coverlg
Frederick Wiseman

Ex libris

7.5

“Così può essere l’uomo: esternamente un lupo, ma nell’anima un unicorno”: siamo alla New York Public Library, soggetto del più recente documentario di Frederick Wiseman, Ex Libris (il 42esimo della sua carriera), e questo non è un brano di sceneggiatura, bensì il documento che un impiegato della principale biblioteca della città di New York sta dispensando ad un utente che ne ha fatto ricerca. Sono solo le battute iniziali, eppure l’arte di Wiseman è tutta qui, in quella capacità di far emergere da riprese ‘casuali’, sequenze dense di significato. Il film presenta in maniera orizzontale la gamma di attività che afferiscono al funzionamento della NYPL, per cui che si tratti di unicorni, di nuove tecnologie o di ricerche genealogiche, ogni richiesta ha lo stesso grado di valore perché il valore in questione è l’essere umano e il suo desiderio di acquisire conoscenza.  La macchina da presa si fa pura osservatrice, come vuole la tradizione di tutti i film del regista americano, senza l’impiego di narrazione con voce fuori campo e senza ricorrere ad interviste perché, come Wiseman ha sempre sostenuto, le immagini possono raccontarsi da sole, senza alcun bisogno di commento.

Il titolo è un omaggio all’abitudine del padre di apporre un’etichetta a ciascun libro acquistato e il soggetto è la democrazia, come in molte delle sue opere, stavolta osservata nelle attività che hanno luogo all’interno della NYPL di New York, una delle principali istituzioni democratiche della città, e nelle sue 92 divisioni sparse per Manhattan, il Bronx e Staten Island. Il film è stato realizzato a partire da un girato di 12 settimane ed ha richiesto un anno di post-produzione: lo stesso Wiseman presiede al montaggio di tutti i suoi film ed è proprio in quella sede che i suoi documentari prendono forma. “Dopo aver visionato tutto il girato mi occorrono almeno sei mesi per effettuare una prima selezione e prendere alcune note” racconta a proposito del processo di creazione delle proprie opere “ma è solo al montaggio che vedo emergere la struttura del film, come se scaturisse dalla comprensione che ho acquisito dell’argomento.” Una fase che, nel caso di Ex Libris, si è conclusa in concomitanza dell’elezione di Donald Trump ed è inevitabile chiedere all’autore un’opinione in proposito (“Trump è profondamente darwiniano, anche se ovviamente non ha la minima idea di chi sia Darwin”). 

Dalle gang afroamericane di Harlem ai pazienti di un ospedale psichiatrico in Massachusetts, dalle condizioni di macellazione in un mattatoio ai centri di assistenza sociale e tribunali per minori, il cinema di Wiseman è, come lo definisce lui stesso, pregiudiziale e giusto: pregiudiziale nella misura in cui l’autore si è apertamente schierato con le fasce più disagiate della società per offrirgli la voce, giusto in quanto fedele alla sua percezione del soggetto d’indagine. Un’indagine sull’uomo attraverso tutti i contesti in cui si trova ad operare che rivela, di fatto, tutta la fragilità del sistema americano, assumendo una valenza fortemente politica. Definito da più parti come il più grande documentarista vivente, a 87 anni Wiseman è ancora pieno di energie e di progetti. Nel 2014, in occasione della premiazione con il Leone d’Oro alla carriera, il primo nella storia della Mostra del Cinema di Venezia ad essere assegnato a un documentarista, aveva confessato che questo lavoro è divertimento e avventura al tempo stesso e di non avere alcuna voglia di smettere. Sono trascorsi tre anni, e da allora Wiseman ha realizzato altri due film, di cui il più recente viene adesso presentato in concorso a Venezia74.

Commenti

Ultime recensioni Cinema / Visioni
locandina
Woody Allen

La ruota delle meraviglie

4.5

“Ho qualche guaio tra fantasia e realtà”: lo diceva Alvy/Allen in Io e Annie. Era il 1977...
locandina
Julien Temple

My Life Story

7

Più che un film, My Life Story è una testimonianza di cosa sia un entertainer, di cosa...
254690
Kantemir Balagov

Closeness

7.5

Comunicare la desolazione è cosa molto differente dall’esprimere la depressione. In quella sfumatura tra mimesi piatta e...
locandina
Colin Trevorrow

Il libro di Henry

5

La recensione più breve del mondo: Il libro di Henry sucks. Lo si scrive con un po’...
locandina
Kathryn Bigelow

Detroit

9

Kathryn Bigelow sta al cinema d’azione come George Romero sta al cinema d’orrore: ha introdotto nel genere,...
locandina
Janus Metz Pedersen

Borg McEnroe

6

Si dice che il tennis sia uno sport poco adatto al cinema. Per cercare di smentire questa...
gospel_604_alk_s_binder2_016-h_2017
Jennifer Lebeau

Trouble No More

6.5

“Puoi chiamarmi Bobby, puoi chiamarmi Zimmy /Puoi chiamarmi in ogni modo ma non importa quello che tu...
v1.bTsxMjMyNzU0OTtqOzE3NTEyOzEyMDA7Mjg0OzQwNQ
Philippe Van Leeuw

Insyriated

5.5

La guerra in Siria, o in un luogo analogo, fa parte dell’oppressione quotidiana, non è una tensione...
54108
Paolo e Vittorio Taviani

Una questione privata

5

È il 1943. Sulle colline delle Langhe le brigate dei partigiani combattono i fascisti. Gli scontri sono...
screen-shot-2017-09-05-at-1-22-03-pm
Scott Cooper

Hostiles

7.5

È più moderno che classico Hostiles (e di sicuro non classicista), più crepuscolare che mitologico. Il film...
locandina
Andy Muschietti

It

7.5

E alla fine arrivò It. L’abbiamo sognato, temuto a lungo. Ci ha indottrinato a meraviglia grazie ai...
locandina
Jonathan Dayton, Valerie Faris

La battaglia dei sessi

6

È interessante il modo sottile, quasi “subdolo”, con cui La battaglia dei sessi racconta un personaggio per...
locandina
Leonardo Di Costanzo

L'intrusa

8

“Succede che per salvare qualcuno devi escludere altri.” E’ partito da qui Leonardo Di Costanzo, da un...
locandina
Denis Villeneuve

Blade Runner 2049

8

“Hai mai visto un miracolo?” chiede Dave Bautista a Ryan Gosling all’inizio di Blade Runner 2049. La...
Outrage-0-Coda-620x329
Takeshi Kitano

Outrage Coda

6.5

Con Outrage Coda Takeshi Kitano conclude la trilogia iniziata nel 2010 con Outrage e proseguita nel 2012 con Outrage Beyond, campione d’incassi,...