locandina
Baz Luhrmann

Il grande Gatsby

Warner Bros
7

Toccare un grande classico della letteratura può scottare chiunque, ma anche essere molto salutare. Il grande Gatsby di Baz Luhrmann appartiene alla seconda categoria, a dispetto delle critiche piovutegli dal festival di Cannes che ha aperto. Perché anziché focalizzarsi sullo sterile dilemma tra  fedeltà e tradimento a fine narrativo, il regista di Moulin Rouge usa Fitzgerald come soggetto di un suo film personale traendone fuori un’operazione di triplice valore. Un’operazione filmica che rilegge con mezzi e sensibilità contemporanei (per esempio un 3D molto raffinato) la tecnica cinematografica degli anni 20 e 30 – in cui è ambientato il racconto – che in quel momento fremeva di sperimentazioni pre-sonoro; un’operazione estetica che riscrive, attraverso l’arte del periodo (liberty, art decò e affini), un mondo prima della crisi che si compiaceva del suo lussuoso squallore e che la colonna sonora di Craig Armstrong riporta ai nostri giorni, altrettanto decadenti (brani contemporanei resi d’epoca e interpretati da The XX, Lana Del Rey, Florence & the Machine); un’operazione culturale che, in modo coraggioso e pericoloso, cerca di ridefinire lo status del libro portandolo a una dimensione di mystery dal cuore melodrammatico e dalle venature gotiche, che possa giocare con le atmosfere e la confezione in modo più onesto. Perché da un film di Luhrmann non ci si può aspettare altro che una colorata e sottilmente ambigua sarabanda. È il dipinto di un’epoca, non dei suoi personaggi, è un film sul decadentismo che racconta la morte di un mondo, come il romanzo, ma che al contrario di quello non si vergogna del climax, del finale catartico. Forse il problema sta in un eccesso di confezione, di testa, ma sarebbe chiedere a Luhrmann di essere ciò che non è e non sarebbe giusto. Come non lo è dimenticare il Gatsby fragile e umanissimo di Di Caprio, l’inadeguatezza del perfetto narratore di Tobey Maguire, la nascosta tenerezza di Joel Edgerton.

Ultime recensioni Cinema / Visioni
Tonya-poster
Craig Gillespie

Tonya

8

Questa è la storia di Tonya Harding, pattinatrice americana, e del suo tonfo professionale avvenuto nel 1994...
locandina
Steven Spielberg

Ready Player One

7.5

Sembra voler rispondere a una precisa domanda Ready Player One, il nuovo film di Steven Spielberg che...
locandina
Alex Garland

Annientamento

8.5

Il lavoro che Alex Garland fa sulla fascinazione in Annientamento è fortissimo, tanto da diventare un futuro...
locandina-2
Adina Pintilie

Touch me Not

5

È Touch me not di Adina Pintilie ad aggiudicarsi, a sorpresa, l’Orso d’oro per la 68° edizione della Berlinale....
locandina
Damiano D'Innocenzo, Fabio D'Innocenzo

La terra dell'abbastanza

6.5

Sembra uno spin-off di Gomorra, La terra dell’abbastanza, l’esordio dei gemelli D’Innocenzo presentato con un notevole riscontro all’ultimo...
locandina
Paul Thomas Anderson

Il filo nascosto

9

Reynolds Woodcock è un abile sarto che veste l’aristocrazia della Londra degli anni Cinquanta. I suoi abiti...
locandina
Steven Soderbergh

Unsane

8

Ci pensava già da un paio d’anni, Steven Soderbergh, a girare un film con l’iPhone e l’occasione...
locandina
José Padilha

7 Days in Entebbe

7

La vicenda è nota: nel 1976 il Fronte per la liberazione della Palestina dirotta un aereo francese...
locandina-ver
Laura Bispuri

Figlia mia

7.5

“E perché la devi curare? É malata?” Ecco, Figlia mia sta tutto qui, in questo confronto tra due donne...
locandina
Christian Duguay

Un sacchetto di biglie

7.5

Nella Parigi invasa dai nazisti, Joseph Joffo e il fratello Maurice si divertono spensierati. Il padre Roman...
locandina
Woody Allen

La ruota delle meraviglie

4.5

“Ho qualche guaio tra fantasia e realtà”: lo diceva Alvy/Allen in Io e Annie. Era il 1977...
locandina
Julien Temple

My Life Story

7

Più che un film, My Life Story è una testimonianza di cosa sia un entertainer, di cosa...