evildead_occhi_girella!
Fede Alvarez

Evil Dead - La casa

2013 / 92' / Horror
5

Due le cose che ricorderemo per sempre del nuovo Evil Dead. Una è quasi comica: gli occhi dell’indemoniata a forma di girella. L’altra è l’ormai celebre scena della lingua segata in due, che dovrebbe evocare la semplicità brutale del famoso taglierino in azione in Le Chien andalou di Buñuel e invece è soltanto una laconica reiterazione della frase di lancio, che dice: the most terrifying film you will ever experience. Appiglio sentimentale per gli estimatori del genere ma piuttosto inutile con internet sempre prodiga di update. Quindi si fa presto a scolorire, anticipandolo, il trucido sense of wonder del remake horror più atteso della stagione. Di tutti i tempi non si può dire, per ovvie ragioni, ma è verosimile che – dopo l’abbuffata di trailer in Rete – qualche vecchio appassionato due secondi ci abbia pure pensato. Almeno in onore al genio di Sam Raimi.

E dalla Rete arriva il giovane figlio del cinema Fede Alvarez, l’uruguaiano che ha conquistato i precedenti affittuari de La casa Sam Raimi-Rob Tapert-Bruce Campbell come fosse a un talent con giuria e pulsante da premere: ci sei arrivato qui (mano sul cuore) e forse anche più giù (gran purè di frattaglie). Il colpo di fulmine ha infatti un nome: Panic Attack!, corto di Alvarez fatto viaggiare su YouTube nel 2009, che al novellino ha garantito assunzione alla Sony e progetto fantascientifico mai partito. La casa degli orrori è venuta prima: una ragazza, Mia, viene condotta in una baita nei boschi in un ultimo tentativo di disintossicarsi dalla droga. Viene aiutata dal fratello e da alcuni amici. Uno di questi si avventura nel seminterrato dove rinviene un vecchio volume rilegato in pelle umana e con all’interno misteriose invocazioni scritte con il sangue. Basta leggerne una per scatenare l’inferno.

Fede Alvarez è un ultra-fan della serie La casa. Lo ripete ovunque come un mantra. Non sempre però la passione garantisce buona riuscita al cinema. Ci ha messo il sangue in quest’opera, oseremmo dire a ettolitri, anche se finto. Eppure il nuovo Evil Dead è anemico. Inoltre più che a Sam Raimi, il suo debutto da regista fa pensare, ahilui, a un emulo scatenato di Eli Roth. Esponente di studiata macelleria, dunque. La ricerca spasmodica dell’effetto spettacolare, più domestico che digitale e di questo ringraziamo, si traduce in dominio dell’esagerazione e, in prossimità del finale, trancia di netto non soltanto arti ma anche quel briciolo di credibilità rimasta alla trama. È però paradossale che con Diablo Cody in circolo, sceneggiatrice hot qui non accreditata, Evil Dead risulti una svendita speciale di stereotipi splatter che ricalcano i passaggi clou del film originale (gli arbusti stupratori, il bosco come pista da corsa demoniaca, la storica sega elettrica) per farne un teatrino dell’orrido in subappalto al genio altrui. Rispetto al film di Raimi (ricordiamolo: girato con gli amici nel 1978 e proiettato soltanto tre anni più tardi al Redford Theatre nel Michigan, dove il regista è cresciuto), Alvarez aggiunge un prologo guastafeste quasi avvertisse la necessità di giustificare la presenza totalizzante del maligno. Presenza contagiosa come nel capostipite, di cui ci si può addirittura liberare.

È la croce che i remake si portano dietro: non l’ambizione a fare meglio, ma a correggere il tiro. Perfezionare ciò che è già perfetto. Un emblema dell’horror come La casa non lo puoi rifare. A mettere tra l’altro al bando la casualità dell’intreccio da pochi soldi di Raimi, puntando su parziale riequilibrio della trama e deragliare con smania godereccia nell’orgia di sangue e carne, si fa ancora di più la figura del novellino. Evil Dead 2013 quindi non terrorizza. Gode unicamente del male che infligge, senza i marchi di fabbrica dell’originale: l’ironia di un Bruce Campbell o le invenzioni tecniche, chi non ricorda la Shakey-cam?, puntualmente replicate. Questo non è davvero un film. È un’invocazione passionale vergata su pellicola. Già matura per il mercato e per sfornare altri sequel.

 

 

 

Ultime recensioni Cinema / Visioni
locandina
Woody Allen

La ruota delle meraviglie

4.5

“Ho qualche guaio tra fantasia e realtà”: lo diceva Alvy/Allen in Io e Annie. Era il 1977...
locandina
Julien Temple

My Life Story

7

Più che un film, My Life Story è una testimonianza di cosa sia un entertainer, di cosa...
254690
Kantemir Balagov

Closeness

7.5

Comunicare la desolazione è cosa molto differente dall’esprimere la depressione. In quella sfumatura tra mimesi piatta e...
locandina
Colin Trevorrow

Il libro di Henry

5

La recensione più breve del mondo: Il libro di Henry sucks. Lo si scrive con un po’...
locandina
Kathryn Bigelow

Detroit

9

Kathryn Bigelow sta al cinema d’azione come George Romero sta al cinema d’orrore: ha introdotto nel genere,...
locandina
Janus Metz Pedersen

Borg McEnroe

6

Si dice che il tennis sia uno sport poco adatto al cinema. Per cercare di smentire questa...
gospel_604_alk_s_binder2_016-h_2017
Jennifer Lebeau

Trouble No More

6.5

“Puoi chiamarmi Bobby, puoi chiamarmi Zimmy /Puoi chiamarmi in ogni modo ma non importa quello che tu...
v1.bTsxMjMyNzU0OTtqOzE3NTEyOzEyMDA7Mjg0OzQwNQ
Philippe Van Leeuw

Insyriated

5.5

La guerra in Siria, o in un luogo analogo, fa parte dell’oppressione quotidiana, non è una tensione...
54108
Paolo e Vittorio Taviani

Una questione privata

5

È il 1943. Sulle colline delle Langhe le brigate dei partigiani combattono i fascisti. Gli scontri sono...
screen-shot-2017-09-05-at-1-22-03-pm
Scott Cooper

Hostiles

7.5

È più moderno che classico Hostiles (e di sicuro non classicista), più crepuscolare che mitologico. Il film...
locandina
Andy Muschietti

It

7.5

E alla fine arrivò It. L’abbiamo sognato, temuto a lungo. Ci ha indottrinato a meraviglia grazie ai...
locandina
Jonathan Dayton, Valerie Faris

La battaglia dei sessi

6

È interessante il modo sottile, quasi “subdolo”, con cui La battaglia dei sessi racconta un personaggio per...
locandina
Leonardo Di Costanzo

L'intrusa

8

“Succede che per salvare qualcuno devi escludere altri.” E’ partito da qui Leonardo Di Costanzo, da un...
locandina
Denis Villeneuve

Blade Runner 2049

8

“Hai mai visto un miracolo?” chiede Dave Bautista a Ryan Gosling all’inizio di Blade Runner 2049. La...
Outrage-0-Coda-620x329
Takeshi Kitano

Outrage Coda

6.5

Con Outrage Coda Takeshi Kitano conclude la trilogia iniziata nel 2010 con Outrage e proseguita nel 2012 con Outrage Beyond, campione d’incassi,...