jimmy-p-_cover_u
Arnaud Desplechin

Jimmy P.

6.5

Un film statunitense non si nega a nessuno, specie se sei bravo, specie se la critica europea o asiatica ti esalta. Non lo hanno negato nemmeno ad Arnaud Desplechin, regista francese tra i più intelligenti in circolazione, che prende il suo attore feticcio Mathieu Amalric e lo conduce assieme a Benicio Del Toro in un viaggio psicoanalitico sulle tracce dell’opera di Georges Deveraux, padre dell’etno-psichiatria.

Deveraux è un antropologo chiamato da un ospedale psichiatrico che deve scoprire qual è il problema di un nativo americano reduce della Seconda Guerra Mondiale: i sogni dell’uomo e il rapporto personale con il terapeuta, esule dalla patria ungherese, segneranno il percorso di guarigione e forse rinascita. Tratto da Psychotherapy Of A Plains Indian, Jimmy P è un dramma ovviamente psicologico, scritto da Desplechin con Kent Jones e Julie Peyr, che segue una sorta di investigazione mentale fatta di dialoghi e scavi mentali.

Presentato in concorso allo scorso Festival di Cannes, il film è all’apparenza un esercizio di stile per attori, in cui il talento del regista nella direzione degli interpreti può riversarsi nelle forme del film medio, facilmente esportabile sul piccolo schermo; eppure il francese riesce a raccontare non solo la storia di un rapporto paziente/medico che diventa un rapporto di fiducia e amicizia, ma anche la diaspora etnica e culturale che diversi popoli, se non per metonimia il mondo intero, hanno subito a causa della guerra. Il Piede nero, combattente per chi lo ha sterminato, e l’ebreo fuggito da casa e dalle tendenze naziste prima in Francia e poi negli USA.

Un confronto senza ruoli comodi che Desplechin combina tra investigazione analitica e piani onirici, finezza di dettagli psicologici e ovviamente un passo a due di talento interpretativo a cui il regista, al contrario dei suoi film migliori (Racconto di Natale, soprattutto), non riesce a tenere testa. Occasione sfruttata a metà, la prima del film per la precisione, prima che il gioco si arrotoli un po’ su se stesso approdando a una risoluzione un po’ semplicistica; eppure, anche se in tono minore, l’occasione per scoprire la bravura di un regista che pure avendo a che fare con “l’industria”, non perde coerenza e controllo.

Commenti

Ultime recensioni Cinema / Visioni
locandina
Pablo Larraìn

Jackie

8

Il volto in primo piano è quello che tutti conosciamo. Quello di un’icona del ventesimo secolo, una...
la-la-land-poster-festival
Damien Chazelle

La La Land

8

A un certo punto di Io e Annie Woody Allen, alla proposta di trasferirsi a Los Angeles,...
locandina
Benedetta Argentieri, Bruno Chiaravalloti, Claudio Jampaglia

Our War

8.5

Presentato Fuori Concorso alla 73° Mostra del Cinema di Venezia, Our War nasce dall’incontro tra i giornalisti...
locandina
Sergei Loznitsa

Austerlitz

8

Una macchina da presa fissa riprende il passaggio dei tanti turisti in visita nel campo di concentramento...
o-DOPO-AMORE-1-570
Joachim Lafosse

Dopo l'amore

8.5

La sequenza chiave di Dopo l’amore – nelle sale dopo i successi riscossi a Cannes e a...
locandina-2
Léa Fehner

Les Ogres

8

Se in una colonna sonora ricchissima a un certo punto appare “24 mila baci” di Adriano Celentano,...
arrival-nuova-locandina-in-italiano
Denis Villeneuve

Arrival

8.5

L’impressione è che Denis Villeneuve faccia film per diletto. I generi narrativi che gli servono allo scopo...
locandina
Martin Scorsese

Silence

9

Per più di 20 anni, Silence è stato il “prossimo film di Martin Scorsese”. Ora il progetto,...
locandina
Robert Zemeckis

Allied - Un'ombra nascosta

6

Tutto è più bello a Casablanca, anche la guerra. Max e Marianne si incontrano per la prima...
locandina
Morten Tyldum

Passengers

5

Si capisce che la sfiga è assoluta in Passengers sin dal principio. Immaginate gigantesca e lussuosa (astro)nave...
locandina
Gareth Edwards

Rogue One: A Star Wars Story

7

Parte contromano Rogue One: A Star Wars Story per i fedelissimi della fanfara di John Williams. Niente...
locandina
Gastón Duprat, Mariano Cohn

Il cittadino illustre

7.5

L’arte deve scuotere gli animi, nel bene o nel male. La letteratura e il cinema, in questo...
free-fire-ben-wheatley-poster-2
Ben Wheatley

Free Fire

6.5

Da un certo punto in poi, in Free Fire – il nuovo film di Ben Wheatley che...
locandina
Oliver Stone

Snowden

5

Se nel finale di un film basato su fatti e persone reali, il protagonista affronta il sole...
maxresdefault
Jeff Feuerzeig

Author: The JT LeRoy Story

7

Social prima di te. Parafrasando Enrico Ruggeri, una biografia di JT LeRoy potrebbe avere questo titolo: c’è...