jimmy-p-_cover_u
Arnaud Desplechin

Jimmy P.

6.5

Un film statunitense non si nega a nessuno, specie se sei bravo, specie se la critica europea o asiatica ti esalta. Non lo hanno negato nemmeno ad Arnaud Desplechin, regista francese tra i più intelligenti in circolazione, che prende il suo attore feticcio Mathieu Amalric e lo conduce assieme a Benicio Del Toro in un viaggio psicoanalitico sulle tracce dell’opera di Georges Deveraux, padre dell’etno-psichiatria.

Deveraux è un antropologo chiamato da un ospedale psichiatrico che deve scoprire qual è il problema di un nativo americano reduce della Seconda Guerra Mondiale: i sogni dell’uomo e il rapporto personale con il terapeuta, esule dalla patria ungherese, segneranno il percorso di guarigione e forse rinascita. Tratto da Psychotherapy Of A Plains Indian, Jimmy P è un dramma ovviamente psicologico, scritto da Desplechin con Kent Jones e Julie Peyr, che segue una sorta di investigazione mentale fatta di dialoghi e scavi mentali.

Presentato in concorso allo scorso Festival di Cannes, il film è all’apparenza un esercizio di stile per attori, in cui il talento del regista nella direzione degli interpreti può riversarsi nelle forme del film medio, facilmente esportabile sul piccolo schermo; eppure il francese riesce a raccontare non solo la storia di un rapporto paziente/medico che diventa un rapporto di fiducia e amicizia, ma anche la diaspora etnica e culturale che diversi popoli, se non per metonimia il mondo intero, hanno subito a causa della guerra. Il Piede nero, combattente per chi lo ha sterminato, e l’ebreo fuggito da casa e dalle tendenze naziste prima in Francia e poi negli USA.

Un confronto senza ruoli comodi che Desplechin combina tra investigazione analitica e piani onirici, finezza di dettagli psicologici e ovviamente un passo a due di talento interpretativo a cui il regista, al contrario dei suoi film migliori (Racconto di Natale, soprattutto), non riesce a tenere testa. Occasione sfruttata a metà, la prima del film per la precisione, prima che il gioco si arrotoli un po’ su se stesso approdando a una risoluzione un po’ semplicistica; eppure, anche se in tono minore, l’occasione per scoprire la bravura di un regista che pure avendo a che fare con “l’industria”, non perde coerenza e controllo.

Commenti

Ultime recensioni Cinema / Visioni
locandina
Christian Duguay

Un sacchetto di biglie

7.5

Nella Parigi invasa dai nazisti, Joseph Joffo e il fratello Maurice si divertono spensierati. Il padre Roman...
locandina
Woody Allen

La ruota delle meraviglie

4.5

“Ho qualche guaio tra fantasia e realtà”: lo diceva Alvy/Allen in Io e Annie. Era il 1977...
locandina
Julien Temple

My Life Story

7

Più che un film, My Life Story è una testimonianza di cosa sia un entertainer, di cosa...
254690
Kantemir Balagov

Closeness

7.5

Comunicare la desolazione è cosa molto differente dall’esprimere la depressione. In quella sfumatura tra mimesi piatta e...
locandina
Colin Trevorrow

Il libro di Henry

5

La recensione più breve del mondo: Il libro di Henry sucks. Lo si scrive con un po’...
locandina
Kathryn Bigelow

Detroit

9

Kathryn Bigelow sta al cinema d’azione come George Romero sta al cinema d’orrore: ha introdotto nel genere,...
locandina
Janus Metz Pedersen

Borg McEnroe

6

Si dice che il tennis sia uno sport poco adatto al cinema. Per cercare di smentire questa...
gospel_604_alk_s_binder2_016-h_2017
Jennifer Lebeau

Trouble No More

6.5

“Puoi chiamarmi Bobby, puoi chiamarmi Zimmy /Puoi chiamarmi in ogni modo ma non importa quello che tu...
v1.bTsxMjMyNzU0OTtqOzE3NTEyOzEyMDA7Mjg0OzQwNQ
Philippe Van Leeuw

Insyriated

5.5

La guerra in Siria, o in un luogo analogo, fa parte dell’oppressione quotidiana, non è una tensione...
54108
Paolo e Vittorio Taviani

Una questione privata

5

È il 1943. Sulle colline delle Langhe le brigate dei partigiani combattono i fascisti. Gli scontri sono...
screen-shot-2017-09-05-at-1-22-03-pm
Scott Cooper

Hostiles

7.5

È più moderno che classico Hostiles (e di sicuro non classicista), più crepuscolare che mitologico. Il film...
locandina
Andy Muschietti

It

7.5

E alla fine arrivò It. L’abbiamo sognato, temuto a lungo. Ci ha indottrinato a meraviglia grazie ai...
locandina
Jonathan Dayton, Valerie Faris

La battaglia dei sessi

6

È interessante il modo sottile, quasi “subdolo”, con cui La battaglia dei sessi racconta un personaggio per...
locandina
Leonardo Di Costanzo

L'intrusa

8

“Succede che per salvare qualcuno devi escludere altri.” E’ partito da qui Leonardo Di Costanzo, da un...
locandina
Denis Villeneuve

Blade Runner 2049

8

“Hai mai visto un miracolo?” chiede Dave Bautista a Ryan Gosling all’inizio di Blade Runner 2049. La...