Quando Ethan Hawke e Julie Delpy vennero convocati sul set di Before Sunrise da Richard Linklater nell’ormai remoto 1995, erano preoccupati dalla quantità di dialogo che il regista voleva immettere nel film. In cui, di fatto, non succedeva poi molto, a parte l’incontro di due giovani di belle speranze su un treno, con tutte le implicazioni che precedono un innamoramento. Linklater disse loro che lui non aveva mai vissuto un incidente aereo, non aveva mai fatto spionaggio e non aveva mai viaggiato in una navicella spaziale, eppure la sua vita era piena di drammaticità. E la cosa più drammatica che gli era successa era stata entrare in intimità con qualcuno, così aveva deciso di fare una trilogia sulla connessione che si stabilisce tra due esseri umani. Tutte le chiacchiere su politica, sesso, sogni e religione servivano solo a svelare “lo spazio che si scopre tra due persone”.

Diciotto anni dopo (sì, messa così è davvero una quantità impressionante di tempo) Linklater tiene ancora fede a quel vecchio proposito. Before Midnight è la chiosa finale (ma su questo punto cast e regista sono vaghi e potrebbero anche tornare) su una storia d’amore nata per caso, proseguita per incidente e destinata a non si sa quale esito. Abbiamo conosciuto i personaggi di Delpy e Hawke in Austria, li abbiamo inseguiti a Parigi e li ritroviamo oggi in una Grecia forse un po’ stereotipata con tutte quelle cene, quelle terrazze e quegli ulivi. È l’unico neo in un film altrimenti riuscitissimo, ma del resto lo sfondo geografico nella trilogia è sempre stato un pretesto. Before Midnight è un’esperienza dolorosa e liberatoria. Guardarlo equivale a essere denudati in sala: se Linklater ci aveva incantati con il possibile, adesso ci strugge con la drammatica riduzione di possibilità e la commozione di condividere questa limitazione con un’altra persona. I dialoghi e gli incastri dei protagonisti sono talmente familiari e ben oliati, talmente naturali che durante la visione del film uno pensa a tutto: a lasciarsi, a divorziare, a tradire, a non fare figli, a non ripensare al passato per evitare di rendersi conto che non è più il ragazzo o quella ragazza sul treno di Before Sunrise. Ma Linklater è un regista troppo intelligente per credere che la mezza età sia solo amarezza e un corpo che sfiorisce, e la sua visione è più ampia. Così il film diventa l’occasione per riflettere anche su come cambia l’amore con il progresso; in un dialogo a cena due ragazzi confessano di essersi fidanzati via Skype, di mantenere il legame in vita anche a distanza e di non essere scioccati dalla prospettiva che possa finire. L’amore non è tutto quel che li definisce, e quando Hawke racconta di come lui e Delpy si sono conosciuti, i giovani sono divertiti ma anche un po’ perplessi: è come se qualcuno gli stesse spiegando la funzione di una ruota per la prima volta. Nel loro mondo quel tipo di romanticismo non è esattamente contemplato. A quel punto lo spettatore si chiede cosa sarebbe successo ai protagonisti se avessero potuto fare sexting o scambiarsi messaggi con Whatsapp quando si sono incontrati la prima volta: anche senza essere luddisti, la conclusione che se ne trae non è delle migliori; molto probabilmente, la fiamma si sarebbe estinta prima.

Durante la visione del film, capiterà ora di identificarsi nel personaggio di Hawke, ora in quello di Delpy, in un interessante riposizionamento del maschile e del femminile e delle aspettative che sono connesse al genere: il modo in cui il regsista riesce a discutere di adulterio e maternità, mettendo in campo anche l’imbarazzo dei propri corpi, è davvero da manuale. Il completamento di un percorso comporta necessariamente malinconia, e dopo aver visto Before Sunrise ci si sentirà davvero un po’ più scoperti e impacciati. Ma, per qualche ora almeno, ci si sentirà anche salvati. Come insegna Linklater, entrare in intimità con qualcuno è un dramma e una vertigine per tutti.

Pubblicato sul Mucchio 711

Ultime recensioni Cinema / Visioni
locandina
Andy Muschietti

It

7.5

E alla fine arrivò It. L’abbiamo sognato, temuto a lungo. Ci ha indottrinato a meraviglia grazie ai...
locandina
Jonathan Dayton, Valerie Faris

La battaglia dei sessi

6

È interessante il modo sottile, quasi “subdolo”, con cui La battaglia dei sessi racconta un personaggio per...
locandina
Leonardo Di Costanzo

L'intrusa

8

“Succede che per salvare qualcuno devi escludere altri.” E’ partito da qui Leonardo Di Costanzo, da un...
locandina
Denis Villeneuve

Blade Runner 2049

8

“Hai mai visto un miracolo?” chiede Dave Bautista a Ryan Gosling all’inizio di Blade Runner 2049. La...
Outrage-0-Coda-620x329
Takeshi Kitano

Outrage Coda

6.5

Con Outrage Coda Takeshi Kitano conclude la trilogia iniziata nel 2010 con Outrage e proseguita nel 2012 con Outrage Beyond, campione d’incassi,...
HANNAH-Charlotte-Rampling-2017-1
Andrea Pallaoro

Hannah

5.5

Lunga vita a chi cerca nuove strade e toni originali per raccontare le storie al cinema, purchè...
lou_luttiau_shain_boumedine_ophelie_bau
Abdellatif Kechiche

Mektoub, My Love: Canto uno

7

Ci sono infiniti modi di essere curiosi della vita e di volerla esplorare cinematograficamente. Osservare i personaggi...
morelli-e-rossi-ammore-e-malavita
Manetti Bros

Ammore e malavita

7.5

‘Parigi ha la Tour Eiffel, Roma ha il Colosseo e Napoli ha le vele di Scampìa’: comincia...
sakamoto-coda
Stephen Schible

Ryuichi Sakamoto: Coda

6.5

In conferenza stampa Ryūichi Sakamoto continua a muovere le dita. A Venezia74 per presentare il docufilm girato...
coverlg
Frederick Wiseman

Ex libris

7.5

“Così può essere l’uomo: esternamente un lupo, ma nell’anima un unicorno”: siamo alla New York Public Library,...
coverlg
Paolo Virzì

The Leisure Seeker

7.5

Alla prima di The Leisure Seeker, in concorso a Venezia74, gli applausi per Paolo Virzì scattano già ai...
Lean-on-Pete-3-e1504274174891
Andrew Haigh

Lean on Pete

5

Di Lean on Pete di Andrew Haigh, film in Concorso a Venezia74, si potrebbero prevedere i punti...
DE7gkh6XcAA5Lso
Ritesh Batra

Our Souls at Night

8

Jane Fonda e Robert Redford, Leoni d’Oro alla carriera a Venezia74, sono i protagonisti di una delicata...
the-shape-of-water-trailer
Guillermo Del Toro

The Shape of Water

6

Chi lascia la sala prima della fine della proiezione e chi applaude ai titoli di coda. Il cinema...
59a6c77a88212
Alexander Payne

Downsizing

8

Avrebbe potuto rischiare di essere l’ennesimo film di fantascienza, Downsizing di Alexander Payne, se i suoi minuscoli...
okja-poster-1
Bong Joon-ho

Okja

7.5

La pietra dello scandalo. Il film che al recente festival di Cannes ha fatto scattare la fatwa...