locandina
Jonathan Dayton, Valerie Faris

La battaglia dei sessi

6

È interessante il modo sottile, quasi “subdolo”, con cui La battaglia dei sessi racconta un personaggio per poi immedesimarsi dal punto di vista stilistico e narrativo con il suo antagonista. Jonathan Dayton e Valerie Faris (Little Miss Sunshine) portano così al massimo grado la furbizia e in un certo senso l’ipocrisia del loro cinema.

I registi raccontano la storia vera di Billy Jean King, la tennista più forte dei primi anni ’70 impegnata nella battaglia per veder riconosciute alle tenniste lo stesso trattamento economico degli uomini. Ne vuole approfittare Bobby Riggs, ex-tennista e accanito scommettitore che organizza una battaglia tra sessi per tornare alla fama e dimostrare la superiorità maschile. Scritto da Simon Beaufoy, La battaglia dei sessi è un biopic e un dramma sui diritti civili che finisce come un film sportivo ma che in questo amalgama mostra i suoi limiti ideologici.

Tutto il film è raccontato dalla parte di Billy Jean, perché è il suo il lato giusto in cui stare: tennista di talento che lotta per la parità dei diritti tanto da rinunciare al suo posto al sole nella federazione americana per creare una federazione femminile, donna che deve sopprimere la propria omosessualità, donna forte in un mondo abituato alle donne remissive. E quindi tutta la prima parte è classico tv movie impegnato, con personaggi buoni che si scontrano con “cattivi” tagliati con l’accetta, frasi fatte, ideali sbandierati e musica motivazionale per convincere lo spettatore delle buone intenzioni. Ma dopo un’ora e mezza, è il personaggio di Riggs a prendere il sopravvento: il buffone, il “maiale sciovinista”, il genio del marketing che sfrutta le istanze civili a uso e consumo dello spettacolo capitalista, della macchina da soldi.

E il film si uniforma a questa macchietta: dopo aver sbertucciato il meccanismo hollywoodiano dietro lo sport, dopo aver innalzato il valore del gesto atletico e della ragione politica oltre l’importanza del denaro, Dayton e Faris riducono tutto allo spettacolo, al melodramma sportivo e sentimentale, allo show. I diritti civili così sembrano, come per Riggs, l’alibi su cui costruire un comune film di sport, in cui il successo finale e la sua messinscena sono l’unica cosa che conta: funziona a livello emotivo, l’ingranaggio non perde un colpo e la partita – senza mirabilie tecniche ma ricorrendo alla fissità dell’immagine tv – avvince, gli attori (Emma Stone e Steve Carell in primis) sono encomiabili. E se le battaglie con cui dobbiamo fare i conti ancora oggi sembrano un pretesto, pazienza, le combatterà qualcun altro.

Commenti

Ultime recensioni Cinema / Visioni
locandina
Christopher McQuarrie

Mission: Impossible - Fallout

7

Giungono fondamentali conferme dall’ultimo episodio di Mission: Impossible. Una, neanche tanto sorprendente, riguarda il sempre gagliardo Tom...
locandina
Ari Aster

Hereditary

8

Meno male che l’hanno intuito tutti che Hereditary – Le radici del male marcia a un altro...
locandina
Gary Ross

Ocean's 8

6

Pace all’anima di Danny Ocean. In tutti i sensi. Più che giusto quindi che a ereditare il...
locandina
Rodrigo Cortés

Dark Hall

4

Il nuovo film di Rodrigo Cortés (Buried) ha un sottotitolo. Non immediatamente visibile: a volte ritornano. Un...
53917
Yorgos Lanthimos

Il sacrificio del cervo sacro

6.5

Indubbiamente l’unica salvezza di un film che pare non dare scampo a nessuno dei suoi personaggi è...
31170285_383905158779450_5862019829438873600_n
Yann Gonzalez

Knife + Heart

5

Di materiale per divertirsi nel nuovo film di Yann Gonzalez ce ne sarebbe parecchio: un assassino mascherato...
30420767-160224807978263-4557987999146023396-o_187a
Matteo Garrone

Dogman

8

In una storia che trasuderebbe vendetta, violenza, disagio mentale, atrocità fisiche degne del migliore (o peggiore) torture...
locandina (2)
Ron Howard

Solo: A Star Wars Story

7

L’universo di Star Wars è talmente pieno di immaginari – tra trilogie ufficiali, spin-off, serie animate, romanzi...
locandina
Ramin Bahrani

Fahrenheit 451

5

Saranno in molti a rimanere delusi dopo la visione di Fahrenheit 451, remake del film diretto da...
locandina (1)
Lars von Trier

The House That Jack Built

6

Primo titolo alternativo facile facile per The House that Jack Built, il nuovo film di Lars von...
Lazzaro_Felice_Poster_Film_FestivalCannes2018
Alice Rohrwacher

Lazzaro Felice

7

Il tempo si è fermato in Lazzaro felice, per Lazzaro e per la sua comunità. E il...
coverlg
Paul Dano

Wildlife

7

Montana, anni ’60. Una giovane famiglia americana come tante si è da poco trasferita in una nuova...
locandina
Asghar Farhadi

Everybody Knows

5.5

Una vecchia regola dell’analisi del film dice che dalla prima sequenza, a volte dai titoli di testa,...
loro-2-silvio-servillo
Paolo Sorrentino

Loro 2

8

“Essere buoni conviene”. Una filosofia di vita, di economia e soprattutto di politica: la bontà come merce...
121430920-a984694f-d13d-4700-a5a4-199d673d0ae0
Paolo Sorrentino

Loro 1

SV

Tutto documentato. Tutto arbitrario. Tutto vero e tutto falso. Ma anche tutto troppo. Paolo Sorrentino ci tiene...