Opera seconda, dopo un esordio che era stato molto amato dalla critica e dai festival, che viene selezionata in concorso a Cannes. C’è di che far tremare i polsi ad Alice Rohrwacher, che con Le meraviglie però dimostra di essere una regista già matura, con uno sguardo raro nel cinema nostrano, capace di toccare il concreto e l’immaginifico.

Le meraviglie racconta di una famiglia contadina, madre, padre e quattro figlie, più un’aiutante, che vive senza pretese, quasi fuori dal mondo, producendo miele e dedicandosi all’agricoltura senza pensare alla società. Fino a che un ragazzo tedesco e una troupe tv non rompono l’equilibrio, facendo irrompere la società dentro le loro vite. Scritto dalla stessa Rohrwacher, Le meraviglie è un dramma fiabesco e antropologico, diviso tra una prima parte di realismo rurale e la seconda che amplia discorso e sguardo verso il surrealismo documentario di Herzog o Michelangelo Frammartino.

Se il cuore del film pare essere nello scontro tra un padre orco e la famiglia al femminile, tra i sogni di una ragazzina e i bisogni ottusi di una comunità, tra l’arcadia conservatrice e l’illusione progressista, il film sa superare quelli che erano i grossi limiti e difetti del molto sopravvalutato Corpo celeste, esordio della regista: se quello era un film in cui si poneva al di sopra dei personaggi “deboli” (una parrocchia bigotta e sempliciotta) e li guardava con cinismo e disprezzo a malapena nascosto, attraverso una famiglia estranea più colta, qui scende alla loro altezza, si immedesima nella ragazzina e nei suoi sogni stupidi ma sinceri (segnati da Ambra e T’appartengo), partecipa delle sensazioni, delle atmosfere, dei conflitti senza giudizi, anzi.

Così facendo, anche la regia riesce ad elevarsi dagli stilemi del cinema d’autore europeo dell’esordio e diventare davvero terrena, concreta, capace di far respirare la terra e la fatica, il profumo della natura attraverso la grana della pellicola, riuscendo a costruire improvvisi squarci di visione ardita, con tocchi mitici che diventano preziosa forma filmica, capaci di trasmettere tensione narrativa anche in situazioni ridicole (come il programma tv a cui la famiglia partecipa). Un finale bellissimo e di grande forza figurativa rende Le meraviglie una sorpresa molto gradita per chi scrive, una conferma per gli altri. O una delusione, ma è un altro discorso.

Commenti

Ultime recensioni Cinema / Visioni
okja-poster-1
Bong Joon-ho

Okja

7.5

La pietra dello scandalo. Il film che al recente festival di Cannes ha fatto scattare la fatwa...
locandina
David Michôd

War Machine

6

Un paio di gambe storte sorregge un corpo rigidamente costretto in una postura dall’aria innaturale: è la...
mucchio_blame_poster
Dal 20 maggio su Netflix

Blame

6.5

Almodovar, pietà. Il cinema made in Netflix è una figata. Soprattutto se recapitato per tutti, nello stesso...
8o8
Lynne Ramsay

You Were Never Really Here

7

Il cinema di Lynne Ramsay è un cinema psico-patologico, in cui il delirio dei personaggi si rispecchia...
yju545
François Ozon

L'amant double

4

Non si può dire che L’amant double, il nuovo film di François Ozon, non sia chiaro fin...
kkkk
Ben Safdie, Joshua Safdie

Good Time

7.5

La vitalità del cinema nasce spesso dalle sue contraddizioni: Good Time dei fratelli Ben e Joshua Safdie...
grrere
Eugene Jarecki

Promised land

7.5

“Mister I ain’t a boy, no I’m a man\and I believe in a promised land”. E’ il...
vfewry
Sean Baker

The Florida project

8

Dall’iPhone al 35 millimetri, per Sean Baker il sogno americano e le sue declinazioni passano anche dal...
locandina
Fabio Grassadonia, Antonio Piazza

Sicilian Ghost Story

6

In un bosco che somiglia a quello delle fiabe, due giovani adolescenti si scambiano un bacio affettuoso....
tyutyu
Robert Campillo

120 battements par minute

8

Un cuore accelerato o un ritmo travolgente che possono essere sinonimi o contrari. Per Robin Campillo i...
locandina
Todd Haynes

Wonderstruck

8

Questo è un racconto che richiede pazienza e lentezza. Lo scrive Julianne Moore al piccolo protagonista di...
locandina
Terrence Malick

Song to Song

8

«Non c’è nessuna forma d’arte come il cinema per colpire la coscienza, scuotere le emozioni e raggiungere...
622506603
Rossella Schillaci

Libere

8

La Resistenza raccontata da Rossella Schillaci in Libere, documentario in uscita il 20 aprile nelle sale italiane,...