25498-deux-jours-une-nuit-film-des-freres-500x0-2
Jean-Pierre e Luc Dardenne

Deux jours, une nuit

8

Sono i beniamini del festival di Cannes, con due palme d’oro in carriera e molti riconoscimenti. E sono i beniamini degli amanti del cinema d’autore e impegnato. Il che potrebbe far storcere il naso a molti davanti a Deux jours, une nuit, il nuovo film dei fratelli Dardenne in concorso a Cannes 2014. Ma guardandolo senza pregiudizi e con l’attenzione che merita non si può non restare ammirati.

La protagonista è una Marion Cotillard in grande spolvero, nel ruolo di una donna da poco uscita da un esaurimento nervoso che lotta per tenere il lavoro, che sarà deciso in votazione segreta dai colleghi: dovrà convincerli durante il weekend a scegliere lei rinunciando al bonus che il suo licenziamento garantirebbe loro. Scritto dagli stessi Jean-Pierre e Luc Dardenne, Deux jours, une nuit è un teso dramma sociale e politico, che ricorda nei temi alcuni dei film di Ken Loach.

Con una costruzione quasi da western urbano, concentrata nei due giorni e una notte del weekend che danno il titolo al film e lo riempiono di “duelli” verbali, il film racconta la guerra tra poveri che è diventata il lavoro contemporaneo, in cui tra 80 euro al mese (tale è il bonus mensile, 1000 all’anno, promesso dall’azienda) e una persona senza salario, non ci si pensa due volte e si sceglie per sé. Ma anziché comizi solidaristici, i Dardenne scelgono la strada della moralità, in cui la protagonista lotta per sé, per la sua famiglia, per fare la cosa giusta a dispetto di tutti. Senza retorica, con la speranza tinta sempre di amaro.

Se lo stile dei fratelli (camera a mano attaccata alla protagonista, fotografia sgranata e lunghe inquadrature) è un copiato marchio di fabbrica dagli autori europei, bisogna riconoscere che i Dardenne lo fanno meglio. Il ritmo, la tensione, la lucidità, la forza del loro cinema è unica nel contesto internazionale dei festival e arriva in Deux jours, une nuit a un’economia espressiva incredibile: ogni scena è girata con una sola inquadratura che per composizione, posizione, dinamismo dà il meglio e rende possibile l’espressione degli attori. Magnifici tutti.

Commenti

Ultime recensioni Cinema / Visioni
okja-poster-1
Bong Joon-ho

Okja

7.5

La pietra dello scandalo. Il film che al recente festival di Cannes ha fatto scattare la fatwa...
locandina
David Michôd

War Machine

6

Un paio di gambe storte sorregge un corpo rigidamente costretto in una postura dall’aria innaturale: è la...
mucchio_blame_poster
Dal 20 maggio su Netflix

Blame

6.5

Almodovar, pietà. Il cinema made in Netflix è una figata. Soprattutto se recapitato per tutti, nello stesso...
8o8
Lynne Ramsay

You Were Never Really Here

7

Il cinema di Lynne Ramsay è un cinema psico-patologico, in cui il delirio dei personaggi si rispecchia...
yju545
François Ozon

L'amant double

4

Non si può dire che L’amant double, il nuovo film di François Ozon, non sia chiaro fin...
kkkk
Ben Safdie, Joshua Safdie

Good Time

7.5

La vitalità del cinema nasce spesso dalle sue contraddizioni: Good Time dei fratelli Ben e Joshua Safdie...
grrere
Eugene Jarecki

Promised land

7.5

“Mister I ain’t a boy, no I’m a man\and I believe in a promised land”. E’ il...
vfewry
Sean Baker

The Florida project

8

Dall’iPhone al 35 millimetri, per Sean Baker il sogno americano e le sue declinazioni passano anche dal...
locandina
Fabio Grassadonia, Antonio Piazza

Sicilian Ghost Story

6

In un bosco che somiglia a quello delle fiabe, due giovani adolescenti si scambiano un bacio affettuoso....
tyutyu
Robert Campillo

120 battements par minute

8

Un cuore accelerato o un ritmo travolgente che possono essere sinonimi o contrari. Per Robin Campillo i...
locandina
Todd Haynes

Wonderstruck

8

Questo è un racconto che richiede pazienza e lentezza. Lo scrive Julianne Moore al piccolo protagonista di...
locandina
Terrence Malick

Song to Song

8

«Non c’è nessuna forma d’arte come il cinema per colpire la coscienza, scuotere le emozioni e raggiungere...
622506603
Rossella Schillaci

Libere

8

La Resistenza raccontata da Rossella Schillaci in Libere, documentario in uscita il 20 aprile nelle sale italiane,...