locandina
Baz Luhrmann

Il grande Gatsby

Warner Bros
7

Toccare un grande classico della letteratura può scottare chiunque, ma anche essere molto salutare. Il grande Gatsby di Baz Luhrmann appartiene alla seconda categoria, a dispetto delle critiche piovutegli dal festival di Cannes che ha aperto. Perché anziché focalizzarsi sullo sterile dilemma tra  fedeltà e tradimento a fine narrativo, il regista di Moulin Rouge usa Fitzgerald come soggetto di un suo film personale traendone fuori un’operazione di triplice valore. Un’operazione filmica che rilegge con mezzi e sensibilità contemporanei (per esempio un 3D molto raffinato) la tecnica cinematografica degli anni 20 e 30 – in cui è ambientato il racconto – che in quel momento fremeva di sperimentazioni pre-sonoro; un’operazione estetica che riscrive, attraverso l’arte del periodo (liberty, art decò e affini), un mondo prima della crisi che si compiaceva del suo lussuoso squallore e che la colonna sonora di Craig Armstrong riporta ai nostri giorni, altrettanto decadenti (brani contemporanei resi d’epoca e interpretati da The XX, Lana Del Rey, Florence & the Machine); un’operazione culturale che, in modo coraggioso e pericoloso, cerca di ridefinire lo status del libro portandolo a una dimensione di mystery dal cuore melodrammatico e dalle venature gotiche, che possa giocare con le atmosfere e la confezione in modo più onesto. Perché da un film di Luhrmann non ci si può aspettare altro che una colorata e sottilmente ambigua sarabanda. È il dipinto di un’epoca, non dei suoi personaggi, è un film sul decadentismo che racconta la morte di un mondo, come il romanzo, ma che al contrario di quello non si vergogna del climax, del finale catartico. Forse il problema sta in un eccesso di confezione, di testa, ma sarebbe chiedere a Luhrmann di essere ciò che non è e non sarebbe giusto. Come non lo è dimenticare il Gatsby fragile e umanissimo di Di Caprio, l’inadeguatezza del perfetto narratore di Tobey Maguire, la nascosta tenerezza di Joel Edgerton.

Ultime recensioni Cinema / Visioni
locandina
Martin Scorsese

Silence

9

Per più di 20 anni, Silence è stato il “prossimo film di Martin Scorsese”. Ora il progetto,...
locandina
Robert Zemeckis

Allied - Un'ombra nascosta

6

Tutto è più bello a Casablanca, anche la guerra. Max e Marianne si incontrano per la prima...
locandina
Morten Tyldum

Passengers

5

Si capisce che la sfiga è assoluta in Passengers sin dal principio. Immaginate gigantesca e lussuosa (astro)nave...
locandina
Gareth Edwards

Rogue One: A Star Wars Story

7

Parte contromano Rogue One: A Star Wars Story per i fedelissimi della fanfara di John Williams. Niente...
locandina
Gastón Duprat, Mariano Cohn

Il cittadino illustre

7.5

L’arte deve scuotere gli animi, nel bene o nel male. La letteratura e il cinema, in questo...
free-fire-ben-wheatley-poster-2
Ben Wheatley

Free Fire

6.5

Da un certo punto in poi, in Free Fire – il nuovo film di Ben Wheatley che...
locandina
Oliver Stone

Snowden

5

Se nel finale di un film basato su fatti e persone reali, il protagonista affronta il sole...
maxresdefault
Jeff Feuerzeig

Author: The JT LeRoy Story

7

Social prima di te. Parafrasando Enrico Ruggeri, una biografia di JT LeRoy potrebbe avere questo titolo: c’è...
between-us-indie-movie
Rafael Palacio Illingworth

Between Us

7

A  Rafael Palacio Illingworth riesce un’operazione niente affatto semplice: rendere toccanti e coinvolgenti dei cliché narrativi, fargli superare...
locandina
Na Hong-jin

The Wailing

6.5

Tra le poche certezze del cinefilo, soprattutto di quello che viene in trasferta al Torino Film Festival,...
locandina
Tom Ford

Animali notturni

8

La vendetta è un bisogno cieco, subdolo, che si insinua nella mente umana come un virus e...
locandina
Travis Knight

Kubo e la spada magica

8

La spada magica è il modo “infantile” che la distribuzione ha adottato per tradurre le due corde...
locandina

8.5

6 gennaio 1948. Pablo Neruda, senatore della Repubblica Cilena, davanti ai suoi colleghi si scaglia contro il...
locandina
Ewan McGregor

American Pastoral

4.5

Seymour “Lo Svedese” Levov è la sintesi ideale del sogno americano: bello, “moglie perfetta, casa perfetta, figlia...
locandina
Liza Johnson

Elvis & Nixon

6.5

Negli Archivi Nazionali degli Stati Uniti d’America è conservata una fotografia datata 21 dicembre 1970 che è,...