6 gennaio 1948. Pablo Neruda, senatore della Repubblica Cilena, davanti ai suoi colleghi si scaglia contro il presidente Gabriel Gonzàlez Videla, elencando i nomi di tutti i minatori incarcerati a seguito della repressione dello sciopero nella regione di Bío-Bío. Tanta e tale è l’indignazione di quel discorso, divenuto noto come “Yo acuso”, che il governo reagisce emanando un ordine d’arresto contro il senatore comunista; Neruda, per sottrarsi alla cattura, si vede costretto alla fuga e grazie all’aiuto di amici e compagni, dopo un’avventurosa attraversata delle Ande, riesce a rifugiarsi in Argentina. Nel frattempo, alla maniera dei polizieschi, lascia messaggi alla polizia ed elargisce indizi, sembra quasi voglia farsi catturare. Ma il governo cincischia, dà l’impressione di non volersi davvero sporcare le mani. Eppure a capo delle indagini c’è uno strano poliziotto, tale Peluchonneau (uno strepitoso Gael Garcìa Bernal), che vive solo per poterlo acciuffare.

“Molti dei miei ricordi sono svaniti ad evocarli, sono divenuti polvere come un cristallo irrimediabilmente ferito”, rivelava Pablo Neruda nella sua autobiografia Confesso che ho vissuto. Allo stesso modo Neruda, la pellicola più ambiziosa di Pablo Larraìn, è un prisma ingannevole che tramuta la vita del premio Nobel e la cronaca del suo paese in mille granelli indistinguibili tra loro, confondendo a tal punto lo sguardo dello spettatore da fargli “sovrapporre” verità e finzione, storie e Storia. Quello di combinare arte e vita, parole e immagini, è una sorta di gioco per il regista, eppure non è un intellettualistico vezzo formale in stile postmoderno, bensì la via personale per raccontare una personalità inafferrabile come quella del poeta: politico vicino al pueblo, raffinato esteta, cuoco goloso, giramondo amante della natura, appassionato dongiovanni, esperto di romanzi gialli e simbolo di una nazione. Ed è proprio partendo da quest’ultime sfaccettature del suo personaggio che Larraìn imbastisce un’indagine sulla creazione del mito, una caccia all’uomo che diventa la stesura di un racconto “poematico” a metà tra la realtà e la mitopoiesi. Ciò che interessa al regista è dunque la narrazione della storia, il processo attraverso il quale le parole legittimano gli eventi e ne modellano la forma nel tempo: qualcosa di cui sembra essere consapevole lo stesso Neruda, autore di una fuga che trascende la veridicità per divenire opera letteraria.

“Il poeta tende a credere che il mondo è qualcosa che ha immaginato”, e il mondo di Neruda è vasto, complesso e multiforme quanto il territorio cileno, perciò fa bene Larraìn a parlare di film “nerudiano” piuttosto che di classica biografia; del resto più il film procede, maggiore è la complessità con la quale il cineasta destruttura l’odiosa formula del biopic, deliziandosi a giocare con le attese e le curiosità del pubblico come il gatto col topo. Parafrasando Borges il film si sarebbe potuto intitolare “Esame dell’opera di Pablo Neruda”, perché similmente alla novella dello scrittore argentino, la pellicola si rivela una finzione labirintica con un ingresso inaccessibile allo spettatore, se non in dirittura d’arrivo. E inaspettatamente il padrone della chiave d’accesso all’opera è un personaggio secondario in cerca d’autore, una figura romanzesca che si ribella alla struttura del racconto per conquistare un’identità personale. Larraìn ne asseconda la fantasia, distrugge quel che fino a quel momento ha costruito e accumulando generi su generi – noir, commedia, road movie e persino il western “bianco” à la Il grande silenzio – astrae sempre più il film, sospendendolo in un’atmosfera irreale (emblematica la scelta della retroproiezione per le scene in auto). Alla fine ci ritroviamo in un’altra dimensione: ben lontani dal punto di partenza, quando la voce narrante di Peluchonneau suonava come una scelta incomprensibile. Ora sappiamo che la storia si tramanda non senza invenzioni, ma siamo pur certi che il valore della grande poesia non conosce inganni.

Commenti

Ultime recensioni Cinema / Visioni
locandina
Woody Allen

La ruota delle meraviglie

4.5

“Ho qualche guaio tra fantasia e realtà”: lo diceva Alvy/Allen in Io e Annie. Era il 1977...
locandina
Julien Temple

My Life Story

7

Più che un film, My Life Story è una testimonianza di cosa sia un entertainer, di cosa...
254690
Kantemir Balagov

Closeness

7.5

Comunicare la desolazione è cosa molto differente dall’esprimere la depressione. In quella sfumatura tra mimesi piatta e...
locandina
Colin Trevorrow

Il libro di Henry

5

La recensione più breve del mondo: Il libro di Henry sucks. Lo si scrive con un po’...
locandina
Kathryn Bigelow

Detroit

9

Kathryn Bigelow sta al cinema d’azione come George Romero sta al cinema d’orrore: ha introdotto nel genere,...
locandina
Janus Metz Pedersen

Borg McEnroe

6

Si dice che il tennis sia uno sport poco adatto al cinema. Per cercare di smentire questa...
gospel_604_alk_s_binder2_016-h_2017
Jennifer Lebeau

Trouble No More

6.5

“Puoi chiamarmi Bobby, puoi chiamarmi Zimmy /Puoi chiamarmi in ogni modo ma non importa quello che tu...
v1.bTsxMjMyNzU0OTtqOzE3NTEyOzEyMDA7Mjg0OzQwNQ
Philippe Van Leeuw

Insyriated

5.5

La guerra in Siria, o in un luogo analogo, fa parte dell’oppressione quotidiana, non è una tensione...
54108
Paolo e Vittorio Taviani

Una questione privata

5

È il 1943. Sulle colline delle Langhe le brigate dei partigiani combattono i fascisti. Gli scontri sono...
screen-shot-2017-09-05-at-1-22-03-pm
Scott Cooper

Hostiles

7.5

È più moderno che classico Hostiles (e di sicuro non classicista), più crepuscolare che mitologico. Il film...
locandina
Andy Muschietti

It

7.5

E alla fine arrivò It. L’abbiamo sognato, temuto a lungo. Ci ha indottrinato a meraviglia grazie ai...
locandina
Jonathan Dayton, Valerie Faris

La battaglia dei sessi

6

È interessante il modo sottile, quasi “subdolo”, con cui La battaglia dei sessi racconta un personaggio per...
locandina
Leonardo Di Costanzo

L'intrusa

8

“Succede che per salvare qualcuno devi escludere altri.” E’ partito da qui Leonardo Di Costanzo, da un...
locandina
Denis Villeneuve

Blade Runner 2049

8

“Hai mai visto un miracolo?” chiede Dave Bautista a Ryan Gosling all’inizio di Blade Runner 2049. La...
Outrage-0-Coda-620x329
Takeshi Kitano

Outrage Coda

6.5

Con Outrage Coda Takeshi Kitano conclude la trilogia iniziata nel 2010 con Outrage e proseguita nel 2012 con Outrage Beyond, campione d’incassi,...