Il volto in primo piano è quello che tutti conosciamo. Quello di un’icona del ventesimo secolo, una first lady che ha lasciato un segno indelebile tra le pagine della Storia. Ma è anche l’immagine di una donna sofferente, in bilico tra esistenza e apparenza, modellata per appagare i morbosi rituali dell’opinione pubblica e della politica. La Jackie di Pablo Larraín è quanto di più lontano si possa immaginare dalla mitopoiesi che da sempre accompagna il racconto della storia personale e politica del presidente John F. Kennedy. I dissonanti accordi minori di Mica Levi in apertura ne sono la dimostrazione: dietro il racconto di un assassinio che ha i contorni sfocati del mito, c’è una storia che non ci è dato conoscere.

Un vissuto personale doloroso e difficile, quello di Jacqueline Kennedy, first lady, moglie, madre, donna. Larraín “le sta addosso”, con una prossimità quasi disturbante e funzionale a un processo di ricerca emotiva e psicologica dagli esiti incerti. Non c’è testimonianza o resoconto che possa rendere l’intensità dello choc subito da Jackie nei giorni successivi alla morte del marito. Si può solo ipotizzare, indagare, ed è ciò che la sceneggiatura di Noah Oppenheim si pone l’obiettivo di fare. A distanza di 7 giorni dall’assassinio del 35° presidente degli Stati Uniti, Jackie incontra un giornalista, l’inviato di Life Theodore White. La loro chiacchierata, cardine tematico ed emozionale del film, contribuirà alla consacrazione di JFK nell’immaginario americano e internazionale.

Jackie racconta di sé, della sua famiglia, della presidenza: le sue parole, misurate e potenti, ben si accostano alle immagini del tour della Casa Bianca girato e trasmesso in tv nel 1961. I suoi gesti, ora come allora, mostrano la necessità di consolidare una storia nella Storia, ma ciò significa portare sulle proprie spalle un peso quasi insopportabile, in grado di soffocare un’identità già molteplice e controversa. Il bianco e nero delle immagini “di repertorio” si mescola a quello della vedovanza, vissuta come un impegno morale destinato a consacrare il sogno di Camelot, canzone mantra simbolo di tempi felici e irripetibili. Jackie si trasforma continuamente, i suoi mille volti si riflettono sulle numerose superfici vetrate che Larraín dissemina ovunque. La ricostruzione di sé diventa, quindi, una sorta di ricomposizione, un tentativo faticoso e meticoloso di unificare le tante maschere in un’unica e consolidata sembianza, quella che probabilmente non è la più rappresentativa, ma è capace di veicolare un messaggio ideale, talmente sublimato da apparire come reale.

La retorica, allontanata con forza da una scrittura e una regia che vogliono invece portare in luce la contraddizione, è una materia malleabile lasciata nelle mani di chi osserva da vicino la vicenda. Un pubblico morboso che è tanto quello in sala, quanto quello delle istituzioni che con freddezza si sono avvicinate a Jackie nella sua transizione da first lady a vedova eccellente. Un percorso di emancipazione che ha un amaro sapore liberatorio per una donna che, suo malgrado, forse ha finalmente la possibilità di vivere la propria vita ma che non sa come farlo. Quello di Larraín è un mosaico di grande portata visiva, un ritratto che cambia fisionomia a seconda della distanza o della prossimità con cui lo si osserva. Un invito elegante e raffinato in direzione di un intimismo che può destabilizzare, ma mai lasciare indifferenti.

Commenti

Ultime recensioni Cinema / Visioni
locandina
Woody Allen

La ruota delle meraviglie

4.5

“Ho qualche guaio tra fantasia e realtà”: lo diceva Alvy/Allen in Io e Annie. Era il 1977...
locandina
Julien Temple

My Life Story

7

Più che un film, My Life Story è una testimonianza di cosa sia un entertainer, di cosa...
254690
Kantemir Balagov

Closeness

7.5

Comunicare la desolazione è cosa molto differente dall’esprimere la depressione. In quella sfumatura tra mimesi piatta e...
locandina
Colin Trevorrow

Il libro di Henry

5

La recensione più breve del mondo: Il libro di Henry sucks. Lo si scrive con un po’...
locandina
Kathryn Bigelow

Detroit

9

Kathryn Bigelow sta al cinema d’azione come George Romero sta al cinema d’orrore: ha introdotto nel genere,...
locandina
Janus Metz Pedersen

Borg McEnroe

6

Si dice che il tennis sia uno sport poco adatto al cinema. Per cercare di smentire questa...
gospel_604_alk_s_binder2_016-h_2017
Jennifer Lebeau

Trouble No More

6.5

“Puoi chiamarmi Bobby, puoi chiamarmi Zimmy /Puoi chiamarmi in ogni modo ma non importa quello che tu...
v1.bTsxMjMyNzU0OTtqOzE3NTEyOzEyMDA7Mjg0OzQwNQ
Philippe Van Leeuw

Insyriated

5.5

La guerra in Siria, o in un luogo analogo, fa parte dell’oppressione quotidiana, non è una tensione...
54108
Paolo e Vittorio Taviani

Una questione privata

5

È il 1943. Sulle colline delle Langhe le brigate dei partigiani combattono i fascisti. Gli scontri sono...
screen-shot-2017-09-05-at-1-22-03-pm
Scott Cooper

Hostiles

7.5

È più moderno che classico Hostiles (e di sicuro non classicista), più crepuscolare che mitologico. Il film...
locandina
Andy Muschietti

It

7.5

E alla fine arrivò It. L’abbiamo sognato, temuto a lungo. Ci ha indottrinato a meraviglia grazie ai...
locandina
Jonathan Dayton, Valerie Faris

La battaglia dei sessi

6

È interessante il modo sottile, quasi “subdolo”, con cui La battaglia dei sessi racconta un personaggio per...
locandina
Leonardo Di Costanzo

L'intrusa

8

“Succede che per salvare qualcuno devi escludere altri.” E’ partito da qui Leonardo Di Costanzo, da un...
locandina
Denis Villeneuve

Blade Runner 2049

8

“Hai mai visto un miracolo?” chiede Dave Bautista a Ryan Gosling all’inizio di Blade Runner 2049. La...
Outrage-0-Coda-620x329
Takeshi Kitano

Outrage Coda

6.5

Con Outrage Coda Takeshi Kitano conclude la trilogia iniziata nel 2010 con Outrage e proseguita nel 2012 con Outrage Beyond, campione d’incassi,...