free-fire-ben-wheatley-poster-2
Ben Wheatley

Free Fire

6.5

Da un certo punto in poi, in Free Fire – il nuovo film di Ben Wheatley che chiude il Torino Film Festival 2016 – nessuno è più in grado di camminare, perché ferito agli arti. Strisciano letteralmente come vermi, ma continuano a spararsi e cercano comunque di ammazzarsi. È un immagine che ricorda molto del cinema d’azione contemporaneo di cui Free Fire è uno specchio giocoso e forse involontario.

Il film parte da un traffico di armi: in una fabbrica abbandonata i trafficanti devono consegnare le armi ai criminali e prendere i soldi. Ma uno screzio tra due di loro darà il via a una sparatoria infernale in cui le sorprese non mancano. Scritto dal regista con Amy Jump, Free Fire è una tarantinata fuori tempo massimo (gangster anni ’70 azzimati e dalla battuta facile), un gioco sul gangsterismo divertente e ben condotto.

Wheatley è bravo nel ritmo, nel montaggio, nel calibrare con attenzione i colpi di scena che costeggiano e arricchiscono l’infinito duello, nel giocare sui corpi dei personaggi con le armi del paradosso, nel costruire un crescendo credibile nel suo ascendente fumettistico. E’ però anche interessante per lo sguardo che sottende al cinema di genere contemporaneo, sugli action movie di serie A, B o altro: in Free Fire non ci sono buoni o cattivi, ci sono solo figure criminali che sparano. Ovvero, non c’è il discorso morale di molto noir moderno, in cui la mancanza di una figura di bene è un’indicazione nichilista sul mondo, ma c’è una rappresentazione amorale del mondo in cui ciò che conta è lo spettacolo, è vedere figure stilizzate che fanno di tutto per ammazzarsi di botte o pallottole, vermi che strisciano sanguinando ma cercando comunque di uccidersi nei modi più originali e divertenti.

Che siano le Civil War fumettistiche (fateci caso, la tendenza è far picchiare i buoni tra di loro) o l’astrazione plastica di Edwards nei 2 The Raid e via dicendo, il cinema d’azione contemporaneo è arte gladiatoria all’ennesima potenza, all’ultimo sangue, con il pubblico sempre pronto con il pollice verso senza il bisogno di testi o contesti per godersi lo spettacolo. Free Fire sembra voler esplicitare la tendenza, rappresentarla in una giostra ricca di humour e trovate spassose con un pizzico di compiacimento, guidata da un gran bel cast in cui, a sorpresa, la figura del leone la fa il gangster fascinoso e compassato di Armie Hammer. Intrattenimento a prova di zeitgeist.

Commenti

Ultime recensioni Cinema / Visioni
locandina
Martin Scorsese

Silence

9

Per più di 20 anni, Silence è stato il “prossimo film di Martin Scorsese”. Ora il progetto,...
locandina
Robert Zemeckis

Allied - Un'ombra nascosta

6

Tutto è più bello a Casablanca, anche la guerra. Max e Marianne si incontrano per la prima...
locandina
Morten Tyldum

Passengers

5

Si capisce che la sfiga è assoluta in Passengers sin dal principio. Immaginate gigantesca e lussuosa (astro)nave...
locandina
Gareth Edwards

Rogue One: A Star Wars Story

7

Parte contromano Rogue One: A Star Wars Story per i fedelissimi della fanfara di John Williams. Niente...
locandina
Gastón Duprat, Mariano Cohn

Il cittadino illustre

7.5

L’arte deve scuotere gli animi, nel bene o nel male. La letteratura e il cinema, in questo...
free-fire-ben-wheatley-poster-2
Ben Wheatley

Free Fire

6.5

Da un certo punto in poi, in Free Fire – il nuovo film di Ben Wheatley che...
locandina
Oliver Stone

Snowden

5

Se nel finale di un film basato su fatti e persone reali, il protagonista affronta il sole...
maxresdefault
Jeff Feuerzeig

Author: The JT LeRoy Story

7

Social prima di te. Parafrasando Enrico Ruggeri, una biografia di JT LeRoy potrebbe avere questo titolo: c’è...
between-us-indie-movie
Rafael Palacio Illingworth

Between Us

7

A  Rafael Palacio Illingworth riesce un’operazione niente affatto semplice: rendere toccanti e coinvolgenti dei cliché narrativi, fargli superare...
locandina
Na Hong-jin

The Wailing

6.5

Tra le poche certezze del cinefilo, soprattutto di quello che viene in trasferta al Torino Film Festival,...
locandina
Tom Ford

Animali notturni

8

La vendetta è un bisogno cieco, subdolo, che si insinua nella mente umana come un virus e...
locandina
Travis Knight

Kubo e la spada magica

8

La spada magica è il modo “infantile” che la distribuzione ha adottato per tradurre le due corde...
locandina

8.5

6 gennaio 1948. Pablo Neruda, senatore della Repubblica Cilena, davanti ai suoi colleghi si scaglia contro il...
locandina
Ewan McGregor

American Pastoral

4.5

Seymour “Lo Svedese” Levov è la sintesi ideale del sogno americano: bello, “moglie perfetta, casa perfetta, figlia...
locandina
Liza Johnson

Elvis & Nixon

6.5

Negli Archivi Nazionali degli Stati Uniti d’America è conservata una fotografia datata 21 dicembre 1970 che è,...