HANNAH-Charlotte-Rampling-2017-1
Andrea Pallaoro

Hannah

5.5

Lunga vita a chi cerca nuove strade e toni originali per raccontare le storie al cinema, purchè le storie, alla fine vengano raccontate. La proiezione cinematografica sancisce un patto tra lo spettatore e il regista, per cui l’uno si appresta a donare attenzione alla rappresentazione che l’altro mette in scena di un accadimento che possa toccarlo. Il presupposto di questo ‘contratto’ è che allo spettatore vengano forniti sufficienti elementi per comprendere la storia e l’arte sta certo nel dosarli con sapienza, in modo che l’universo simbolico che il film costruisce non venga mai disvelato completamente; assunto ben diverso dal non fornire informazioni tout court, come invece avviene in Hannah di Andrea Pallaoro, in concorso a Venezia74. Quel che sappiamo del personaggio lo si apprende solo da lettura della sinossi, per il resto si tratta di seguire i movimenti di un’eccelsa Charlotte Rampling senza avere nozione di che cosa la muova e poter quindi intuire verso dove. Che poi si tratti di un momento dell’esistenza della protagonista particolarmente difficile appare chiaro anche senza mettere in piedi visivamente l’immagine della balena spiaggiata, prosciugata della sua potenza evocativa nell’essere avulsa dal resto della visione.

Recita la cartella stampa: “Hannah è il ritratto intimo di una donna che non riesce ad accettare la realtà che la circonda.  Rimasta sola, alle prese con le conseguenze dell’arresto del marito, Hannah inizia a sgretolarsi. Attraverso l’esplorazione del suo graduale crollo emotivo e psicologico, il film indaga il confine delicato tra l’identità del singolo, le relazioni umane e le pressioni sociali.” Peccato solo averlo scoperto dopo i 95 minuti di proiezione. Il processo di elisione necessario ad asciugare ogni sceneggiatura e lasciare degli spazi in cui lo spettatore possa trovare una propria identificazione sembra essersi abbattuto su un’idea iniziale molto interessante, finendo col bandire definitivamente la possibilità di accedere al mondo emotivo di Hannah che era proprio l’obiettivo del film. Non riusciamo a diventare partecipi della sua esistenza e non certo perché la Rampling non sia straordinariamente espressiva, ma perché mancano, accanto a lei, i fotogrammi di una qualsiasi scodella di minestra fumante, bara funebre o bambina che gioca a guidare la percezione dello spettatore, come insegna sagacemente Ėjzenštejn nelle sue lezioni di montaggio. Rimaniamo indifferenti anche a una svolta di sceneggiatura importante che arriva casuale come un’infiltrazione nel soffitto da riparare e permette ad Hannah di trovare una busta di cui ignoriamo, ovviamente, il contenuto, dal momento che ignoriamo anche il dilemma che dovrebbe risolvere. Che il suo disagio principale sia la solitudine esperita per la prima volta dopo decenni di matrimonio o il dubbio circa la colpevolezza del marito, infatti, non è dato saperlo. Il regista dichiara che non ha voluto introdurre una narrazione che avrebbe potuto distrarre dal mondo emotivo del personaggio, ma persino Hitchcock, il cui scopo era invece la creazione di suspense, era meno parco di informazioni con i suoi spettatori.

Commenti

Ultime recensioni Cinema / Visioni
Outrage-0-Coda-620x329
Takeshi Kitano

Outrage Coda

6.5

Con Outrage Coda Takeshi Kitano conclude la trilogia iniziata nel 2010 con Outrage e proseguita nel 2012 con Outrage Beyond, campione d’incassi,...
HANNAH-Charlotte-Rampling-2017-1
Andrea Pallaoro

Hannah

5.5

Lunga vita a chi cerca nuove strade e toni originali per raccontare le storie al cinema, purchè...
lou_luttiau_shain_boumedine_ophelie_bau
Abdellatif Kechiche

Mektoub, My Love: Canto uno

7

Ci sono infiniti modi di essere curiosi della vita e di volerla esplorare cinematograficamente. Osservare i personaggi...
morelli-e-rossi-ammore-e-malavita
Manetti Bros

Ammore e malavita

7.5

‘Parigi ha la Tour Eiffel, Roma ha il Colosseo e Napoli ha le vele di Scampìa’: comincia...
sakamoto-coda
Stephen Schible

Ryuichi Sakamoto: Coda

6.5

In conferenza stampa Ryūichi Sakamoto continua a muovere le dita. A Venezia74 per presentare il docufilm girato...
coverlg
Frederick Wiseman

Ex libris

7.5

“Così può essere l’uomo: esternamente un lupo, ma nell’anima un unicorno”: siamo alla New York Public Library,...
coverlg
Paolo Virzì

The Leisure Seeker

7.5

Alla prima di The Leisure Seeker, in concorso a Venezia74, gli applausi per Paolo Virzì scattano già ai...
Lean-on-Pete-3-e1504274174891
Andrew Haigh

Lean on Pete

5

Di Lean on Pete di Andrew Haigh, film in Concorso a Venezia74, si potrebbero prevedere i punti...
DE7gkh6XcAA5Lso
Ritesh Batra

Our Souls at Night

8

Jane Fonda e Robert Redford, Leoni d’Oro alla carriera a Venezia74, sono i protagonisti di una delicata...
the-shape-of-water-trailer
Guillermo Del Toro

The Shape of Water

6

Chi lascia la sala prima della fine della proiezione e chi applaude ai titoli di coda. Il cinema...
59a6c77a88212
Alexander Payne

Downsizing

8

Avrebbe potuto rischiare di essere l’ennesimo film di fantascienza, Downsizing di Alexander Payne, se i suoi minuscoli...
okja-poster-1
Bong Joon-ho

Okja

7.5

La pietra dello scandalo. Il film che al recente festival di Cannes ha fatto scattare la fatwa...
locandina
David Michôd

War Machine

6

Un paio di gambe storte sorregge un corpo rigidamente costretto in una postura dall’aria innaturale: è la...
mucchio_blame_poster
Dal 20 maggio su Netflix

Blame

6.5

Almodovar, pietà. Il cinema made in Netflix è una figata. Soprattutto se recapitato per tutti, nello stesso...
8o8
Lynne Ramsay

You Were Never Really Here

7

Il cinema di Lynne Ramsay è un cinema psico-patologico, in cui il delirio dei personaggi si rispecchia...
yju545
François Ozon

L'amant double

4

Non si può dire che L’amant double, il nuovo film di François Ozon, non sia chiaro fin...