Una macchina da presa fissa riprende il passaggio dei tanti turisti in visita nel campo di concentramento nazista di Sachsenhausen, poco distante da Berlino. Le immagini sono in bianco e nero e sembrano non fare altro che immortalare gli sguardi vagamente curiosi di persone che seguono il percorso indicato loro dalle guide turistiche, lo stesso tragitto che ha condotto alla morte i prigionieri che in quel luogo sono stati reclusi e torturati. Sergei Loznitsa cerca di offrire uno sguardo neutrale su un fenomeno dalla logica complessa, partendo da un quesito al quale è difficile rispondere: perché, in una bella giornata di vacanza estiva, qualcuno dovrebbe decidere di visitare un campo di concentramento? Che cosa può trovare in quel luogo?
I suoi piani sequenza sono impietosamente reali e tangibili: mentre ascoltiamo qualche terrificante ricostruzione raccontata dalle guide, vediamo turisti fare selfie tra i crematori o nelle camere a gas, famiglie abbracciate e sorridenti sotto la scritta “Arbeit Macht Frei”, o gruppetti di ragazzi che mangiano i loro panini vicino alle fosse comuni. Un senso di irrefrenabile disgusto, figlio di un giudizio che appartiene al pubblico, prima ancora che al regista, pervade la visione, finché la riflessione assume sembianze più complesse. Quando lo sguardo di un passante incrocia quello della macchina da presa, e quindi il nostro, la prospettiva si duplica. Mentre noi guardiamo loro, loro guardano noi. Di fronte ad uno specchio che mostra una deviazione morale dalla quale nessuno è escluso, è impossibile banalizzare un giudizio che sembra già scritto, fin dal primo fotogramma: il “normale” comportamento delle persone, accettabile in qualunque altro luogo, qui ne diventa la sua eco. Un riverbero che si moltiplica all’infinito, tanto nello sguardo del pubblico in sala, quanto nelle fotografie scattate col cellulare. E scambiarsi i ruoli, probabilmente, non cambierebbe il risultato finale.

Commenti

Ultime recensioni Cinema / Visioni
okja-poster-1
Bong Joon-ho

Okja

7.5

La pietra dello scandalo. Il film che al recente festival di Cannes ha fatto scattare la fatwa...
locandina
David Michôd

War Machine

6

Un paio di gambe storte sorregge un corpo rigidamente costretto in una postura dall’aria innaturale: è la...
mucchio_blame_poster
Dal 20 maggio su Netflix

Blame

6.5

Almodovar, pietà. Il cinema made in Netflix è una figata. Soprattutto se recapitato per tutti, nello stesso...
8o8
Lynne Ramsay

You Were Never Really Here

7

Il cinema di Lynne Ramsay è un cinema psico-patologico, in cui il delirio dei personaggi si rispecchia...
yju545
François Ozon

L'amant double

4

Non si può dire che L’amant double, il nuovo film di François Ozon, non sia chiaro fin...
kkkk
Ben Safdie, Joshua Safdie

Good Time

7.5

La vitalità del cinema nasce spesso dalle sue contraddizioni: Good Time dei fratelli Ben e Joshua Safdie...
grrere
Eugene Jarecki

Promised land

7.5

“Mister I ain’t a boy, no I’m a man\and I believe in a promised land”. E’ il...
vfewry
Sean Baker

The Florida project

8

Dall’iPhone al 35 millimetri, per Sean Baker il sogno americano e le sue declinazioni passano anche dal...
locandina
Fabio Grassadonia, Antonio Piazza

Sicilian Ghost Story

6

In un bosco che somiglia a quello delle fiabe, due giovani adolescenti si scambiano un bacio affettuoso....
tyutyu
Robert Campillo

120 battements par minute

8

Un cuore accelerato o un ritmo travolgente che possono essere sinonimi o contrari. Per Robin Campillo i...
locandina
Todd Haynes

Wonderstruck

8

Questo è un racconto che richiede pazienza e lentezza. Lo scrive Julianne Moore al piccolo protagonista di...
locandina
Terrence Malick

Song to Song

8

«Non c’è nessuna forma d’arte come il cinema per colpire la coscienza, scuotere le emozioni e raggiungere...
622506603
Rossella Schillaci

Libere

8

La Resistenza raccontata da Rossella Schillaci in Libere, documentario in uscita il 20 aprile nelle sale italiane,...