v1.bTsxMjMyNzU0OTtqOzE3NTEyOzEyMDA7Mjg0OzQwNQ
Philippe Van Leeuw

Insyriated

5.5

La guerra in Siria, o in un luogo analogo, fa parte dell’oppressione quotidiana, non è una tensione estranea che irrompe dal nulla. Così Philippe Van Leeuw la racconta in Insyriated, chiudendola in quattro mura, nella quotidianità di una famiglia.

Circondata da bombe e da cecchini infatti questa famiglia è costretta a rimanere in casa, cercando di resistere alle tensioni, ai segreti e agli uomini che cercano di entrare in casa. Claustrofobica per programma, la sceneggiatura del regista è un dramma familiare sullo sfondo della guerra, che usa proprio quel dramma come punto di vista laterale per raccontarla quella guerra.

Quello che interessa a Van Leeuw infatti è mostrare gli effetti della guerra sulle persone comuni, fuori dalla politica, fuori dagli schieramenti e anche fuori dai meccanismi retorici che il cinema arabo da esportazione applica spesso ai propri drammi: i rapporti, le paure e i silenzi indotti, l’introiezione della tragedia è il cuore di Insyriated. Un cuore che però l’autore non riesce a far battere: più che comune, il racconto è convenzionale e per dare forza a snodi narrativi che appaiono slegati tra di loro Van Leeuw ricorre alla mano greve, al sensazionalismo, a una banalità di messinscena (le musiche di Jean-Luc Fafchamps valgono da esempio) che fa pensare alla cattiva coscienza dell’europeo in trasferta.

Che poi la “morale” che chiude il film, dopo un crescendo non proprio ben gestito (e la discutibile direzione degli attori, non aiuta: dispiace per un talento come quello di Hiam Abbas), sia che alle popolazioni in guerra non resti che sperare e attendere è il suggello finale a un film che, più che brutto, si dimostra sbagliato.

Commenti

Ultime recensioni Cinema / Visioni
31170285_383905158779450_5862019829438873600_n
Yann Gonzalez

Knife + Heart

5

Di materiale per divertirsi nel nuovo film di Yann Gonzalez ce ne sarebbe parecchio: un assassino mascherato...
30420767-160224807978263-4557987999146023396-o_187a
Matteo Garrone

Dogman

8

In una storia che trasuderebbe vendetta, violenza, disagio mentale, atrocità fisiche degne del migliore (o peggiore) torture...
locandina (2)
Ron Howard

Solo: A Star Wars Story

7

L’universo di Star Wars è talmente pieno di immaginari – tra trilogie ufficiali, spin-off, serie animate, romanzi...
locandina
Ramin Bahrani

Fahrenheit 451

5

Saranno in molti a rimanere delusi dopo la visione di Fahrenheit 451, remake del film diretto da...
locandina (1)
Lars von Trier

The House That Jack Built

6

Primo titolo alternativo facile facile per The House that Jack Built, il nuovo film di Lars von...
Lazzaro_Felice_Poster_Film_FestivalCannes2018
Alice Rohrwacher

Lazzaro Felice

7

Il tempo si è fermato in Lazzaro felice, per Lazzaro e per la sua comunità. E il...
coverlg
Paul Dano

Wildlife

7

Montana, anni ’60. Una giovane famiglia americana come tante si è da poco trasferita in una nuova...
locandina
Asghar Farhadi

Everybody Knows

5.5

Una vecchia regola dell’analisi del film dice che dalla prima sequenza, a volte dai titoli di testa,...
loro-2-silvio-servillo
Paolo Sorrentino

Loro 2

8

“Essere buoni conviene”. Una filosofia di vita, di economia e soprattutto di politica: la bontà come merce...
121430920-a984694f-d13d-4700-a5a4-199d673d0ae0
Paolo Sorrentino

Loro 1

SV

Tutto documentato. Tutto arbitrario. Tutto vero e tutto falso. Ma anche tutto troppo. Paolo Sorrentino ci tiene...
Tonya-poster
Craig Gillespie

Tonya

8

Questa è la storia di Tonya Harding, pattinatrice americana, e del suo tonfo professionale avvenuto nel 1994...
locandina
Steven Spielberg

Ready Player One

7.5

Sembra voler rispondere a una precisa domanda Ready Player One, il nuovo film di Steven Spielberg che...
locandina
Alex Garland

Annientamento

8.5

Il lavoro che Alex Garland fa sulla fascinazione in Annientamento è fortissimo, tanto da diventare un futuro...