La spada magica è il modo “infantile” che la distribuzione ha adottato per tradurre le due corde (two strings) del titolo originale. Il riferimento è allo strumento musicale che rappresenta il potere più importante di Kubo, ovvero quello dell’immaginazione e della creatività. Un elemento chiave per comprendere fino in fondo la bellezza e il senso del film che Travis Knight ha diretto per Laika, la società di animazione di Coraline e La sposa cadavere.

Kubo è un piccolo cantastorie che vive con una madre malata dopo avergli salvato la vita da suo padre e dalle sorelle, contrarie al matrimonio con Hanzo. Ma questi nemici vivono sotto forma di spiriti notturni che danno la caccia al ragazzo: per salvarsi dovrà fuggire e cercare tre elementi magici che gli permetteranno di affrontare il Re Luna e le terribili figlie. Marc Haimes, Chris Butler e Shannon Tindle scrivono una grande avventura che Knight anima con il solito sontuoso passo uno (o stop-motion: nei titoli di coda c’è come al solito un folgorante making of) rileggendo la tradizione orientale mescolando la narrativa e l’iconografia giapponesi (anche Kurosawa, ma non solo, si va indietro ai tempi pre-cinematografici) con il cinema di spiriti cinese come Ching Siu-Tung o King Hu.

Kubo è la spada magica si appropria attraverso queste ispirazioni e suggestioni di una tradizione e pur rispettandola sa rileggerla per declinare il classico romanzo di formazione – dai toni anche più duri del solito e insolitamente drammatici per un cartoon hollywoodiano – in una chiave poetica e linguistica originale e affascinante: al centro di questo film di spiriti e reincarnazioni, sta l’idea che la creazione artistica sia la forma più sublime di elaborazione del lutto, che la narrazione, la composizione musicale, la rappresentazione teatrale e il gesto artigianale – e di conseguenza anche il cinema – siano le chiavi di accesso alla comprensione della vita e allo stesso tempo il più puro esorcismo alla paura della morte. E tutto il film infatti si basa sul rapporto tra racconto e finale (il limite di Kubo come cantastorie è quello di non riuscire – o volere – mai finire le storie che crea), tra la costruzione di un mondo e la sua conclusione, tra il saper vivere e il saper morire o veder morire i propri cari.

Questo nodo allo stesso tempo teorico e straziante impreziosisce un film fatto di grandi invenzioni narrative e visive (la foresta di occhi in fondo al mare, l’assalto alla nave) che sceglie di adottare di adottare tempi più ampli e ritmi meno frenetici per far godere allo spettatore la bellezza delle sue immagini, la sapienza artigianale e tecnologica della sua messinscena, la dolcezza e il peso delle sue parole e dei suoi personaggi. Per poter apprezzare a fondo la bellezza della creazione, del percorso che forse è più importante del risultato a cui porta, del finale della storia.

Commenti

Ultime recensioni Cinema / Visioni
locandina
Martin Scorsese

Silence

9

Per più di 20 anni, Silence è stato il “prossimo film di Martin Scorsese”. Ora il progetto,...
locandina
Robert Zemeckis

Allied - Un'ombra nascosta

6

Tutto è più bello a Casablanca, anche la guerra. Max e Marianne si incontrano per la prima...
locandina
Morten Tyldum

Passengers

5

Si capisce che la sfiga è assoluta in Passengers sin dal principio. Immaginate gigantesca e lussuosa (astro)nave...
locandina
Gareth Edwards

Rogue One: A Star Wars Story

7

Parte contromano Rogue One: A Star Wars Story per i fedelissimi della fanfara di John Williams. Niente...
locandina
Gastón Duprat, Mariano Cohn

Il cittadino illustre

7.5

L’arte deve scuotere gli animi, nel bene o nel male. La letteratura e il cinema, in questo...
free-fire-ben-wheatley-poster-2
Ben Wheatley

Free Fire

6.5

Da un certo punto in poi, in Free Fire – il nuovo film di Ben Wheatley che...
locandina
Oliver Stone

Snowden

5

Se nel finale di un film basato su fatti e persone reali, il protagonista affronta il sole...
maxresdefault
Jeff Feuerzeig

Author: The JT LeRoy Story

7

Social prima di te. Parafrasando Enrico Ruggeri, una biografia di JT LeRoy potrebbe avere questo titolo: c’è...
between-us-indie-movie
Rafael Palacio Illingworth

Between Us

7

A  Rafael Palacio Illingworth riesce un’operazione niente affatto semplice: rendere toccanti e coinvolgenti dei cliché narrativi, fargli superare...
locandina
Na Hong-jin

The Wailing

6.5

Tra le poche certezze del cinefilo, soprattutto di quello che viene in trasferta al Torino Film Festival,...
locandina
Tom Ford

Animali notturni

8

La vendetta è un bisogno cieco, subdolo, che si insinua nella mente umana come un virus e...
locandina
Travis Knight

Kubo e la spada magica

8

La spada magica è il modo “infantile” che la distribuzione ha adottato per tradurre le due corde...
locandina

8.5

6 gennaio 1948. Pablo Neruda, senatore della Repubblica Cilena, davanti ai suoi colleghi si scaglia contro il...
locandina
Ewan McGregor

American Pastoral

4.5

Seymour “Lo Svedese” Levov è la sintesi ideale del sogno americano: bello, “moglie perfetta, casa perfetta, figlia...
locandina
Liza Johnson

Elvis & Nixon

6.5

Negli Archivi Nazionali degli Stati Uniti d’America è conservata una fotografia datata 21 dicembre 1970 che è,...