Secondo la celebre definizione di Cocteau, il cinema è la morte al lavoro e la settima arte sembra aver preso particolarmente sul serio questa definizione dedicandosi spesso a raccontare l’elaborazione del lutto. Uno degli esempi più commoventi e folgoranti è Heart of a Dog.

La regista (oltre che musicista, performer e scrittrice) Laurie Anderson ha messo in mostra in un video-diario impudico ma mai narcisista il suo rapporto decennale con la morte. Partendo dalla perdita della madre, fino a quella del marito Lou Reed; nel mezzo a fare da filtro la malattia e la morte della sua cagnetta, Lolabelle. Ma Heart of a Dog – nelle sale italiane solo per due giorni, il 13 e 14 settembre – è tutt’altro che un quaderno di dolore e sofferenze: è un caleidoscopio incentrato sul senso, il significato e il valore della morte. Una riflessione personale e universale che passa dall’estrema varietà stilistica dell’opera: una confessione dalla forma libera che rende libera anche la sostanza. E il diario diventa poesia, riflessione spirituale, saggio politico, arte contemporanea e dramma romantico.

Ma la forma di Heart of a Dog che più spiazza e commuove, che lo rende un vero e proprio colpo al petto, è quella d’istantanea del cuore della sua autrice: Anderson utilizza fino in fondo le potenzialità dell’espressione filmica, consapevole che il cinema può e forse deve essere molte cose anche contemporaneamente, assume su di sé ogni responsabilità e realizza un atto – più che un’opera – che mette in mostra ogni frazione del suo pensiero, della sua psiche, delle sue passioni, svelandosi con un coraggio assoluto, consapevole della sua fragilità e della sua instabilità. La morte in molti dei suoi risvolti diventa così un punto di partenza imprescindibile per ricominciare, per riflettere su di sé e cercare di acquistare nuova consapevolezza, per non dire nuova serenità. Anderson non si limita a ricordare, ma utilizza la memoria come primo passo verso un viaggio che è letteralmente dentro ognuno di noi: le nostre reazioni di fronte alla malattia, il modo in cui affrontiamo la morte, le differenti possibili elaborazioni del lutto, allargandosi alla morte come elemento culturale e politico. Ma soprattutto, è perfettamente consapevole che l’unico modo per rendere un viaggio simile davvero universale è renderlo estremamente personale, soprattutto nel rapporto con Lolabelle, con quel cuore di cane.

Guardare la regista mentre costringe la cagnolina a suonare una tastiera su un palco, oppure seguire i percorsi mentali in cui ipotizza trasmigrazioni di anime e spiriti può causare imbarazzo, ma immagine dopo immagine si capisce che il valore di Heart of a Dog è proprio nella sincerità vagabonda con cui la sua protagonista si impossessa di quell’imbarazzo, tramutandolo in emozione. Passando quindi dalla morte di Cocteau alla verità, che secondo Godard, il cinema affermerebbe per 24 volte al secondo.

Commenti

Ultime recensioni Cinema / Visioni
locandina
Woody Allen

La ruota delle meraviglie

4.5

“Ho qualche guaio tra fantasia e realtà”: lo diceva Alvy/Allen in Io e Annie. Era il 1977...
locandina
Julien Temple

My Life Story

7

Più che un film, My Life Story è una testimonianza di cosa sia un entertainer, di cosa...
254690
Kantemir Balagov

Closeness

7.5

Comunicare la desolazione è cosa molto differente dall’esprimere la depressione. In quella sfumatura tra mimesi piatta e...
locandina
Colin Trevorrow

Il libro di Henry

5

La recensione più breve del mondo: Il libro di Henry sucks. Lo si scrive con un po’...
locandina
Kathryn Bigelow

Detroit

9

Kathryn Bigelow sta al cinema d’azione come George Romero sta al cinema d’orrore: ha introdotto nel genere,...
locandina
Janus Metz Pedersen

Borg McEnroe

6

Si dice che il tennis sia uno sport poco adatto al cinema. Per cercare di smentire questa...
gospel_604_alk_s_binder2_016-h_2017
Jennifer Lebeau

Trouble No More

6.5

“Puoi chiamarmi Bobby, puoi chiamarmi Zimmy /Puoi chiamarmi in ogni modo ma non importa quello che tu...
v1.bTsxMjMyNzU0OTtqOzE3NTEyOzEyMDA7Mjg0OzQwNQ
Philippe Van Leeuw

Insyriated

5.5

La guerra in Siria, o in un luogo analogo, fa parte dell’oppressione quotidiana, non è una tensione...
54108
Paolo e Vittorio Taviani

Una questione privata

5

È il 1943. Sulle colline delle Langhe le brigate dei partigiani combattono i fascisti. Gli scontri sono...
screen-shot-2017-09-05-at-1-22-03-pm
Scott Cooper

Hostiles

7.5

È più moderno che classico Hostiles (e di sicuro non classicista), più crepuscolare che mitologico. Il film...
locandina
Andy Muschietti

It

7.5

E alla fine arrivò It. L’abbiamo sognato, temuto a lungo. Ci ha indottrinato a meraviglia grazie ai...
locandina
Jonathan Dayton, Valerie Faris

La battaglia dei sessi

6

È interessante il modo sottile, quasi “subdolo”, con cui La battaglia dei sessi racconta un personaggio per...
locandina
Leonardo Di Costanzo

L'intrusa

8

“Succede che per salvare qualcuno devi escludere altri.” E’ partito da qui Leonardo Di Costanzo, da un...
locandina
Denis Villeneuve

Blade Runner 2049

8

“Hai mai visto un miracolo?” chiede Dave Bautista a Ryan Gosling all’inizio di Blade Runner 2049. La...
Outrage-0-Coda-620x329
Takeshi Kitano

Outrage Coda

6.5

Con Outrage Coda Takeshi Kitano conclude la trilogia iniziata nel 2010 con Outrage e proseguita nel 2012 con Outrage Beyond, campione d’incassi,...