Opera seconda, dopo un esordio che era stato molto amato dalla critica e dai festival, che viene selezionata in concorso a Cannes. C’è di che far tremare i polsi ad Alice Rohrwacher, che con Le meraviglie però dimostra di essere una regista già matura, con uno sguardo raro nel cinema nostrano, capace di toccare il concreto e l’immaginifico.

Le meraviglie racconta di una famiglia contadina, madre, padre e quattro figlie, più un’aiutante, che vive senza pretese, quasi fuori dal mondo, producendo miele e dedicandosi all’agricoltura senza pensare alla società. Fino a che un ragazzo tedesco e una troupe tv non rompono l’equilibrio, facendo irrompere la società dentro le loro vite. Scritto dalla stessa Rohrwacher, Le meraviglie è un dramma fiabesco e antropologico, diviso tra una prima parte di realismo rurale e la seconda che amplia discorso e sguardo verso il surrealismo documentario di Herzog o Michelangelo Frammartino.

Se il cuore del film pare essere nello scontro tra un padre orco e la famiglia al femminile, tra i sogni di una ragazzina e i bisogni ottusi di una comunità, tra l’arcadia conservatrice e l’illusione progressista, il film sa superare quelli che erano i grossi limiti e difetti del molto sopravvalutato Corpo celeste, esordio della regista: se quello era un film in cui si poneva al di sopra dei personaggi “deboli” (una parrocchia bigotta e sempliciotta) e li guardava con cinismo e disprezzo a malapena nascosto, attraverso una famiglia estranea più colta, qui scende alla loro altezza, si immedesima nella ragazzina e nei suoi sogni stupidi ma sinceri (segnati da Ambra e T’appartengo), partecipa delle sensazioni, delle atmosfere, dei conflitti senza giudizi, anzi.

Così facendo, anche la regia riesce ad elevarsi dagli stilemi del cinema d’autore europeo dell’esordio e diventare davvero terrena, concreta, capace di far respirare la terra e la fatica, il profumo della natura attraverso la grana della pellicola, riuscendo a costruire improvvisi squarci di visione ardita, con tocchi mitici che diventano preziosa forma filmica, capaci di trasmettere tensione narrativa anche in situazioni ridicole (come il programma tv a cui la famiglia partecipa). Un finale bellissimo e di grande forza figurativa rende Le meraviglie una sorpresa molto gradita per chi scrive, una conferma per gli altri. O una delusione, ma è un altro discorso.

Commenti

Ultime recensioni Cinema / Visioni
31170285_383905158779450_5862019829438873600_n
Yann Gonzalez

Knife + Heart

5

Di materiale per divertirsi nel nuovo film di Yann Gonzalez ce ne sarebbe parecchio: un assassino mascherato...
30420767-160224807978263-4557987999146023396-o_187a
Matteo Garrone

Dogman

8

In una storia che trasuderebbe vendetta, violenza, disagio mentale, atrocità fisiche degne del migliore (o peggiore) torture...
locandina (2)
Ron Howard

Solo: A Star Wars Story

7

L’universo di Star Wars è talmente pieno di immaginari – tra trilogie ufficiali, spin-off, serie animate, romanzi...
locandina
Ramin Bahrani

Fahrenheit 451

5

Saranno in molti a rimanere delusi dopo la visione di Fahrenheit 451, remake del film diretto da...
locandina (1)
Lars von Trier

The House That Jack Built

6

Primo titolo alternativo facile facile per The House that Jack Built, il nuovo film di Lars von...
Lazzaro_Felice_Poster_Film_FestivalCannes2018
Alice Rohrwacher

Lazzaro Felice

7

Il tempo si è fermato in Lazzaro felice, per Lazzaro e per la sua comunità. E il...
coverlg
Paul Dano

Wildlife

7

Montana, anni ’60. Una giovane famiglia americana come tante si è da poco trasferita in una nuova...
locandina
Asghar Farhadi

Everybody Knows

5.5

Una vecchia regola dell’analisi del film dice che dalla prima sequenza, a volte dai titoli di testa,...
loro-2-silvio-servillo
Paolo Sorrentino

Loro 2

8

“Essere buoni conviene”. Una filosofia di vita, di economia e soprattutto di politica: la bontà come merce...
121430920-a984694f-d13d-4700-a5a4-199d673d0ae0
Paolo Sorrentino

Loro 1

SV

Tutto documentato. Tutto arbitrario. Tutto vero e tutto falso. Ma anche tutto troppo. Paolo Sorrentino ci tiene...
Tonya-poster
Craig Gillespie

Tonya

8

Questa è la storia di Tonya Harding, pattinatrice americana, e del suo tonfo professionale avvenuto nel 1994...
locandina
Steven Spielberg

Ready Player One

7.5

Sembra voler rispondere a una precisa domanda Ready Player One, il nuovo film di Steven Spielberg che...
locandina
Alex Garland

Annientamento

8.5

Il lavoro che Alex Garland fa sulla fascinazione in Annientamento è fortissimo, tanto da diventare un futuro...