Ho qualche guaio tra fantasia e realtà”: lo diceva Alvy/Allen in Io e Annie. Era il 1977 e quel film lo avrebbe consacrato tra i più grandi registi americani. Oggi quello stesso personaggio torna sullo schermo, questa volta con le sembianze di un bambino, Richie, che subisce le frustrazioni di una famiglia disfunzionale, male assortita, all’interno della quale non trova altro modo di esprimersi che non sia l’appiccare incendi. La madre Ginny è un’ex attrice che lavora come cameriera. I suoi sogni si sono infranti in un matrimonio “di convenienza” con Humpty, rozzo manovratore di giostre a Coney Island, ma sembrano risvegliarsi dopo l’incontro con Mickey, bagnino aspirante scrittore che vede in lei molto più di una donna obbligata all’infelicità. La relazione clandestina con l’affascinante ma improbabile artista accende in lei una luce di speranza alla quale si aggrappa, con tutte le sue forze, ma che le scivola tra le mani con l’arrivo di Carolina: la figlia di Humpty, sposata con un gangster, “ha parlato troppo” e adesso rischia di essere uccisa. Solo il padre, con il quale non ha rapporti da cinque anni, può aiutarla a nascondersi e a salvarsi.

Con La Ruota delle Meraviglie Allen omaggia Coney Island, così com’era negli anni cinquanta: un parco divertimenti ormai sull’orlo della decadenza, attraversato quasi esclusivamente per raggiungere la spiaggia, luogo d’incontro dagli orizzonti infiniti che lascia sullo sfondo, in lontananza, i colori e le musiche di un divertimento che non si realizza più. Ed è piuttosto interessante osservare come questa dinamica sia la stessa che si realizza, storia dopo storia, nella più recente filmografia del regista newyorkese. Quasi avesse inserito il pilota automatico, Allen continua ad affrontare gli stessi argomenti, proponendoli, di volta in volta, da una prospettiva solo apparentemente diversa. Il protagonista è sempre lo stesso: un disagio esistenziale che sfiora la nevrosi passando attraverso dialoghi eccessivamente verbosi e privi di un reale significato. Triangoli amorosi, emotività incontrollata e inganni sono gli ingredienti che Allen maneggia senza la grazia che lo aveva contraddistinto, ostinandosi in una ricerca di senso che non riesce più a trovare un approdo soddisfacente e che finisce, al contrario, per annoiare.

Il sodalizio con Vittorio Storaro, che illumina i personaggi e i luoghi con una luce che racconta di più e meglio della storia stessa, garantisce un’estetica affascinante e preziosa, che tuttavia finisce per esacerbare il contrasto con una narrazione spenta e inefficace. Neppure l’impegno, evidente, di alcuni tra gli attori (in primis Kate Winslet) riesce a sostenere la sensazione di reiterata e inutile ripetitività proposta da Allen. Viene da chiedersi il perché di tanta insistenza, quando sarebbe più opportuno non continuare a scivolare sull’insidioso terreno della ridondanza accontentandosi di accettare una banale verità: non tutti i guai possono essere risolti, ed è inutile aspettare che si ripresentino ancora e ancora tristemente sul seggiolino di una ruota che di meraviglioso, ormai, non ha più nulla.

Commenti

Ultime recensioni Cinema / Visioni
locandina
Christopher McQuarrie

Mission: Impossible - Fallout

7

Giungono fondamentali conferme dall’ultimo episodio di Mission: Impossible. Una, neanche tanto sorprendente, riguarda il sempre gagliardo Tom...
locandina
Ari Aster

Hereditary

8

Meno male che l’hanno intuito tutti che Hereditary – Le radici del male marcia a un altro...
locandina
Gary Ross

Ocean's 8

6

Pace all’anima di Danny Ocean. In tutti i sensi. Più che giusto quindi che a ereditare il...
locandina
Rodrigo Cortés

Dark Hall

4

Il nuovo film di Rodrigo Cortés (Buried) ha un sottotitolo. Non immediatamente visibile: a volte ritornano. Un...
53917
Yorgos Lanthimos

Il sacrificio del cervo sacro

6.5

Indubbiamente l’unica salvezza di un film che pare non dare scampo a nessuno dei suoi personaggi è...
31170285_383905158779450_5862019829438873600_n
Yann Gonzalez

Knife + Heart

5

Di materiale per divertirsi nel nuovo film di Yann Gonzalez ce ne sarebbe parecchio: un assassino mascherato...
30420767-160224807978263-4557987999146023396-o_187a
Matteo Garrone

Dogman

8

In una storia che trasuderebbe vendetta, violenza, disagio mentale, atrocità fisiche degne del migliore (o peggiore) torture...
locandina (2)
Ron Howard

Solo: A Star Wars Story

7

L’universo di Star Wars è talmente pieno di immaginari – tra trilogie ufficiali, spin-off, serie animate, romanzi...
locandina
Ramin Bahrani

Fahrenheit 451

5

Saranno in molti a rimanere delusi dopo la visione di Fahrenheit 451, remake del film diretto da...
locandina (1)
Lars von Trier

The House That Jack Built

6

Primo titolo alternativo facile facile per The House that Jack Built, il nuovo film di Lars von...
Lazzaro_Felice_Poster_Film_FestivalCannes2018
Alice Rohrwacher

Lazzaro Felice

7

Il tempo si è fermato in Lazzaro felice, per Lazzaro e per la sua comunità. E il...
coverlg
Paul Dano

Wildlife

7

Montana, anni ’60. Una giovane famiglia americana come tante si è da poco trasferita in una nuova...
locandina
Asghar Farhadi

Everybody Knows

5.5

Una vecchia regola dell’analisi del film dice che dalla prima sequenza, a volte dai titoli di testa,...
loro-2-silvio-servillo
Paolo Sorrentino

Loro 2

8

“Essere buoni conviene”. Una filosofia di vita, di economia e soprattutto di politica: la bontà come merce...
121430920-a984694f-d13d-4700-a5a4-199d673d0ae0
Paolo Sorrentino

Loro 1

SV

Tutto documentato. Tutto arbitrario. Tutto vero e tutto falso. Ma anche tutto troppo. Paolo Sorrentino ci tiene...