no-i-giorni-del-arcobaleno-locandina
Pablo Larraìn

No

- / - / - / - / -
9

La libertà è allegria. Andatelo a raccontare a chi per quindici anni ha vissuto una dittatura militare. Eppure è l’idea che ha fatto crollare il regime di Pinochet. Questo è lo spunto da cui parte No, quarto film di Pablo Larraìn, uno dei migliori registi sudamericani contemporanei che sul ruolo della dittatura e del colonnello ha costruito una carriera e con questa nuova pellicola sembra voler chiudere un capitolo corposo.

Il protagonista è René, pubblicitario cileno di grido che viene coinvolto nel referendum che nel 1988 ha chiesto al popolo se voleva Augusto Pinochet per altri otto anni: lavorare sul fronte del no è compito arduo perché oltre a dover convincere la popolazione a rigettare il modello del dittatore, significa anche aiutarla a non avere paura.

Scritto dallo stesso Larraìn sulla base di una pièce di Antonio Skàrmeta, No è un bellissimo film che racconta come è cambiato un paese, in maniera concreta e non velleitaria, attraverso la comunicazione e la pubblicità, ma anche come è cambiata la politica con le analisi, i sondaggi, il tastare “scientificamente” il polso del popolo, e nel capire come parlargli.

Il regista mette in scena con acume le differenze tra un controllo dei media verticale (censure, imposizioni, manipolazione di immagini e parole) e uno orizzontale, che si rivolge allo spettatore in maniera ruffiana, si apre a forme di linguaggio differenti, dalla diretta in primo piano al video clip, dalla creatività pubblicitaria – il materiale dal grande valore documentaristico, esposto in molti musei del Cile si trova quasi interamente in Rete), alla parola sguardo negli occhi.

No fonde il grande racconto popolare con la semiotica, ma non si lascia mai andare in trionfalismi e vene hollywoodiane (nonostante un divo funzionale come Gael Garcìa Bernal) ed è puntuale e ironico nel raccontare un mondo in rivoluzione. Per fare il suo film più bello e maturo Larraìn apre il suo stile rigoroso, doloroso e soffocante al pubblico, parlando, comunicando e facendo dire allo spettatore un convinto sì.

Ultime recensioni Cinema / Visioni
okja-poster-1
Bong Joon-ho

Okja

7.5

La pietra dello scandalo. Il film che al recente festival di Cannes ha fatto scattare la fatwa...
locandina
David Michôd

War Machine

6

Un paio di gambe storte sorregge un corpo rigidamente costretto in una postura dall’aria innaturale: è la...
mucchio_blame_poster
Dal 20 maggio su Netflix

Blame

6.5

Almodovar, pietà. Il cinema made in Netflix è una figata. Soprattutto se recapitato per tutti, nello stesso...
8o8
Lynne Ramsay

You Were Never Really Here

7

Il cinema di Lynne Ramsay è un cinema psico-patologico, in cui il delirio dei personaggi si rispecchia...
yju545
François Ozon

L'amant double

4

Non si può dire che L’amant double, il nuovo film di François Ozon, non sia chiaro fin...
kkkk
Ben Safdie, Joshua Safdie

Good Time

7.5

La vitalità del cinema nasce spesso dalle sue contraddizioni: Good Time dei fratelli Ben e Joshua Safdie...
grrere
Eugene Jarecki

Promised land

7.5

“Mister I ain’t a boy, no I’m a man\and I believe in a promised land”. E’ il...
vfewry
Sean Baker

The Florida project

8

Dall’iPhone al 35 millimetri, per Sean Baker il sogno americano e le sue declinazioni passano anche dal...
locandina
Fabio Grassadonia, Antonio Piazza

Sicilian Ghost Story

6

In un bosco che somiglia a quello delle fiabe, due giovani adolescenti si scambiano un bacio affettuoso....
tyutyu
Robert Campillo

120 battements par minute

8

Un cuore accelerato o un ritmo travolgente che possono essere sinonimi o contrari. Per Robin Campillo i...
locandina
Todd Haynes

Wonderstruck

8

Questo è un racconto che richiede pazienza e lentezza. Lo scrive Julianne Moore al piccolo protagonista di...
locandina
Terrence Malick

Song to Song

8

«Non c’è nessuna forma d’arte come il cinema per colpire la coscienza, scuotere le emozioni e raggiungere...
622506603
Rossella Schillaci

Libere

8

La Resistenza raccontata da Rossella Schillaci in Libere, documentario in uscita il 20 aprile nelle sale italiane,...