Quando sulle note di Wonderwall degli Oasis, il protagonista che corre sullo skate allarga l’inquadratura passando dall’immagine 1:1 a quella 16:9, la sala applaude spontaneamente. E’ uno dei momenti più belli di Mommy, quinto bellissimo film del 25enne Xavier Dolan che ha incantato Cannes 2014 a soli sei mesi dall’ottimo Tom à la ferme, presentato a Venezia 2013.

Il film racconta la storia di una famiglia in difficoltà, perché la mamma ha un lavoro molto precario e il figlio soffre di un’iperattività che lo rende molto violento. Ad aiutarli, una vicina di casa con un trauma segreto. Ma forse non basterà. Sebbene dalla storia, scritta dallo stesso Dolan, possa apparire un dramedy anni 90, banale e lacrimevole, con famiglie difficili che si amano, problemi psichici ed economici, vicini di casa affettuosi e complicati, il regista trasforma il tutto in grande cinema, in un viaggio nelle emozioni, nei ricordi, nelle sensazioni, anche nel tempo passato e futuro.

Il regista prende la materia narrativa – e la musica di quegli anni – e parla di psiche, affetti e ricordi con una forza emotiva e soprattutto cinematografica splendida: la capacità di Dolan di creare suggestioni, di andare oltre il grado zero, nasce dalle immagini, dallo stile, persino dall’inquadratura intesa come atomo del cinema: il formato 1:1, quello quadrato del cinema delle origini, diventa la gabbia da cui solo il sogno e l’arte possono liberarci, aprendo lo schermo a 16:9. Mescolando violenza e amore, tenerezza e oscurità, tracce di orrore e zucchero, Dolan sceglie il cinema e la sua lingua per parlare alle persone, per sorprenderle, per abbracciarle. Essendone spesso ripagato.

A 25 anni, il regista canadese, o meglio quebeçois, si conferma uno per cui la parola genio non pare sprecata, capace di superare i limiti del racconto, deii temi, dei personaggi senza rinnegarli, ma integrandoli in un grande lavoro filmico, capace di parlare attraverso essi di linguaggio, di usare ogni singolo elemento per comunicare, di essere colto e pop senza diventare mai radical chic. Fenomenale.

Commenti

Ultime recensioni Cinema / Visioni
31170285_383905158779450_5862019829438873600_n
Yann Gonzalez

Knife + Heart

5

Di materiale per divertirsi nel nuovo film di Yann Gonzalez ce ne sarebbe parecchio: un assassino mascherato...
30420767-160224807978263-4557987999146023396-o_187a
Matteo Garrone

Dogman

8

In una storia che trasuderebbe vendetta, violenza, disagio mentale, atrocità fisiche degne del migliore (o peggiore) torture...
locandina (2)
Ron Howard

Solo: A Star Wars Story

7

L’universo di Star Wars è talmente pieno di immaginari – tra trilogie ufficiali, spin-off, serie animate, romanzi...
locandina
Ramin Bahrani

Fahrenheit 451

5

Saranno in molti a rimanere delusi dopo la visione di Fahrenheit 451, remake del film diretto da...
locandina (1)
Lars von Trier

The House That Jack Built

6

Primo titolo alternativo facile facile per The House that Jack Built, il nuovo film di Lars von...
Lazzaro_Felice_Poster_Film_FestivalCannes2018
Alice Rohrwacher

Lazzaro Felice

7

Il tempo si è fermato in Lazzaro felice, per Lazzaro e per la sua comunità. E il...
coverlg
Paul Dano

Wildlife

7

Montana, anni ’60. Una giovane famiglia americana come tante si è da poco trasferita in una nuova...
locandina
Asghar Farhadi

Everybody Knows

5.5

Una vecchia regola dell’analisi del film dice che dalla prima sequenza, a volte dai titoli di testa,...
loro-2-silvio-servillo
Paolo Sorrentino

Loro 2

8

“Essere buoni conviene”. Una filosofia di vita, di economia e soprattutto di politica: la bontà come merce...
121430920-a984694f-d13d-4700-a5a4-199d673d0ae0
Paolo Sorrentino

Loro 1

SV

Tutto documentato. Tutto arbitrario. Tutto vero e tutto falso. Ma anche tutto troppo. Paolo Sorrentino ci tiene...
Tonya-poster
Craig Gillespie

Tonya

8

Questa è la storia di Tonya Harding, pattinatrice americana, e del suo tonfo professionale avvenuto nel 1994...
locandina
Steven Spielberg

Ready Player One

7.5

Sembra voler rispondere a una precisa domanda Ready Player One, il nuovo film di Steven Spielberg che...
locandina
Alex Garland

Annientamento

8.5

Il lavoro che Alex Garland fa sulla fascinazione in Annientamento è fortissimo, tanto da diventare un futuro...