Social prima di te. Parafrasando Enrico Ruggeri, una biografia di JT LeRoy potrebbe avere questo titolo: c’è una foto, tra le molte che scandiscono Author: The JT LeRoy Story, in cui Speedy – l’”assistente” di LeRoy – è a una cena di lusso e fotografa il cibo. Poco prima del 2000. È un esempio paradossale di come Laura Albert, in maniera del tutto istintiva e non premeditata, sia riuscita a sfruttare i meccanismi virali della celebrità per creare uno dei casi letterari di fine secolo scorso.

Jeff Feuerzeig racconta questo caso e la frode che nasconde facendo parlare direttamente Albert, ovvero la donna che creò LeRoy, uno pseudonimo divenuto poco a poco un personaggio, un avatar che raccoglie dentro di sé una vita, anzi un mondo. Perché Feuerzeig nel documentario da lui scritto parte dalla vita di Laura e del suo alter ego artistico e approda alla ricostruzione di un inganno colossale che, però, è lo specchio della comunità artistica e culturale che ha permesso, con le sue dinamiche, quello stesso inganno.

In primo o primissimo piano, sullo sfondo di un romanzo di LeRoy e di una musica continua che ne accompagna le parole, Albert racconta in parallelo le cause (una vita non facile, anzi) che hanno portato alla nascita di LeRoy e le conseguenze: ma ciò che colpisce sono le porte che apre, le filigrane di questa storia incredibile. Innanzitutto la descrizione ironica e sferzante del microcosmo glamour losangelino e statunitense – da Billy Corgan a Courtney Love che sniffa in diretta telefonica – che ha contribuito in modo fondamentale all’escalation di LeRoy e alla trasmutazione da fenomeno letterario a culto pop; e più a fondo una riflessione su come l’autenticità in arte sia mera costruzione, in cui più l’artificio diventa grande e globale (spassosi i momenti con Asia Argento che dirigerà il film tratto da “Ingannevole è il cuore sopra ogni cosa” o con Bono Vox) più sia indistinguibile dalla verità che lo crea.

E Feuerzeig, con uso ossessivo di fotografie e registrazioni audio, immortala con evidenza come le strategie di consenso e comunicazione della celebrità siano le stesse su cui nasceranno i social network più di 10 anni dopo, la condivisione, evidenziare la propria presenza, far sentire al mondo e soprattutto a sé stessi la propria esistenza, il proprio essere arrivati, anche se solo davanti a un piatto al ristorante. Frenato solo da una messinscena ridondante in cui i suoni e le immagini si raddoppiano con le parole, Author: The JT LeRoy Story è un film appassionato e appassionante, che con intelligenza e coerenza non svela del tutto l’ambiguità di Albert e della sua mente manipolatrice: provate voi a credere alla sua ultima confessione dopo aver seguito tutto il processo.

Commenti

Ultime recensioni Cinema / Visioni
locandina
David Michôd

War Machine

6

Un paio di gambe storte sorregge un corpo rigidamente costretto in una postura dall’aria innaturale: è la...
mucchio_blame_poster
Dal 20 maggio su Netflix

Blame

6.5

Almodovar, pietà. Il cinema made in Netflix è una figata. Soprattutto se recapitato per tutti, nello stesso...
8o8
Lynne Ramsay

You Were Never Really Here

7

Il cinema di Lynne Ramsay è un cinema psico-patologico, in cui il delirio dei personaggi si rispecchia...
yju545
François Ozon

L'amant double

4

Non si può dire che L’amant double, il nuovo film di François Ozon, non sia chiaro fin...
kkkk
Ben Safdie, Joshua Safdie

Good Time

7.5

La vitalità del cinema nasce spesso dalle sue contraddizioni: Good Time dei fratelli Ben e Joshua Safdie...
grrere
Eugene Jarecki

Promised land

7.5

“Mister I ain’t a boy, no I’m a man\and I believe in a promised land”. E’ il...
vfewry
Sean Baker

The Florida project

8

Dall’iPhone al 35 millimetri, per Sean Baker il sogno americano e le sue declinazioni passano anche dal...
locandina
Fabio Grassadonia, Antonio Piazza

Sicilian Ghost Story

6

In un bosco che somiglia a quello delle fiabe, due giovani adolescenti si scambiano un bacio affettuoso....
tyutyu
Robert Campillo

120 battements par minute

8

Un cuore accelerato o un ritmo travolgente che possono essere sinonimi o contrari. Per Robin Campillo i...
locandina
Todd Haynes

Wonderstruck

8

Questo è un racconto che richiede pazienza e lentezza. Lo scrive Julianne Moore al piccolo protagonista di...
locandina
Terrence Malick

Song to Song

8

«Non c’è nessuna forma d’arte come il cinema per colpire la coscienza, scuotere le emozioni e raggiungere...
622506603
Rossella Schillaci

Libere

8

La Resistenza raccontata da Rossella Schillaci in Libere, documentario in uscita il 20 aprile nelle sale italiane,...
locandina
Paul Verhoeven

Elle

8

Schermo nero e il suono della rottura di un vetro, poi gli occhi di un gatto che...