locandina
Moritz Siebert, Estephan Wagner, Abou Bakar Sidibé

Les Sauteurs

8

Se c’è un argomento che ci parla  dello spirito del tempo è il muro, il confine, la barriera e tutto il portato conseguente. Ma proprio per la sua estrema vicinanza al momento è anche un argomento che si presta a ogni sorta di luogo comune. Per fortuna c’è un film come Les Sauteurs che, raccontando il problema dall’interno, fa piazza pulita degli stereotipi, soprattutto filmici.

Diretto da Moritz Siebert ed Estephan Wenger che hanno dato la videocamera ad Abou Sidibé, un profugo del Mali che si trova bloccato a Melilla, enclave spagnola in Africa, un limbo tra il Marocco e l’Europa in cui c’è un campo profughi dominato dal monte Gurugu e da un sofisticato sistema di sorveglianza al confine. Sidibé riprende la vita quotidiana del campo, l’organizzazione sociale e i tentativi di fuga per provare a raggiungere quell’Eldorado chiamato Europa. Il risultato – che Siebert e Wenger hanno poi finalizzato al montaggio – è un documentario che riscrive moltissimi dei canoni con cui il tema delle migrazioni è stato affrontato negli anni dal cinema, dalla tv e dal giornalismo.

Innanzi tutto proprio per lo sguardo da dentro, per la rilettura della soggettiva – recentemente divenuta sinonimo di horror –  che in Les Sauteurs invece diventa il modo migliore per guardare un campo senza distanze culturali, per descrivere la costruzione del senso di una comunità (la lunga e straziante sequenza in cui scovano una spia dei poliziotti di frontiera) e di come questo senso si basi su credenze che sono un’eco delle mitologie europee sui neri e gli africani (le donne che ti lavano all’arrivo in Spagna, il sole europeo che sbianca la pelle nera). Soprattutto Siebert, Wenger e Sidibé lavorano sul senso di ribellione delle persone del campo, sull’oppressione geografica, fisica e legale per ragionare cinematograficamente sul rapporto tra dentro e fuori, tra qui e altrove, tra perimetri e confini: una dinamica tra interno ed esterno (lo sguardo “oggettivo” delle camere di sorveglianza che si alternano in modo glaciale alla telecamera di Sidibé a raccontare il punto di vista del potere europeo, il “nostro” punto di vista) che è figlia innanzitutto di una scelta etica di sguardo, che ristabilisce i limiti – appunto – entro i quali guardare, considerare, valutare. Capire.

Les sauteurs è un film fortemente politico proprio per la sua scelta di dimenticare le sovrastrutture filmiche o culturali, perché mostra come il potere – invisibile e onnipresente, rappresentato come il Grande fratello dei nostri giorni  – riesca a condizionare anche tutte le forme di comunicazione e di relazione; ma anche come quella stessa materia di cui il potere è ormai fatto, l’informazione alla portata dell’individuo, possa  diventare arma a sua volta, come nel magnifico finale. Uno dei film più ricchi, complessi ed emozionanti che il panorama del documentario abbia fornito recentemente.

Commenti

Ultime recensioni Cinema / Visioni
Outrage-0-Coda-620x329
Takeshi Kitano

Outrage Coda

6.5

Con Outrage Coda Takeshi Kitano conclude la trilogia iniziata nel 2010 con Outrage e proseguita nel 2012 con Outrage Beyond, campione d’incassi,...
HANNAH-Charlotte-Rampling-2017-1
Andrea Pallaoro

Hannah

5.5

Lunga vita a chi cerca nuove strade e toni originali per raccontare le storie al cinema, purchè...
lou_luttiau_shain_boumedine_ophelie_bau
Abdellatif Kechiche

Mektoub, My Love: Canto uno

7

Ci sono infiniti modi di essere curiosi della vita e di volerla esplorare cinematograficamente. Osservare i personaggi...
morelli-e-rossi-ammore-e-malavita
Manetti Bros

Ammore e malavita

7.5

‘Parigi ha la Tour Eiffel, Roma ha il Colosseo e Napoli ha le vele di Scampìa’: comincia...
sakamoto-coda
Stephen Schible

Ryuichi Sakamoto: Coda

6.5

In conferenza stampa Ryūichi Sakamoto continua a muovere le dita. A Venezia74 per presentare il docufilm girato...
coverlg
Frederick Wiseman

Ex libris

7.5

“Così può essere l’uomo: esternamente un lupo, ma nell’anima un unicorno”: siamo alla New York Public Library,...
coverlg
Paolo Virzì

The Leisure Seeker

7.5

Alla prima di The Leisure Seeker, in concorso a Venezia74, gli applausi per Paolo Virzì scattano già ai...
Lean-on-Pete-3-e1504274174891
Andrew Haigh

Lean on Pete

5

Di Lean on Pete di Andrew Haigh, film in Concorso a Venezia74, si potrebbero prevedere i punti...
DE7gkh6XcAA5Lso
Ritesh Batra

Our Souls at Night

8

Jane Fonda e Robert Redford, Leoni d’Oro alla carriera a Venezia74, sono i protagonisti di una delicata...
the-shape-of-water-trailer
Guillermo Del Toro

The Shape of Water

6

Chi lascia la sala prima della fine della proiezione e chi applaude ai titoli di coda. Il cinema...
59a6c77a88212
Alexander Payne

Downsizing

8

Avrebbe potuto rischiare di essere l’ennesimo film di fantascienza, Downsizing di Alexander Payne, se i suoi minuscoli...
okja-poster-1
Bong Joon-ho

Okja

7.5

La pietra dello scandalo. Il film che al recente festival di Cannes ha fatto scattare la fatwa...
locandina
David Michôd

War Machine

6

Un paio di gambe storte sorregge un corpo rigidamente costretto in una postura dall’aria innaturale: è la...
mucchio_blame_poster
Dal 20 maggio su Netflix

Blame

6.5

Almodovar, pietà. Il cinema made in Netflix è una figata. Soprattutto se recapitato per tutti, nello stesso...
8o8
Lynne Ramsay

You Were Never Really Here

7

Il cinema di Lynne Ramsay è un cinema psico-patologico, in cui il delirio dei personaggi si rispecchia...
yju545
François Ozon

L'amant double

4

Non si può dire che L’amant double, il nuovo film di François Ozon, non sia chiaro fin...