La spada magica è il modo “infantile” che la distribuzione ha adottato per tradurre le due corde (two strings) del titolo originale. Il riferimento è allo strumento musicale che rappresenta il potere più importante di Kubo, ovvero quello dell’immaginazione e della creatività. Un elemento chiave per comprendere fino in fondo la bellezza e il senso del film che Travis Knight ha diretto per Laika, la società di animazione di Coraline e La sposa cadavere.

Kubo è un piccolo cantastorie che vive con una madre malata dopo avergli salvato la vita da suo padre e dalle sorelle, contrarie al matrimonio con Hanzo. Ma questi nemici vivono sotto forma di spiriti notturni che danno la caccia al ragazzo: per salvarsi dovrà fuggire e cercare tre elementi magici che gli permetteranno di affrontare il Re Luna e le terribili figlie. Marc Haimes, Chris Butler e Shannon Tindle scrivono una grande avventura che Knight anima con il solito sontuoso passo uno (o stop-motion: nei titoli di coda c’è come al solito un folgorante making of) rileggendo la tradizione orientale mescolando la narrativa e l’iconografia giapponesi (anche Kurosawa, ma non solo, si va indietro ai tempi pre-cinematografici) con il cinema di spiriti cinese come Ching Siu-Tung o King Hu.

Kubo è la spada magica si appropria attraverso queste ispirazioni e suggestioni di una tradizione e pur rispettandola sa rileggerla per declinare il classico romanzo di formazione – dai toni anche più duri del solito e insolitamente drammatici per un cartoon hollywoodiano – in una chiave poetica e linguistica originale e affascinante: al centro di questo film di spiriti e reincarnazioni, sta l’idea che la creazione artistica sia la forma più sublime di elaborazione del lutto, che la narrazione, la composizione musicale, la rappresentazione teatrale e il gesto artigianale – e di conseguenza anche il cinema – siano le chiavi di accesso alla comprensione della vita e allo stesso tempo il più puro esorcismo alla paura della morte. E tutto il film infatti si basa sul rapporto tra racconto e finale (il limite di Kubo come cantastorie è quello di non riuscire – o volere – mai finire le storie che crea), tra la costruzione di un mondo e la sua conclusione, tra il saper vivere e il saper morire o veder morire i propri cari.

Questo nodo allo stesso tempo teorico e straziante impreziosisce un film fatto di grandi invenzioni narrative e visive (la foresta di occhi in fondo al mare, l’assalto alla nave) che sceglie di adottare di adottare tempi più ampli e ritmi meno frenetici per far godere allo spettatore la bellezza delle sue immagini, la sapienza artigianale e tecnologica della sua messinscena, la dolcezza e il peso delle sue parole e dei suoi personaggi. Per poter apprezzare a fondo la bellezza della creazione, del percorso che forse è più importante del risultato a cui porta, del finale della storia.

Commenti

Ultime recensioni Cinema / Visioni
locandina
Woody Allen

La ruota delle meraviglie

4.5

“Ho qualche guaio tra fantasia e realtà”: lo diceva Alvy/Allen in Io e Annie. Era il 1977...
locandina
Julien Temple

My Life Story

7

Più che un film, My Life Story è una testimonianza di cosa sia un entertainer, di cosa...
254690
Kantemir Balagov

Closeness

7.5

Comunicare la desolazione è cosa molto differente dall’esprimere la depressione. In quella sfumatura tra mimesi piatta e...
locandina
Colin Trevorrow

Il libro di Henry

5

La recensione più breve del mondo: Il libro di Henry sucks. Lo si scrive con un po’...
locandina
Kathryn Bigelow

Detroit

9

Kathryn Bigelow sta al cinema d’azione come George Romero sta al cinema d’orrore: ha introdotto nel genere,...
locandina
Janus Metz Pedersen

Borg McEnroe

6

Si dice che il tennis sia uno sport poco adatto al cinema. Per cercare di smentire questa...
gospel_604_alk_s_binder2_016-h_2017
Jennifer Lebeau

Trouble No More

6.5

“Puoi chiamarmi Bobby, puoi chiamarmi Zimmy /Puoi chiamarmi in ogni modo ma non importa quello che tu...
v1.bTsxMjMyNzU0OTtqOzE3NTEyOzEyMDA7Mjg0OzQwNQ
Philippe Van Leeuw

Insyriated

5.5

La guerra in Siria, o in un luogo analogo, fa parte dell’oppressione quotidiana, non è una tensione...
54108
Paolo e Vittorio Taviani

Una questione privata

5

È il 1943. Sulle colline delle Langhe le brigate dei partigiani combattono i fascisti. Gli scontri sono...
screen-shot-2017-09-05-at-1-22-03-pm
Scott Cooper

Hostiles

7.5

È più moderno che classico Hostiles (e di sicuro non classicista), più crepuscolare che mitologico. Il film...
locandina
Andy Muschietti

It

7.5

E alla fine arrivò It. L’abbiamo sognato, temuto a lungo. Ci ha indottrinato a meraviglia grazie ai...
locandina
Jonathan Dayton, Valerie Faris

La battaglia dei sessi

6

È interessante il modo sottile, quasi “subdolo”, con cui La battaglia dei sessi racconta un personaggio per...
locandina
Leonardo Di Costanzo

L'intrusa

8

“Succede che per salvare qualcuno devi escludere altri.” E’ partito da qui Leonardo Di Costanzo, da un...
locandina
Denis Villeneuve

Blade Runner 2049

8

“Hai mai visto un miracolo?” chiede Dave Bautista a Ryan Gosling all’inizio di Blade Runner 2049. La...
Outrage-0-Coda-620x329
Takeshi Kitano

Outrage Coda

6.5

Con Outrage Coda Takeshi Kitano conclude la trilogia iniziata nel 2010 con Outrage e proseguita nel 2012 con Outrage Beyond, campione d’incassi,...