Non si può dire che L’amant double, il nuovo film di François Ozon, non sia chiaro fin dalla primissima immagine: il dettaglio ginecologico di una vagina dall’interno che con audace dissolvenza incrociata diventa un occhio da cui esce una lacrima. L’occhio, lo sguardo, il desiderio, il sesso, la nascita: tutto il corollario è ampiamente declinato dal francese, alle prese con quello che potrebbe essere il suo film peggiore.

A partire dalla trama (purtroppo tratta da un racconto di Joyce Carol Oates): una donna con qualche turba si rivolge a uno psichiatra. Se ne innamora e vanno a vivere insieme, ma lei scopre che lui ha un passato segreto, ovvero un gemello. Ovviamente psichiatra, ovviamente cattivo e di cui ovviamente s’innamora in modo torbido. Tutto il resto va da sé nella sceneggiatura impossibile di Ozon che vuole cimentarsi col bignami di De Palma in un thriller erotico e psicoanalitico in ritardo di almeno 30 anni.

Ovviamente in L’amant double c’è tutto il corollario che ci si aspetta da una materia del genere – gemelli, specchi, doppi interiori ed esteriori, sogni e incubi, gravidanze e sangue, madri e feti e via kitscheggiando – con in più un côté erotico frigido come la protagonista, sfacciato il giusto (c’è persino una sequenza di strap-on già di culto) ma appesantito da tutta la simbologia del rimosso e il non detto e il desiderio femminile. Un coacervo di suggestioni impossibile da prendere sul serio e che difetta di ironia (semmai vi si può trovare dell’umorismo più o meno volontario) ma che abbonda di pessima letteratura, fino al finale “a sorpresa”, un escamotage di impressionante disonestà e sciocchezza.

Il vero dramma per Ozon è che il film abbonda anche di pessimo cinema: se da una parte pretende di vestirlo a festa con una patina visiva da spot per una casa di moda o da brutta installazione, dall’altra si ritrova a girare e montare al grado zero della suspense, con un uso della macchina da presa e del montaggio da tv pomeridiana, aumentata dalla recitazione soap-operistica degli attori. Centovetrine che si crede Vestito per uccidere o Le due sorelle ma sfiora il porno d’autore. C’è chi si diverte: beati loro.

Commenti

Ultime recensioni Cinema / Visioni
53917
Yorgos Lanthimos

Il sacrificio del cervo sacro

6.5

Indubbiamente l’unica salvezza di un film che pare non dare scampo a nessuno dei suoi personaggi è...
31170285_383905158779450_5862019829438873600_n
Yann Gonzalez

Knife + Heart

5

Di materiale per divertirsi nel nuovo film di Yann Gonzalez ce ne sarebbe parecchio: un assassino mascherato...
30420767-160224807978263-4557987999146023396-o_187a
Matteo Garrone

Dogman

8

In una storia che trasuderebbe vendetta, violenza, disagio mentale, atrocità fisiche degne del migliore (o peggiore) torture...
locandina (2)
Ron Howard

Solo: A Star Wars Story

7

L’universo di Star Wars è talmente pieno di immaginari – tra trilogie ufficiali, spin-off, serie animate, romanzi...
locandina
Ramin Bahrani

Fahrenheit 451

5

Saranno in molti a rimanere delusi dopo la visione di Fahrenheit 451, remake del film diretto da...
locandina (1)
Lars von Trier

The House That Jack Built

6

Primo titolo alternativo facile facile per The House that Jack Built, il nuovo film di Lars von...
Lazzaro_Felice_Poster_Film_FestivalCannes2018
Alice Rohrwacher

Lazzaro Felice

7

Il tempo si è fermato in Lazzaro felice, per Lazzaro e per la sua comunità. E il...
coverlg
Paul Dano

Wildlife

7

Montana, anni ’60. Una giovane famiglia americana come tante si è da poco trasferita in una nuova...
locandina
Asghar Farhadi

Everybody Knows

5.5

Una vecchia regola dell’analisi del film dice che dalla prima sequenza, a volte dai titoli di testa,...
loro-2-silvio-servillo
Paolo Sorrentino

Loro 2

8

“Essere buoni conviene”. Una filosofia di vita, di economia e soprattutto di politica: la bontà come merce...
121430920-a984694f-d13d-4700-a5a4-199d673d0ae0
Paolo Sorrentino

Loro 1

SV

Tutto documentato. Tutto arbitrario. Tutto vero e tutto falso. Ma anche tutto troppo. Paolo Sorrentino ci tiene...
Tonya-poster
Craig Gillespie

Tonya

8

Questa è la storia di Tonya Harding, pattinatrice americana, e del suo tonfo professionale avvenuto nel 1994...
locandina
Steven Spielberg

Ready Player One

7.5

Sembra voler rispondere a una precisa domanda Ready Player One, il nuovo film di Steven Spielberg che...
locandina
Alex Garland

Annientamento

8.5

Il lavoro che Alex Garland fa sulla fascinazione in Annientamento è fortissimo, tanto da diventare un futuro...