locandina
Baz Luhrmann

Il grande Gatsby

Warner Bros
7

Toccare un grande classico della letteratura può scottare chiunque, ma anche essere molto salutare. Il grande Gatsby di Baz Luhrmann appartiene alla seconda categoria, a dispetto delle critiche piovutegli dal festival di Cannes che ha aperto. Perché anziché focalizzarsi sullo sterile dilemma tra  fedeltà e tradimento a fine narrativo, il regista di Moulin Rouge usa Fitzgerald come soggetto di un suo film personale traendone fuori un’operazione di triplice valore. Un’operazione filmica che rilegge con mezzi e sensibilità contemporanei (per esempio un 3D molto raffinato) la tecnica cinematografica degli anni 20 e 30 – in cui è ambientato il racconto – che in quel momento fremeva di sperimentazioni pre-sonoro; un’operazione estetica che riscrive, attraverso l’arte del periodo (liberty, art decò e affini), un mondo prima della crisi che si compiaceva del suo lussuoso squallore e che la colonna sonora di Craig Armstrong riporta ai nostri giorni, altrettanto decadenti (brani contemporanei resi d’epoca e interpretati da The XX, Lana Del Rey, Florence & the Machine); un’operazione culturale che, in modo coraggioso e pericoloso, cerca di ridefinire lo status del libro portandolo a una dimensione di mystery dal cuore melodrammatico e dalle venature gotiche, che possa giocare con le atmosfere e la confezione in modo più onesto. Perché da un film di Luhrmann non ci si può aspettare altro che una colorata e sottilmente ambigua sarabanda. È il dipinto di un’epoca, non dei suoi personaggi, è un film sul decadentismo che racconta la morte di un mondo, come il romanzo, ma che al contrario di quello non si vergogna del climax, del finale catartico. Forse il problema sta in un eccesso di confezione, di testa, ma sarebbe chiedere a Luhrmann di essere ciò che non è e non sarebbe giusto. Come non lo è dimenticare il Gatsby fragile e umanissimo di Di Caprio, l’inadeguatezza del perfetto narratore di Tobey Maguire, la nascosta tenerezza di Joel Edgerton.

Ultime recensioni Cinema / Visioni
locandina
Liza Johnson

Elvis & Nixon

6.5

Negli Archivi Nazionali degli Stati Uniti d’America è conservata una fotografia datata 21 dicembre 1970 che è,...
locandina
Laurie Anderson

Heart of a Dog

9

Secondo la celebre definizione di Cocteau, il cinema è la morte al lavoro e la settima arte...
Wacken-3d-bd_cover
Norbert Heitker

Wacken - Louder than Hell

6.5

“I Beatles facevano schifo, gli Stones facevano schifo e anche i Led Zeppelin. Ma noi facciamo più...
foxcatcher-nuovo-trailer-e-locandina-del-dramma-con-channing-tatum-e-steve-carell-1
Bennett Miller

Foxcatcher

8

A dispetto delle apparenze, Foxcatcher non è un film biografico. Neanche sportivo. È un film storico che...
loc
Lucas Moodysson

We are the best

8

Ci sono film che ti fanno uscire dalla sala con il viso bagnato dalle lacrime, altri ti...
L1zsrAx
Xavier Dolan

Mommy

9

Quando sulle note di Wonderwall degli Oasis, il protagonista che corre sullo skate allarga l’inquadratura passando dall’immagine...
25498-deux-jours-une-nuit-film-des-freres-500x0-2
Jean-Pierre e Luc Dardenne

Deux jours, une nuit

8

Sono i beniamini del festival di Cannes, con due palme d’oro in carriera e molti riconoscimenti. E...
the-homesman
Tommy Lee Jones

The Homesman

8

Le tre sepolture, esordio alla regia dell’attore Tommy Lee Jones datato 2005, non era un fuoco di...
le-meraviglie-poster-italiano-alice-rohrwacher-2_news
Alice Rohrwacher

Le meraviglie

8

Opera seconda, dopo un esordio che era stato molto amato dalla critica e dai festival, che viene...
solo-gli-amanti-sopravvivono-film
Jim Jarmusch

Solo gli amanti sopravvivono

7.5

Ogni storia di vampiri che si rispetti è anche una storia di decadenza, emarginazione, tossicodipendenza, talvolta di...
winter_sleep_poster-620x835-1
Nuri Bilge Ceylan

Winter Sleep

9

Tra i luoghi comuni della critica cinematografica, ma anche letteraria, forse culturale in toto, è che la...
2014_05_NationalGalleryFlyerLight-page-001
Frederick Wiseman

National Gallery

8

Che sia il più grande documentarista vivente pare pacifico. Che Frederick Wiseman però, a più di 80...