Sion Sono, tra i registi giapponesi che hanno varcato il confine e sono divenuti pane per i festival, è sicuramente tra i più amati e idolatrati, sebbene non abbia sempre qualcosa di forte da proporre. Il suo nuovo film, Jigoku de naze warui (che d’ora in poi chiameremo con il suo titolo internazionale, Why Don’t You Play in Hell?), però conferma che a fronte di idee non sempre folgoranti il suo talento può contare sullo stile e sull’estro.

La storia di un gruppo di ragazzini appassionati di cinema e cineamatori si scontra con quella di una faida decennale tra due gang di yakuza e arriva al culmine quando la figlia di un boss scappa dal set in cui stava per diventare un’attrice affermata. La trama, scritta dallo stesso Sono, è piuttosto articolata per quello che è contemporaneamente un film di gangster, una parodia di Quentin Tarantino e una riflessione sul fare cinema e i cambiamenti radicali del linguaggio audio-visivo.

È un film di addii, Why Don’t You Play In Hell?, a un certo modo di fare cinema innanzitutto e alla pellicola, supporto materiale che veicolava veri sogni a differenza – secondo Sono – dell’immateriale video e digitale: sale che chiudono, attrezzature che cambiano, ma anche il sistema industriale e divistico vira verso lidi che i personaggi non sentono più i loro; e questi addii passano attraverso ultimi baci, ultimi combattimenti, ultime feste. Il discorso però serve solo a dare una patina, uno sfondo al film, perché Why Don’t You Play In Hell? in realtà dona l’impressione di non avere troppo da dire, se non una generale disillusione, lasciando il dubbio se il suo stile – vicino a un Kitano esagitato nei toni e nel linguaggio – sia decostruito o confuso.

A Sono manca la compattezza, l’inventiva, lo sfolgorio dell’ultima mezz’ora in cui l’esuberanza della regia sembra trovare adeguato sfogo diventando un guerrilla movie delirante, spiazzante, sorprendente, inesausto. Favoloso. Tanto da far perdonare le incertezze precedenti.

Ultime recensioni Cinema / Visioni
locandina
Gastón Duprat, Mariano Cohn

Il cittadino illustre

7.5

L’arte deve scuotere gli animi, nel bene o nel male. La letteratura e il cinema, in questo...
free-fire-ben-wheatley-poster-2
Ben Wheatley

Free Fire

6.5

Da un certo punto in poi, in Free Fire – il nuovo film di Ben Wheatley che...
locandina
Oliver Stone

Snowden

5

Se nel finale di un film basato su fatti e persone reali, il protagonista affronta il sole...
maxresdefault
Jeff Feuerzeig

Author: The JT LeRoy Story

7

Social prima di te. Parafrasando Enrico Ruggeri, una biografia di JT LeRoy potrebbe avere questo titolo: c’è...
between-us-indie-movie
Rafael Palacio Illingworth

Between Us

7

A  Rafael Palacio Illingworth riesce un’operazione niente affatto semplice: rendere toccanti e coinvolgenti dei cliché narrativi, fargli superare...
locandina
Na Hong-jin

The Wailing

6.5

Tra le poche certezze del cinefilo, soprattutto di quello che viene in trasferta al Torino Film Festival,...
locandina
Tom Ford

Animali notturni

8

La vendetta è un bisogno cieco, subdolo, che si insinua nella mente umana come un virus e...
locandina
Travis Knight

Kubo e la spada magica

8

La spada magica è il modo “infantile” che la distribuzione ha adottato per tradurre le due corde...
locandina

8.5

6 gennaio 1948. Pablo Neruda, senatore della Repubblica Cilena, davanti ai suoi colleghi si scaglia contro il...
locandina
Ewan McGregor

American Pastoral

4.5

Seymour “Lo Svedese” Levov è la sintesi ideale del sogno americano: bello, “moglie perfetta, casa perfetta, figlia...
locandina
Liza Johnson

Elvis & Nixon

6.5

Negli Archivi Nazionali degli Stati Uniti d’America è conservata una fotografia datata 21 dicembre 1970 che è,...
locandina
Laurie Anderson

Heart of a Dog

9

Secondo la celebre definizione di Cocteau, il cinema è la morte al lavoro e la settima arte...
Wacken-3d-bd_cover
Norbert Heitker

Wacken - Louder than Hell

6.5

“I Beatles facevano schifo, gli Stones facevano schifo e anche i Led Zeppelin. Ma noi facciamo più...
foxcatcher-nuovo-trailer-e-locandina-del-dramma-con-channing-tatum-e-steve-carell-1
Bennett Miller

Foxcatcher

8

A dispetto delle apparenze, Foxcatcher non è un film biografico. Neanche sportivo. È un film storico che...