evildead_occhi_girella!
Fede Alvarez

Evil Dead - La casa

2013 / 92' / Horror
5

Due le cose che ricorderemo per sempre del nuovo Evil Dead. Una è quasi comica: gli occhi dell’indemoniata a forma di girella. L’altra è l’ormai celebre scena della lingua segata in due, che dovrebbe evocare la semplicità brutale del famoso taglierino in azione in Le Chien andalou di Buñuel e invece è soltanto una laconica reiterazione della frase di lancio, che dice: the most terrifying film you will ever experience. Appiglio sentimentale per gli estimatori del genere ma piuttosto inutile con internet sempre prodiga di update. Quindi si fa presto a scolorire, anticipandolo, il trucido sense of wonder del remake horror più atteso della stagione. Di tutti i tempi non si può dire, per ovvie ragioni, ma è verosimile che – dopo l’abbuffata di trailer in Rete – qualche vecchio appassionato due secondi ci abbia pure pensato. Almeno in onore al genio di Sam Raimi.

E dalla Rete arriva il giovane figlio del cinema Fede Alvarez, l’uruguaiano che ha conquistato i precedenti affittuari de La casa Sam Raimi-Rob Tapert-Bruce Campbell come fosse a un talent con giuria e pulsante da premere: ci sei arrivato qui (mano sul cuore) e forse anche più giù (gran purè di frattaglie). Il colpo di fulmine ha infatti un nome: Panic Attack!, corto di Alvarez fatto viaggiare su YouTube nel 2009, che al novellino ha garantito assunzione alla Sony e progetto fantascientifico mai partito. La casa degli orrori è venuta prima: una ragazza, Mia, viene condotta in una baita nei boschi in un ultimo tentativo di disintossicarsi dalla droga. Viene aiutata dal fratello e da alcuni amici. Uno di questi si avventura nel seminterrato dove rinviene un vecchio volume rilegato in pelle umana e con all’interno misteriose invocazioni scritte con il sangue. Basta leggerne una per scatenare l’inferno.

Fede Alvarez è un ultra-fan della serie La casa. Lo ripete ovunque come un mantra. Non sempre però la passione garantisce buona riuscita al cinema. Ci ha messo il sangue in quest’opera, oseremmo dire a ettolitri, anche se finto. Eppure il nuovo Evil Dead è anemico. Inoltre più che a Sam Raimi, il suo debutto da regista fa pensare, ahilui, a un emulo scatenato di Eli Roth. Esponente di studiata macelleria, dunque. La ricerca spasmodica dell’effetto spettacolare, più domestico che digitale e di questo ringraziamo, si traduce in dominio dell’esagerazione e, in prossimità del finale, trancia di netto non soltanto arti ma anche quel briciolo di credibilità rimasta alla trama. È però paradossale che con Diablo Cody in circolo, sceneggiatrice hot qui non accreditata, Evil Dead risulti una svendita speciale di stereotipi splatter che ricalcano i passaggi clou del film originale (gli arbusti stupratori, il bosco come pista da corsa demoniaca, la storica sega elettrica) per farne un teatrino dell’orrido in subappalto al genio altrui. Rispetto al film di Raimi (ricordiamolo: girato con gli amici nel 1978 e proiettato soltanto tre anni più tardi al Redford Theatre nel Michigan, dove il regista è cresciuto), Alvarez aggiunge un prologo guastafeste quasi avvertisse la necessità di giustificare la presenza totalizzante del maligno. Presenza contagiosa come nel capostipite, di cui ci si può addirittura liberare.

È la croce che i remake si portano dietro: non l’ambizione a fare meglio, ma a correggere il tiro. Perfezionare ciò che è già perfetto. Un emblema dell’horror come La casa non lo puoi rifare. A mettere tra l’altro al bando la casualità dell’intreccio da pochi soldi di Raimi, puntando su parziale riequilibrio della trama e deragliare con smania godereccia nell’orgia di sangue e carne, si fa ancora di più la figura del novellino. Evil Dead 2013 quindi non terrorizza. Gode unicamente del male che infligge, senza i marchi di fabbrica dell’originale: l’ironia di un Bruce Campbell o le invenzioni tecniche, chi non ricorda la Shakey-cam?, puntualmente replicate. Questo non è davvero un film. È un’invocazione passionale vergata su pellicola. Già matura per il mercato e per sfornare altri sequel.

 

 

 

Ultime recensioni Cinema / Visioni
locandina
Gastón Duprat, Mariano Cohn

Il cittadino illustre

7.5

L’arte deve scuotere gli animi, nel bene o nel male. La letteratura e il cinema, in questo...
free-fire-ben-wheatley-poster-2
Ben Wheatley

Free Fire

6.5

Da un certo punto in poi, in Free Fire – il nuovo film di Ben Wheatley che...
locandina
Oliver Stone

Snowden

5

Se nel finale di un film basato su fatti e persone reali, il protagonista affronta il sole...
maxresdefault
Jeff Feuerzeig

Author: The JT LeRoy Story

7

Social prima di te. Parafrasando Enrico Ruggeri, una biografia di JT LeRoy potrebbe avere questo titolo: c’è...
between-us-indie-movie
Rafael Palacio Illingworth

Between Us

7

A  Rafael Palacio Illingworth riesce un’operazione niente affatto semplice: rendere toccanti e coinvolgenti dei cliché narrativi, fargli superare...
locandina
Na Hong-jin

The Wailing

6.5

Tra le poche certezze del cinefilo, soprattutto di quello che viene in trasferta al Torino Film Festival,...
locandina
Tom Ford

Animali notturni

8

La vendetta è un bisogno cieco, subdolo, che si insinua nella mente umana come un virus e...
locandina
Travis Knight

Kubo e la spada magica

8

La spada magica è il modo “infantile” che la distribuzione ha adottato per tradurre le due corde...
locandina

8.5

6 gennaio 1948. Pablo Neruda, senatore della Repubblica Cilena, davanti ai suoi colleghi si scaglia contro il...
locandina
Ewan McGregor

American Pastoral

4.5

Seymour “Lo Svedese” Levov è la sintesi ideale del sogno americano: bello, “moglie perfetta, casa perfetta, figlia...
locandina
Liza Johnson

Elvis & Nixon

6.5

Negli Archivi Nazionali degli Stati Uniti d’America è conservata una fotografia datata 21 dicembre 1970 che è,...
locandina
Laurie Anderson

Heart of a Dog

9

Secondo la celebre definizione di Cocteau, il cinema è la morte al lavoro e la settima arte...
Wacken-3d-bd_cover
Norbert Heitker

Wacken - Louder than Hell

6.5

“I Beatles facevano schifo, gli Stones facevano schifo e anche i Led Zeppelin. Ma noi facciamo più...
foxcatcher-nuovo-trailer-e-locandina-del-dramma-con-channing-tatum-e-steve-carell-1
Bennett Miller

Foxcatcher

8

A dispetto delle apparenze, Foxcatcher non è un film biografico. Neanche sportivo. È un film storico che...