locandina
Gastón Duprat, Mariano Cohn

Il cittadino illustre

7.5

L’arte deve scuotere gli animi, nel bene o nel male. La letteratura e il cinema, in questo senso, sono arti pedagogiche: spesso ci permettono di vedere meglio la realtà, trasformandola e nutrendosi di essa. È su questo tema che i registi argentini Gastòn Duprat e Mariano Cohn tornano a lavorare dopo il loro esordio con L’artista.

Il loro Cittadino illustre è Daniel Mantovani, scrittore di successo internazionale, insignito del premio Nobel per la letteratura. La sua agenda, dopo una vittoria tanto importante che più che una consacrazione sembra una condanna, è piena di impegni. L’autore è richiesto ovunque, nei salotti culturali e istituzionali più pregiati, ma la sua attenzione ricade su un invito “minore”, quello della sua città natale, Salas, dove è atteso per ricevere la medaglia di cittadino onorario. Daniel, che vive in Europa da quarant’anni, non è mai tornato nella sua Argentina, ma non se ne è mai veramente andato. Salas, con i suoi luoghi e i suoi cittadini, infatti, è da sempre la primaria fonte di ispirazione dei suoi scritti, amari e polemici verso un ambiente che è, ma che soprattutto ha scelto, di rimanere periferico, ancorato a una mentalità retrograda e acritica. Apparentemente, l’intero paesino sembra pronto ad accogliere il suo eroe, colui che è riuscito ad ottenere ciò che era stato negato a Jorge Louis Borges, ma ad attenderlo c’è molto di più (e di peggio) di un gruppo di concittadini ammirati da un tale successo. Ci sono polemiche, invidie, questioni mai risolte, e una feroce violenza verso l’autore delle parole che hanno colto così profondamente l’amara staticità di quell’Argentina che non riesce ad essere diversa da se stessa.

Duprat e Cohn, lavorando per sottrazione, rendono il loro protagonista un personaggio letterario, vittima del suo stesso bisogno di ispirazione. Catapultandolo dall’Olimpo agli Inferi, lo mettono a contatto con la realtà, quella malinconica e mediocre oggettività capace di nutrire la finzione più sublime, ma incapace di migliorarsi o semplicemente di cambiare, allargando i propri orizzonti. Daniel, in quanto emblema di quel concetto di cultura alta al quale l’Europa è tanto legata, vive un’esperienza paradossale e contraddittoria: con la sua scrittura cruda e cinica sembra voler spazzare via quel remoto sobborgo di inciviltà, ma se riuscisse a farlo, di che cosa scriverebbe?

Duprat, autore della sceneggiatura, lascia che la naturale amara ironia della sua storia traspaia senza mai prendere il sopravvento. I suoi personaggi, quasi sfiorando la caricatura, creano un affresco sociale di grande impatto mostrando due facce della stessa medaglia, sia essa simbolo del Nobel o della cittadinanza onoraria. Ci sono ragione e torto da entrambe le parti, scegliere una posizione definitiva è difficile, ma forse è proprio in quel disorientamento che risiede la linfa vitale dell’arte.

Commenti

Ultime recensioni Cinema / Visioni
locandina
Andy Muschietti

It

7.5

E alla fine arrivò It. L’abbiamo sognato, temuto a lungo. Ci ha indottrinato a meraviglia grazie ai...
locandina
Jonathan Dayton, Valerie Faris

La battaglia dei sessi

6

È interessante il modo sottile, quasi “subdolo”, con cui La battaglia dei sessi racconta un personaggio per...
locandina
Leonardo Di Costanzo

L'intrusa

8

“Succede che per salvare qualcuno devi escludere altri.” E’ partito da qui Leonardo Di Costanzo, da un...
locandina
Denis Villeneuve

Blade Runner 2049

8

“Hai mai visto un miracolo?” chiede Dave Bautista a Ryan Gosling all’inizio di Blade Runner 2049. La...
Outrage-0-Coda-620x329
Takeshi Kitano

Outrage Coda

6.5

Con Outrage Coda Takeshi Kitano conclude la trilogia iniziata nel 2010 con Outrage e proseguita nel 2012 con Outrage Beyond, campione d’incassi,...
HANNAH-Charlotte-Rampling-2017-1
Andrea Pallaoro

Hannah

5.5

Lunga vita a chi cerca nuove strade e toni originali per raccontare le storie al cinema, purchè...
lou_luttiau_shain_boumedine_ophelie_bau
Abdellatif Kechiche

Mektoub, My Love: Canto uno

7

Ci sono infiniti modi di essere curiosi della vita e di volerla esplorare cinematograficamente. Osservare i personaggi...
morelli-e-rossi-ammore-e-malavita
Manetti Bros

Ammore e malavita

7.5

‘Parigi ha la Tour Eiffel, Roma ha il Colosseo e Napoli ha le vele di Scampìa’: comincia...
sakamoto-coda
Stephen Schible

Ryuichi Sakamoto: Coda

6.5

In conferenza stampa Ryūichi Sakamoto continua a muovere le dita. A Venezia74 per presentare il docufilm girato...
coverlg
Frederick Wiseman

Ex libris

7.5

“Così può essere l’uomo: esternamente un lupo, ma nell’anima un unicorno”: siamo alla New York Public Library,...
coverlg
Paolo Virzì

The Leisure Seeker

7.5

Alla prima di The Leisure Seeker, in concorso a Venezia74, gli applausi per Paolo Virzì scattano già ai...
Lean-on-Pete-3-e1504274174891
Andrew Haigh

Lean on Pete

5

Di Lean on Pete di Andrew Haigh, film in Concorso a Venezia74, si potrebbero prevedere i punti...
DE7gkh6XcAA5Lso
Ritesh Batra

Our Souls at Night

8

Jane Fonda e Robert Redford, Leoni d’Oro alla carriera a Venezia74, sono i protagonisti di una delicata...
the-shape-of-water-trailer
Guillermo Del Toro

The Shape of Water

6

Chi lascia la sala prima della fine della proiezione e chi applaude ai titoli di coda. Il cinema...
59a6c77a88212
Alexander Payne

Downsizing

8

Avrebbe potuto rischiare di essere l’ennesimo film di fantascienza, Downsizing di Alexander Payne, se i suoi minuscoli...
okja-poster-1
Bong Joon-ho

Okja

7.5

La pietra dello scandalo. Il film che al recente festival di Cannes ha fatto scattare la fatwa...