Trovarsi al posto giusto al momento giusto. Probabilmente quanto di più complesso ci sia nella costruzione del proprio destino. Troppe variabili. Troppi elementi legati al fato. Quante volte avete desiderato che quel momento speciale giungesse? Quante volte eravate certi che non sarebbe mai arrivato? E invece, inaspettatamente, era già davanti ai vostri occhi. Stava accadendo. Anzi, era già accaduto. Negli anni 60 quel momento è toccato a Freda Kelly, la segretaria più invidiata del mondo. Quando Brian Epstein ha chiesto di lei, di quella brunetta di diciassette anni non particolarmente intraprendente, tutte le ragazze di Liverpool si sono stupite. Perché proprio Freda? Ce n’erano di più carine, di più interessanti, di più ciarliere. Eppy, questo il nomignolo con cui la ragazza chiamava il manager dei Beatles, invece conosceva perfettamente la ragione di quella scelta.

Non parla tanto Freda, non l’ha mai fatto. Lei è qualcosa di diverso da una fan, è un’ammiratrice. Sin dall’inizio apprezza il lavoro dei Fab Four, assiste a ben 190 dei 291 concerti al Cavern Club di Liverpool, quindi sa cosa vogliono dire quelle canzoni per lei e i suoi coetanei; allo stesso tempo non urla, piange o lancia biancheria intima sul palco, nessun isterismo. È una ragazza vecchio stampo: integra, dimessa, mantiene la parola data, conosce il valore della privacy e non sa cosa vuol dire vendersi. Insomma, la persona perfetta per ricoprire il ruolo di coordinatrice del fan club ufficiale dei Beatles.

Nel 1965 il club ha 16.000 soci e lei è l’unica impiegata a tempo pieno: a ogni socio invia una tessera, una foto, un bollino trimestrale e un regalo natalizio. Un incarico di prestigio, da svolgere nell’ombra, ma che le dà la possibilità d’essere a stretto contatto con la band. Tutte vogliono essere Freda Kelly. Freda lo sa, d’altronde è proprio lei la prima supporter dei Beatles, così fa tutto quello che è nelle sue possibilità per accontentare le richieste degli iscritti al fan club: fa dormire Ringo su un cuscino inviato da un’ammiratrice, taglia ciocche di capelli a Paul, chiede miriadi di autografi a George e, per riuscire a ottenere un sì alle sue richieste, asseconda le pretese dettate dall’umore instabile di John. Ma soprattutto risponde a tutte le lettere dei fan. Migliaia di lettere. Stringe un rapporto quasi materno con quelle folli richieste, ingenue domande e commoventi rivelazioni intime. Contemporaneamente fa da tramite tra i Beatles e le loro famiglie a Liverpool, in attesa di notizie di prima mano sui figli in tour. Freda, così, inizia a frequentare la casa dei McCartney, dove l’appassionato di ballo “Uncle Jim” la costringe a danzare per ore, oppure quella di zia Mimi, sempre pronta a dare ordini a lei o all’amato nipote John. La casa che frequenta ogni giorno, per anni e anni, però è quella di Ringo: lì circola un amore speciale per questa ragazzina senza madre, che diventa una sorta di figlia adottiva per gli Starkey. Un legame speciale testimoniato dalla concessione all’uso delle loro canzoni in questo piccolo documentario, diretto da Ryan White, che è distribuito nelle sale in concomitanza con l’anniversario di A Hard Day’s Night, la pellicola di Richard Lester recentemente restaurata. Freda, fedele al suo carattere, negli ultimi 50 anni non ha mai parlato di quei tempi, non ha mai sfruttato la straordinarietà del suo status di testimone oculare. Non cede tuttora alle domande più maliziose. Il motivo per cui oggi condivide il suo sguardo “dall’interno” è legato al bambino che potrebbe non scoprire mai l’avventura di questa ragazza comune catapultata in una storia straordinaria: suo nipote di pochi mesi. Cosicché, magari un giorno, grazie a queste immagini, anche lui penserà a sua nonna sospirando quelle parole tanto care ai Beatles: Oh, good ol’ Freda.

 

Commenti

Ultime recensioni Cinema / Visioni
locandina
David Michôd

War Machine

6

Un paio di gambe storte sorregge un corpo rigidamente costretto in una postura dall’aria innaturale: è la...
mucchio_blame_poster
Dal 20 maggio su Netflix

Blame

6.5

Almodovar, pietà. Il cinema made in Netflix è una figata. Soprattutto se recapitato per tutti, nello stesso...
8o8
Lynne Ramsay

You Were Never Really Here

7

Il cinema di Lynne Ramsay è un cinema psico-patologico, in cui il delirio dei personaggi si rispecchia...
yju545
François Ozon

L'amant double

4

Non si può dire che L’amant double, il nuovo film di François Ozon, non sia chiaro fin...
kkkk
Ben Safdie, Joshua Safdie

Good Time

7.5

La vitalità del cinema nasce spesso dalle sue contraddizioni: Good Time dei fratelli Ben e Joshua Safdie...
grrere
Eugene Jarecki

Promised land

7.5

“Mister I ain’t a boy, no I’m a man\and I believe in a promised land”. E’ il...
vfewry
Sean Baker

The Florida project

8

Dall’iPhone al 35 millimetri, per Sean Baker il sogno americano e le sue declinazioni passano anche dal...
locandina
Fabio Grassadonia, Antonio Piazza

Sicilian Ghost Story

6

In un bosco che somiglia a quello delle fiabe, due giovani adolescenti si scambiano un bacio affettuoso....
tyutyu
Robert Campillo

120 battements par minute

8

Un cuore accelerato o un ritmo travolgente che possono essere sinonimi o contrari. Per Robin Campillo i...
locandina
Todd Haynes

Wonderstruck

8

Questo è un racconto che richiede pazienza e lentezza. Lo scrive Julianne Moore al piccolo protagonista di...
locandina
Terrence Malick

Song to Song

8

«Non c’è nessuna forma d’arte come il cinema per colpire la coscienza, scuotere le emozioni e raggiungere...
622506603
Rossella Schillaci

Libere

8

La Resistenza raccontata da Rossella Schillaci in Libere, documentario in uscita il 20 aprile nelle sale italiane,...
locandina
Paul Verhoeven

Elle

8

Schermo nero e il suono della rottura di un vetro, poi gli occhi di un gatto che...