C’è Fellini certo, a metà strada tra La dolce vita e Roma. Ma non è un caso se La grande bellezza, sesto film di Paolo Sorrentino, sia stato accolto a Cannes – dov’è l’unico italiano in concorso – con tepore dagli italiani ed entusiasmo dagli stranieri. Capire e rielaborare il passato in Italia non è un segnale di consapevolezza nella creazione, ma un atto di presunzione o di conformismo. Questo film però riesce a rielaborare un immaginario e a incastonarlo nella contemporaneità.

Al centro c’è Jep Gambardella, scrittore riciclato in eroe della mondanità romana che attraversa la città e il declinante jet set capitolino cercando di ritrovare in sé il guizzo, l’amore per qualcosa, la bellezza che dà il titolo al film, scritto da Sorrentino assieme a Umberto Contarello. Una commedia drammatica che cresce attimo dopo attimo come un affresco, ma anche come una tragedia sorniona sui danni che il cinismo intellettuale ha fatto alle nostre menti.

Sorrentino racconta una civiltà che a furia di dare del tu alla bellezza senza mai vederla, capirla, per usarla e approfittarne l’ha sporcata nel profondo, rendendola invisibile, coprendola col sospetto dell’orrore che i personaggi incarnano e in cui, consapevoli, sguazzano; e questa bellezza non passa solo da un’estetica di ricalibrare, ma soprattutto da un’etica che sopravvive a stento e che ha bisogno di persone, sentimenti, realtà. La vera tragedia del film non è la perdita del sé, delle identità della via Veneto di Fellini, ma l’esondazione del sé che impedisce di avere a che fare con la realtà, da cui ogni personaggio scappa, preferendo rifugiarsi nel sogno, nel mondo proprio che non dialoga, monologa in cerca di applausi.

Sorrentino questo mondo lo conosce e non lo giudica, piuttosto lo guarda con ironia, divertito e scioccato, alla ricerca di un barlume anche spirituale che Roma, seppur piena di suore, si è stancata di dare. La lotta del grandioso Servillo, uno che come porta lui il sarcasmo nessun altro, è nella ricerca di una lacrima, di un palpito o almeno di un’idea per tornare a scrivere, e che solo l’abbandono del cinismo, la consapevolezza che nulla è più commovente del tempo che passa e che si è soli nella vita riesce a regalare.

Né un trattato sociologico della Roma radical-chic, né la compiaciuta stilizzazione di un artista, ma uno sguardo potente e stranamente appassionante su un mondo che non riguarda nessuno eppure fa da specchio a quello che condividiamo tutti. Sorrentino restituisce bellezza a una materia oscena facendo il percorso inverso dei suoi personaggi, che immagini bellissime e ostentate e parole indimenticabili, scolpiscono con forza. Anche su attori che credevamo finiti, come Sabrina Ferilli, o fossilizzati, come Carlo Verdone, e che invece posseggono ancora quel grumo di mistero e grandezza che rende La grande bellezza così bello.

26539

Ultime recensioni Cinema / Visioni
locandina
Christopher McQuarrie

Mission: Impossible - Fallout

7

Giungono fondamentali conferme dall’ultimo episodio di Mission: Impossible. Una, neanche tanto sorprendente, riguarda il sempre gagliardo Tom...
locandina
Ari Aster

Hereditary

8

Meno male che l’hanno intuito tutti che Hereditary – Le radici del male marcia a un altro...
locandina
Gary Ross

Ocean's 8

6

Pace all’anima di Danny Ocean. In tutti i sensi. Più che giusto quindi che a ereditare il...
locandina
Rodrigo Cortés

Dark Hall

4

Il nuovo film di Rodrigo Cortés (Buried) ha un sottotitolo. Non immediatamente visibile: a volte ritornano. Un...
53917
Yorgos Lanthimos

Il sacrificio del cervo sacro

6.5

Indubbiamente l’unica salvezza di un film che pare non dare scampo a nessuno dei suoi personaggi è...
31170285_383905158779450_5862019829438873600_n
Yann Gonzalez

Knife + Heart

5

Di materiale per divertirsi nel nuovo film di Yann Gonzalez ce ne sarebbe parecchio: un assassino mascherato...
30420767-160224807978263-4557987999146023396-o_187a
Matteo Garrone

Dogman

8

In una storia che trasuderebbe vendetta, violenza, disagio mentale, atrocità fisiche degne del migliore (o peggiore) torture...
locandina (2)
Ron Howard

Solo: A Star Wars Story

7

L’universo di Star Wars è talmente pieno di immaginari – tra trilogie ufficiali, spin-off, serie animate, romanzi...
locandina
Ramin Bahrani

Fahrenheit 451

5

Saranno in molti a rimanere delusi dopo la visione di Fahrenheit 451, remake del film diretto da...
locandina (1)
Lars von Trier

The House That Jack Built

6

Primo titolo alternativo facile facile per The House that Jack Built, il nuovo film di Lars von...
Lazzaro_Felice_Poster_Film_FestivalCannes2018
Alice Rohrwacher

Lazzaro Felice

7

Il tempo si è fermato in Lazzaro felice, per Lazzaro e per la sua comunità. E il...
coverlg
Paul Dano

Wildlife

7

Montana, anni ’60. Una giovane famiglia americana come tante si è da poco trasferita in una nuova...
locandina
Asghar Farhadi

Everybody Knows

5.5

Una vecchia regola dell’analisi del film dice che dalla prima sequenza, a volte dai titoli di testa,...
loro-2-silvio-servillo
Paolo Sorrentino

Loro 2

8

“Essere buoni conviene”. Una filosofia di vita, di economia e soprattutto di politica: la bontà come merce...
121430920-a984694f-d13d-4700-a5a4-199d673d0ae0
Paolo Sorrentino

Loro 1

SV

Tutto documentato. Tutto arbitrario. Tutto vero e tutto falso. Ma anche tutto troppo. Paolo Sorrentino ci tiene...