Prima di Twin Peaks e dell’età dell’oro della tv americana, erano i tedeschi a mostrare le enormi potenzialità filmiche della televisione. Con Berlin Alexanderplatz e soprattutto Heimat, fluviale saga familiare di Edgar Reitz che dalla metà degli anni 80 ha dato il via a quattro incarnazioni, di cui tre per il piccolo schermo e una per il cinema. Fuori concorso alla 70^ Mostra del cinema di Venezia, Die Andere Heimat (L’altra patria) si pone produttivamente a metà strada tra cinema e tv e torna indietro nel tempo, regalandoci il primo capolavoro di questa Mostra.

La città d’elezione è sempre Schabbach – ma stavolta la storia si svolge nella metà del 1800 – dove la famiglia Simon, a causa di una povertà sempre più depressiva, comincia a fare i conti con la possibilità di emigrare in Brasile: i rapporti familiari, i sommovimenti politici e le questioni sentimentali saranno il materiale su cui la Storia si compie attraverso due fratelli, un lavoratore carismatico e un timido studioso. Scritto da Reitz con Gary Heidenreich, Die Andere Heimat è uno straordinario dramma popolare, una saga in bianco e nero con squarci di colore, divisa in due parti (quasi 4 ore in totale) che riflette sui passaggi fondamentali che hanno reso la Germania la nazione che era agli albori del secolo breve.

La Storia però è lo sfondo ricco ma non unico, di una storia che attraverso il fenomeno dell’emigrazione, dell’altra patria da raggiungere e in cui fuggire dalla miseria – con gli occidentali che oggi subiscono il processo inverso – celebra la scoperta del diverso, il contatto con l’altro; il viaggio culturale attorno le molte visioni del mondo che partono dallo scontro tra la famiglia contadina e il figlio studioso e arrivano al rapporto tra le lingue, al passaggio dalla natura alla tecnologia con una raffinata voce fuori campo che anziché illustrare è la proiezione letteraria e intellettuale del protagonista. E anche lo stile celebra l’incontro con l’esterno usando il colore, che illumina lo stupendo bianco e nero di Gernot Roll con lampi che toccano gli oggetti simbolo del passaggio ad altre fasi della vita dei personaggi.

Figlio di Fanny e Alexander di Bergman (guarda caso un capolavoro che è anche un prodotto televisivo) per il gusto del racconto, l’amore per i personaggi, l’abilità nel costruirli e l’ispirazione figurativa della narrativa russa e germanica e dell’afflato epico del cinema classico, Die Andere Heimat è una delle migliori incarnazioni della forma del romanzo per il cinema: Reitz, mai così mobile con la macchina da presa, usa le immagini come un romanziere le parole, in modo efficace e prezioso, costruendo bellissimi contrappunti tra la musica, la fotografia, il montaggio e le scene, volando altissimo in molte occasioni – su tutte la morte dello zio al fuso e la sagra dei piedi freddi. Un’opera magnifica, che anziché raccontare la vita, il mondo e la realtà come i predecessori, li crea, come un demiurgo. O come un artista.

Ultime recensioni Cinema / Visioni
locandina
Jonathan Dayton, Valerie Faris

La battaglia dei sessi

6

È interessante il modo sottile, quasi “subdolo”, con cui La battaglia dei sessi racconta un personaggio per...
locandina
Leonardo Di Costanzo

L'intrusa

8

“Succede che per salvare qualcuno devi escludere altri.” E’ partito da qui Leonardo Di Costanzo, da un...
locandina
Denis Villeneuve

Blade Runner 2049

8

“Hai mai visto un miracolo?” chiede Dave Bautista a Ryan Gosling all’inizio di Blade Runner 2049. La...
Outrage-0-Coda-620x329
Takeshi Kitano

Outrage Coda

6.5

Con Outrage Coda Takeshi Kitano conclude la trilogia iniziata nel 2010 con Outrage e proseguita nel 2012 con Outrage Beyond, campione d’incassi,...
HANNAH-Charlotte-Rampling-2017-1
Andrea Pallaoro

Hannah

5.5

Lunga vita a chi cerca nuove strade e toni originali per raccontare le storie al cinema, purchè...
lou_luttiau_shain_boumedine_ophelie_bau
Abdellatif Kechiche

Mektoub, My Love: Canto uno

7

Ci sono infiniti modi di essere curiosi della vita e di volerla esplorare cinematograficamente. Osservare i personaggi...
morelli-e-rossi-ammore-e-malavita
Manetti Bros

Ammore e malavita

7.5

‘Parigi ha la Tour Eiffel, Roma ha il Colosseo e Napoli ha le vele di Scampìa’: comincia...
sakamoto-coda
Stephen Schible

Ryuichi Sakamoto: Coda

6.5

In conferenza stampa Ryūichi Sakamoto continua a muovere le dita. A Venezia74 per presentare il docufilm girato...
coverlg
Frederick Wiseman

Ex libris

7.5

“Così può essere l’uomo: esternamente un lupo, ma nell’anima un unicorno”: siamo alla New York Public Library,...
coverlg
Paolo Virzì

The Leisure Seeker

7.5

Alla prima di The Leisure Seeker, in concorso a Venezia74, gli applausi per Paolo Virzì scattano già ai...
Lean-on-Pete-3-e1504274174891
Andrew Haigh

Lean on Pete

5

Di Lean on Pete di Andrew Haigh, film in Concorso a Venezia74, si potrebbero prevedere i punti...
DE7gkh6XcAA5Lso
Ritesh Batra

Our Souls at Night

8

Jane Fonda e Robert Redford, Leoni d’Oro alla carriera a Venezia74, sono i protagonisti di una delicata...
the-shape-of-water-trailer
Guillermo Del Toro

The Shape of Water

6

Chi lascia la sala prima della fine della proiezione e chi applaude ai titoli di coda. Il cinema...
59a6c77a88212
Alexander Payne

Downsizing

8

Avrebbe potuto rischiare di essere l’ennesimo film di fantascienza, Downsizing di Alexander Payne, se i suoi minuscoli...
okja-poster-1
Bong Joon-ho

Okja

7.5

La pietra dello scandalo. Il film che al recente festival di Cannes ha fatto scattare la fatwa...
locandina
David Michôd

War Machine

6

Un paio di gambe storte sorregge un corpo rigidamente costretto in una postura dall’aria innaturale: è la...