evildead_occhi_girella!
Fede Alvarez

Evil Dead - La casa

2013 / 92' / Horror
5

Due le cose che ricorderemo per sempre del nuovo Evil Dead. Una è quasi comica: gli occhi dell’indemoniata a forma di girella. L’altra è l’ormai celebre scena della lingua segata in due, che dovrebbe evocare la semplicità brutale del famoso taglierino in azione in Le Chien andalou di Buñuel e invece è soltanto una laconica reiterazione della frase di lancio, che dice: the most terrifying film you will ever experience. Appiglio sentimentale per gli estimatori del genere ma piuttosto inutile con internet sempre prodiga di update. Quindi si fa presto a scolorire, anticipandolo, il trucido sense of wonder del remake horror più atteso della stagione. Di tutti i tempi non si può dire, per ovvie ragioni, ma è verosimile che – dopo l’abbuffata di trailer in Rete – qualche vecchio appassionato due secondi ci abbia pure pensato. Almeno in onore al genio di Sam Raimi.

E dalla Rete arriva il giovane figlio del cinema Fede Alvarez, l’uruguaiano che ha conquistato i precedenti affittuari de La casa Sam Raimi-Rob Tapert-Bruce Campbell come fosse a un talent con giuria e pulsante da premere: ci sei arrivato qui (mano sul cuore) e forse anche più giù (gran purè di frattaglie). Il colpo di fulmine ha infatti un nome: Panic Attack!, corto di Alvarez fatto viaggiare su YouTube nel 2009, che al novellino ha garantito assunzione alla Sony e progetto fantascientifico mai partito. La casa degli orrori è venuta prima: una ragazza, Mia, viene condotta in una baita nei boschi in un ultimo tentativo di disintossicarsi dalla droga. Viene aiutata dal fratello e da alcuni amici. Uno di questi si avventura nel seminterrato dove rinviene un vecchio volume rilegato in pelle umana e con all’interno misteriose invocazioni scritte con il sangue. Basta leggerne una per scatenare l’inferno.

Fede Alvarez è un ultra-fan della serie La casa. Lo ripete ovunque come un mantra. Non sempre però la passione garantisce buona riuscita al cinema. Ci ha messo il sangue in quest’opera, oseremmo dire a ettolitri, anche se finto. Eppure il nuovo Evil Dead è anemico. Inoltre più che a Sam Raimi, il suo debutto da regista fa pensare, ahilui, a un emulo scatenato di Eli Roth. Esponente di studiata macelleria, dunque. La ricerca spasmodica dell’effetto spettacolare, più domestico che digitale e di questo ringraziamo, si traduce in dominio dell’esagerazione e, in prossimità del finale, trancia di netto non soltanto arti ma anche quel briciolo di credibilità rimasta alla trama. È però paradossale che con Diablo Cody in circolo, sceneggiatrice hot qui non accreditata, Evil Dead risulti una svendita speciale di stereotipi splatter che ricalcano i passaggi clou del film originale (gli arbusti stupratori, il bosco come pista da corsa demoniaca, la storica sega elettrica) per farne un teatrino dell’orrido in subappalto al genio altrui. Rispetto al film di Raimi (ricordiamolo: girato con gli amici nel 1978 e proiettato soltanto tre anni più tardi al Redford Theatre nel Michigan, dove il regista è cresciuto), Alvarez aggiunge un prologo guastafeste quasi avvertisse la necessità di giustificare la presenza totalizzante del maligno. Presenza contagiosa come nel capostipite, di cui ci si può addirittura liberare.

È la croce che i remake si portano dietro: non l’ambizione a fare meglio, ma a correggere il tiro. Perfezionare ciò che è già perfetto. Un emblema dell’horror come La casa non lo puoi rifare. A mettere tra l’altro al bando la casualità dell’intreccio da pochi soldi di Raimi, puntando su parziale riequilibrio della trama e deragliare con smania godereccia nell’orgia di sangue e carne, si fa ancora di più la figura del novellino. Evil Dead 2013 quindi non terrorizza. Gode unicamente del male che infligge, senza i marchi di fabbrica dell’originale: l’ironia di un Bruce Campbell o le invenzioni tecniche, chi non ricorda la Shakey-cam?, puntualmente replicate. Questo non è davvero un film. È un’invocazione passionale vergata su pellicola. Già matura per il mercato e per sfornare altri sequel.

 

 

 

Ultime recensioni Cinema / Visioni
locandina
Christopher McQuarrie

Mission: Impossible - Fallout

7

Giungono fondamentali conferme dall’ultimo episodio di Mission: Impossible. Una, neanche tanto sorprendente, riguarda il sempre gagliardo Tom...
locandina
Ari Aster

Hereditary

8

Meno male che l’hanno intuito tutti che Hereditary – Le radici del male marcia a un altro...
locandina
Gary Ross

Ocean's 8

6

Pace all’anima di Danny Ocean. In tutti i sensi. Più che giusto quindi che a ereditare il...
locandina
Rodrigo Cortés

Dark Hall

4

Il nuovo film di Rodrigo Cortés (Buried) ha un sottotitolo. Non immediatamente visibile: a volte ritornano. Un...
53917
Yorgos Lanthimos

Il sacrificio del cervo sacro

6.5

Indubbiamente l’unica salvezza di un film che pare non dare scampo a nessuno dei suoi personaggi è...
31170285_383905158779450_5862019829438873600_n
Yann Gonzalez

Knife + Heart

5

Di materiale per divertirsi nel nuovo film di Yann Gonzalez ce ne sarebbe parecchio: un assassino mascherato...
30420767-160224807978263-4557987999146023396-o_187a
Matteo Garrone

Dogman

8

In una storia che trasuderebbe vendetta, violenza, disagio mentale, atrocità fisiche degne del migliore (o peggiore) torture...
locandina (2)
Ron Howard

Solo: A Star Wars Story

7

L’universo di Star Wars è talmente pieno di immaginari – tra trilogie ufficiali, spin-off, serie animate, romanzi...
locandina
Ramin Bahrani

Fahrenheit 451

5

Saranno in molti a rimanere delusi dopo la visione di Fahrenheit 451, remake del film diretto da...
locandina (1)
Lars von Trier

The House That Jack Built

6

Primo titolo alternativo facile facile per The House that Jack Built, il nuovo film di Lars von...
Lazzaro_Felice_Poster_Film_FestivalCannes2018
Alice Rohrwacher

Lazzaro Felice

7

Il tempo si è fermato in Lazzaro felice, per Lazzaro e per la sua comunità. E il...
coverlg
Paul Dano

Wildlife

7

Montana, anni ’60. Una giovane famiglia americana come tante si è da poco trasferita in una nuova...
locandina
Asghar Farhadi

Everybody Knows

5.5

Una vecchia regola dell’analisi del film dice che dalla prima sequenza, a volte dai titoli di testa,...
loro-2-silvio-servillo
Paolo Sorrentino

Loro 2

8

“Essere buoni conviene”. Una filosofia di vita, di economia e soprattutto di politica: la bontà come merce...
121430920-a984694f-d13d-4700-a5a4-199d673d0ae0
Paolo Sorrentino

Loro 1

SV

Tutto documentato. Tutto arbitrario. Tutto vero e tutto falso. Ma anche tutto troppo. Paolo Sorrentino ci tiene...