C’è Fellini certo, a metà strada tra La dolce vita e Roma. Ma non è un caso se La grande bellezza, sesto film di Paolo Sorrentino, sia stato accolto a Cannes – dov’è l’unico italiano in concorso – con tepore dagli italiani ed entusiasmo dagli stranieri. Capire e rielaborare il passato in Italia non è un segnale di consapevolezza nella creazione, ma un atto di presunzione o di conformismo. Questo film però riesce a rielaborare un immaginario e a incastonarlo nella contemporaneità.

Al centro c’è Jep Gambardella, scrittore riciclato in eroe della mondanità romana che attraversa la città e il declinante jet set capitolino cercando di ritrovare in sé il guizzo, l’amore per qualcosa, la bellezza che dà il titolo al film, scritto da Sorrentino assieme a Umberto Contarello. Una commedia drammatica che cresce attimo dopo attimo come un affresco, ma anche come una tragedia sorniona sui danni che il cinismo intellettuale ha fatto alle nostre menti.

Sorrentino racconta una civiltà che a furia di dare del tu alla bellezza senza mai vederla, capirla, per usarla e approfittarne l’ha sporcata nel profondo, rendendola invisibile, coprendola col sospetto dell’orrore che i personaggi incarnano e in cui, consapevoli, sguazzano; e questa bellezza non passa solo da un’estetica di ricalibrare, ma soprattutto da un’etica che sopravvive a stento e che ha bisogno di persone, sentimenti, realtà. La vera tragedia del film non è la perdita del sé, delle identità della via Veneto di Fellini, ma l’esondazione del sé che impedisce di avere a che fare con la realtà, da cui ogni personaggio scappa, preferendo rifugiarsi nel sogno, nel mondo proprio che non dialoga, monologa in cerca di applausi.

Sorrentino questo mondo lo conosce e non lo giudica, piuttosto lo guarda con ironia, divertito e scioccato, alla ricerca di un barlume anche spirituale che Roma, seppur piena di suore, si è stancata di dare. La lotta del grandioso Servillo, uno che come porta lui il sarcasmo nessun altro, è nella ricerca di una lacrima, di un palpito o almeno di un’idea per tornare a scrivere, e che solo l’abbandono del cinismo, la consapevolezza che nulla è più commovente del tempo che passa e che si è soli nella vita riesce a regalare.

Né un trattato sociologico della Roma radical-chic, né la compiaciuta stilizzazione di un artista, ma uno sguardo potente e stranamente appassionante su un mondo che non riguarda nessuno eppure fa da specchio a quello che condividiamo tutti. Sorrentino restituisce bellezza a una materia oscena facendo il percorso inverso dei suoi personaggi, che immagini bellissime e ostentate e parole indimenticabili, scolpiscono con forza. Anche su attori che credevamo finiti, come Sabrina Ferilli, o fossilizzati, come Carlo Verdone, e che invece posseggono ancora quel grumo di mistero e grandezza che rende La grande bellezza così bello.

26539

Ultime recensioni Cinema / Visioni
locandina
Moritz Siebert, Estephan Wagner, Abou Bakar Sidibé

Les Sauteurs

8

Se c’è un argomento che ci parla  dello spirito del tempo è il muro, il confine, la...
locandina
Jean-Loup Felicioli, Alain Gagnol

Phantom Boy

7

Un ragazzino leucemico viene ricoverato in ospedale per ricevere adeguate cure, conosce uno sbirro finito sulla sedia...
locandina
Pablo Larraìn

Jackie

8

Il volto in primo piano è quello che tutti conosciamo. Quello di un’icona del ventesimo secolo, una...
la-la-land-poster-festival
Damien Chazelle

La La Land

8

A un certo punto di Io e Annie Woody Allen, alla proposta di trasferirsi a Los Angeles,...
locandina
Benedetta Argentieri, Bruno Chiaravalloti, Claudio Jampaglia

Our War

8.5

Presentato Fuori Concorso alla 73° Mostra del Cinema di Venezia, Our War nasce dall’incontro tra i giornalisti...
locandina
Sergei Loznitsa

Austerlitz

8

Una macchina da presa fissa riprende il passaggio dei tanti turisti in visita nel campo di concentramento...
o-DOPO-AMORE-1-570
Joachim Lafosse

Dopo l'amore

8.5

La sequenza chiave di Dopo l’amore – nelle sale dopo i successi riscossi a Cannes e a...
locandina-2
Léa Fehner

Les Ogres

8

Se in una colonna sonora ricchissima a un certo punto appare “24 mila baci” di Adriano Celentano,...
arrival-nuova-locandina-in-italiano
Denis Villeneuve

Arrival

8.5

L’impressione è che Denis Villeneuve faccia film per diletto. I generi narrativi che gli servono allo scopo...
locandina
Martin Scorsese

Silence

9

Per più di 20 anni, Silence è stato il “prossimo film di Martin Scorsese”. Ora il progetto,...
locandina
Robert Zemeckis

Allied - Un'ombra nascosta

6

Tutto è più bello a Casablanca, anche la guerra. Max e Marianne si incontrano per la prima...
locandina
Morten Tyldum

Passengers

5

Si capisce che la sfiga è assoluta in Passengers sin dal principio. Immaginate gigantesca e lussuosa (astro)nave...
locandina
Gareth Edwards

Rogue One: A Star Wars Story

7

Parte contromano Rogue One: A Star Wars Story per i fedelissimi della fanfara di John Williams. Niente...
locandina
Gastón Duprat, Mariano Cohn

Il cittadino illustre

7.5

L’arte deve scuotere gli animi, nel bene o nel male. La letteratura e il cinema, in questo...
free-fire-ben-wheatley-poster-2
Ben Wheatley

Free Fire

6.5

Da un certo punto in poi, in Free Fire – il nuovo film di Ben Wheatley che...