Social prima di te. Parafrasando Enrico Ruggeri, una biografia di JT LeRoy potrebbe avere questo titolo: c’è una foto, tra le molte che scandiscono Author: The JT LeRoy Story, in cui Speedy – l’”assistente” di LeRoy – è a una cena di lusso e fotografa il cibo. Poco prima del 2000. È un esempio paradossale di come Laura Albert, in maniera del tutto istintiva e non premeditata, sia riuscita a sfruttare i meccanismi virali della celebrità per creare uno dei casi letterari di fine secolo scorso.

Jeff Feuerzeig racconta questo caso e la frode che nasconde facendo parlare direttamente Albert, ovvero la donna che creò LeRoy, uno pseudonimo divenuto poco a poco un personaggio, un avatar che raccoglie dentro di sé una vita, anzi un mondo. Perché Feuerzeig nel documentario da lui scritto parte dalla vita di Laura e del suo alter ego artistico e approda alla ricostruzione di un inganno colossale che, però, è lo specchio della comunità artistica e culturale che ha permesso, con le sue dinamiche, quello stesso inganno.

In primo o primissimo piano, sullo sfondo di un romanzo di LeRoy e di una musica continua che ne accompagna le parole, Albert racconta in parallelo le cause (una vita non facile, anzi) che hanno portato alla nascita di LeRoy e le conseguenze: ma ciò che colpisce sono le porte che apre, le filigrane di questa storia incredibile. Innanzitutto la descrizione ironica e sferzante del microcosmo glamour losangelino e statunitense – da Billy Corgan a Courtney Love che sniffa in diretta telefonica – che ha contribuito in modo fondamentale all’escalation di LeRoy e alla trasmutazione da fenomeno letterario a culto pop; e più a fondo una riflessione su come l’autenticità in arte sia mera costruzione, in cui più l’artificio diventa grande e globale (spassosi i momenti con Asia Argento che dirigerà il film tratto da “Ingannevole è il cuore sopra ogni cosa” o con Bono Vox) più sia indistinguibile dalla verità che lo crea.

E Feuerzeig, con uso ossessivo di fotografie e registrazioni audio, immortala con evidenza come le strategie di consenso e comunicazione della celebrità siano le stesse su cui nasceranno i social network più di 10 anni dopo, la condivisione, evidenziare la propria presenza, far sentire al mondo e soprattutto a sé stessi la propria esistenza, il proprio essere arrivati, anche se solo davanti a un piatto al ristorante. Frenato solo da una messinscena ridondante in cui i suoni e le immagini si raddoppiano con le parole, Author: The JT LeRoy Story è un film appassionato e appassionante, che con intelligenza e coerenza non svela del tutto l’ambiguità di Albert e della sua mente manipolatrice: provate voi a credere alla sua ultima confessione dopo aver seguito tutto il processo.

Commenti

Ultime recensioni Cinema / Visioni
locandina
Paul Verhoeven

Elle

8

Schermo nero e il suono della rottura di un vetro, poi gli occhi di un gatto che...
locandina
Moritz Siebert, Estephan Wagner, Abou Bakar Sidibé

Les Sauteurs

8

Se c’è un argomento che ci parla  dello spirito del tempo è il muro, il confine, la...
locandina
Jean-Loup Felicioli, Alain Gagnol

Phantom Boy

7

Un ragazzino leucemico viene ricoverato in ospedale per ricevere adeguate cure, conosce uno sbirro finito sulla sedia...
locandina
Pablo Larraìn

Jackie

8

Il volto in primo piano è quello che tutti conosciamo. Quello di un’icona del ventesimo secolo, una...
la-la-land-poster-festival
Damien Chazelle

La La Land

8

A un certo punto di Io e Annie Woody Allen, alla proposta di trasferirsi a Los Angeles,...
locandina
Benedetta Argentieri, Bruno Chiaravalloti, Claudio Jampaglia

Our War

8.5

Presentato Fuori Concorso alla 73° Mostra del Cinema di Venezia, Our War nasce dall’incontro tra i giornalisti...
locandina
Sergei Loznitsa

Austerlitz

8

Una macchina da presa fissa riprende il passaggio dei tanti turisti in visita nel campo di concentramento...
o-DOPO-AMORE-1-570
Joachim Lafosse

Dopo l'amore

8.5

La sequenza chiave di Dopo l’amore – nelle sale dopo i successi riscossi a Cannes e a...
locandina-2
Léa Fehner

Les Ogres

8

Se in una colonna sonora ricchissima a un certo punto appare “24 mila baci” di Adriano Celentano,...
arrival-nuova-locandina-in-italiano
Denis Villeneuve

Arrival

8.5

L’impressione è che Denis Villeneuve faccia film per diletto. I generi narrativi che gli servono allo scopo...
locandina
Martin Scorsese

Silence

9

Per più di 20 anni, Silence è stato il “prossimo film di Martin Scorsese”. Ora il progetto,...
locandina
Robert Zemeckis

Allied - Un'ombra nascosta

6

Tutto è più bello a Casablanca, anche la guerra. Max e Marianne si incontrano per la prima...
locandina
Morten Tyldum

Passengers

5

Si capisce che la sfiga è assoluta in Passengers sin dal principio. Immaginate gigantesca e lussuosa (astro)nave...
locandina
Gareth Edwards

Rogue One: A Star Wars Story

7

Parte contromano Rogue One: A Star Wars Story per i fedelissimi della fanfara di John Williams. Niente...
locandina
Gastón Duprat, Mariano Cohn

Il cittadino illustre

7.5

L’arte deve scuotere gli animi, nel bene o nel male. La letteratura e il cinema, in questo...