25498-deux-jours-une-nuit-film-des-freres-500x0-2
Jean-Pierre e Luc Dardenne

Deux jours, une nuit

8

Sono i beniamini del festival di Cannes, con due palme d’oro in carriera e molti riconoscimenti. E sono i beniamini degli amanti del cinema d’autore e impegnato. Il che potrebbe far storcere il naso a molti davanti a Deux jours, une nuit, il nuovo film dei fratelli Dardenne in concorso a Cannes 2014. Ma guardandolo senza pregiudizi e con l’attenzione che merita non si può non restare ammirati.

La protagonista è una Marion Cotillard in grande spolvero, nel ruolo di una donna da poco uscita da un esaurimento nervoso che lotta per tenere il lavoro, che sarà deciso in votazione segreta dai colleghi: dovrà convincerli durante il weekend a scegliere lei rinunciando al bonus che il suo licenziamento garantirebbe loro. Scritto dagli stessi Jean-Pierre e Luc Dardenne, Deux jours, une nuit è un teso dramma sociale e politico, che ricorda nei temi alcuni dei film di Ken Loach.

Con una costruzione quasi da western urbano, concentrata nei due giorni e una notte del weekend che danno il titolo al film e lo riempiono di “duelli” verbali, il film racconta la guerra tra poveri che è diventata il lavoro contemporaneo, in cui tra 80 euro al mese (tale è il bonus mensile, 1000 all’anno, promesso dall’azienda) e una persona senza salario, non ci si pensa due volte e si sceglie per sé. Ma anziché comizi solidaristici, i Dardenne scelgono la strada della moralità, in cui la protagonista lotta per sé, per la sua famiglia, per fare la cosa giusta a dispetto di tutti. Senza retorica, con la speranza tinta sempre di amaro.

Se lo stile dei fratelli (camera a mano attaccata alla protagonista, fotografia sgranata e lunghe inquadrature) è un copiato marchio di fabbrica dagli autori europei, bisogna riconoscere che i Dardenne lo fanno meglio. Il ritmo, la tensione, la lucidità, la forza del loro cinema è unica nel contesto internazionale dei festival e arriva in Deux jours, une nuit a un’economia espressiva incredibile: ogni scena è girata con una sola inquadratura che per composizione, posizione, dinamismo dà il meglio e rende possibile l’espressione degli attori. Magnifici tutti.

Commenti

Ultime recensioni Cinema / Visioni
arrival-nuova-locandina-in-italiano
Denis Villeneuve

Arrival

8.5

L’impressione è che Denis Villeneuve faccia film per diletto. I generi narrativi che gli servono allo scopo...
locandina
Martin Scorsese

Silence

9

Per più di 20 anni, Silence è stato il “prossimo film di Martin Scorsese”. Ora il progetto,...
locandina
Robert Zemeckis

Allied - Un'ombra nascosta

6

Tutto è più bello a Casablanca, anche la guerra. Max e Marianne si incontrano per la prima...
locandina
Morten Tyldum

Passengers

5

Si capisce che la sfiga è assoluta in Passengers sin dal principio. Immaginate gigantesca e lussuosa (astro)nave...
locandina
Gareth Edwards

Rogue One: A Star Wars Story

7

Parte contromano Rogue One: A Star Wars Story per i fedelissimi della fanfara di John Williams. Niente...
locandina
Gastón Duprat, Mariano Cohn

Il cittadino illustre

7.5

L’arte deve scuotere gli animi, nel bene o nel male. La letteratura e il cinema, in questo...
free-fire-ben-wheatley-poster-2
Ben Wheatley

Free Fire

6.5

Da un certo punto in poi, in Free Fire – il nuovo film di Ben Wheatley che...
locandina
Oliver Stone

Snowden

5

Se nel finale di un film basato su fatti e persone reali, il protagonista affronta il sole...
maxresdefault
Jeff Feuerzeig

Author: The JT LeRoy Story

7

Social prima di te. Parafrasando Enrico Ruggeri, una biografia di JT LeRoy potrebbe avere questo titolo: c’è...
between-us-indie-movie
Rafael Palacio Illingworth

Between Us

7

A  Rafael Palacio Illingworth riesce un’operazione niente affatto semplice: rendere toccanti e coinvolgenti dei cliché narrativi, fargli superare...
locandina
Na Hong-jin

The Wailing

6.5

Tra le poche certezze del cinefilo, soprattutto di quello che viene in trasferta al Torino Film Festival,...
locandina
Tom Ford

Animali notturni

8

La vendetta è un bisogno cieco, subdolo, che si insinua nella mente umana come un virus e...
locandina
Travis Knight

Kubo e la spada magica

8

La spada magica è il modo “infantile” che la distribuzione ha adottato per tradurre le due corde...
locandina

8.5

6 gennaio 1948. Pablo Neruda, senatore della Repubblica Cilena, davanti ai suoi colleghi si scaglia contro il...
locandina
Ewan McGregor

American Pastoral

4.5

Seymour “Lo Svedese” Levov è la sintesi ideale del sogno americano: bello, “moglie perfetta, casa perfetta, figlia...
locandina
Liza Johnson

Elvis & Nixon

6.5

Negli Archivi Nazionali degli Stati Uniti d’America è conservata una fotografia datata 21 dicembre 1970 che è,...