254690
Kantemir Balagov

Closeness

7.5

Comunicare la desolazione è cosa molto differente dall’esprimere la depressione. In quella sfumatura tra mimesi piatta e rappresentazione, tra capacità creativa di rielaborare un sentimento e la sua “imitazione” si pone Closeness (Tesnota in originale), l’esordio di Kantemir Balagov, sorprendente allievo di Aleksandr Sokurov.

Il film è ambientato sul finire degli anni ’90, nella Russia caucasica, dove una famiglia ebraica viene sconvolta dal rapimento del secondogenito, appena fidanzatosi: i soldi per il riscatto non ci sono e la solidarietà della comunità non basta, spingendo il nucleo oltre i loro limiti psicologici. Closeness è un dramma familiare scritto dal regista con Anton Yarush, giocato sempre sul filo di una tensione narrativa e formale sempre accesa in cui l’obiettivo registico è mettere alla prova personaggi e protagonisti.

Con un uso dell’immagine in 4:3 finalmente intelligente e non artisticamente di tendenza, in cui le immagini ingabbiano i personaggi e allo stesso tempo fanno entrare lo spettatore dentro i loro sguardi e pensieri, Closeness è un film che lavora con rigore ed estro sugli elementi primari della messinscena per comunicare idee, emozioni, discorsi: l’impasto dei colori, le scenografie e le attrezzature “povere” ma finemente utilizzate, l’atmosfera scaturita dalla composizione delle inquadrature e del montaggio servono per sezionare una famiglia – in un contesto storico e culturale preciso e quindi con risvolti storici interessanti (il conflitto ceceno e i suoi risvolti) – e farne lo specchio di una società e la riflessione su di un paese.

Balagov si stringe sugli ottimi attori e va sempre più a fondo fino a concentrare l’intero sguardo sulla bravissima protagonista Darya Zhovnar facendo di lei e dei fardelli che deve sopportare in nome della famiglia un ulteriore strato nel discorso socio-politico del film. Questa complessità formale e concettuale, Closeness la declina con un tocco felice, in cui il pubblico non è il passivo spettatore di disgrazie fredde, ma diventa parte di un meccanismo di suspense e tensione morale. Ulteriore dimostrazione del talento di Balagov, un regista da non perdere d’occhio.

Commenti

Ultime recensioni Cinema / Visioni
locandina
Ari Aster

Hereditary

8

Meno male che l’hanno intuito tutti che Hereditary – Le radici del male marcia a un altro...
locandina
Gary Ross

Ocean's 8

6

Pace all’anima di Danny Ocean. In tutti i sensi. Più che giusto quindi che a ereditare il...
locandina
Rodrigo Cortés

Dark Hall

4

Il nuovo film di Rodrigo Cortés (Buried) ha un sottotitolo. Non immediatamente visibile: a volte ritornano. Un...
53917
Yorgos Lanthimos

Il sacrificio del cervo sacro

6.5

Indubbiamente l’unica salvezza di un film che pare non dare scampo a nessuno dei suoi personaggi è...
31170285_383905158779450_5862019829438873600_n
Yann Gonzalez

Knife + Heart

5

Di materiale per divertirsi nel nuovo film di Yann Gonzalez ce ne sarebbe parecchio: un assassino mascherato...
30420767-160224807978263-4557987999146023396-o_187a
Matteo Garrone

Dogman

8

In una storia che trasuderebbe vendetta, violenza, disagio mentale, atrocità fisiche degne del migliore (o peggiore) torture...
locandina (2)
Ron Howard

Solo: A Star Wars Story

7

L’universo di Star Wars è talmente pieno di immaginari – tra trilogie ufficiali, spin-off, serie animate, romanzi...
locandina
Ramin Bahrani

Fahrenheit 451

5

Saranno in molti a rimanere delusi dopo la visione di Fahrenheit 451, remake del film diretto da...
locandina (1)
Lars von Trier

The House That Jack Built

6

Primo titolo alternativo facile facile per The House that Jack Built, il nuovo film di Lars von...
Lazzaro_Felice_Poster_Film_FestivalCannes2018
Alice Rohrwacher

Lazzaro Felice

7

Il tempo si è fermato in Lazzaro felice, per Lazzaro e per la sua comunità. E il...
coverlg
Paul Dano

Wildlife

7

Montana, anni ’60. Una giovane famiglia americana come tante si è da poco trasferita in una nuova...
locandina
Asghar Farhadi

Everybody Knows

5.5

Una vecchia regola dell’analisi del film dice che dalla prima sequenza, a volte dai titoli di testa,...
loro-2-silvio-servillo
Paolo Sorrentino

Loro 2

8

“Essere buoni conviene”. Una filosofia di vita, di economia e soprattutto di politica: la bontà come merce...
121430920-a984694f-d13d-4700-a5a4-199d673d0ae0
Paolo Sorrentino

Loro 1

SV

Tutto documentato. Tutto arbitrario. Tutto vero e tutto falso. Ma anche tutto troppo. Paolo Sorrentino ci tiene...
Tonya-poster
Craig Gillespie

Tonya

8

Questa è la storia di Tonya Harding, pattinatrice americana, e del suo tonfo professionale avvenuto nel 1994...