Che sia il più grande documentarista vivente pare pacifico. Che Frederick Wiseman però, a più di 80 anni, continui a sfornare grandi opere a getto continuo un po’ meno. Il nuovo lavoro, National Gallery, presentato alla Quinzaine des Realisateurs di Cannes 2014, continua il percorso intrapreso negli ultimi anni da Wiseman, che dopo aver cambiato storia e senso del documentario con Titicut Follies, Hospital e Domestic Violence ha intrapreso un percorso che guarda all’arte, alla cultura, a quell’umanesimo che la dittatura dell’economia e la sua crisi hanno portato a rinnegare.

Così dopo La danse, Crazy Horse o At Berkeley, Wiseman racconta dal di dentro la National Gallery, con lo stesso metodo di sempre: entrare nei luoghi dove si decidono le sorti di un’istituzione, osservare, non intervenire né commentare mai, mostrando i meccanismi decisionali prima e il lavoro concreto poi intorno al famoso museo londinese, tra i più grandi del mondo. E come sempre in Wiseman, soprattutto nell’ultimo periodo, la capacità di tirare fuori il senso politico delle immagini è straordinaria.

Mostrando quasi in parallelo le riunioni del consiglio di amministrazione in cui si decidono le attività e si risolvono i problemi organizzativi ed economici e il lavoro delle guide nel raccontare ai bambini o ai disabili, la preparazione delle opere da parte dei curatori e le esposizioni vere e proprie, National Gallery mette in mostra cosa rappresenta l’arte in questo preciso momento storico e socio-culturale, come poterla salvare e comunicare al mondo, rendendo cruciale la questione dell’opera come racconto e messinscena (bellissime le discussioni sulle cornici, le luci, i riflessi), facendo di riflesso quindi anche un film sul cinema, la cui condizione si specchia in quella dell’arte tout court.

Come sempre, Wiseman abbatte le barriere tra ciò che è di pubblico dominio e ciò che non si potrebbe sapere, tra il dietro e il davanti le quinte, tra lavoro e risultato e lo fa su una materia tanto più affascinante quanto più affine, in senso estetico, ontologico ma anche politico, alla settima arte. E il finale, con i due ballerini che danzano tra i dipinti del museo, fonde non solo le varie anime dell’arte, ma i vari elementi del cinema (immagine, movimento, dettaglio sonoro, musica) e il percorso di Wiseman da qualche anno a questa parte. In uscita a giugno.

National Gallery

Commenti

Ultime recensioni Cinema / Visioni
locandina
Liza Johnson

Elvis & Nixon

6.5

Negli Archivi Nazionali degli Stati Uniti d’America è conservata una fotografia datata 21 dicembre 1970 che è,...
locandina
Laurie Anderson

Heart of a Dog

9

Secondo la celebre definizione di Cocteau, il cinema è la morte al lavoro e la settima arte...
Wacken-3d-bd_cover
Norbert Heitker

Wacken - Louder than Hell

6.5

“I Beatles facevano schifo, gli Stones facevano schifo e anche i Led Zeppelin. Ma noi facciamo più...
foxcatcher-nuovo-trailer-e-locandina-del-dramma-con-channing-tatum-e-steve-carell-1
Bennett Miller

Foxcatcher

8

A dispetto delle apparenze, Foxcatcher non è un film biografico. Neanche sportivo. È un film storico che...
loc
Lucas Moodysson

We are the best

8

Ci sono film che ti fanno uscire dalla sala con il viso bagnato dalle lacrime, altri ti...
L1zsrAx
Xavier Dolan

Mommy

9

Quando sulle note di Wonderwall degli Oasis, il protagonista che corre sullo skate allarga l’inquadratura passando dall’immagine...
25498-deux-jours-une-nuit-film-des-freres-500x0-2
Jean-Pierre e Luc Dardenne

Deux jours, une nuit

8

Sono i beniamini del festival di Cannes, con due palme d’oro in carriera e molti riconoscimenti. E...
the-homesman
Tommy Lee Jones

The Homesman

8

Le tre sepolture, esordio alla regia dell’attore Tommy Lee Jones datato 2005, non era un fuoco di...
le-meraviglie-poster-italiano-alice-rohrwacher-2_news
Alice Rohrwacher

Le meraviglie

8

Opera seconda, dopo un esordio che era stato molto amato dalla critica e dai festival, che viene...
solo-gli-amanti-sopravvivono-film
Jim Jarmusch

Solo gli amanti sopravvivono

7.5

Ogni storia di vampiri che si rispetti è anche una storia di decadenza, emarginazione, tossicodipendenza, talvolta di...
winter_sleep_poster-620x835-1
Nuri Bilge Ceylan

Winter Sleep

9

Tra i luoghi comuni della critica cinematografica, ma anche letteraria, forse culturale in toto, è che la...
2014_05_NationalGalleryFlyerLight-page-001
Frederick Wiseman

National Gallery

8

Che sia il più grande documentarista vivente pare pacifico. Che Frederick Wiseman però, a più di 80...