locandina
Kathryn Bigelow

Detroit

9

Kathryn Bigelow sta al cinema d’azione come George Romero sta al cinema d’orrore: ha introdotto nel genere, inteso in senso puro e disimpegnato, le questioni politiche del proprio paese attraverso l’uso della tensione e della violenza. È evidente in Detroit, il suo nuovo film che affronta di petto il razzismo delle istituzioni USA e che in parte ricorda La notte dei morti viventi per struttura e spazialità (luoghi chiusi, assedi e cacce all’uomo, con i neri al posto degli zombie, come appunto profetizzò Romero, nel ’68).

Il film racconta i giorni dal 23 al 27 luglio 1967, durante le rivolte della 12° strada, in cui gli afro-americani della città si ribellarono alla polizia. Ma la repressione della polizia sarà durissima e si concentra durante il motel Algiers, in cui un gruppo di giovani sarà accusato e sommariamente “processato” per aver sparato a un poliziotto. Scritto da Mark Boal, Detroit è un dramma tesissimo, raccontato come un thriller e realizzato come un reportage di guerra che dimostra come per la regista il problema della razza sia un problema di sguardo, di cultura e potere.

Questo problema lo mette in scena con una divisione in tre atti rigorosa, che muove dal generale al particolare, in cui all’interno c’è un film che brulica e fibrilla: la dimensione collettiva delle rivolte e il war movie urbano si chiudono nel motel, in una lunghissima e asfissiante sequenza horror che pare l’aggiornamento del Salò di Pasolini, e si liberano quando, nel finale processuale, la regista guarda negli occhi i singoli personaggi, li interroga sulle loro responsabilità individuali. E in ognuno di questi atti c’è sempre almeno un uomo di colore in un posto di relativo potere che deve far fronte alla propria doppia responsabilità morale, verso il suo ruolo e verso la sua gente.

Detroit non s’impantana mai nella denuncia, nell’urgenza del tema, ma fa di quel tema un campo di battaglia in cui gettare la macchina da presa dentro l’assedio di un paese contro i suoi cittadini, un luogo di guerra in cui dispiegare – anche grazie a un efficacissima ricostruzione storica (le canzoni, la fotografia di Barry Ackroyd, il montaggio di William Goldberg) – un’idea di cinema fatta di fisica e movimento, azione e reazione, dalla quale nascono idee e riflessioni. E la politica, quella sul campo, quella in cui i problemi dei parlamenti diventano gesti dei e sui corpi, si tramuta in cinema. Letteralmente.

Commenti

Ultime recensioni Cinema / Visioni
locandina
Woody Allen

La ruota delle meraviglie

4.5

“Ho qualche guaio tra fantasia e realtà”: lo diceva Alvy/Allen in Io e Annie. Era il 1977...
locandina
Julien Temple

My Life Story

7

Più che un film, My Life Story è una testimonianza di cosa sia un entertainer, di cosa...
254690
Kantemir Balagov

Closeness

7.5

Comunicare la desolazione è cosa molto differente dall’esprimere la depressione. In quella sfumatura tra mimesi piatta e...
locandina
Colin Trevorrow

Il libro di Henry

5

La recensione più breve del mondo: Il libro di Henry sucks. Lo si scrive con un po’...
locandina
Kathryn Bigelow

Detroit

9

Kathryn Bigelow sta al cinema d’azione come George Romero sta al cinema d’orrore: ha introdotto nel genere,...
locandina
Janus Metz Pedersen

Borg McEnroe

6

Si dice che il tennis sia uno sport poco adatto al cinema. Per cercare di smentire questa...
gospel_604_alk_s_binder2_016-h_2017
Jennifer Lebeau

Trouble No More

6.5

“Puoi chiamarmi Bobby, puoi chiamarmi Zimmy /Puoi chiamarmi in ogni modo ma non importa quello che tu...
v1.bTsxMjMyNzU0OTtqOzE3NTEyOzEyMDA7Mjg0OzQwNQ
Philippe Van Leeuw

Insyriated

5.5

La guerra in Siria, o in un luogo analogo, fa parte dell’oppressione quotidiana, non è una tensione...
54108
Paolo e Vittorio Taviani

Una questione privata

5

È il 1943. Sulle colline delle Langhe le brigate dei partigiani combattono i fascisti. Gli scontri sono...
screen-shot-2017-09-05-at-1-22-03-pm
Scott Cooper

Hostiles

7.5

È più moderno che classico Hostiles (e di sicuro non classicista), più crepuscolare che mitologico. Il film...
locandina
Andy Muschietti

It

7.5

E alla fine arrivò It. L’abbiamo sognato, temuto a lungo. Ci ha indottrinato a meraviglia grazie ai...
locandina
Jonathan Dayton, Valerie Faris

La battaglia dei sessi

6

È interessante il modo sottile, quasi “subdolo”, con cui La battaglia dei sessi racconta un personaggio per...
locandina
Leonardo Di Costanzo

L'intrusa

8

“Succede che per salvare qualcuno devi escludere altri.” E’ partito da qui Leonardo Di Costanzo, da un...
locandina
Denis Villeneuve

Blade Runner 2049

8

“Hai mai visto un miracolo?” chiede Dave Bautista a Ryan Gosling all’inizio di Blade Runner 2049. La...
Outrage-0-Coda-620x329
Takeshi Kitano

Outrage Coda

6.5

Con Outrage Coda Takeshi Kitano conclude la trilogia iniziata nel 2010 con Outrage e proseguita nel 2012 con Outrage Beyond, campione d’incassi,...