free-fire-ben-wheatley-poster-2
Ben Wheatley

Free Fire

6.5

Da un certo punto in poi, in Free Fire – il nuovo film di Ben Wheatley che chiude il Torino Film Festival 2016 – nessuno è più in grado di camminare, perché ferito agli arti. Strisciano letteralmente come vermi, ma continuano a spararsi e cercano comunque di ammazzarsi. È un immagine che ricorda molto del cinema d’azione contemporaneo di cui Free Fire è uno specchio giocoso e forse involontario.

Il film parte da un traffico di armi: in una fabbrica abbandonata i trafficanti devono consegnare le armi ai criminali e prendere i soldi. Ma uno screzio tra due di loro darà il via a una sparatoria infernale in cui le sorprese non mancano. Scritto dal regista con Amy Jump, Free Fire è una tarantinata fuori tempo massimo (gangster anni ’70 azzimati e dalla battuta facile), un gioco sul gangsterismo divertente e ben condotto.

Wheatley è bravo nel ritmo, nel montaggio, nel calibrare con attenzione i colpi di scena che costeggiano e arricchiscono l’infinito duello, nel giocare sui corpi dei personaggi con le armi del paradosso, nel costruire un crescendo credibile nel suo ascendente fumettistico. E’ però anche interessante per lo sguardo che sottende al cinema di genere contemporaneo, sugli action movie di serie A, B o altro: in Free Fire non ci sono buoni o cattivi, ci sono solo figure criminali che sparano. Ovvero, non c’è il discorso morale di molto noir moderno, in cui la mancanza di una figura di bene è un’indicazione nichilista sul mondo, ma c’è una rappresentazione amorale del mondo in cui ciò che conta è lo spettacolo, è vedere figure stilizzate che fanno di tutto per ammazzarsi di botte o pallottole, vermi che strisciano sanguinando ma cercando comunque di uccidersi nei modi più originali e divertenti.

Che siano le Civil War fumettistiche (fateci caso, la tendenza è far picchiare i buoni tra di loro) o l’astrazione plastica di Edwards nei 2 The Raid e via dicendo, il cinema d’azione contemporaneo è arte gladiatoria all’ennesima potenza, all’ultimo sangue, con il pubblico sempre pronto con il pollice verso senza il bisogno di testi o contesti per godersi lo spettacolo. Free Fire sembra voler esplicitare la tendenza, rappresentarla in una giostra ricca di humour e trovate spassose con un pizzico di compiacimento, guidata da un gran bel cast in cui, a sorpresa, la figura del leone la fa il gangster fascinoso e compassato di Armie Hammer. Intrattenimento a prova di zeitgeist.

Commenti

Ultime recensioni Cinema / Visioni
locandina
Fabio Grassadonia, Antonio Piazza

Sicilian Ghost Story

6

In un bosco che somiglia a quello delle fiabe, due giovani adolescenti si scambiano un bacio affettuoso....
tyutyu
Robert Campillo

120 battements par minute

8

Un cuore accelerato o un ritmo travolgente che possono essere sinonimi o contrari. Per Robin Campillo i...
locandina
Todd Haynes

Wonderstruck

8

Questo è un racconto che richiede pazienza e lentezza. Lo scrive Julianne Moore al piccolo protagonista di...
locandina
Terrence Malick

Song to Song

8

«Non c’è nessuna forma d’arte come il cinema per colpire la coscienza, scuotere le emozioni e raggiungere...
622506603
Rossella Schillaci

Libere

8

La Resistenza raccontata da Rossella Schillaci in Libere, documentario in uscita il 20 aprile nelle sale italiane,...
locandina
Paul Verhoeven

Elle

8

Schermo nero e il suono della rottura di un vetro, poi gli occhi di un gatto che...
locandina
Moritz Siebert, Estephan Wagner, Abou Bakar Sidibé

Les Sauteurs

8

Se c’è un argomento che ci parla  dello spirito del tempo è il muro, il confine, la...
locandina
Jean-Loup Felicioli, Alain Gagnol

Phantom Boy

7

Un ragazzino leucemico viene ricoverato in ospedale per ricevere adeguate cure, conosce uno sbirro finito sulla sedia...
locandina
Pablo Larraìn

Jackie

8

Il volto in primo piano è quello che tutti conosciamo. Quello di un’icona del ventesimo secolo, una...
la-la-land-poster-festival
Damien Chazelle

La La Land

8

A un certo punto di Io e Annie Woody Allen, alla proposta di trasferirsi a Los Angeles,...
locandina
Benedetta Argentieri, Bruno Chiaravalloti, Claudio Jampaglia

Our War

8.5

Presentato Fuori Concorso alla 73° Mostra del Cinema di Venezia, Our War nasce dall’incontro tra i giornalisti...
locandina
Sergei Loznitsa

Austerlitz

8

Una macchina da presa fissa riprende il passaggio dei tanti turisti in visita nel campo di concentramento...