione (impeccabili e perfetti, ma senz’anima). Quasi non ti accorgi che dietro di lui, dietro Arrival, ci sono major come Paramount allettate a lavorare con il regista canadese a ogni costo. Poi c’è la classica postilla biografica, il fatto che, da ammiratore di 2001: Odissea nello spazio e dell’immancabile Incontri ravvicinati del terzo tipo (immancabile se ci sono alieni di passaggio su questa Terra che vogliono comunicare seriamente), Villeneuve attendeva da tempo di cimentarsi con la science fiction.

Tratto da un racconto di Ted Chiang, Storia della tua vita, riscritto e ampliato sullo schermo dalla penna efficace dello sceneggiatore Eric Heisserer, Arrival ti sbatte in faccia la presenza aliena ex abrupto. Non come nella doppia patacca Independence Day: recidiva asserzione hollywoodiana che gli extraterrestri ce l’hanno più grosso.
Ecco dunque dodici gigantesche navi a forma ovoidale ma con un lato spianato che si presentano in altrettante località strategiche del pianeta. I militari americani sono in subbuglio. La linguista Louise viene condotta sul sito e, assieme al fisico Ian, inizia una snervante dialettica con le entità aliene, chiamate eptapodi per la loro somiglianza
con le seppie. La comunicazione avviene attraverso un linguaggio simbolico, cerchi d’inchiostro, e uno schermo bianco, intimamente molto “cinematografico”, che separa le due civiltà. Fino al momento in cui un misunderstanding scatena il panico e la reazione delle maggiori potenze mondiali.

L’originale vertigine science fiction di Arrival in teoria dovrebbe annullare le domande scomode. Del tipo: a cosa somiglia il film di Villeneuve? Seguendo Amy Adams sullo schermo, una configurazione ideale potrebbe riesumare il caro vecchio Solaris di Tarkovskij fino a Interstellar di Nolan. Ma c’è ben altro in ballo. La vita personale della protagonista entra a far parte di un circuito più ampio di idee e ideologie. Il cinema come riflessione e anticipazione, prima che divulgatore di immagini ligie al dovere di intrattenere. Villeneuve sotto questo profilo certo non si fa mancare il meglio: anche lui, come noi, è irresistibilmente attratto dall’interno nella nave aliena, in una spazialità mobile priva di distrazioni. Si interessa ai progressi di decrittazione dei logogrammi, compone l’attesa degli incontri in un’accomodante parsimonia narrativa: lì dentro non ci vai a piacimento, sono gli alieni a convocare. L’audacia di chiudere i suoi personaggi in un luogo asettico e oscuro, quasi da caverna platonica, tra suoni gutturali per meglio rappresentare l’enigma da risolvere è l’antitesi alla gioiosa musicalità comunicativa di Spielberg in Incontri ravvicinati
del terzo tipo. Quindi: niente caleidoscopio di luci natalizie. Niente pathos da primo appuntamento.

In virtù di simili scelte, i momenti più toccanti e coinvolgenti sono proprio quelli che riguardano Amy Adams con se stessa, nello spazio e nel tempo stabilito da Villeneuve. Momenti irrevocabili che fanno di Arrival non soltanto un’opera controcorrente di fantascienza ma anche un film sul futuro. Ancora una volta nel suo cinema i personaggi femminili sono intuitivi e moderni: l’arte dell’ascolto, diceva in un’intervista il regista, è propria delle donne. Qui occorre sapere ascoltare, saper vedere. Ma al momento giusto.
È bravo Villeneuve a imporre la sua regola: divertirsi facendo cinema rompendo gli schemi. E Arrival, che parla anche delle divisioni culturali, politiche e sociali degli umani, è un’opera di transito. Estemporanea. Ahinoi, prossimamente oscurata da quel Blade Runner 2049 che il regista sta finendo di girare da qualche parte in Ungheria.

Commenti

Ultime recensioni Cinema / Visioni
locandina
David Michôd

War Machine

6

Un paio di gambe storte sorregge un corpo rigidamente costretto in una postura dall’aria innaturale: è la...
mucchio_blame_poster
Dal 20 maggio su Netflix

Blame

6.5

Almodovar, pietà. Il cinema made in Netflix è una figata. Soprattutto se recapitato per tutti, nello stesso...
8o8
Lynne Ramsay

You Were Never Really Here

7

Il cinema di Lynne Ramsay è un cinema psico-patologico, in cui il delirio dei personaggi si rispecchia...
yju545
François Ozon

L'amant double

4

Non si può dire che L’amant double, il nuovo film di François Ozon, non sia chiaro fin...
kkkk
Ben Safdie, Joshua Safdie

Good Time

7.5

La vitalità del cinema nasce spesso dalle sue contraddizioni: Good Time dei fratelli Ben e Joshua Safdie...
grrere
Eugene Jarecki

Promised land

7.5

“Mister I ain’t a boy, no I’m a man\and I believe in a promised land”. E’ il...
vfewry
Sean Baker

The Florida project

8

Dall’iPhone al 35 millimetri, per Sean Baker il sogno americano e le sue declinazioni passano anche dal...
locandina
Fabio Grassadonia, Antonio Piazza

Sicilian Ghost Story

6

In un bosco che somiglia a quello delle fiabe, due giovani adolescenti si scambiano un bacio affettuoso....
tyutyu
Robert Campillo

120 battements par minute

8

Un cuore accelerato o un ritmo travolgente che possono essere sinonimi o contrari. Per Robin Campillo i...
locandina
Todd Haynes

Wonderstruck

8

Questo è un racconto che richiede pazienza e lentezza. Lo scrive Julianne Moore al piccolo protagonista di...
locandina
Terrence Malick

Song to Song

8

«Non c’è nessuna forma d’arte come il cinema per colpire la coscienza, scuotere le emozioni e raggiungere...
622506603
Rossella Schillaci

Libere

8

La Resistenza raccontata da Rossella Schillaci in Libere, documentario in uscita il 20 aprile nelle sale italiane,...
locandina
Paul Verhoeven

Elle

8

Schermo nero e il suono della rottura di un vetro, poi gli occhi di un gatto che...