La recensione più breve del mondo: Il libro di Henry sucks. Lo si scrive con un po’ di rancore, perché il film di Colin Trevorrow (Jurassic World), in patria bastonato dalla stampa sia per il film sia in quanto autore enormemente sopravvalutato, tradisce e ridicolizza quel diritto all’individualità su grande schermo con una faciloneria irritante. O una presunzione d’artista che forse Trevorrow davvero non possiede. Abituati, o compressi, da figure caratteriali fin troppo simili fra loro, si guarda al cinema indie sempre con disperata urgenza di ricevere in cambio un’illuminazione o quanto meno una deviazione dall’ordinario.

E questo pareva promettere Henry (Jaeden Lieberher), il protagonista genio di undici anni, con quella sua “luccicanza” straordinaria nel plasmare e dominare la vita della famiglia (il fratellino e la madre) e la sua stessa esistenza. Uno che davvero osserva e interagisce con la vita, e al quale il film di Trevorrow offre una visione che prende forma come le illustrazioni dei titoli di testa. Quando il ragazzino lascia anzitempo la storia, lascia in eredità un libro rosso in cui sono custodite le sue annotazioni e una tremenda verità che riguarda il vicino e la sua figliastra. Nel momento in cui la madre (Naomi Watts) decide di rimettersi al verbo di Henry, il film sprofonda definitivamente in un baratro da quale non riesce più a risollevarsi.

Il libro di Henry tradisce la “luccicanza” a cui eravamo disposti a credere, perché comunque “siamo al cinema”, perdendo di vista ogni credibilità come opera intenzionata a raccontare temi importanti: abusi, bullismo, immaturità degli adulti. Non basta imbastire scene incantevoli in mezzo ai boschi, nella casetta che tutti durante l’infanzia avremmo voluto costruire, né basta buttare nella contabilità narrativa della pellicola qualche scena con Naomi Watts ripresa nel suo dolore o Sarah Silverman troppo brilla. Colin Trevorrow, soprattutto, agisce con inconcepibile scortesia nei confronti del talento dei due ragazzini, Lieberher (It) e Tremblay (Wonder). E ripensando alla scena dei ragazzini che parlano davanti alla classe, Il libro di Henry lascia in eredità un atroce senso di incompletezza, di ambizioni ben poco indie e un’idea di racconto che solo dio sa come abbia potuto convincere un produttore a investire soldi su un simile progetto.

Commenti

Ultime recensioni Cinema / Visioni
locandina
Ari Aster

Hereditary

8

Meno male che l’hanno intuito tutti che Hereditary – Le radici del male marcia a un altro...
locandina
Gary Ross

Ocean's 8

6

Pace all’anima di Danny Ocean. In tutti i sensi. Più che giusto quindi che a ereditare il...
locandina
Rodrigo Cortés

Dark Hall

4

Il nuovo film di Rodrigo Cortés (Buried) ha un sottotitolo. Non immediatamente visibile: a volte ritornano. Un...
53917
Yorgos Lanthimos

Il sacrificio del cervo sacro

6.5

Indubbiamente l’unica salvezza di un film che pare non dare scampo a nessuno dei suoi personaggi è...
31170285_383905158779450_5862019829438873600_n
Yann Gonzalez

Knife + Heart

5

Di materiale per divertirsi nel nuovo film di Yann Gonzalez ce ne sarebbe parecchio: un assassino mascherato...
30420767-160224807978263-4557987999146023396-o_187a
Matteo Garrone

Dogman

8

In una storia che trasuderebbe vendetta, violenza, disagio mentale, atrocità fisiche degne del migliore (o peggiore) torture...
locandina (2)
Ron Howard

Solo: A Star Wars Story

7

L’universo di Star Wars è talmente pieno di immaginari – tra trilogie ufficiali, spin-off, serie animate, romanzi...
locandina
Ramin Bahrani

Fahrenheit 451

5

Saranno in molti a rimanere delusi dopo la visione di Fahrenheit 451, remake del film diretto da...
locandina (1)
Lars von Trier

The House That Jack Built

6

Primo titolo alternativo facile facile per The House that Jack Built, il nuovo film di Lars von...
Lazzaro_Felice_Poster_Film_FestivalCannes2018
Alice Rohrwacher

Lazzaro Felice

7

Il tempo si è fermato in Lazzaro felice, per Lazzaro e per la sua comunità. E il...
coverlg
Paul Dano

Wildlife

7

Montana, anni ’60. Una giovane famiglia americana come tante si è da poco trasferita in una nuova...
locandina
Asghar Farhadi

Everybody Knows

5.5

Una vecchia regola dell’analisi del film dice che dalla prima sequenza, a volte dai titoli di testa,...
loro-2-silvio-servillo
Paolo Sorrentino

Loro 2

8

“Essere buoni conviene”. Una filosofia di vita, di economia e soprattutto di politica: la bontà come merce...
121430920-a984694f-d13d-4700-a5a4-199d673d0ae0
Paolo Sorrentino

Loro 1

SV

Tutto documentato. Tutto arbitrario. Tutto vero e tutto falso. Ma anche tutto troppo. Paolo Sorrentino ci tiene...
Tonya-poster
Craig Gillespie

Tonya

8

Questa è la storia di Tonya Harding, pattinatrice americana, e del suo tonfo professionale avvenuto nel 1994...