jimmy-p-_cover_u
Arnaud Desplechin

Jimmy P.

6.5

Un film statunitense non si nega a nessuno, specie se sei bravo, specie se la critica europea o asiatica ti esalta. Non lo hanno negato nemmeno ad Arnaud Desplechin, regista francese tra i più intelligenti in circolazione, che prende il suo attore feticcio Mathieu Amalric e lo conduce assieme a Benicio Del Toro in un viaggio psicoanalitico sulle tracce dell’opera di Georges Deveraux, padre dell’etno-psichiatria.

Deveraux è un antropologo chiamato da un ospedale psichiatrico che deve scoprire qual è il problema di un nativo americano reduce della Seconda Guerra Mondiale: i sogni dell’uomo e il rapporto personale con il terapeuta, esule dalla patria ungherese, segneranno il percorso di guarigione e forse rinascita. Tratto da Psychotherapy Of A Plains Indian, Jimmy P è un dramma ovviamente psicologico, scritto da Desplechin con Kent Jones e Julie Peyr, che segue una sorta di investigazione mentale fatta di dialoghi e scavi mentali.

Presentato in concorso allo scorso Festival di Cannes, il film è all’apparenza un esercizio di stile per attori, in cui il talento del regista nella direzione degli interpreti può riversarsi nelle forme del film medio, facilmente esportabile sul piccolo schermo; eppure il francese riesce a raccontare non solo la storia di un rapporto paziente/medico che diventa un rapporto di fiducia e amicizia, ma anche la diaspora etnica e culturale che diversi popoli, se non per metonimia il mondo intero, hanno subito a causa della guerra. Il Piede nero, combattente per chi lo ha sterminato, e l’ebreo fuggito da casa e dalle tendenze naziste prima in Francia e poi negli USA.

Un confronto senza ruoli comodi che Desplechin combina tra investigazione analitica e piani onirici, finezza di dettagli psicologici e ovviamente un passo a due di talento interpretativo a cui il regista, al contrario dei suoi film migliori (Racconto di Natale, soprattutto), non riesce a tenere testa. Occasione sfruttata a metà, la prima del film per la precisione, prima che il gioco si arrotoli un po’ su se stesso approdando a una risoluzione un po’ semplicistica; eppure, anche se in tono minore, l’occasione per scoprire la bravura di un regista che pure avendo a che fare con “l’industria”, non perde coerenza e controllo.

Commenti

Ultime recensioni Cinema / Visioni
121430920-a984694f-d13d-4700-a5a4-199d673d0ae0
Paolo Sorrentino

Loro 1

SV

Tutto documentato. Tutto arbitrario. Tutto vero e tutto falso. Ma anche tutto troppo. Paolo Sorrentino ci tiene...
Tonya-poster
Craig Gillespie

Tonya

8

Questa è la storia di Tonya Harding, pattinatrice americana, e del suo tonfo professionale avvenuto nel 1994...
locandina
Steven Spielberg

Ready Player One

7.5

Sembra voler rispondere a una precisa domanda Ready Player One, il nuovo film di Steven Spielberg che...
locandina
Alex Garland

Annientamento

8.5

Il lavoro che Alex Garland fa sulla fascinazione in Annientamento è fortissimo, tanto da diventare un futuro...
locandina-2
Adina Pintilie

Touch me Not

5

È Touch me not di Adina Pintilie ad aggiudicarsi, a sorpresa, l’Orso d’oro per la 68° edizione della Berlinale....
locandina
Damiano D'Innocenzo, Fabio D'Innocenzo

La terra dell'abbastanza

6.5

Sembra uno spin-off di Gomorra, La terra dell’abbastanza, l’esordio dei gemelli D’Innocenzo presentato con un notevole riscontro all’ultimo...
locandina
Paul Thomas Anderson

Il filo nascosto

9

Reynolds Woodcock è un abile sarto che veste l’aristocrazia della Londra degli anni Cinquanta. I suoi abiti...
locandina
Steven Soderbergh

Unsane

8

Ci pensava già da un paio d’anni, Steven Soderbergh, a girare un film con l’iPhone e l’occasione...
locandina
José Padilha

7 Days in Entebbe

7

La vicenda è nota: nel 1976 il Fronte per la liberazione della Palestina dirotta un aereo francese...
locandina-ver
Laura Bispuri

Figlia mia

7.5

“E perché la devi curare? É malata?” Ecco, Figlia mia sta tutto qui, in questo confronto tra due donne...
locandina
Christian Duguay

Un sacchetto di biglie

7.5

Nella Parigi invasa dai nazisti, Joseph Joffo e il fratello Maurice si divertono spensierati. Il padre Roman...
locandina
Woody Allen

La ruota delle meraviglie

4.5

“Ho qualche guaio tra fantasia e realtà”: lo diceva Alvy/Allen in Io e Annie. Era il 1977...