Non si può dire che L’amant double, il nuovo film di François Ozon, non sia chiaro fin dalla primissima immagine: il dettaglio ginecologico di una vagina dall’interno che con audace dissolvenza incrociata diventa un occhio da cui esce una lacrima. L’occhio, lo sguardo, il desiderio, il sesso, la nascita: tutto il corollario è ampiamente declinato dal francese, alle prese con quello che potrebbe essere il suo film peggiore.

A partire dalla trama (purtroppo tratta da un racconto di Joyce Carol Oates): una donna con qualche turba si rivolge a uno psichiatra. Se ne innamora e vanno a vivere insieme, ma lei scopre che lui ha un passato segreto, ovvero un gemello. Ovviamente psichiatra, ovviamente cattivo e di cui ovviamente s’innamora in modo torbido. Tutto il resto va da sé nella sceneggiatura impossibile di Ozon che vuole cimentarsi col bignami di De Palma in un thriller erotico e psicoanalitico in ritardo di almeno 30 anni.

Ovviamente in L’amant double c’è tutto il corollario che ci si aspetta da una materia del genere – gemelli, specchi, doppi interiori ed esteriori, sogni e incubi, gravidanze e sangue, madri e feti e via kitscheggiando – con in più un côté erotico frigido come la protagonista, sfacciato il giusto (c’è persino una sequenza di strap-on già di culto) ma appesantito da tutta la simbologia del rimosso e il non detto e il desiderio femminile. Un coacervo di suggestioni impossibile da prendere sul serio e che difetta di ironia (semmai vi si può trovare dell’umorismo più o meno volontario) ma che abbonda di pessima letteratura, fino al finale “a sorpresa”, un escamotage di impressionante disonestà e sciocchezza.

Il vero dramma per Ozon è che il film abbonda anche di pessimo cinema: se da una parte pretende di vestirlo a festa con una patina visiva da spot per una casa di moda o da brutta installazione, dall’altra si ritrova a girare e montare al grado zero della suspense, con un uso della macchina da presa e del montaggio da tv pomeridiana, aumentata dalla recitazione soap-operistica degli attori. Centovetrine che si crede Vestito per uccidere o Le due sorelle ma sfiora il porno d’autore. C’è chi si diverte: beati loro.

Commenti

Ultime recensioni Cinema / Visioni
okja-poster-1
Bong Joon-ho

Okja

7.5

La pietra dello scandalo. Il film che al recente festival di Cannes ha fatto scattare la fatwa...
locandina
David Michôd

War Machine

6

Un paio di gambe storte sorregge un corpo rigidamente costretto in una postura dall’aria innaturale: è la...
mucchio_blame_poster
Dal 20 maggio su Netflix

Blame

6.5

Almodovar, pietà. Il cinema made in Netflix è una figata. Soprattutto se recapitato per tutti, nello stesso...
8o8
Lynne Ramsay

You Were Never Really Here

7

Il cinema di Lynne Ramsay è un cinema psico-patologico, in cui il delirio dei personaggi si rispecchia...
yju545
François Ozon

L'amant double

4

Non si può dire che L’amant double, il nuovo film di François Ozon, non sia chiaro fin...
kkkk
Ben Safdie, Joshua Safdie

Good Time

7.5

La vitalità del cinema nasce spesso dalle sue contraddizioni: Good Time dei fratelli Ben e Joshua Safdie...
grrere
Eugene Jarecki

Promised land

7.5

“Mister I ain’t a boy, no I’m a man\and I believe in a promised land”. E’ il...
vfewry
Sean Baker

The Florida project

8

Dall’iPhone al 35 millimetri, per Sean Baker il sogno americano e le sue declinazioni passano anche dal...
locandina
Fabio Grassadonia, Antonio Piazza

Sicilian Ghost Story

6

In un bosco che somiglia a quello delle fiabe, due giovani adolescenti si scambiano un bacio affettuoso....
tyutyu
Robert Campillo

120 battements par minute

8

Un cuore accelerato o un ritmo travolgente che possono essere sinonimi o contrari. Per Robin Campillo i...
locandina
Todd Haynes

Wonderstruck

8

Questo è un racconto che richiede pazienza e lentezza. Lo scrive Julianne Moore al piccolo protagonista di...
locandina
Terrence Malick

Song to Song

8

«Non c’è nessuna forma d’arte come il cinema per colpire la coscienza, scuotere le emozioni e raggiungere...
622506603
Rossella Schillaci

Libere

8

La Resistenza raccontata da Rossella Schillaci in Libere, documentario in uscita il 20 aprile nelle sale italiane,...