Quando Ethan Hawke e Julie Delpy vennero convocati sul set di Before Sunrise da Richard Linklater nell’ormai remoto 1995, erano preoccupati dalla quantità di dialogo che il regista voleva immettere nel film. In cui, di fatto, non succedeva poi molto, a parte l’incontro di due giovani di belle speranze su un treno, con tutte le implicazioni che precedono un innamoramento. Linklater disse loro che lui non aveva mai vissuto un incidente aereo, non aveva mai fatto spionaggio e non aveva mai viaggiato in una navicella spaziale, eppure la sua vita era piena di drammaticità. E la cosa più drammatica che gli era successa era stata entrare in intimità con qualcuno, così aveva deciso di fare una trilogia sulla connessione che si stabilisce tra due esseri umani. Tutte le chiacchiere su politica, sesso, sogni e religione servivano solo a svelare “lo spazio che si scopre tra due persone”.

Diciotto anni dopo (sì, messa così è davvero una quantità impressionante di tempo) Linklater tiene ancora fede a quel vecchio proposito. Before Midnight è la chiosa finale (ma su questo punto cast e regista sono vaghi e potrebbero anche tornare) su una storia d’amore nata per caso, proseguita per incidente e destinata a non si sa quale esito. Abbiamo conosciuto i personaggi di Delpy e Hawke in Austria, li abbiamo inseguiti a Parigi e li ritroviamo oggi in una Grecia forse un po’ stereotipata con tutte quelle cene, quelle terrazze e quegli ulivi. È l’unico neo in un film altrimenti riuscitissimo, ma del resto lo sfondo geografico nella trilogia è sempre stato un pretesto. Before Midnight è un’esperienza dolorosa e liberatoria. Guardarlo equivale a essere denudati in sala: se Linklater ci aveva incantati con il possibile, adesso ci strugge con la drammatica riduzione di possibilità e la commozione di condividere questa limitazione con un’altra persona. I dialoghi e gli incastri dei protagonisti sono talmente familiari e ben oliati, talmente naturali che durante la visione del film uno pensa a tutto: a lasciarsi, a divorziare, a tradire, a non fare figli, a non ripensare al passato per evitare di rendersi conto che non è più il ragazzo o quella ragazza sul treno di Before Sunrise. Ma Linklater è un regista troppo intelligente per credere che la mezza età sia solo amarezza e un corpo che sfiorisce, e la sua visione è più ampia. Così il film diventa l’occasione per riflettere anche su come cambia l’amore con il progresso; in un dialogo a cena due ragazzi confessano di essersi fidanzati via Skype, di mantenere il legame in vita anche a distanza e di non essere scioccati dalla prospettiva che possa finire. L’amore non è tutto quel che li definisce, e quando Hawke racconta di come lui e Delpy si sono conosciuti, i giovani sono divertiti ma anche un po’ perplessi: è come se qualcuno gli stesse spiegando la funzione di una ruota per la prima volta. Nel loro mondo quel tipo di romanticismo non è esattamente contemplato. A quel punto lo spettatore si chiede cosa sarebbe successo ai protagonisti se avessero potuto fare sexting o scambiarsi messaggi con Whatsapp quando si sono incontrati la prima volta: anche senza essere luddisti, la conclusione che se ne trae non è delle migliori; molto probabilmente, la fiamma si sarebbe estinta prima.

Durante la visione del film, capiterà ora di identificarsi nel personaggio di Hawke, ora in quello di Delpy, in un interessante riposizionamento del maschile e del femminile e delle aspettative che sono connesse al genere: il modo in cui il regsista riesce a discutere di adulterio e maternità, mettendo in campo anche l’imbarazzo dei propri corpi, è davvero da manuale. Il completamento di un percorso comporta necessariamente malinconia, e dopo aver visto Before Sunrise ci si sentirà davvero un po’ più scoperti e impacciati. Ma, per qualche ora almeno, ci si sentirà anche salvati. Come insegna Linklater, entrare in intimità con qualcuno è un dramma e una vertigine per tutti.

Pubblicato sul Mucchio 711

Ultime recensioni Cinema / Visioni
locandina
Christian Duguay

Un sacchetto di biglie

7.5

Nella Parigi invasa dai nazisti, Joseph Joffo e il fratello Maurice si divertono spensierati. Il padre Roman...
locandina
Woody Allen

La ruota delle meraviglie

4.5

“Ho qualche guaio tra fantasia e realtà”: lo diceva Alvy/Allen in Io e Annie. Era il 1977...
locandina
Julien Temple

My Life Story

7

Più che un film, My Life Story è una testimonianza di cosa sia un entertainer, di cosa...
254690
Kantemir Balagov

Closeness

7.5

Comunicare la desolazione è cosa molto differente dall’esprimere la depressione. In quella sfumatura tra mimesi piatta e...
locandina
Colin Trevorrow

Il libro di Henry

5

La recensione più breve del mondo: Il libro di Henry sucks. Lo si scrive con un po’...
locandina
Kathryn Bigelow

Detroit

9

Kathryn Bigelow sta al cinema d’azione come George Romero sta al cinema d’orrore: ha introdotto nel genere,...
locandina
Janus Metz Pedersen

Borg McEnroe

6

Si dice che il tennis sia uno sport poco adatto al cinema. Per cercare di smentire questa...
gospel_604_alk_s_binder2_016-h_2017
Jennifer Lebeau

Trouble No More

6.5

“Puoi chiamarmi Bobby, puoi chiamarmi Zimmy /Puoi chiamarmi in ogni modo ma non importa quello che tu...
v1.bTsxMjMyNzU0OTtqOzE3NTEyOzEyMDA7Mjg0OzQwNQ
Philippe Van Leeuw

Insyriated

5.5

La guerra in Siria, o in un luogo analogo, fa parte dell’oppressione quotidiana, non è una tensione...
54108
Paolo e Vittorio Taviani

Una questione privata

5

È il 1943. Sulle colline delle Langhe le brigate dei partigiani combattono i fascisti. Gli scontri sono...
screen-shot-2017-09-05-at-1-22-03-pm
Scott Cooper

Hostiles

7.5

È più moderno che classico Hostiles (e di sicuro non classicista), più crepuscolare che mitologico. Il film...
locandina
Andy Muschietti

It

7.5

E alla fine arrivò It. L’abbiamo sognato, temuto a lungo. Ci ha indottrinato a meraviglia grazie ai...
locandina
Jonathan Dayton, Valerie Faris

La battaglia dei sessi

6

È interessante il modo sottile, quasi “subdolo”, con cui La battaglia dei sessi racconta un personaggio per...
locandina
Leonardo Di Costanzo

L'intrusa

8

“Succede che per salvare qualcuno devi escludere altri.” E’ partito da qui Leonardo Di Costanzo, da un...
locandina
Denis Villeneuve

Blade Runner 2049

8

“Hai mai visto un miracolo?” chiede Dave Bautista a Ryan Gosling all’inizio di Blade Runner 2049. La...