kkkk
Ben Safdie, Joshua Safdie

Good Time

7.5

La vitalità del cinema nasce spesso dalle sue contraddizioni: Good Time dei fratelli Ben e Joshua Safdie (autori culto nel cinema underground) è un coacervo di contraddizioni e quindi di vitalità che scaturisce da un modo di fare cinema che si potrebbe dire schizofrenico o più semplicemente bifronte. Racconta di due fratelli rapinatori, di cui uno con un ritardo mentale, che dopo una rapina andata male finiscono separati. Il tentativo di fuggire dalle istituzioni e di ricongiungersi seguirà strade imprevedibili e pericolose.

Un noir puro nella trama – scritta da Joshua Safdie con Ronald Bronstein – che è anche un toccante dramma familiare su sfondo di lotta di classe; ma soprattutto la dimostrazione di un talento difficilmente etichettabile. Perché Good Time è un racconto viscerale realizzato con innegabile tocco trendy in cui si mescolano idee di cinema quasi opposte: riprese crude e sporche riviste dall’estrema cura estetica della post-produzione, uno spirito rabbioso e aggressivo dentro un corpo cinematografico consapevole e calibrato, la violenza del cinema nero e della fotografia sgranata e il velluto di colori fluorescenti, le musiche martellanti (splendida colonna sonora di Oneohtrix Point Never) e i fluidi movimenti di macchina.

 Aperto e chiuso da due sequenze memorabili in cui i fratelli dimostrano una sensibilità quasi documentaristica impressionante (altra bella contraddizione in un film inscritto nell’immaginario hollywoodiano), Good Time mostra un uso dell’ironia molto intelligente, la capacità narrativa di sorprendere e digredire con gusto: è un film che si tende fino allo spasimo e che rischia l’impasse da un momento all’altro ma se ne sa tirare fuori con il vigore e il ritmo della regia e con l’amore inconsueto per i suoi personaggi. Refn che incontra Cassateves: l’unica etichetta possibile per Good Time è appunto schizofrenica.

Commenti

Ultime recensioni Cinema / Visioni
locandina
David Michôd

War Machine

6

Un paio di gambe storte sorregge un corpo rigidamente costretto in una postura dall’aria innaturale: è la...
mucchio_blame_poster
Dal 20 maggio su Netflix

Blame

6.5

Almodovar, pietà. Il cinema made in Netflix è una figata. Soprattutto se recapitato per tutti, nello stesso...
8o8
Lynne Ramsay

You Were Never Really Here

7

Il cinema di Lynne Ramsay è un cinema psico-patologico, in cui il delirio dei personaggi si rispecchia...
yju545
François Ozon

L'amant double

4

Non si può dire che L’amant double, il nuovo film di François Ozon, non sia chiaro fin...
kkkk
Ben Safdie, Joshua Safdie

Good Time

7.5

La vitalità del cinema nasce spesso dalle sue contraddizioni: Good Time dei fratelli Ben e Joshua Safdie...
grrere
Eugene Jarecki

Promised land

7.5

“Mister I ain’t a boy, no I’m a man\and I believe in a promised land”. E’ il...
vfewry
Sean Baker

The Florida project

8

Dall’iPhone al 35 millimetri, per Sean Baker il sogno americano e le sue declinazioni passano anche dal...
locandina
Fabio Grassadonia, Antonio Piazza

Sicilian Ghost Story

6

In un bosco che somiglia a quello delle fiabe, due giovani adolescenti si scambiano un bacio affettuoso....
tyutyu
Robert Campillo

120 battements par minute

8

Un cuore accelerato o un ritmo travolgente che possono essere sinonimi o contrari. Per Robin Campillo i...
locandina
Todd Haynes

Wonderstruck

8

Questo è un racconto che richiede pazienza e lentezza. Lo scrive Julianne Moore al piccolo protagonista di...
locandina
Terrence Malick

Song to Song

8

«Non c’è nessuna forma d’arte come il cinema per colpire la coscienza, scuotere le emozioni e raggiungere...
622506603
Rossella Schillaci

Libere

8

La Resistenza raccontata da Rossella Schillaci in Libere, documentario in uscita il 20 aprile nelle sale italiane,...
locandina
Paul Verhoeven

Elle

8

Schermo nero e il suono della rottura di un vetro, poi gli occhi di un gatto che...