Prima di Twin Peaks e dell’età dell’oro della tv americana, erano i tedeschi a mostrare le enormi potenzialità filmiche della televisione. Con Berlin Alexanderplatz e soprattutto Heimat, fluviale saga familiare di Edgar Reitz che dalla metà degli anni 80 ha dato il via a quattro incarnazioni, di cui tre per il piccolo schermo e una per il cinema. Fuori concorso alla 70^ Mostra del cinema di Venezia, Die Andere Heimat (L’altra patria) si pone produttivamente a metà strada tra cinema e tv e torna indietro nel tempo, regalandoci il primo capolavoro di questa Mostra.

La città d’elezione è sempre Schabbach – ma stavolta la storia si svolge nella metà del 1800 – dove la famiglia Simon, a causa di una povertà sempre più depressiva, comincia a fare i conti con la possibilità di emigrare in Brasile: i rapporti familiari, i sommovimenti politici e le questioni sentimentali saranno il materiale su cui la Storia si compie attraverso due fratelli, un lavoratore carismatico e un timido studioso. Scritto da Reitz con Gary Heidenreich, Die Andere Heimat è uno straordinario dramma popolare, una saga in bianco e nero con squarci di colore, divisa in due parti (quasi 4 ore in totale) che riflette sui passaggi fondamentali che hanno reso la Germania la nazione che era agli albori del secolo breve.

La Storia però è lo sfondo ricco ma non unico, di una storia che attraverso il fenomeno dell’emigrazione, dell’altra patria da raggiungere e in cui fuggire dalla miseria – con gli occidentali che oggi subiscono il processo inverso – celebra la scoperta del diverso, il contatto con l’altro; il viaggio culturale attorno le molte visioni del mondo che partono dallo scontro tra la famiglia contadina e il figlio studioso e arrivano al rapporto tra le lingue, al passaggio dalla natura alla tecnologia con una raffinata voce fuori campo che anziché illustrare è la proiezione letteraria e intellettuale del protagonista. E anche lo stile celebra l’incontro con l’esterno usando il colore, che illumina lo stupendo bianco e nero di Gernot Roll con lampi che toccano gli oggetti simbolo del passaggio ad altre fasi della vita dei personaggi.

Figlio di Fanny e Alexander di Bergman (guarda caso un capolavoro che è anche un prodotto televisivo) per il gusto del racconto, l’amore per i personaggi, l’abilità nel costruirli e l’ispirazione figurativa della narrativa russa e germanica e dell’afflato epico del cinema classico, Die Andere Heimat è una delle migliori incarnazioni della forma del romanzo per il cinema: Reitz, mai così mobile con la macchina da presa, usa le immagini come un romanziere le parole, in modo efficace e prezioso, costruendo bellissimi contrappunti tra la musica, la fotografia, il montaggio e le scene, volando altissimo in molte occasioni – su tutte la morte dello zio al fuso e la sagra dei piedi freddi. Un’opera magnifica, che anziché raccontare la vita, il mondo e la realtà come i predecessori, li crea, come un demiurgo. O come un artista.

Ultime recensioni Cinema / Visioni
622506603
Rossella Schillaci

Libere

8

La Resistenza raccontata da Rossella Schillaci in Libere, documentario in uscita il 20 aprile nelle sale italiane,...
locandina
Paul Verhoeven

Elle

8

Schermo nero e il suono della rottura di un vetro, poi gli occhi di un gatto che...
locandina
Moritz Siebert, Estephan Wagner, Abou Bakar Sidibé

Les Sauteurs

8

Se c’è un argomento che ci parla  dello spirito del tempo è il muro, il confine, la...
locandina
Jean-Loup Felicioli, Alain Gagnol

Phantom Boy

7

Un ragazzino leucemico viene ricoverato in ospedale per ricevere adeguate cure, conosce uno sbirro finito sulla sedia...
locandina
Pablo Larraìn

Jackie

8

Il volto in primo piano è quello che tutti conosciamo. Quello di un’icona del ventesimo secolo, una...
la-la-land-poster-festival
Damien Chazelle

La La Land

8

A un certo punto di Io e Annie Woody Allen, alla proposta di trasferirsi a Los Angeles,...
locandina
Benedetta Argentieri, Bruno Chiaravalloti, Claudio Jampaglia

Our War

8.5

Presentato Fuori Concorso alla 73° Mostra del Cinema di Venezia, Our War nasce dall’incontro tra i giornalisti...
locandina
Sergei Loznitsa

Austerlitz

8

Una macchina da presa fissa riprende il passaggio dei tanti turisti in visita nel campo di concentramento...
o-DOPO-AMORE-1-570
Joachim Lafosse

Dopo l'amore

8.5

La sequenza chiave di Dopo l’amore – nelle sale dopo i successi riscossi a Cannes e a...
locandina-2
Léa Fehner

Les Ogres

8

Se in una colonna sonora ricchissima a un certo punto appare “24 mila baci” di Adriano Celentano,...
arrival-nuova-locandina-in-italiano
Denis Villeneuve

Arrival

8.5

L’impressione è che Denis Villeneuve faccia film per diletto. I generi narrativi che gli servono allo scopo...
locandina
Martin Scorsese

Silence

9

Per più di 20 anni, Silence è stato il “prossimo film di Martin Scorsese”. Ora il progetto,...
locandina
Robert Zemeckis

Allied - Un'ombra nascosta

6

Tutto è più bello a Casablanca, anche la guerra. Max e Marianne si incontrano per la prima...
locandina
Morten Tyldum

Passengers

5

Si capisce che la sfiga è assoluta in Passengers sin dal principio. Immaginate gigantesca e lussuosa (astro)nave...