Era il 1988 quando Julian Temple, il regista più punk di tutti i tempi, girava un film di fantascienza come Le ragazze della terra sono facili mostrando come il legame tra la musica dell’anarchia e delle spille da balia, il cinema e la science-fiction fosse possibile e capace di creare un piccolo culto camp. È ancora più esplicito questo legame con How to Talk to Girls at Parties, il nuovo film di John Cameron Mitchell, altro regista trasgressivo, eccentrico e musicale.

 E che proprio a quel film di 30 anni fa in qualche si ispira, rovesciandolo: racconta di un ragazzo che nei bassifondi inglesi del ’77 in cui cerca la rivoluzione e la libertà si imbatte in una ragazza bellissima, un’aliena che fa parte di una colonia che vuole inseminare la Terra per eliminare gli umani. L’amore e la musica dei Dischords la condurranno a emanciparsi, ma i suoi simili non concordano: un’avventura sghemba e molto sui generis – tratta da Mitchell e Philippa Goslett da un racconto di Neil Gaiman – in cui la somma tra period drama e fantascienza dà vita a una curiosa love story giovanile che è però anche una perfetta allegoria dell’Inghilterra del periodo (il giubileo d’argento della regina) e della sua musica.

 Il film infatti raccoglie i simboli di una cultura dalla vita brevissima ma dal lascito ancora vivo e ne tappezza il percorso narrativo in cui raccontare i fermenti sociali e politici, le derive, la vita culturale talmente impossibile da definire da trasformarsi sempre in altro (nel kraut-rock per esempio, e il film lo mostra) e Mitchell utilizza l’iconografia dei suoi alieni, le sue cosmogonie e mitologie per raccontare cos’era il punk e cos’erano l’arte, la musica e la creazione in quegli anni esplosivi e imprevedibili, capaci – come gli alieni – di auto-divorarsi ma anche di far moltiplicare per decenni i propri figli delle stelle.

 How to Talk to Girls at Parties è un purissimo atto d’amore che ruota tutto intorno all’amore per ciò che si è, ciò che si fa e con chi lo si fa e Mitchell, perfettamente a suo agio a 7 anni di distanza dall’opposto Rabbit Hole, sceglie la giusta via di un film energico, fluido, veloce, divertente come quel punk, instabile più che cattivo: proprio come le figure di quegli anni che un ottimo cast fa rivivere in modo più o meno diretto. E che trova due figure di regine strepitose: Elle Fanning, ormai dea delle metamorfosi avant-pop dopo The Neon Demon, e Nicole Kidman, sugli scudi come regina dei celti in chiave post-punk. Un film forse per appassionati che rischia molto d’incartarsi verso il finale: ma noi siamo appassionati, e su questi difetti passiamo sopra tranquillamente.

Commenti

Ultime recensioni Cinema / Visioni
locandina
David Michôd

War Machine

6

Un paio di gambe storte sorregge un corpo rigidamente costretto in una postura dall’aria innaturale: è la...
mucchio_blame_poster
Dal 20 maggio su Netflix

Blame

6.5

Almodovar, pietà. Il cinema made in Netflix è una figata. Soprattutto se recapitato per tutti, nello stesso...
8o8
Lynne Ramsay

You Were Never Really Here

7

Il cinema di Lynne Ramsay è un cinema psico-patologico, in cui il delirio dei personaggi si rispecchia...
yju545
François Ozon

L'amant double

4

Non si può dire che L’amant double, il nuovo film di François Ozon, non sia chiaro fin...
kkkk
Ben Safdie, Joshua Safdie

Good Time

7.5

La vitalità del cinema nasce spesso dalle sue contraddizioni: Good Time dei fratelli Ben e Joshua Safdie...
grrere
Eugene Jarecki

Promised land

7.5

“Mister I ain’t a boy, no I’m a man\and I believe in a promised land”. E’ il...
vfewry
Sean Baker

The Florida project

8

Dall’iPhone al 35 millimetri, per Sean Baker il sogno americano e le sue declinazioni passano anche dal...
locandina
Fabio Grassadonia, Antonio Piazza

Sicilian Ghost Story

6

In un bosco che somiglia a quello delle fiabe, due giovani adolescenti si scambiano un bacio affettuoso....
tyutyu
Robert Campillo

120 battements par minute

8

Un cuore accelerato o un ritmo travolgente che possono essere sinonimi o contrari. Per Robin Campillo i...
locandina
Todd Haynes

Wonderstruck

8

Questo è un racconto che richiede pazienza e lentezza. Lo scrive Julianne Moore al piccolo protagonista di...
locandina
Terrence Malick

Song to Song

8

«Non c’è nessuna forma d’arte come il cinema per colpire la coscienza, scuotere le emozioni e raggiungere...
622506603
Rossella Schillaci

Libere

8

La Resistenza raccontata da Rossella Schillaci in Libere, documentario in uscita il 20 aprile nelle sale italiane,...
locandina
Paul Verhoeven

Elle

8

Schermo nero e il suono della rottura di un vetro, poi gli occhi di un gatto che...