Era il 1988 quando Julian Temple, il regista più punk di tutti i tempi, girava un film di fantascienza come Le ragazze della terra sono facili mostrando come il legame tra la musica dell’anarchia e delle spille da balia, il cinema e la science-fiction fosse possibile e capace di creare un piccolo culto camp. È ancora più esplicito questo legame con How to Talk to Girls at Parties, il nuovo film di John Cameron Mitchell, altro regista trasgressivo, eccentrico e musicale.

 E che proprio a quel film di 30 anni fa in qualche si ispira, rovesciandolo: racconta di un ragazzo che nei bassifondi inglesi del ’77 in cui cerca la rivoluzione e la libertà si imbatte in una ragazza bellissima, un’aliena che fa parte di una colonia che vuole inseminare la Terra per eliminare gli umani. L’amore e la musica dei Dischords la condurranno a emanciparsi, ma i suoi simili non concordano: un’avventura sghemba e molto sui generis – tratta da Mitchell e Philippa Goslett da un racconto di Neil Gaiman – in cui la somma tra period drama e fantascienza dà vita a una curiosa love story giovanile che è però anche una perfetta allegoria dell’Inghilterra del periodo (il giubileo d’argento della regina) e della sua musica.

 Il film infatti raccoglie i simboli di una cultura dalla vita brevissima ma dal lascito ancora vivo e ne tappezza il percorso narrativo in cui raccontare i fermenti sociali e politici, le derive, la vita culturale talmente impossibile da definire da trasformarsi sempre in altro (nel kraut-rock per esempio, e il film lo mostra) e Mitchell utilizza l’iconografia dei suoi alieni, le sue cosmogonie e mitologie per raccontare cos’era il punk e cos’erano l’arte, la musica e la creazione in quegli anni esplosivi e imprevedibili, capaci – come gli alieni – di auto-divorarsi ma anche di far moltiplicare per decenni i propri figli delle stelle.

 How to Talk to Girls at Parties è un purissimo atto d’amore che ruota tutto intorno all’amore per ciò che si è, ciò che si fa e con chi lo si fa e Mitchell, perfettamente a suo agio a 7 anni di distanza dall’opposto Rabbit Hole, sceglie la giusta via di un film energico, fluido, veloce, divertente come quel punk, instabile più che cattivo: proprio come le figure di quegli anni che un ottimo cast fa rivivere in modo più o meno diretto. E che trova due figure di regine strepitose: Elle Fanning, ormai dea delle metamorfosi avant-pop dopo The Neon Demon, e Nicole Kidman, sugli scudi come regina dei celti in chiave post-punk. Un film forse per appassionati che rischia molto d’incartarsi verso il finale: ma noi siamo appassionati, e su questi difetti passiamo sopra tranquillamente.

Commenti

Ultime recensioni Cinema / Visioni
53917
Yorgos Lanthimos

Il sacrificio del cervo sacro

6.5

Indubbiamente l’unica salvezza di un film che pare non dare scampo a nessuno dei suoi personaggi è...
31170285_383905158779450_5862019829438873600_n
Yann Gonzalez

Knife + Heart

5

Di materiale per divertirsi nel nuovo film di Yann Gonzalez ce ne sarebbe parecchio: un assassino mascherato...
30420767-160224807978263-4557987999146023396-o_187a
Matteo Garrone

Dogman

8

In una storia che trasuderebbe vendetta, violenza, disagio mentale, atrocità fisiche degne del migliore (o peggiore) torture...
locandina (2)
Ron Howard

Solo: A Star Wars Story

7

L’universo di Star Wars è talmente pieno di immaginari – tra trilogie ufficiali, spin-off, serie animate, romanzi...
locandina
Ramin Bahrani

Fahrenheit 451

5

Saranno in molti a rimanere delusi dopo la visione di Fahrenheit 451, remake del film diretto da...
locandina (1)
Lars von Trier

The House That Jack Built

6

Primo titolo alternativo facile facile per The House that Jack Built, il nuovo film di Lars von...
Lazzaro_Felice_Poster_Film_FestivalCannes2018
Alice Rohrwacher

Lazzaro Felice

7

Il tempo si è fermato in Lazzaro felice, per Lazzaro e per la sua comunità. E il...
coverlg
Paul Dano

Wildlife

7

Montana, anni ’60. Una giovane famiglia americana come tante si è da poco trasferita in una nuova...
locandina
Asghar Farhadi

Everybody Knows

5.5

Una vecchia regola dell’analisi del film dice che dalla prima sequenza, a volte dai titoli di testa,...
loro-2-silvio-servillo
Paolo Sorrentino

Loro 2

8

“Essere buoni conviene”. Una filosofia di vita, di economia e soprattutto di politica: la bontà come merce...
121430920-a984694f-d13d-4700-a5a4-199d673d0ae0
Paolo Sorrentino

Loro 1

SV

Tutto documentato. Tutto arbitrario. Tutto vero e tutto falso. Ma anche tutto troppo. Paolo Sorrentino ci tiene...
Tonya-poster
Craig Gillespie

Tonya

8

Questa è la storia di Tonya Harding, pattinatrice americana, e del suo tonfo professionale avvenuto nel 1994...
locandina
Steven Spielberg

Ready Player One

7.5

Sembra voler rispondere a una precisa domanda Ready Player One, il nuovo film di Steven Spielberg che...
locandina
Alex Garland

Annientamento

8.5

Il lavoro che Alex Garland fa sulla fascinazione in Annientamento è fortissimo, tanto da diventare un futuro...