La spada magica è il modo “infantile” che la distribuzione ha adottato per tradurre le due corde (two strings) del titolo originale. Il riferimento è allo strumento musicale che rappresenta il potere più importante di Kubo, ovvero quello dell’immaginazione e della creatività. Un elemento chiave per comprendere fino in fondo la bellezza e il senso del film che Travis Knight ha diretto per Laika, la società di animazione di Coraline e La sposa cadavere.

Kubo è un piccolo cantastorie che vive con una madre malata dopo avergli salvato la vita da suo padre e dalle sorelle, contrarie al matrimonio con Hanzo. Ma questi nemici vivono sotto forma di spiriti notturni che danno la caccia al ragazzo: per salvarsi dovrà fuggire e cercare tre elementi magici che gli permetteranno di affrontare il Re Luna e le terribili figlie. Marc Haimes, Chris Butler e Shannon Tindle scrivono una grande avventura che Knight anima con il solito sontuoso passo uno (o stop-motion: nei titoli di coda c’è come al solito un folgorante making of) rileggendo la tradizione orientale mescolando la narrativa e l’iconografia giapponesi (anche Kurosawa, ma non solo, si va indietro ai tempi pre-cinematografici) con il cinema di spiriti cinese come Ching Siu-Tung o King Hu.

Kubo è la spada magica si appropria attraverso queste ispirazioni e suggestioni di una tradizione e pur rispettandola sa rileggerla per declinare il classico romanzo di formazione – dai toni anche più duri del solito e insolitamente drammatici per un cartoon hollywoodiano – in una chiave poetica e linguistica originale e affascinante: al centro di questo film di spiriti e reincarnazioni, sta l’idea che la creazione artistica sia la forma più sublime di elaborazione del lutto, che la narrazione, la composizione musicale, la rappresentazione teatrale e il gesto artigianale – e di conseguenza anche il cinema – siano le chiavi di accesso alla comprensione della vita e allo stesso tempo il più puro esorcismo alla paura della morte. E tutto il film infatti si basa sul rapporto tra racconto e finale (il limite di Kubo come cantastorie è quello di non riuscire – o volere – mai finire le storie che crea), tra la costruzione di un mondo e la sua conclusione, tra il saper vivere e il saper morire o veder morire i propri cari.

Questo nodo allo stesso tempo teorico e straziante impreziosisce un film fatto di grandi invenzioni narrative e visive (la foresta di occhi in fondo al mare, l’assalto alla nave) che sceglie di adottare di adottare tempi più ampli e ritmi meno frenetici per far godere allo spettatore la bellezza delle sue immagini, la sapienza artigianale e tecnologica della sua messinscena, la dolcezza e il peso delle sue parole e dei suoi personaggi. Per poter apprezzare a fondo la bellezza della creazione, del percorso che forse è più importante del risultato a cui porta, del finale della storia.

Commenti

Ultime recensioni Cinema / Visioni
locandina
Paul Verhoeven

Elle

8

Schermo nero e il suono della rottura di un vetro, poi gli occhi di un gatto che...
locandina
Moritz Siebert, Estephan Wagner, Abou Bakar Sidibé

Les Sauteurs

8

Se c’è un argomento che ci parla  dello spirito del tempo è il muro, il confine, la...
locandina
Jean-Loup Felicioli, Alain Gagnol

Phantom Boy

7

Un ragazzino leucemico viene ricoverato in ospedale per ricevere adeguate cure, conosce uno sbirro finito sulla sedia...
locandina
Pablo Larraìn

Jackie

8

Il volto in primo piano è quello che tutti conosciamo. Quello di un’icona del ventesimo secolo, una...
la-la-land-poster-festival
Damien Chazelle

La La Land

8

A un certo punto di Io e Annie Woody Allen, alla proposta di trasferirsi a Los Angeles,...
locandina
Benedetta Argentieri, Bruno Chiaravalloti, Claudio Jampaglia

Our War

8.5

Presentato Fuori Concorso alla 73° Mostra del Cinema di Venezia, Our War nasce dall’incontro tra i giornalisti...
locandina
Sergei Loznitsa

Austerlitz

8

Una macchina da presa fissa riprende il passaggio dei tanti turisti in visita nel campo di concentramento...
o-DOPO-AMORE-1-570
Joachim Lafosse

Dopo l'amore

8.5

La sequenza chiave di Dopo l’amore – nelle sale dopo i successi riscossi a Cannes e a...
locandina-2
Léa Fehner

Les Ogres

8

Se in una colonna sonora ricchissima a un certo punto appare “24 mila baci” di Adriano Celentano,...
arrival-nuova-locandina-in-italiano
Denis Villeneuve

Arrival

8.5

L’impressione è che Denis Villeneuve faccia film per diletto. I generi narrativi che gli servono allo scopo...
locandina
Martin Scorsese

Silence

9

Per più di 20 anni, Silence è stato il “prossimo film di Martin Scorsese”. Ora il progetto,...
locandina
Robert Zemeckis

Allied - Un'ombra nascosta

6

Tutto è più bello a Casablanca, anche la guerra. Max e Marianne si incontrano per la prima...
locandina
Morten Tyldum

Passengers

5

Si capisce che la sfiga è assoluta in Passengers sin dal principio. Immaginate gigantesca e lussuosa (astro)nave...
locandina
Gareth Edwards

Rogue One: A Star Wars Story

7

Parte contromano Rogue One: A Star Wars Story per i fedelissimi della fanfara di John Williams. Niente...
locandina
Gastón Duprat, Mariano Cohn

Il cittadino illustre

7.5

L’arte deve scuotere gli animi, nel bene o nel male. La letteratura e il cinema, in questo...