free-fire-ben-wheatley-poster-2
Ben Wheatley

Free Fire

6.5

Da un certo punto in poi, in Free Fire – il nuovo film di Ben Wheatley che chiude il Torino Film Festival 2016 – nessuno è più in grado di camminare, perché ferito agli arti. Strisciano letteralmente come vermi, ma continuano a spararsi e cercano comunque di ammazzarsi. È un immagine che ricorda molto del cinema d’azione contemporaneo di cui Free Fire è uno specchio giocoso e forse involontario.

Il film parte da un traffico di armi: in una fabbrica abbandonata i trafficanti devono consegnare le armi ai criminali e prendere i soldi. Ma uno screzio tra due di loro darà il via a una sparatoria infernale in cui le sorprese non mancano. Scritto dal regista con Amy Jump, Free Fire è una tarantinata fuori tempo massimo (gangster anni ’70 azzimati e dalla battuta facile), un gioco sul gangsterismo divertente e ben condotto.

Wheatley è bravo nel ritmo, nel montaggio, nel calibrare con attenzione i colpi di scena che costeggiano e arricchiscono l’infinito duello, nel giocare sui corpi dei personaggi con le armi del paradosso, nel costruire un crescendo credibile nel suo ascendente fumettistico. E’ però anche interessante per lo sguardo che sottende al cinema di genere contemporaneo, sugli action movie di serie A, B o altro: in Free Fire non ci sono buoni o cattivi, ci sono solo figure criminali che sparano. Ovvero, non c’è il discorso morale di molto noir moderno, in cui la mancanza di una figura di bene è un’indicazione nichilista sul mondo, ma c’è una rappresentazione amorale del mondo in cui ciò che conta è lo spettacolo, è vedere figure stilizzate che fanno di tutto per ammazzarsi di botte o pallottole, vermi che strisciano sanguinando ma cercando comunque di uccidersi nei modi più originali e divertenti.

Che siano le Civil War fumettistiche (fateci caso, la tendenza è far picchiare i buoni tra di loro) o l’astrazione plastica di Edwards nei 2 The Raid e via dicendo, il cinema d’azione contemporaneo è arte gladiatoria all’ennesima potenza, all’ultimo sangue, con il pubblico sempre pronto con il pollice verso senza il bisogno di testi o contesti per godersi lo spettacolo. Free Fire sembra voler esplicitare la tendenza, rappresentarla in una giostra ricca di humour e trovate spassose con un pizzico di compiacimento, guidata da un gran bel cast in cui, a sorpresa, la figura del leone la fa il gangster fascinoso e compassato di Armie Hammer. Intrattenimento a prova di zeitgeist.

Commenti

Ultime recensioni Cinema / Visioni
locandina
Woody Allen

La ruota delle meraviglie

4.5

“Ho qualche guaio tra fantasia e realtà”: lo diceva Alvy/Allen in Io e Annie. Era il 1977...
locandina
Julien Temple

My Life Story

7

Più che un film, My Life Story è una testimonianza di cosa sia un entertainer, di cosa...
254690
Kantemir Balagov

Closeness

7.5

Comunicare la desolazione è cosa molto differente dall’esprimere la depressione. In quella sfumatura tra mimesi piatta e...
locandina
Colin Trevorrow

Il libro di Henry

5

La recensione più breve del mondo: Il libro di Henry sucks. Lo si scrive con un po’...
locandina
Kathryn Bigelow

Detroit

9

Kathryn Bigelow sta al cinema d’azione come George Romero sta al cinema d’orrore: ha introdotto nel genere,...
locandina
Janus Metz Pedersen

Borg McEnroe

6

Si dice che il tennis sia uno sport poco adatto al cinema. Per cercare di smentire questa...
gospel_604_alk_s_binder2_016-h_2017
Jennifer Lebeau

Trouble No More

6.5

“Puoi chiamarmi Bobby, puoi chiamarmi Zimmy /Puoi chiamarmi in ogni modo ma non importa quello che tu...
v1.bTsxMjMyNzU0OTtqOzE3NTEyOzEyMDA7Mjg0OzQwNQ
Philippe Van Leeuw

Insyriated

5.5

La guerra in Siria, o in un luogo analogo, fa parte dell’oppressione quotidiana, non è una tensione...
54108
Paolo e Vittorio Taviani

Una questione privata

5

È il 1943. Sulle colline delle Langhe le brigate dei partigiani combattono i fascisti. Gli scontri sono...
screen-shot-2017-09-05-at-1-22-03-pm
Scott Cooper

Hostiles

7.5

È più moderno che classico Hostiles (e di sicuro non classicista), più crepuscolare che mitologico. Il film...
locandina
Andy Muschietti

It

7.5

E alla fine arrivò It. L’abbiamo sognato, temuto a lungo. Ci ha indottrinato a meraviglia grazie ai...
locandina
Jonathan Dayton, Valerie Faris

La battaglia dei sessi

6

È interessante il modo sottile, quasi “subdolo”, con cui La battaglia dei sessi racconta un personaggio per...
locandina
Leonardo Di Costanzo

L'intrusa

8

“Succede che per salvare qualcuno devi escludere altri.” E’ partito da qui Leonardo Di Costanzo, da un...
locandina
Denis Villeneuve

Blade Runner 2049

8

“Hai mai visto un miracolo?” chiede Dave Bautista a Ryan Gosling all’inizio di Blade Runner 2049. La...
Outrage-0-Coda-620x329
Takeshi Kitano

Outrage Coda

6.5

Con Outrage Coda Takeshi Kitano conclude la trilogia iniziata nel 2010 con Outrage e proseguita nel 2012 con Outrage Beyond, campione d’incassi,...