622506603
Rossella Schillaci

Libere

8

La Resistenza raccontata da Rossella Schillaci in Libere, documentario in uscita il 20 aprile nelle sale italiane, non è solo una storia di guerra ma il racconto corale di un impegno attivo per l’emancipazione femminile. Lo spaccato tra le lotte partigiane e la restaurazione del dopoguerra viene ricostruito attraverso una prospettiva inedita, grazie a un lavoro di minuziosa ricerca di materiali d’epoca che ha riportato alla luce preziose testimonianze di donne. Quel che ne emerge è un ritratto tutt’altro che scontato.

“Chi non vuole chinare la testa/con noi prenda la strada dei monti”: sta lì, forte e chiara nella lirica di Italo Calvino che accompagna i titoli di coda del film, la motivazione che spinse le donne raccontate dalla Schillaci, quale che fosse la loro estrazione, a unirsi ai partigiani. Si va sui monti per non chinare la testa, perché si sono visti “i morti e i civili massacrati”, per emanciparsi, per rivendicare un posto nel mondo che non sia quello scelto da altri, anche se si ha “paura sì, paura tanta, ma l’idea di mollare tutto e tornare a casa non potevo.” Meglio allora la montagna con il suo carico di pericolo ma anche di libertà, meglio la fine imminente di una ‘vita motivata’, che una casa con un destino già segnato, l’unico possibile, di moglie.

Alla macchia, donne che mai prima di allora avevano osato rivolgere uno sguardo tanto aperto alla vita e che scoprirono nuove forme di partecipazione e la libertà degli incontri, perché “si faceva all’amore, e molto”. Sembra di vederli questi amori sbocciati dietro le rocce o sulla neve nei momenti in cui la vita poteva finire da un momento all’altro e aveva forse un sapore aspro ma intenso. Non lo chiamarono femminismo, eppure le partigiane si riconobbero come movimento, ciascuna con una rete di donne da attivare, soprattutto nelle grandi fabbriche, e in quella rivendicazione di un ruolo diverso c’era già l’anelito di libertà che sarebbe esploso vent’anni dopo. In mezzo, la Liberazione con il suo portato di speranze disattese e la disadorna constatazione che, alla fine della guerra, alle spalle sia non il periodo peggiore della propria vita, ma il più straordinario, come emerge nelle testimonianze più amare.

E se molte delle donne intervistate sono scomparse, rimane la potenza delle voci a rendere palpabile l’emozione, grazie ad una regia che ha scelto di associare al racconto le immagini più significative rintracciate nell’Archivio Nazionale Cinematografico della Resistenza: 76 minuti selezionati a partire da 800 pagine di trascrizioni, 40 filmati dell’epoca e foto, articoli, manifesti propagandistici da cui emergono volti e luoghi evocati dal passato. È parte integrante del ritmo di montaggio la musica di Giorgio Canali, che alla Resistenza ha dedicato gran parte del suo percorso artistico, sia con i CSI sia come solista. Roco e cocente, il sound composto per Libere risulta incisivo quanto la traccia visiva, e altrettanto suggestivo.

Commenti

Ultime recensioni Cinema / Visioni
locandina
Woody Allen

La ruota delle meraviglie

4.5

“Ho qualche guaio tra fantasia e realtà”: lo diceva Alvy/Allen in Io e Annie. Era il 1977...
locandina
Julien Temple

My Life Story

7

Più che un film, My Life Story è una testimonianza di cosa sia un entertainer, di cosa...
254690
Kantemir Balagov

Closeness

7.5

Comunicare la desolazione è cosa molto differente dall’esprimere la depressione. In quella sfumatura tra mimesi piatta e...
locandina
Colin Trevorrow

Il libro di Henry

5

La recensione più breve del mondo: Il libro di Henry sucks. Lo si scrive con un po’...
locandina
Kathryn Bigelow

Detroit

9

Kathryn Bigelow sta al cinema d’azione come George Romero sta al cinema d’orrore: ha introdotto nel genere,...
locandina
Janus Metz Pedersen

Borg McEnroe

6

Si dice che il tennis sia uno sport poco adatto al cinema. Per cercare di smentire questa...
gospel_604_alk_s_binder2_016-h_2017
Jennifer Lebeau

Trouble No More

6.5

“Puoi chiamarmi Bobby, puoi chiamarmi Zimmy /Puoi chiamarmi in ogni modo ma non importa quello che tu...
v1.bTsxMjMyNzU0OTtqOzE3NTEyOzEyMDA7Mjg0OzQwNQ
Philippe Van Leeuw

Insyriated

5.5

La guerra in Siria, o in un luogo analogo, fa parte dell’oppressione quotidiana, non è una tensione...
54108
Paolo e Vittorio Taviani

Una questione privata

5

È il 1943. Sulle colline delle Langhe le brigate dei partigiani combattono i fascisti. Gli scontri sono...
screen-shot-2017-09-05-at-1-22-03-pm
Scott Cooper

Hostiles

7.5

È più moderno che classico Hostiles (e di sicuro non classicista), più crepuscolare che mitologico. Il film...
locandina
Andy Muschietti

It

7.5

E alla fine arrivò It. L’abbiamo sognato, temuto a lungo. Ci ha indottrinato a meraviglia grazie ai...
locandina
Jonathan Dayton, Valerie Faris

La battaglia dei sessi

6

È interessante il modo sottile, quasi “subdolo”, con cui La battaglia dei sessi racconta un personaggio per...
locandina
Leonardo Di Costanzo

L'intrusa

8

“Succede che per salvare qualcuno devi escludere altri.” E’ partito da qui Leonardo Di Costanzo, da un...
locandina
Denis Villeneuve

Blade Runner 2049

8

“Hai mai visto un miracolo?” chiede Dave Bautista a Ryan Gosling all’inizio di Blade Runner 2049. La...
Outrage-0-Coda-620x329
Takeshi Kitano

Outrage Coda

6.5

Con Outrage Coda Takeshi Kitano conclude la trilogia iniziata nel 2010 con Outrage e proseguita nel 2012 con Outrage Beyond, campione d’incassi,...