locandina
Kathryn Bigelow

Detroit

9

Kathryn Bigelow sta al cinema d’azione come George Romero sta al cinema d’orrore: ha introdotto nel genere, inteso in senso puro e disimpegnato, le questioni politiche del proprio paese attraverso l’uso della tensione e della violenza. È evidente in Detroit, il suo nuovo film che affronta di petto il razzismo delle istituzioni USA e che in parte ricorda La notte dei morti viventi per struttura e spazialità (luoghi chiusi, assedi e cacce all’uomo, con i neri al posto degli zombie, come appunto profetizzò Romero, nel ’68).

Il film racconta i giorni dal 23 al 27 luglio 1967, durante le rivolte della 12° strada, in cui gli afro-americani della città si ribellarono alla polizia. Ma la repressione della polizia sarà durissima e si concentra durante il motel Algiers, in cui un gruppo di giovani sarà accusato e sommariamente “processato” per aver sparato a un poliziotto. Scritto da Mark Boal, Detroit è un dramma tesissimo, raccontato come un thriller e realizzato come un reportage di guerra che dimostra come per la regista il problema della razza sia un problema di sguardo, di cultura e potere.

Questo problema lo mette in scena con una divisione in tre atti rigorosa, che muove dal generale al particolare, in cui all’interno c’è un film che brulica e fibrilla: la dimensione collettiva delle rivolte e il war movie urbano si chiudono nel motel, in una lunghissima e asfissiante sequenza horror che pare l’aggiornamento del Salò di Pasolini, e si liberano quando, nel finale processuale, la regista guarda negli occhi i singoli personaggi, li interroga sulle loro responsabilità individuali. E in ognuno di questi atti c’è sempre almeno un uomo di colore in un posto di relativo potere che deve far fronte alla propria doppia responsabilità morale, verso il suo ruolo e verso la sua gente.

Detroit non s’impantana mai nella denuncia, nell’urgenza del tema, ma fa di quel tema un campo di battaglia in cui gettare la macchina da presa dentro l’assedio di un paese contro i suoi cittadini, un luogo di guerra in cui dispiegare – anche grazie a un efficacissima ricostruzione storica (le canzoni, la fotografia di Barry Ackroyd, il montaggio di William Goldberg) – un’idea di cinema fatta di fisica e movimento, azione e reazione, dalla quale nascono idee e riflessioni. E la politica, quella sul campo, quella in cui i problemi dei parlamenti diventano gesti dei e sui corpi, si tramuta in cinema. Letteralmente.

Commenti

Ultime recensioni Cinema / Visioni
locandina
Ari Aster

Hereditary

8

Meno male che l’hanno intuito tutti che Hereditary – Le radici del male marcia a un altro...
locandina
Gary Ross

Ocean's 8

6

Pace all’anima di Danny Ocean. In tutti i sensi. Più che giusto quindi che a ereditare il...
locandina
Rodrigo Cortés

Dark Hall

4

Il nuovo film di Rodrigo Cortés (Buried) ha un sottotitolo. Non immediatamente visibile: a volte ritornano. Un...
53917
Yorgos Lanthimos

Il sacrificio del cervo sacro

6.5

Indubbiamente l’unica salvezza di un film che pare non dare scampo a nessuno dei suoi personaggi è...
31170285_383905158779450_5862019829438873600_n
Yann Gonzalez

Knife + Heart

5

Di materiale per divertirsi nel nuovo film di Yann Gonzalez ce ne sarebbe parecchio: un assassino mascherato...
30420767-160224807978263-4557987999146023396-o_187a
Matteo Garrone

Dogman

8

In una storia che trasuderebbe vendetta, violenza, disagio mentale, atrocità fisiche degne del migliore (o peggiore) torture...
locandina (2)
Ron Howard

Solo: A Star Wars Story

7

L’universo di Star Wars è talmente pieno di immaginari – tra trilogie ufficiali, spin-off, serie animate, romanzi...
locandina
Ramin Bahrani

Fahrenheit 451

5

Saranno in molti a rimanere delusi dopo la visione di Fahrenheit 451, remake del film diretto da...
locandina (1)
Lars von Trier

The House That Jack Built

6

Primo titolo alternativo facile facile per The House that Jack Built, il nuovo film di Lars von...
Lazzaro_Felice_Poster_Film_FestivalCannes2018
Alice Rohrwacher

Lazzaro Felice

7

Il tempo si è fermato in Lazzaro felice, per Lazzaro e per la sua comunità. E il...
coverlg
Paul Dano

Wildlife

7

Montana, anni ’60. Una giovane famiglia americana come tante si è da poco trasferita in una nuova...
locandina
Asghar Farhadi

Everybody Knows

5.5

Una vecchia regola dell’analisi del film dice che dalla prima sequenza, a volte dai titoli di testa,...
loro-2-silvio-servillo
Paolo Sorrentino

Loro 2

8

“Essere buoni conviene”. Una filosofia di vita, di economia e soprattutto di politica: la bontà come merce...
121430920-a984694f-d13d-4700-a5a4-199d673d0ae0
Paolo Sorrentino

Loro 1

SV

Tutto documentato. Tutto arbitrario. Tutto vero e tutto falso. Ma anche tutto troppo. Paolo Sorrentino ci tiene...
Tonya-poster
Craig Gillespie

Tonya

8

Questa è la storia di Tonya Harding, pattinatrice americana, e del suo tonfo professionale avvenuto nel 1994...