locandina
Gastón Duprat, Mariano Cohn

Il cittadino illustre

7.5

L’arte deve scuotere gli animi, nel bene o nel male. La letteratura e il cinema, in questo senso, sono arti pedagogiche: spesso ci permettono di vedere meglio la realtà, trasformandola e nutrendosi di essa. È su questo tema che i registi argentini Gastòn Duprat e Mariano Cohn tornano a lavorare dopo il loro esordio con L’artista.

Il loro Cittadino illustre è Daniel Mantovani, scrittore di successo internazionale, insignito del premio Nobel per la letteratura. La sua agenda, dopo una vittoria tanto importante che più che una consacrazione sembra una condanna, è piena di impegni. L’autore è richiesto ovunque, nei salotti culturali e istituzionali più pregiati, ma la sua attenzione ricade su un invito “minore”, quello della sua città natale, Salas, dove è atteso per ricevere la medaglia di cittadino onorario. Daniel, che vive in Europa da quarant’anni, non è mai tornato nella sua Argentina, ma non se ne è mai veramente andato. Salas, con i suoi luoghi e i suoi cittadini, infatti, è da sempre la primaria fonte di ispirazione dei suoi scritti, amari e polemici verso un ambiente che è, ma che soprattutto ha scelto, di rimanere periferico, ancorato a una mentalità retrograda e acritica. Apparentemente, l’intero paesino sembra pronto ad accogliere il suo eroe, colui che è riuscito ad ottenere ciò che era stato negato a Jorge Louis Borges, ma ad attenderlo c’è molto di più (e di peggio) di un gruppo di concittadini ammirati da un tale successo. Ci sono polemiche, invidie, questioni mai risolte, e una feroce violenza verso l’autore delle parole che hanno colto così profondamente l’amara staticità di quell’Argentina che non riesce ad essere diversa da se stessa.

Duprat e Cohn, lavorando per sottrazione, rendono il loro protagonista un personaggio letterario, vittima del suo stesso bisogno di ispirazione. Catapultandolo dall’Olimpo agli Inferi, lo mettono a contatto con la realtà, quella malinconica e mediocre oggettività capace di nutrire la finzione più sublime, ma incapace di migliorarsi o semplicemente di cambiare, allargando i propri orizzonti. Daniel, in quanto emblema di quel concetto di cultura alta al quale l’Europa è tanto legata, vive un’esperienza paradossale e contraddittoria: con la sua scrittura cruda e cinica sembra voler spazzare via quel remoto sobborgo di inciviltà, ma se riuscisse a farlo, di che cosa scriverebbe?

Duprat, autore della sceneggiatura, lascia che la naturale amara ironia della sua storia traspaia senza mai prendere il sopravvento. I suoi personaggi, quasi sfiorando la caricatura, creano un affresco sociale di grande impatto mostrando due facce della stessa medaglia, sia essa simbolo del Nobel o della cittadinanza onoraria. Ci sono ragione e torto da entrambe le parti, scegliere una posizione definitiva è difficile, ma forse è proprio in quel disorientamento che risiede la linfa vitale dell’arte.

Commenti

Ultime recensioni Cinema / Visioni
31170285_383905158779450_5862019829438873600_n
Yann Gonzalez

Knife + Heart

5

Di materiale per divertirsi nel nuovo film di Yann Gonzalez ce ne sarebbe parecchio: un assassino mascherato...
30420767-160224807978263-4557987999146023396-o_187a
Matteo Garrone

Dogman

8

In una storia che trasuderebbe vendetta, violenza, disagio mentale, atrocità fisiche degne del migliore (o peggiore) torture...
locandina (2)
Ron Howard

Solo: A Star Wars Story

7

L’universo di Star Wars è talmente pieno di immaginari – tra trilogie ufficiali, spin-off, serie animate, romanzi...
locandina
Ramin Bahrani

Fahrenheit 451

5

Saranno in molti a rimanere delusi dopo la visione di Fahrenheit 451, remake del film diretto da...
locandina (1)
Lars von Trier

The House That Jack Built

6

Primo titolo alternativo facile facile per The House that Jack Built, il nuovo film di Lars von...
Lazzaro_Felice_Poster_Film_FestivalCannes2018
Alice Rohrwacher

Lazzaro Felice

7

Il tempo si è fermato in Lazzaro felice, per Lazzaro e per la sua comunità. E il...
coverlg
Paul Dano

Wildlife

7

Montana, anni ’60. Una giovane famiglia americana come tante si è da poco trasferita in una nuova...
locandina
Asghar Farhadi

Everybody Knows

5.5

Una vecchia regola dell’analisi del film dice che dalla prima sequenza, a volte dai titoli di testa,...
loro-2-silvio-servillo
Paolo Sorrentino

Loro 2

8

“Essere buoni conviene”. Una filosofia di vita, di economia e soprattutto di politica: la bontà come merce...
121430920-a984694f-d13d-4700-a5a4-199d673d0ae0
Paolo Sorrentino

Loro 1

SV

Tutto documentato. Tutto arbitrario. Tutto vero e tutto falso. Ma anche tutto troppo. Paolo Sorrentino ci tiene...
Tonya-poster
Craig Gillespie

Tonya

8

Questa è la storia di Tonya Harding, pattinatrice americana, e del suo tonfo professionale avvenuto nel 1994...
locandina
Steven Spielberg

Ready Player One

7.5

Sembra voler rispondere a una precisa domanda Ready Player One, il nuovo film di Steven Spielberg che...
locandina
Alex Garland

Annientamento

8.5

Il lavoro che Alex Garland fa sulla fascinazione in Annientamento è fortissimo, tanto da diventare un futuro...