Prima di Twin Peaks e dell’età dell’oro della tv americana, erano i tedeschi a mostrare le enormi potenzialità filmiche della televisione. Con Berlin Alexanderplatz e soprattutto Heimat, fluviale saga familiare di Edgar Reitz che dalla metà degli anni 80 ha dato il via a quattro incarnazioni, di cui tre per il piccolo schermo e una per il cinema. Fuori concorso alla 70^ Mostra del cinema di Venezia, Die Andere Heimat (L’altra patria) si pone produttivamente a metà strada tra cinema e tv e torna indietro nel tempo, regalandoci il primo capolavoro di questa Mostra.

La città d’elezione è sempre Schabbach – ma stavolta la storia si svolge nella metà del 1800 – dove la famiglia Simon, a causa di una povertà sempre più depressiva, comincia a fare i conti con la possibilità di emigrare in Brasile: i rapporti familiari, i sommovimenti politici e le questioni sentimentali saranno il materiale su cui la Storia si compie attraverso due fratelli, un lavoratore carismatico e un timido studioso. Scritto da Reitz con Gary Heidenreich, Die Andere Heimat è uno straordinario dramma popolare, una saga in bianco e nero con squarci di colore, divisa in due parti (quasi 4 ore in totale) che riflette sui passaggi fondamentali che hanno reso la Germania la nazione che era agli albori del secolo breve.

La Storia però è lo sfondo ricco ma non unico, di una storia che attraverso il fenomeno dell’emigrazione, dell’altra patria da raggiungere e in cui fuggire dalla miseria – con gli occidentali che oggi subiscono il processo inverso – celebra la scoperta del diverso, il contatto con l’altro; il viaggio culturale attorno le molte visioni del mondo che partono dallo scontro tra la famiglia contadina e il figlio studioso e arrivano al rapporto tra le lingue, al passaggio dalla natura alla tecnologia con una raffinata voce fuori campo che anziché illustrare è la proiezione letteraria e intellettuale del protagonista. E anche lo stile celebra l’incontro con l’esterno usando il colore, che illumina lo stupendo bianco e nero di Gernot Roll con lampi che toccano gli oggetti simbolo del passaggio ad altre fasi della vita dei personaggi.

Figlio di Fanny e Alexander di Bergman (guarda caso un capolavoro che è anche un prodotto televisivo) per il gusto del racconto, l’amore per i personaggi, l’abilità nel costruirli e l’ispirazione figurativa della narrativa russa e germanica e dell’afflato epico del cinema classico, Die Andere Heimat è una delle migliori incarnazioni della forma del romanzo per il cinema: Reitz, mai così mobile con la macchina da presa, usa le immagini come un romanziere le parole, in modo efficace e prezioso, costruendo bellissimi contrappunti tra la musica, la fotografia, il montaggio e le scene, volando altissimo in molte occasioni – su tutte la morte dello zio al fuso e la sagra dei piedi freddi. Un’opera magnifica, che anziché raccontare la vita, il mondo e la realtà come i predecessori, li crea, come un demiurgo. O come un artista.

Ultime recensioni Cinema / Visioni
locandina
Liza Johnson

Elvis & Nixon

6.5

Negli Archivi Nazionali degli Stati Uniti d’America è conservata una fotografia datata 21 dicembre 1970 che è,...
locandina
Laurie Anderson

Heart of a Dog

9

Secondo la celebre definizione di Cocteau, il cinema è la morte al lavoro e la settima arte...
Wacken-3d-bd_cover
Norbert Heitker

Wacken - Louder than Hell

6.5

“I Beatles facevano schifo, gli Stones facevano schifo e anche i Led Zeppelin. Ma noi facciamo più...
foxcatcher-nuovo-trailer-e-locandina-del-dramma-con-channing-tatum-e-steve-carell-1
Bennett Miller

Foxcatcher

8

A dispetto delle apparenze, Foxcatcher non è un film biografico. Neanche sportivo. È un film storico che...
loc
Lucas Moodysson

We are the best

8

Ci sono film che ti fanno uscire dalla sala con il viso bagnato dalle lacrime, altri ti...
L1zsrAx
Xavier Dolan

Mommy

9

Quando sulle note di Wonderwall degli Oasis, il protagonista che corre sullo skate allarga l’inquadratura passando dall’immagine...
25498-deux-jours-une-nuit-film-des-freres-500x0-2
Jean-Pierre e Luc Dardenne

Deux jours, une nuit

8

Sono i beniamini del festival di Cannes, con due palme d’oro in carriera e molti riconoscimenti. E...
the-homesman
Tommy Lee Jones

The Homesman

8

Le tre sepolture, esordio alla regia dell’attore Tommy Lee Jones datato 2005, non era un fuoco di...
le-meraviglie-poster-italiano-alice-rohrwacher-2_news
Alice Rohrwacher

Le meraviglie

8

Opera seconda, dopo un esordio che era stato molto amato dalla critica e dai festival, che viene...
solo-gli-amanti-sopravvivono-film
Jim Jarmusch

Solo gli amanti sopravvivono

7.5

Ogni storia di vampiri che si rispetti è anche una storia di decadenza, emarginazione, tossicodipendenza, talvolta di...
winter_sleep_poster-620x835-1
Nuri Bilge Ceylan

Winter Sleep

9

Tra i luoghi comuni della critica cinematografica, ma anche letteraria, forse culturale in toto, è che la...
2014_05_NationalGalleryFlyerLight-page-001
Frederick Wiseman

National Gallery

8

Che sia il più grande documentarista vivente pare pacifico. Che Frederick Wiseman però, a più di 80...