locandina
Gastón Duprat, Mariano Cohn

Il cittadino illustre

7.5

L’arte deve scuotere gli animi, nel bene o nel male. La letteratura e il cinema, in questo senso, sono arti pedagogiche: spesso ci permettono di vedere meglio la realtà, trasformandola e nutrendosi di essa. È su questo tema che i registi argentini Gastòn Duprat e Mariano Cohn tornano a lavorare dopo il loro esordio con L’artista.

Il loro Cittadino illustre è Daniel Mantovani, scrittore di successo internazionale, insignito del premio Nobel per la letteratura. La sua agenda, dopo una vittoria tanto importante che più che una consacrazione sembra una condanna, è piena di impegni. L’autore è richiesto ovunque, nei salotti culturali e istituzionali più pregiati, ma la sua attenzione ricade su un invito “minore”, quello della sua città natale, Salas, dove è atteso per ricevere la medaglia di cittadino onorario. Daniel, che vive in Europa da quarant’anni, non è mai tornato nella sua Argentina, ma non se ne è mai veramente andato. Salas, con i suoi luoghi e i suoi cittadini, infatti, è da sempre la primaria fonte di ispirazione dei suoi scritti, amari e polemici verso un ambiente che è, ma che soprattutto ha scelto, di rimanere periferico, ancorato a una mentalità retrograda e acritica. Apparentemente, l’intero paesino sembra pronto ad accogliere il suo eroe, colui che è riuscito ad ottenere ciò che era stato negato a Jorge Louis Borges, ma ad attenderlo c’è molto di più (e di peggio) di un gruppo di concittadini ammirati da un tale successo. Ci sono polemiche, invidie, questioni mai risolte, e una feroce violenza verso l’autore delle parole che hanno colto così profondamente l’amara staticità di quell’Argentina che non riesce ad essere diversa da se stessa.

Duprat e Cohn, lavorando per sottrazione, rendono il loro protagonista un personaggio letterario, vittima del suo stesso bisogno di ispirazione. Catapultandolo dall’Olimpo agli Inferi, lo mettono a contatto con la realtà, quella malinconica e mediocre oggettività capace di nutrire la finzione più sublime, ma incapace di migliorarsi o semplicemente di cambiare, allargando i propri orizzonti. Daniel, in quanto emblema di quel concetto di cultura alta al quale l’Europa è tanto legata, vive un’esperienza paradossale e contraddittoria: con la sua scrittura cruda e cinica sembra voler spazzare via quel remoto sobborgo di inciviltà, ma se riuscisse a farlo, di che cosa scriverebbe?

Duprat, autore della sceneggiatura, lascia che la naturale amara ironia della sua storia traspaia senza mai prendere il sopravvento. I suoi personaggi, quasi sfiorando la caricatura, creano un affresco sociale di grande impatto mostrando due facce della stessa medaglia, sia essa simbolo del Nobel o della cittadinanza onoraria. Ci sono ragione e torto da entrambe le parti, scegliere una posizione definitiva è difficile, ma forse è proprio in quel disorientamento che risiede la linfa vitale dell’arte.

Commenti

Ultime recensioni Cinema / Visioni
okja-poster-1
Bong Joon-ho

Okja

7.5

La pietra dello scandalo. Il film che al recente festival di Cannes ha fatto scattare la fatwa...
locandina
David Michôd

War Machine

6

Un paio di gambe storte sorregge un corpo rigidamente costretto in una postura dall’aria innaturale: è la...
mucchio_blame_poster
Dal 20 maggio su Netflix

Blame

6.5

Almodovar, pietà. Il cinema made in Netflix è una figata. Soprattutto se recapitato per tutti, nello stesso...
8o8
Lynne Ramsay

You Were Never Really Here

7

Il cinema di Lynne Ramsay è un cinema psico-patologico, in cui il delirio dei personaggi si rispecchia...
yju545
François Ozon

L'amant double

4

Non si può dire che L’amant double, il nuovo film di François Ozon, non sia chiaro fin...
kkkk
Ben Safdie, Joshua Safdie

Good Time

7.5

La vitalità del cinema nasce spesso dalle sue contraddizioni: Good Time dei fratelli Ben e Joshua Safdie...
grrere
Eugene Jarecki

Promised land

7.5

“Mister I ain’t a boy, no I’m a man\and I believe in a promised land”. E’ il...
vfewry
Sean Baker

The Florida project

8

Dall’iPhone al 35 millimetri, per Sean Baker il sogno americano e le sue declinazioni passano anche dal...
locandina
Fabio Grassadonia, Antonio Piazza

Sicilian Ghost Story

6

In un bosco che somiglia a quello delle fiabe, due giovani adolescenti si scambiano un bacio affettuoso....
tyutyu
Robert Campillo

120 battements par minute

8

Un cuore accelerato o un ritmo travolgente che possono essere sinonimi o contrari. Per Robin Campillo i...
locandina
Todd Haynes

Wonderstruck

8

Questo è un racconto che richiede pazienza e lentezza. Lo scrive Julianne Moore al piccolo protagonista di...
locandina
Terrence Malick

Song to Song

8

«Non c’è nessuna forma d’arte come il cinema per colpire la coscienza, scuotere le emozioni e raggiungere...
622506603
Rossella Schillaci

Libere

8

La Resistenza raccontata da Rossella Schillaci in Libere, documentario in uscita il 20 aprile nelle sale italiane,...