Era il 1988 quando Julian Temple, il regista più punk di tutti i tempi, girava un film di fantascienza come Le ragazze della terra sono facili mostrando come il legame tra la musica dell’anarchia e delle spille da balia, il cinema e la science-fiction fosse possibile e capace di creare un piccolo culto camp. È ancora più esplicito questo legame con How to Talk to Girls at Parties, il nuovo film di John Cameron Mitchell, altro regista trasgressivo, eccentrico e musicale.

 E che proprio a quel film di 30 anni fa in qualche si ispira, rovesciandolo: racconta di un ragazzo che nei bassifondi inglesi del ’77 in cui cerca la rivoluzione e la libertà si imbatte in una ragazza bellissima, un’aliena che fa parte di una colonia che vuole inseminare la Terra per eliminare gli umani. L’amore e la musica dei Dischords la condurranno a emanciparsi, ma i suoi simili non concordano: un’avventura sghemba e molto sui generis – tratta da Mitchell e Philippa Goslett da un racconto di Neil Gaiman – in cui la somma tra period drama e fantascienza dà vita a una curiosa love story giovanile che è però anche una perfetta allegoria dell’Inghilterra del periodo (il giubileo d’argento della regina) e della sua musica.

 Il film infatti raccoglie i simboli di una cultura dalla vita brevissima ma dal lascito ancora vivo e ne tappezza il percorso narrativo in cui raccontare i fermenti sociali e politici, le derive, la vita culturale talmente impossibile da definire da trasformarsi sempre in altro (nel kraut-rock per esempio, e il film lo mostra) e Mitchell utilizza l’iconografia dei suoi alieni, le sue cosmogonie e mitologie per raccontare cos’era il punk e cos’erano l’arte, la musica e la creazione in quegli anni esplosivi e imprevedibili, capaci – come gli alieni – di auto-divorarsi ma anche di far moltiplicare per decenni i propri figli delle stelle.

 How to Talk to Girls at Parties è un purissimo atto d’amore che ruota tutto intorno all’amore per ciò che si è, ciò che si fa e con chi lo si fa e Mitchell, perfettamente a suo agio a 7 anni di distanza dall’opposto Rabbit Hole, sceglie la giusta via di un film energico, fluido, veloce, divertente come quel punk, instabile più che cattivo: proprio come le figure di quegli anni che un ottimo cast fa rivivere in modo più o meno diretto. E che trova due figure di regine strepitose: Elle Fanning, ormai dea delle metamorfosi avant-pop dopo The Neon Demon, e Nicole Kidman, sugli scudi come regina dei celti in chiave post-punk. Un film forse per appassionati che rischia molto d’incartarsi verso il finale: ma noi siamo appassionati, e su questi difetti passiamo sopra tranquillamente.

Commenti

Ultime recensioni Cinema / Visioni
locandina
Woody Allen

La ruota delle meraviglie

4.5

“Ho qualche guaio tra fantasia e realtà”: lo diceva Alvy/Allen in Io e Annie. Era il 1977...
locandina
Julien Temple

My Life Story

7

Più che un film, My Life Story è una testimonianza di cosa sia un entertainer, di cosa...
254690
Kantemir Balagov

Closeness

7.5

Comunicare la desolazione è cosa molto differente dall’esprimere la depressione. In quella sfumatura tra mimesi piatta e...
locandina
Colin Trevorrow

Il libro di Henry

5

La recensione più breve del mondo: Il libro di Henry sucks. Lo si scrive con un po’...
locandina
Kathryn Bigelow

Detroit

9

Kathryn Bigelow sta al cinema d’azione come George Romero sta al cinema d’orrore: ha introdotto nel genere,...
locandina
Janus Metz Pedersen

Borg McEnroe

6

Si dice che il tennis sia uno sport poco adatto al cinema. Per cercare di smentire questa...
gospel_604_alk_s_binder2_016-h_2017
Jennifer Lebeau

Trouble No More

6.5

“Puoi chiamarmi Bobby, puoi chiamarmi Zimmy /Puoi chiamarmi in ogni modo ma non importa quello che tu...
v1.bTsxMjMyNzU0OTtqOzE3NTEyOzEyMDA7Mjg0OzQwNQ
Philippe Van Leeuw

Insyriated

5.5

La guerra in Siria, o in un luogo analogo, fa parte dell’oppressione quotidiana, non è una tensione...
54108
Paolo e Vittorio Taviani

Una questione privata

5

È il 1943. Sulle colline delle Langhe le brigate dei partigiani combattono i fascisti. Gli scontri sono...
screen-shot-2017-09-05-at-1-22-03-pm
Scott Cooper

Hostiles

7.5

È più moderno che classico Hostiles (e di sicuro non classicista), più crepuscolare che mitologico. Il film...
locandina
Andy Muschietti

It

7.5

E alla fine arrivò It. L’abbiamo sognato, temuto a lungo. Ci ha indottrinato a meraviglia grazie ai...
locandina
Jonathan Dayton, Valerie Faris

La battaglia dei sessi

6

È interessante il modo sottile, quasi “subdolo”, con cui La battaglia dei sessi racconta un personaggio per...
locandina
Leonardo Di Costanzo

L'intrusa

8

“Succede che per salvare qualcuno devi escludere altri.” E’ partito da qui Leonardo Di Costanzo, da un...
locandina
Denis Villeneuve

Blade Runner 2049

8

“Hai mai visto un miracolo?” chiede Dave Bautista a Ryan Gosling all’inizio di Blade Runner 2049. La...
Outrage-0-Coda-620x329
Takeshi Kitano

Outrage Coda

6.5

Con Outrage Coda Takeshi Kitano conclude la trilogia iniziata nel 2010 con Outrage e proseguita nel 2012 con Outrage Beyond, campione d’incassi,...