Cannes 70 apre con una scelta curiosa e riparatoria: Les fantômes d’Ismaël di Arnaud Desplechin. Riparatoria perché espia la colpa del direttore del festival Thierry Frémaux, colpevole di aver escluso il film precedente del regista (I miei giorni più belli, molto bello) dando vita a una scia di polemiche; curiosa perché il nuovo film è un mélange inconsueto e talentuoso.

Il film racconta un altro Dedalus – personaggio e cognome ricorrenti nel cinema del regista francese –, l’Ismaël del titolo e i suoi fantasmi, ossia la moglie scomparsa misteriosamente da 20 anni e il fratello Dedalus, sorta di spia e avventuriero imprevedibile, anche lui scomparso. Tra questi fantasmi, nella sceneggiatura di Desplechin con Léa Mysius e Julie Peyr, si situano le storie d’amore dei due fratelli e vari flashback, che creano un curioso e rocambolesco mix tra melodramma e memoria sentimentale con un fondo di spy story: un Truffaut scritto da Le Carré.

Proprio come la sua struttura narrativa a incastri, anche il film è un puzzle, o meglio un patchwork di suggestioni e riferimenti, di citazioni e prestiti, di frammenti propri e altrui; in questo caso però non c’entra la poca originalità, perché Les fantômes d’Ismaël funziona come la psiche umana che vive di ricordi e rimastica esperienze altrui. Desplechin qui ingloba molto e di eterogeneo livello per raccontare una storia di persone spezzate, di esseri che spariscono per dare un senso alla propria vita ed esseri che rimangono a fare i conti con i resti delle sparizioni degli altri.

La bellezza del film è che riesce a camminare sul filo del ridicolo (la scena d’amore tra Marion Cotillard e Mathieu Amalric) sfiorando il sublime e Desplechin sa scavare nell’animo dei suoi personaggi, sa costruirne le personalità non attraverso le parole o gli eventi ma con le immagini, con lo stile, con la forza di un primissimo piano e di uno zoom, di un fuoricampo o di un movimento di camera (basti vedere l’intensità di una sequenza breve, come quella in cui Cotillard si fa la doccia dopo la sua riapparizione). Desplechin si conferma un abile narratore anche quando tende a complicare la vicenda e il suo rapporto con lo spettatore: la sua mano di regista e direttore di bravi attori semplifica ogni cosa.

Commenti

Ultime recensioni Cinema / Visioni
okja-poster-1
Bong Joon-ho

Okja

7.5

La pietra dello scandalo. Il film che al recente festival di Cannes ha fatto scattare la fatwa...
locandina
David Michôd

War Machine

6

Un paio di gambe storte sorregge un corpo rigidamente costretto in una postura dall’aria innaturale: è la...
mucchio_blame_poster
Dal 20 maggio su Netflix

Blame

6.5

Almodovar, pietà. Il cinema made in Netflix è una figata. Soprattutto se recapitato per tutti, nello stesso...
8o8
Lynne Ramsay

You Were Never Really Here

7

Il cinema di Lynne Ramsay è un cinema psico-patologico, in cui il delirio dei personaggi si rispecchia...
yju545
François Ozon

L'amant double

4

Non si può dire che L’amant double, il nuovo film di François Ozon, non sia chiaro fin...
kkkk
Ben Safdie, Joshua Safdie

Good Time

7.5

La vitalità del cinema nasce spesso dalle sue contraddizioni: Good Time dei fratelli Ben e Joshua Safdie...
grrere
Eugene Jarecki

Promised land

7.5

“Mister I ain’t a boy, no I’m a man\and I believe in a promised land”. E’ il...
vfewry
Sean Baker

The Florida project

8

Dall’iPhone al 35 millimetri, per Sean Baker il sogno americano e le sue declinazioni passano anche dal...
locandina
Fabio Grassadonia, Antonio Piazza

Sicilian Ghost Story

6

In un bosco che somiglia a quello delle fiabe, due giovani adolescenti si scambiano un bacio affettuoso....
tyutyu
Robert Campillo

120 battements par minute

8

Un cuore accelerato o un ritmo travolgente che possono essere sinonimi o contrari. Per Robin Campillo i...
locandina
Todd Haynes

Wonderstruck

8

Questo è un racconto che richiede pazienza e lentezza. Lo scrive Julianne Moore al piccolo protagonista di...
locandina
Terrence Malick

Song to Song

8

«Non c’è nessuna forma d’arte come il cinema per colpire la coscienza, scuotere le emozioni e raggiungere...
622506603
Rossella Schillaci

Libere

8

La Resistenza raccontata da Rossella Schillaci in Libere, documentario in uscita il 20 aprile nelle sale italiane,...