Una macchina da presa fissa riprende il passaggio dei tanti turisti in visita nel campo di concentramento nazista di Sachsenhausen, poco distante da Berlino. Le immagini sono in bianco e nero e sembrano non fare altro che immortalare gli sguardi vagamente curiosi di persone che seguono il percorso indicato loro dalle guide turistiche, lo stesso tragitto che ha condotto alla morte i prigionieri che in quel luogo sono stati reclusi e torturati. Sergei Loznitsa cerca di offrire uno sguardo neutrale su un fenomeno dalla logica complessa, partendo da un quesito al quale è difficile rispondere: perché, in una bella giornata di vacanza estiva, qualcuno dovrebbe decidere di visitare un campo di concentramento? Che cosa può trovare in quel luogo?
I suoi piani sequenza sono impietosamente reali e tangibili: mentre ascoltiamo qualche terrificante ricostruzione raccontata dalle guide, vediamo turisti fare selfie tra i crematori o nelle camere a gas, famiglie abbracciate e sorridenti sotto la scritta “Arbeit Macht Frei”, o gruppetti di ragazzi che mangiano i loro panini vicino alle fosse comuni. Un senso di irrefrenabile disgusto, figlio di un giudizio che appartiene al pubblico, prima ancora che al regista, pervade la visione, finché la riflessione assume sembianze più complesse. Quando lo sguardo di un passante incrocia quello della macchina da presa, e quindi il nostro, la prospettiva si duplica. Mentre noi guardiamo loro, loro guardano noi. Di fronte ad uno specchio che mostra una deviazione morale dalla quale nessuno è escluso, è impossibile banalizzare un giudizio che sembra già scritto, fin dal primo fotogramma: il “normale” comportamento delle persone, accettabile in qualunque altro luogo, qui ne diventa la sua eco. Un riverbero che si moltiplica all’infinito, tanto nello sguardo del pubblico in sala, quanto nelle fotografie scattate col cellulare. E scambiarsi i ruoli, probabilmente, non cambierebbe il risultato finale.

Commenti

Ultime recensioni Cinema / Visioni
622506603
Rossella Schillaci

Libere

8

La Resistenza raccontata da Rossella Schillaci in Libere, documentario in uscita il 20 aprile nelle sale italiane,...
locandina
Paul Verhoeven

Elle

8

Schermo nero e il suono della rottura di un vetro, poi gli occhi di un gatto che...
locandina
Moritz Siebert, Estephan Wagner, Abou Bakar Sidibé

Les Sauteurs

8

Se c’è un argomento che ci parla  dello spirito del tempo è il muro, il confine, la...
locandina
Jean-Loup Felicioli, Alain Gagnol

Phantom Boy

7

Un ragazzino leucemico viene ricoverato in ospedale per ricevere adeguate cure, conosce uno sbirro finito sulla sedia...
locandina
Pablo Larraìn

Jackie

8

Il volto in primo piano è quello che tutti conosciamo. Quello di un’icona del ventesimo secolo, una...
la-la-land-poster-festival
Damien Chazelle

La La Land

8

A un certo punto di Io e Annie Woody Allen, alla proposta di trasferirsi a Los Angeles,...
locandina
Benedetta Argentieri, Bruno Chiaravalloti, Claudio Jampaglia

Our War

8.5

Presentato Fuori Concorso alla 73° Mostra del Cinema di Venezia, Our War nasce dall’incontro tra i giornalisti...
locandina
Sergei Loznitsa

Austerlitz

8

Una macchina da presa fissa riprende il passaggio dei tanti turisti in visita nel campo di concentramento...
o-DOPO-AMORE-1-570
Joachim Lafosse

Dopo l'amore

8.5

La sequenza chiave di Dopo l’amore – nelle sale dopo i successi riscossi a Cannes e a...
locandina-2
Léa Fehner

Les Ogres

8

Se in una colonna sonora ricchissima a un certo punto appare “24 mila baci” di Adriano Celentano,...
arrival-nuova-locandina-in-italiano
Denis Villeneuve

Arrival

8.5

L’impressione è che Denis Villeneuve faccia film per diletto. I generi narrativi che gli servono allo scopo...
locandina
Martin Scorsese

Silence

9

Per più di 20 anni, Silence è stato il “prossimo film di Martin Scorsese”. Ora il progetto,...
locandina
Robert Zemeckis

Allied - Un'ombra nascosta

6

Tutto è più bello a Casablanca, anche la guerra. Max e Marianne si incontrano per la prima...
locandina
Morten Tyldum

Passengers

5

Si capisce che la sfiga è assoluta in Passengers sin dal principio. Immaginate gigantesca e lussuosa (astro)nave...