Il tempo si è fermato in Lazzaro felice, per Lazzaro e per la sua comunità. E il riferimento al film di Ermanno Olmi non è casuale perché il nuovo film di Alice Rohrwacher è anche un sentito e caldo omaggio al cinema del maestro da poco scomparso e un modo popolano di pensare al cinema e agli ultimi (Sergio Citti, il Bertolucci di Novecento).

Qui gli ultimi sono un gruppo di contadini che lavora in regime di mezzadria e schiavitù per una marchesa la quale ha sfruttato la loro ignoranza per far loro credere che – negli anni ’90 del ‘900 – fosse ancora possibile. Tra di loro Lazzaro, un ragazzo buono fino all’ottusità che sarà però anche il protagonista di un curioso viaggio nel tempo. Come si intuisce dalle poche righe di trama, Rohrwacher ha scritto una sorta di fiaba verista nettamente divisa in due tra passato e presente, campagna e città, schiavitù e libertà (molto relativa) e quindi anche tra umori sognanti e solari e sguardo desolato.

Lazzaro felice usa come filo conduttore di questi due poli opposti che lo fondano proprio il personaggio di Lazzaro (l’esordiente Adriano Tardiolo) incapace di cambiare come indole e come fisico, che “vola” lungo vent’anni – con un imprevedibile salto narrativo – e resta inalterato, mentre tutto si deteriora, dalle persone ai valori. E Rohrwacher utilizza il suo protagonista anche come metro, come indicatore di tono, come cartina di tornasole di ciò che vuole comunicare e del modo per comunicarlo adattandosi a lui in modo coerente e totale, con tutti i rischi narrativi che ne conseguono.

Ma la regista affronta questi rischi dotata di un’apertura visiva e visionaria spesso incantevole, come tutta la prima parte rurale dimostra tra cavalieri, leggende francescane e folate di vento, e che se anche cede qualcosa nel racconto urbano riesce a commuovere anche con un semplice movimento di macchina sul volto di Lazzaro, raccontando il rapporto tra passato e presente con grande delicatezza. Lazzaro felice (e la sua regista) rappresentano uno di quei rari casi in cui cinema e mondo, lo sguardo sulla vita e dentro la macchina da presa, sono la stessa cosa e si svelano a vicenda in modo spiazzante e impossibile: fosse anche solo per questo ad Alice Rohrwacher si possono perdonare piccole cadute e difetti.

Commenti

Ultime recensioni Cinema / Visioni
31170285_383905158779450_5862019829438873600_n
Yann Gonzalez

Knife + Heart

5

Di materiale per divertirsi nel nuovo film di Yann Gonzalez ce ne sarebbe parecchio: un assassino mascherato...
30420767-160224807978263-4557987999146023396-o_187a
Matteo Garrone

Dogman

8

In una storia che trasuderebbe vendetta, violenza, disagio mentale, atrocità fisiche degne del migliore (o peggiore) torture...
locandina (2)
Ron Howard

Solo: A Star Wars Story

7

L’universo di Star Wars è talmente pieno di immaginari – tra trilogie ufficiali, spin-off, serie animate, romanzi...
locandina
Ramin Bahrani

Fahrenheit 451

5

Saranno in molti a rimanere delusi dopo la visione di Fahrenheit 451, remake del film diretto da...
locandina (1)
Lars von Trier

The House That Jack Built

6

Primo titolo alternativo facile facile per The House that Jack Built, il nuovo film di Lars von...
Lazzaro_Felice_Poster_Film_FestivalCannes2018
Alice Rohrwacher

Lazzaro Felice

7

Il tempo si è fermato in Lazzaro felice, per Lazzaro e per la sua comunità. E il...
coverlg
Paul Dano

Wildlife

7

Montana, anni ’60. Una giovane famiglia americana come tante si è da poco trasferita in una nuova...
locandina
Asghar Farhadi

Everybody Knows

5.5

Una vecchia regola dell’analisi del film dice che dalla prima sequenza, a volte dai titoli di testa,...
loro-2-silvio-servillo
Paolo Sorrentino

Loro 2

8

“Essere buoni conviene”. Una filosofia di vita, di economia e soprattutto di politica: la bontà come merce...
121430920-a984694f-d13d-4700-a5a4-199d673d0ae0
Paolo Sorrentino

Loro 1

SV

Tutto documentato. Tutto arbitrario. Tutto vero e tutto falso. Ma anche tutto troppo. Paolo Sorrentino ci tiene...
Tonya-poster
Craig Gillespie

Tonya

8

Questa è la storia di Tonya Harding, pattinatrice americana, e del suo tonfo professionale avvenuto nel 1994...
locandina
Steven Spielberg

Ready Player One

7.5

Sembra voler rispondere a una precisa domanda Ready Player One, il nuovo film di Steven Spielberg che...
locandina
Alex Garland

Annientamento

8.5

Il lavoro che Alex Garland fa sulla fascinazione in Annientamento è fortissimo, tanto da diventare un futuro...