30420767-160224807978263-4557987999146023396-o_187a
Matteo Garrone

Dogman

8

In una storia che trasuderebbe vendetta, violenza, disagio mentale, atrocità fisiche degne del migliore (o peggiore) torture porn, Matteo Garrone scopre la dolcezza, la disperazione intima, un’insospettabile pietas sociale. Dogman è un film che il regista voleva fare da molti anni e che col tempo è cambiato, come una cosa viva si è evoluto, ha preso un’altra forma.

Ispirato alla vicenda del Canaro, clamoroso fatto di cronaca della Roma anni ’80, il film racconta di Marcello, un tolettatore di cani dell’estrema periferia e piccolo spacciatore, e di Simoncino, il violento bullo del quartiere. Quando il primo fa da complice al secondo per una rapina, il loro rapporto deflagrerà. Garrone assieme a Ugo Chiti e Massimo Gaudioso, con la collaborazione dei gemelli Fabio e Damiano D’Innocenzo (La terra dell’abbastanza), depura il fatto di cronaca dalle sue componenti splatter e ne trae un dramma sociale e intimo centrato sul rapporto tra uomo e spazio.

Dogman infatti riflette sulle relazioni tra l’essere umano e i luoghi che lo circondano e su come esse influenzino di conseguenza le reazioni degli altri uomini: in un luogo di frontiera come il Messico dei western contemporanei, costruito come uno spazio metafisico, livido e monocromo dalla fotografia di Nicolai Brüel, Marcello e Simoncino rispondono in maniera opposta alla desolazione visiva, che si traduce in un contrasto insanabile tra relazione e reazione, tra necessità di essere accettati, di fare parte di qualcosa e voglia di emergere, di essere il primo. Nonostante gli accenti pasoliniani – in primis nel perfetto corpo attoriale di Marcello Fonte -, il determinismo sociale passa in secondo piano rispetto allo scavo umano che riduce la questione, proprio come in un western, a un duello: ed è qui che Garrone trova la dolcezza e la pietas, guardando a fondo nel suo protagonista, mettendo a nudo attraverso la violenza il suo animo, dando una costruzione dolorosa al contesto e alle sue azioni.

Garrone scarnifica tanto il racconto quanto la messinscena, prende il contenuto de L’imbalsamatore (che di questo era la prova generale) e la forma di Gomorra e ne mostra gli scheletri raccontando prima di tutto la solitudine infinita, metafisica come i suoi luoghi, di due uomini che vivono e agiscono per gli occhi di qualcuno, per suscitare una reazione, mai come individui, dando un segno tragico alla quotidianità. Dogman è così una parabola scabra, dal passo dolente come il finale di un film di Peckinpah, che lavora sui suoi elementi formali mostrandone l’essenza, rispettandola, così come fa con gli suoi esseri umani, mai osservati ma sempre accompagnati. Con comprensione ed empatia, con paradossale dolcezza, nonostante tutto.

Commenti

Ultime recensioni Cinema / Visioni
53917
Yorgos Lanthimos

Il sacrificio del cervo sacro

6.5

Indubbiamente l’unica salvezza di un film che pare non dare scampo a nessuno dei suoi personaggi è...
31170285_383905158779450_5862019829438873600_n
Yann Gonzalez

Knife + Heart

5

Di materiale per divertirsi nel nuovo film di Yann Gonzalez ce ne sarebbe parecchio: un assassino mascherato...
30420767-160224807978263-4557987999146023396-o_187a
Matteo Garrone

Dogman

8

In una storia che trasuderebbe vendetta, violenza, disagio mentale, atrocità fisiche degne del migliore (o peggiore) torture...
locandina (2)
Ron Howard

Solo: A Star Wars Story

7

L’universo di Star Wars è talmente pieno di immaginari – tra trilogie ufficiali, spin-off, serie animate, romanzi...
locandina
Ramin Bahrani

Fahrenheit 451

5

Saranno in molti a rimanere delusi dopo la visione di Fahrenheit 451, remake del film diretto da...
locandina (1)
Lars von Trier

The House That Jack Built

6

Primo titolo alternativo facile facile per The House that Jack Built, il nuovo film di Lars von...
Lazzaro_Felice_Poster_Film_FestivalCannes2018
Alice Rohrwacher

Lazzaro Felice

7

Il tempo si è fermato in Lazzaro felice, per Lazzaro e per la sua comunità. E il...
coverlg
Paul Dano

Wildlife

7

Montana, anni ’60. Una giovane famiglia americana come tante si è da poco trasferita in una nuova...
locandina
Asghar Farhadi

Everybody Knows

5.5

Una vecchia regola dell’analisi del film dice che dalla prima sequenza, a volte dai titoli di testa,...
loro-2-silvio-servillo
Paolo Sorrentino

Loro 2

8

“Essere buoni conviene”. Una filosofia di vita, di economia e soprattutto di politica: la bontà come merce...
121430920-a984694f-d13d-4700-a5a4-199d673d0ae0
Paolo Sorrentino

Loro 1

SV

Tutto documentato. Tutto arbitrario. Tutto vero e tutto falso. Ma anche tutto troppo. Paolo Sorrentino ci tiene...
Tonya-poster
Craig Gillespie

Tonya

8

Questa è la storia di Tonya Harding, pattinatrice americana, e del suo tonfo professionale avvenuto nel 1994...
locandina
Steven Spielberg

Ready Player One

7.5

Sembra voler rispondere a una precisa domanda Ready Player One, il nuovo film di Steven Spielberg che...
locandina
Alex Garland

Annientamento

8.5

Il lavoro che Alex Garland fa sulla fascinazione in Annientamento è fortissimo, tanto da diventare un futuro...