between-us-indie-movie
Rafael Palacio Illingworth

Between Us

7

A  Rafael Palacio Illingworth riesce un’operazione niente affatto semplice: rendere toccanti e coinvolgenti dei cliché narrativi, fargli superare lo status di banalità per coglierne il senso universale. La sua opera seconda Between Us, film d’apertura del Torino Film Festival 2016, lo fa prendendo il racconto dell’esplosione di una coppia e guardandola dal di dentro, auscultandone i sussulti, le grida, gli spasimi d’amore che provano a emergere dalla noia e dal rancore.

Tutto accade quando i due protagonisti, dopo una vita di coppia serena e sincera, a tratti felice, decidono di sposarsi: questo manderà in crisi le loro certezze costringendoli a fare i conti con loro stessi e con le persone che li circondano. Scritto dal regista, Between Us è una commedia drammatica che omaggia il cinema del Cassavetes più “sentimentale” e cerca di aggiornarla alla società contemporanea, al senso di precarietà esistenziale e materiale su cui pare fondarsi.

Nel raccontare il prima e il dopo la frattura di una coppia, le cause e gli effetti, Illingworth si concentra sulla coppia, ne prende il punto di vista per poi sdoppiarlo, mette il dito tra futuri moglie e marito non solo per comunicarne gli spostamenti dell’amore e del desiderio verso altre persone ma soprattutto per mettere a nudo sentimenti e psicologie, per riflettere attraverso di loro anche sul modo in cui quella frattura riscrive il nostro rapporto con gli altri, e come anche le pressioni sociali siano tra le cause di quella frattura.

Il regista sceglie la precisione del chirurgo in sede di scrittura, scavando evidentemente nella propria vita e in quelle di chi lo circonda, trovando nelle parole e nei gesti minimi dei personaggi il minimo comun denominatore con lo spettatore; ma allo stesso tempo come regista si cala nei panni di chi sta raccontando con calda naturalezza, lasciando a Olivia Thirlby e Ben Feldman la possibilità di conoscersi e di improvvisare, regalando dialoghi e sequenze (come quella finale) in cui la recitazione diventa regia e il pubblico può sentirsi parte, e non solo spettatore, di una famiglia e dei suoi romantici disagi. È un film in cui non mancano inciampi e sbavature, ma è anche un film che preferisce una nube di inquietudine alla perfezione, perché sa perfettamente che in quell’incertezza sta il segreto dell’amore.

Commenti

Ultime recensioni Cinema / Visioni
622506603
Rossella Schillaci

Libere

8

La Resistenza raccontata da Rossella Schillaci in Libere, documentario in uscita il 20 aprile nelle sale italiane,...
locandina
Paul Verhoeven

Elle

8

Schermo nero e il suono della rottura di un vetro, poi gli occhi di un gatto che...
locandina
Moritz Siebert, Estephan Wagner, Abou Bakar Sidibé

Les Sauteurs

8

Se c’è un argomento che ci parla  dello spirito del tempo è il muro, il confine, la...
locandina
Jean-Loup Felicioli, Alain Gagnol

Phantom Boy

7

Un ragazzino leucemico viene ricoverato in ospedale per ricevere adeguate cure, conosce uno sbirro finito sulla sedia...
locandina
Pablo Larraìn

Jackie

8

Il volto in primo piano è quello che tutti conosciamo. Quello di un’icona del ventesimo secolo, una...
la-la-land-poster-festival
Damien Chazelle

La La Land

8

A un certo punto di Io e Annie Woody Allen, alla proposta di trasferirsi a Los Angeles,...
locandina
Benedetta Argentieri, Bruno Chiaravalloti, Claudio Jampaglia

Our War

8.5

Presentato Fuori Concorso alla 73° Mostra del Cinema di Venezia, Our War nasce dall’incontro tra i giornalisti...
locandina
Sergei Loznitsa

Austerlitz

8

Una macchina da presa fissa riprende il passaggio dei tanti turisti in visita nel campo di concentramento...
o-DOPO-AMORE-1-570
Joachim Lafosse

Dopo l'amore

8.5

La sequenza chiave di Dopo l’amore – nelle sale dopo i successi riscossi a Cannes e a...
locandina-2
Léa Fehner

Les Ogres

8

Se in una colonna sonora ricchissima a un certo punto appare “24 mila baci” di Adriano Celentano,...
arrival-nuova-locandina-in-italiano
Denis Villeneuve

Arrival

8.5

L’impressione è che Denis Villeneuve faccia film per diletto. I generi narrativi che gli servono allo scopo...
locandina
Martin Scorsese

Silence

9

Per più di 20 anni, Silence è stato il “prossimo film di Martin Scorsese”. Ora il progetto,...
locandina
Robert Zemeckis

Allied - Un'ombra nascosta

6

Tutto è più bello a Casablanca, anche la guerra. Max e Marianne si incontrano per la prima...
locandina
Morten Tyldum

Passengers

5

Si capisce che la sfiga è assoluta in Passengers sin dal principio. Immaginate gigantesca e lussuosa (astro)nave...