Opera seconda, dopo un esordio che era stato molto amato dalla critica e dai festival, che viene selezionata in concorso a Cannes. C’è di che far tremare i polsi ad Alice Rohrwacher, che con Le meraviglie però dimostra di essere una regista già matura, con uno sguardo raro nel cinema nostrano, capace di toccare il concreto e l’immaginifico.

Le meraviglie racconta di una famiglia contadina, madre, padre e quattro figlie, più un’aiutante, che vive senza pretese, quasi fuori dal mondo, producendo miele e dedicandosi all’agricoltura senza pensare alla società. Fino a che un ragazzo tedesco e una troupe tv non rompono l’equilibrio, facendo irrompere la società dentro le loro vite. Scritto dalla stessa Rohrwacher, Le meraviglie è un dramma fiabesco e antropologico, diviso tra una prima parte di realismo rurale e la seconda che amplia discorso e sguardo verso il surrealismo documentario di Herzog o Michelangelo Frammartino.

Se il cuore del film pare essere nello scontro tra un padre orco e la famiglia al femminile, tra i sogni di una ragazzina e i bisogni ottusi di una comunità, tra l’arcadia conservatrice e l’illusione progressista, il film sa superare quelli che erano i grossi limiti e difetti del molto sopravvalutato Corpo celeste, esordio della regista: se quello era un film in cui si poneva al di sopra dei personaggi “deboli” (una parrocchia bigotta e sempliciotta) e li guardava con cinismo e disprezzo a malapena nascosto, attraverso una famiglia estranea più colta, qui scende alla loro altezza, si immedesima nella ragazzina e nei suoi sogni stupidi ma sinceri (segnati da Ambra e T’appartengo), partecipa delle sensazioni, delle atmosfere, dei conflitti senza giudizi, anzi.

Così facendo, anche la regia riesce ad elevarsi dagli stilemi del cinema d’autore europeo dell’esordio e diventare davvero terrena, concreta, capace di far respirare la terra e la fatica, il profumo della natura attraverso la grana della pellicola, riuscendo a costruire improvvisi squarci di visione ardita, con tocchi mitici che diventano preziosa forma filmica, capaci di trasmettere tensione narrativa anche in situazioni ridicole (come il programma tv a cui la famiglia partecipa). Un finale bellissimo e di grande forza figurativa rende Le meraviglie una sorpresa molto gradita per chi scrive, una conferma per gli altri. O una delusione, ma è un altro discorso.

Commenti

Ultime recensioni Cinema / Visioni
locandina
José Padilha

7 Days in Entebbe

7

La vicenda è nota: nel 1976 il Fronte per la liberazione della Palestina dirotta un aereo francese...
locandina-ver
Laura Bispuri

Figlia mia

7.5

“E perché la devi curare? É malata?” Ecco, Figlia mia sta tutto qui, in questo confronto tra due donne...
locandina
Christian Duguay

Un sacchetto di biglie

7.5

Nella Parigi invasa dai nazisti, Joseph Joffo e il fratello Maurice si divertono spensierati. Il padre Roman...
locandina
Woody Allen

La ruota delle meraviglie

4.5

“Ho qualche guaio tra fantasia e realtà”: lo diceva Alvy/Allen in Io e Annie. Era il 1977...
locandina
Julien Temple

My Life Story

7

Più che un film, My Life Story è una testimonianza di cosa sia un entertainer, di cosa...
254690
Kantemir Balagov

Closeness

7.5

Comunicare la desolazione è cosa molto differente dall’esprimere la depressione. In quella sfumatura tra mimesi piatta e...
locandina
Colin Trevorrow

Il libro di Henry

5

La recensione più breve del mondo: Il libro di Henry sucks. Lo si scrive con un po’...
locandina
Kathryn Bigelow

Detroit

9

Kathryn Bigelow sta al cinema d’azione come George Romero sta al cinema d’orrore: ha introdotto nel genere,...
locandina
Janus Metz Pedersen

Borg McEnroe

6

Si dice che il tennis sia uno sport poco adatto al cinema. Per cercare di smentire questa...
gospel_604_alk_s_binder2_016-h_2017
Jennifer Lebeau

Trouble No More

6.5

“Puoi chiamarmi Bobby, puoi chiamarmi Zimmy /Puoi chiamarmi in ogni modo ma non importa quello che tu...
v1.bTsxMjMyNzU0OTtqOzE3NTEyOzEyMDA7Mjg0OzQwNQ
Philippe Van Leeuw

Insyriated

5.5

La guerra in Siria, o in un luogo analogo, fa parte dell’oppressione quotidiana, non è una tensione...
54108
Paolo e Vittorio Taviani

Una questione privata

5

È il 1943. Sulle colline delle Langhe le brigate dei partigiani combattono i fascisti. Gli scontri sono...
screen-shot-2017-09-05-at-1-22-03-pm
Scott Cooper

Hostiles

7.5

È più moderno che classico Hostiles (e di sicuro non classicista), più crepuscolare che mitologico. Il film...
locandina
Andy Muschietti

It

7.5

E alla fine arrivò It. L’abbiamo sognato, temuto a lungo. Ci ha indottrinato a meraviglia grazie ai...