locandina
Baz Luhrmann

Il grande Gatsby

Warner Bros
7

Toccare un grande classico della letteratura può scottare chiunque, ma anche essere molto salutare. Il grande Gatsby di Baz Luhrmann appartiene alla seconda categoria, a dispetto delle critiche piovutegli dal festival di Cannes che ha aperto. Perché anziché focalizzarsi sullo sterile dilemma tra  fedeltà e tradimento a fine narrativo, il regista di Moulin Rouge usa Fitzgerald come soggetto di un suo film personale traendone fuori un’operazione di triplice valore. Un’operazione filmica che rilegge con mezzi e sensibilità contemporanei (per esempio un 3D molto raffinato) la tecnica cinematografica degli anni 20 e 30 – in cui è ambientato il racconto – che in quel momento fremeva di sperimentazioni pre-sonoro; un’operazione estetica che riscrive, attraverso l’arte del periodo (liberty, art decò e affini), un mondo prima della crisi che si compiaceva del suo lussuoso squallore e che la colonna sonora di Craig Armstrong riporta ai nostri giorni, altrettanto decadenti (brani contemporanei resi d’epoca e interpretati da The XX, Lana Del Rey, Florence & the Machine); un’operazione culturale che, in modo coraggioso e pericoloso, cerca di ridefinire lo status del libro portandolo a una dimensione di mystery dal cuore melodrammatico e dalle venature gotiche, che possa giocare con le atmosfere e la confezione in modo più onesto. Perché da un film di Luhrmann non ci si può aspettare altro che una colorata e sottilmente ambigua sarabanda. È il dipinto di un’epoca, non dei suoi personaggi, è un film sul decadentismo che racconta la morte di un mondo, come il romanzo, ma che al contrario di quello non si vergogna del climax, del finale catartico. Forse il problema sta in un eccesso di confezione, di testa, ma sarebbe chiedere a Luhrmann di essere ciò che non è e non sarebbe giusto. Come non lo è dimenticare il Gatsby fragile e umanissimo di Di Caprio, l’inadeguatezza del perfetto narratore di Tobey Maguire, la nascosta tenerezza di Joel Edgerton.

Ultime recensioni Cinema / Visioni
locandina
Stefano Sollima

Soldado

7

Per il resto del mondo Soldado (o meglio, nel loro caso Day of the Soldado) è il...
locandina
Christopher McQuarrie

Mission: Impossible - Fallout

7

Giungono fondamentali conferme dall’ultimo episodio di Mission: Impossible. Una, neanche tanto sorprendente, riguarda il sempre gagliardo Tom...
locandina
Ari Aster

Hereditary

8

Meno male che l’hanno intuito tutti che Hereditary – Le radici del male marcia a un altro...
locandina
Gary Ross

Ocean's 8

6

Pace all’anima di Danny Ocean. In tutti i sensi. Più che giusto quindi che a ereditare il...
locandina
Rodrigo Cortés

Dark Hall

4

Il nuovo film di Rodrigo Cortés (Buried) ha un sottotitolo. Non immediatamente visibile: a volte ritornano. Un...
53917
Yorgos Lanthimos

Il sacrificio del cervo sacro

6.5

Indubbiamente l’unica salvezza di un film che pare non dare scampo a nessuno dei suoi personaggi è...
31170285_383905158779450_5862019829438873600_n
Yann Gonzalez

Knife + Heart

5

Di materiale per divertirsi nel nuovo film di Yann Gonzalez ce ne sarebbe parecchio: un assassino mascherato...
30420767-160224807978263-4557987999146023396-o_187a
Matteo Garrone

Dogman

8

In una storia che trasuderebbe vendetta, violenza, disagio mentale, atrocità fisiche degne del migliore (o peggiore) torture...
locandina (2)
Ron Howard

Solo: A Star Wars Story

7

L’universo di Star Wars è talmente pieno di immaginari – tra trilogie ufficiali, spin-off, serie animate, romanzi...
locandina
Ramin Bahrani

Fahrenheit 451

5

Saranno in molti a rimanere delusi dopo la visione di Fahrenheit 451, remake del film diretto da...
locandina (1)
Lars von Trier

The House That Jack Built

6

Primo titolo alternativo facile facile per The House that Jack Built, il nuovo film di Lars von...
Lazzaro_Felice_Poster_Film_FestivalCannes2018
Alice Rohrwacher

Lazzaro Felice

7

Il tempo si è fermato in Lazzaro felice, per Lazzaro e per la sua comunità. E il...
coverlg
Paul Dano

Wildlife

7

Montana, anni ’60. Una giovane famiglia americana come tante si è da poco trasferita in una nuova...
locandina
Asghar Farhadi

Everybody Knows

5.5

Una vecchia regola dell’analisi del film dice che dalla prima sequenza, a volte dai titoli di testa,...
loro-2-silvio-servillo
Paolo Sorrentino

Loro 2

8

“Essere buoni conviene”. Una filosofia di vita, di economia e soprattutto di politica: la bontà come merce...