Cannes 70 apre con una scelta curiosa e riparatoria: Les fantômes d’Ismaël di Arnaud Desplechin. Riparatoria perché espia la colpa del direttore del festival Thierry Frémaux, colpevole di aver escluso il film precedente del regista (I miei giorni più belli, molto bello) dando vita a una scia di polemiche; curiosa perché il nuovo film è un mélange inconsueto e talentuoso.

Il film racconta un altro Dedalus – personaggio e cognome ricorrenti nel cinema del regista francese –, l’Ismaël del titolo e i suoi fantasmi, ossia la moglie scomparsa misteriosamente da 20 anni e il fratello Dedalus, sorta di spia e avventuriero imprevedibile, anche lui scomparso. Tra questi fantasmi, nella sceneggiatura di Desplechin con Léa Mysius e Julie Peyr, si situano le storie d’amore dei due fratelli e vari flashback, che creano un curioso e rocambolesco mix tra melodramma e memoria sentimentale con un fondo di spy story: un Truffaut scritto da Le Carré.

Proprio come la sua struttura narrativa a incastri, anche il film è un puzzle, o meglio un patchwork di suggestioni e riferimenti, di citazioni e prestiti, di frammenti propri e altrui; in questo caso però non c’entra la poca originalità, perché Les fantômes d’Ismaël funziona come la psiche umana che vive di ricordi e rimastica esperienze altrui. Desplechin qui ingloba molto e di eterogeneo livello per raccontare una storia di persone spezzate, di esseri che spariscono per dare un senso alla propria vita ed esseri che rimangono a fare i conti con i resti delle sparizioni degli altri.

La bellezza del film è che riesce a camminare sul filo del ridicolo (la scena d’amore tra Marion Cotillard e Mathieu Amalric) sfiorando il sublime e Desplechin sa scavare nell’animo dei suoi personaggi, sa costruirne le personalità non attraverso le parole o gli eventi ma con le immagini, con lo stile, con la forza di un primissimo piano e di uno zoom, di un fuoricampo o di un movimento di camera (basti vedere l’intensità di una sequenza breve, come quella in cui Cotillard si fa la doccia dopo la sua riapparizione). Desplechin si conferma un abile narratore anche quando tende a complicare la vicenda e il suo rapporto con lo spettatore: la sua mano di regista e direttore di bravi attori semplifica ogni cosa.

Commenti

Ultime recensioni Cinema / Visioni
53917
Yorgos Lanthimos

Il sacrificio del cervo sacro

6.5

Indubbiamente l’unica salvezza di un film che pare non dare scampo a nessuno dei suoi personaggi è...
31170285_383905158779450_5862019829438873600_n
Yann Gonzalez

Knife + Heart

5

Di materiale per divertirsi nel nuovo film di Yann Gonzalez ce ne sarebbe parecchio: un assassino mascherato...
30420767-160224807978263-4557987999146023396-o_187a
Matteo Garrone

Dogman

8

In una storia che trasuderebbe vendetta, violenza, disagio mentale, atrocità fisiche degne del migliore (o peggiore) torture...
locandina (2)
Ron Howard

Solo: A Star Wars Story

7

L’universo di Star Wars è talmente pieno di immaginari – tra trilogie ufficiali, spin-off, serie animate, romanzi...
locandina
Ramin Bahrani

Fahrenheit 451

5

Saranno in molti a rimanere delusi dopo la visione di Fahrenheit 451, remake del film diretto da...
locandina (1)
Lars von Trier

The House That Jack Built

6

Primo titolo alternativo facile facile per The House that Jack Built, il nuovo film di Lars von...
Lazzaro_Felice_Poster_Film_FestivalCannes2018
Alice Rohrwacher

Lazzaro Felice

7

Il tempo si è fermato in Lazzaro felice, per Lazzaro e per la sua comunità. E il...
coverlg
Paul Dano

Wildlife

7

Montana, anni ’60. Una giovane famiglia americana come tante si è da poco trasferita in una nuova...
locandina
Asghar Farhadi

Everybody Knows

5.5

Una vecchia regola dell’analisi del film dice che dalla prima sequenza, a volte dai titoli di testa,...
loro-2-silvio-servillo
Paolo Sorrentino

Loro 2

8

“Essere buoni conviene”. Una filosofia di vita, di economia e soprattutto di politica: la bontà come merce...
121430920-a984694f-d13d-4700-a5a4-199d673d0ae0
Paolo Sorrentino

Loro 1

SV

Tutto documentato. Tutto arbitrario. Tutto vero e tutto falso. Ma anche tutto troppo. Paolo Sorrentino ci tiene...
Tonya-poster
Craig Gillespie

Tonya

8

Questa è la storia di Tonya Harding, pattinatrice americana, e del suo tonfo professionale avvenuto nel 1994...
locandina
Steven Spielberg

Ready Player One

7.5

Sembra voler rispondere a una precisa domanda Ready Player One, il nuovo film di Steven Spielberg che...
locandina
Alex Garland

Annientamento

8.5

Il lavoro che Alex Garland fa sulla fascinazione in Annientamento è fortissimo, tanto da diventare un futuro...