Avrebbe potuto rischiare di essere l’ennesimo film di fantascienza, Downsizing di Alexander Payne, se i suoi minuscoli personaggi fatti di carne, sangue e tanto humour non fossero risultati ciclopicamente veri.  La sceneggiatura originale di Jim Taylor e dello stesso Payne si sviluppa dall’idea di ridurre le proporzioni degli esseri umani per scongiurare le sorti del pianeta, limitando in questo modo l’utilizzo delle risorse e l’impatto dei rifiuti. Un’ipotesi che diventa prima potenzialità e possibilità concreta nella prima comunità di pochi coraggiosi pionieri in Norvegia, poi processo industrializzato una volta approdata negli Stati Uniti. Per rappresentare l’alienazione di questo meccanismo Payne ha chiesto espressamente a Stefania Cella, scenografa premiata con Paolo Sorrentino, di costruire la sala di rimpicciolimento come un enorme forno a microonde. Il protagonista, Paul Safranek (sdrucciola, mi raccomando) vive a Omaha, Nebraska, la stessa città di Alexander Payne. Ha una vita ordinaria, una spiccata sensibilità alle problematiche ambientali e molte bollette da pagare. La decisione di intraprendere la nuova avventura insieme alla moglie appare come la soluzione a un’esistenza dai confini economicamente troppo stretti, cui le ridotte dimensioni promettono di dare più ampio respiro. Lontano dai fiordi norvegesi, sono i consulenti commerciali a guidare il gioco al posto degli idealisti: a Leisureland il valore del denaro è inversamente proporzionale all’altezza e la nuova esistenza si sceglie a tavolino e si confeziona da catalogo con la stessa facilità con cui si potrebbe acquistare un’automobile.

Ed è sulla scoperta del lato B che si innesta la storia, una volta che Paul scopre di essere stato abbandonato dalla moglie, tiratasi indietro all’ultimo sopracciglio. I sogni costruiti in due si sgretolano e la nuova magnifica casa diventa una prigione da cui sognare di evadere. Di nuovo. Poi, come sempre accade, la vita irrompe nel sorriso irresistibile di Christoph Waltz, il più rocambolesco vicino di casa che si possa desiderare o detestare, e nella cruda dolcezza dei gesti di Hong Chau (asciugati da una menomazione fisica cui l’attrice si è preparata frequentando un centro per persone con disabilità motorie: “Ho dovuto memorizzare i nuovi movimenti espressi dal mio corpo per compensare lo squilibrio indotto” racconta Chau “ma la sfida più grande del personaggio di Ngoc Lan è stata la necessità di riuscire a mantenere nella recitazione un ritmo divertente e autentico al tempo stesso”). Perché divertente, questo film, voleva esserlo fin dal primo momento in cui è stato immaginato. Alexander Payne racconta di aver appreso dai racconti umoristici di Cechov il bilanciamento tra leggerezza e background drammatico che conferisce nitidezza alla storia e caratterizza la maggior parte delle sue opere. Un’ironia che non viene meno neanche quando Paul scopre che il nuovo mondo ha sviluppato stratificazioni e ingiustizie come qualunque società che abbia superato le proporzioni della reciproca conoscenza, fino all’ultimo gradino, tanto infimo da non meritare nemmeno di essere accolto all’interno del muro di protezione di Leisureland.

Downsizing è un film profondamente umano, concreto, privo di sensazionalismo nella misura in cui riesce a scomporre un interrogativo ideale nella concretezza di scelte minime, invitandoci ad osservarle da ogni lato, senza mai voltare la testa, per prendere consapevolezza della loro concretezza materica: una cavia in cui si affonda l’ago da sedazione, una testa di donna rasata, un’amputazione ricoperta di pelle ed accettazione. E’ una riflessione sul viaggio che ogni scelta comporta, quando arrivati a destinazione si disfanno le valigie e si scopre di non essere più sicuri di aver portato con sé quello che serve, che può strutturarci e salvarci. Davvero.

Commenti

Ultime recensioni Cinema / Visioni
53917
Yorgos Lanthimos

Il sacrificio del cervo sacro

6.5

Indubbiamente l’unica salvezza di un film che pare non dare scampo a nessuno dei suoi personaggi è...
31170285_383905158779450_5862019829438873600_n
Yann Gonzalez

Knife + Heart

5

Di materiale per divertirsi nel nuovo film di Yann Gonzalez ce ne sarebbe parecchio: un assassino mascherato...
30420767-160224807978263-4557987999146023396-o_187a
Matteo Garrone

Dogman

8

In una storia che trasuderebbe vendetta, violenza, disagio mentale, atrocità fisiche degne del migliore (o peggiore) torture...
locandina (2)
Ron Howard

Solo: A Star Wars Story

7

L’universo di Star Wars è talmente pieno di immaginari – tra trilogie ufficiali, spin-off, serie animate, romanzi...
locandina
Ramin Bahrani

Fahrenheit 451

5

Saranno in molti a rimanere delusi dopo la visione di Fahrenheit 451, remake del film diretto da...
locandina (1)
Lars von Trier

The House That Jack Built

6

Primo titolo alternativo facile facile per The House that Jack Built, il nuovo film di Lars von...
Lazzaro_Felice_Poster_Film_FestivalCannes2018
Alice Rohrwacher

Lazzaro Felice

7

Il tempo si è fermato in Lazzaro felice, per Lazzaro e per la sua comunità. E il...
coverlg
Paul Dano

Wildlife

7

Montana, anni ’60. Una giovane famiglia americana come tante si è da poco trasferita in una nuova...
locandina
Asghar Farhadi

Everybody Knows

5.5

Una vecchia regola dell’analisi del film dice che dalla prima sequenza, a volte dai titoli di testa,...
loro-2-silvio-servillo
Paolo Sorrentino

Loro 2

8

“Essere buoni conviene”. Una filosofia di vita, di economia e soprattutto di politica: la bontà come merce...
121430920-a984694f-d13d-4700-a5a4-199d673d0ae0
Paolo Sorrentino

Loro 1

SV

Tutto documentato. Tutto arbitrario. Tutto vero e tutto falso. Ma anche tutto troppo. Paolo Sorrentino ci tiene...
Tonya-poster
Craig Gillespie

Tonya

8

Questa è la storia di Tonya Harding, pattinatrice americana, e del suo tonfo professionale avvenuto nel 1994...
locandina
Steven Spielberg

Ready Player One

7.5

Sembra voler rispondere a una precisa domanda Ready Player One, il nuovo film di Steven Spielberg che...
locandina
Alex Garland

Annientamento

8.5

Il lavoro che Alex Garland fa sulla fascinazione in Annientamento è fortissimo, tanto da diventare un futuro...